Visualizzazione post con etichetta delitto di varese. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta delitto di varese. Mostra tutti i post

mercoledì 30 dicembre 2009

Delitti e balle mediatiche








Premessa
Spesso, quando scrivo un articolo e identifico come rituale un determinato delitto, molti (lo potete vedere dai commenti) dubitano di ciò che dico, non riuscendo a vedere la simbologia dietro a certe vicende. In realtà è normale non vedere certi segnali finché non si abbia un minimo di esperienza e del resto anche io, che di esperienza ne ho comunque poca, talvolta sono fortemente in dubbio sul significato di certi fatti o circostanze.

venerdì 13 novembre 2009

Il delitto di Varese. Dante e il rito della Mano di Gloria



Il delitto di Varese

E' di questi giorni la notizia di una donna trovata morta in provincia di Varese, Carla Molinari.

Particolarità del delitto: le sono state mozzate le mani. Tagliate con precisione chirurgica. Le mani non si trovano sul luogo del delitto, quindi l'assassino o gli assassini le hanno portate via. La donna ha subìto 6 coltellate nella zona addominale e 4 nella schiena.

Altra particolarità. Sul luogo del delitto pare non ci sia sangue a sufficienza; pare quasi che il luogo del delitto sia stato "pulito". La via dove è avvenuto il delitto è Via Dante.

La donna, dicono le cronache, era una tipografa (ma in realtà pare fosse una rilegatrice). La cosa che colpisce in questo delitto, non è solo la ferocia, ma l'assurdità dei commenti dei TG e dei giornali. Di volta in volta infatti sono state date le seguenti spiegazioni.