sabato 30 maggio 2015

Quello che non si sa del caso Rignano Flaminio




Estrapoliamo i fatti come ricostruiti dal PM, evinti dall'interrogazione parlamentare che si allega alla fine. Nessuna prova, e nessun riscontro, come a Marcinelle, e come in molti altri casi al mondo. I bambini potrebbero pure essersi inventati tutto, i genitori anche. Ma il PM... è impazzito o forse occorrerebbe leggere la vicenda in altro modo?


Il pubblico ministero di Tivoli sostiene che, nel corso dell’anno scolastico 2005, le persone incriminate si sono riunite in associazione per attuare un programma delittuoso finalizzato al compimento di atti osceni in luogo pubblico, maltrattamenti e sottrazione di minore, sequestro di persona, violenza sessuale.
Reati perfezionati con l’abuso dell’autorità derivante dal rapporto di custodia dei minori loro affidati per ragioni di istruzione presso la scuola materna.
I minori sarebbero stati sottratti alle regolari attività educative e, durante l'orario scolastico, sottoposti sempre in gruppo adatti di sevizie e crudeltà nel bagno o in un’aula o in un punto riparato del giardino della scuola materna, in abitazioni private, o in altri luoghi non identificati.
Secondo l’accusa, gli indagati, anche con l’uso della violenza e di minacce, avrebbero indotto i piccoli sia di sesso maschile che femminile a praticare su loro stessi reciproci atti di esplicita natura sessuale, fare uso lesivo di strumenti (vibratore, penna o altro) in reciproco danno.
Gli indagati sono stati, ancora, accusati d’aver anche tenuto legati a catene i bambini e, con carattere di abitudinarietà e senza motivo, averli sottoposti a percosse e ad altri atti di violenza sessuale di gruppo.
Per raggiungere i loro scopi, avrebbero anche usato siringhe, effettuato prelievi di sangue sui bambini o gli avrebbero inoculato sostanze varie quali camomilla, narcotici, stupefacenti e/o altro gravemente lesivo della salute delle persone.
Avrebbero terrorizzato le loro vittime con l’uso di cappucci, vestiti da diavolo o coniglio nero o altro ancora, mostrandosi ai medesimi completamente o parzialmente nudi. Li avrebbero costretti a ripugnanti atti di coprofagia e coprofilia, avrebbero compiuto riti esoterici e satanici. Le maestre si tagliavano ripetutamente varie parti del corpo, raccogliendo il sangue versato in bicchieri dai quali bevevano il loro stesso sangue, costringendo anche i bambini a bere il sangue, oltre ad altri liquidi non meglio precisati i quali, però, non piacevano ai bambini medesimi.
Alcuni bambini erano costretti a farsi praticare e a praticare rapporti orali, con fuoriuscita di sperma che finiva sul loro corpo e sul loro volto. I disobbedienti, oltre ad essere picchiati fino a farli vomitare, venivano anche sottoposti a sanzioni orrende: messi in secchioni della spazzatura, in acqua fredda e sporca, al freddo ed altro ancora. Facevano anche fare loro bagni in vasche e piscine nelle case delle maestre, dove nuotavano nudi accanto ad adulti anch'essi nudi. Venivano costretti ad atti di adorazione del diavolo, mentre venivano usate croci infuocate e animali gettati nel fuoco. Le scene venivano fotografate e riprese con telecamere i cui servizi sarebbero stati immessi nei circuito del commercio di materiale pedo-pornografico.


testo completo
http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindispr&leg=16&id=483535

Rimandiamo anche a:

http://paolofranceschetti.blogspot.it/2011/06/sacrifici-umani-testimonianze-di.html

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Scusa Paolo ma mi basta questo che ho letto, non desidero approfondire. E' necessario che qualcuno lo faccia, però. Facilmente stanotte mi verranno gli incubi.

Anonimo ha detto...

paolo volevo farti una domanda, cosa ne pensi dell'uccisione di Mario Piccolino ?

Anonimo ha detto...

non ho parole

però benchè la pena di morte non sia antropocratica

http://www.sagittaimperiali.it/?page=doc/torture/garrota

oppure murarli vivi o come facevano gli inglesi in africa che nei campi di prigionia seppellivano fino al collo gli italiani e tedeschi che tentavano la fuga lasciandoli al sole del deserto.

ma è mai possibile che nella mia città il comune finanzi dopo le elezioni con 4 milioni di euro un'operazione di polizia che serve solo a ...
quando invece sta gente non si sa nemmeno che esista ?

Andretta batta un colpo

jj

fermate il mondo voglio scendere

Atanor Orzowei ha detto...

Grazie Paolo per questo contributo importante..speriamo che apri gli occhi alle persone... comunque secondo me il Basso Astrale esiste... secondo me avevano ragione gli Arabi con il Necronomicon o il nostro Durante Alighiero...quando descriveva linferno.. e questo luogo li sta aspettando questi signori... dai 50 anni passano in fretta... poi staranno calmini... a vedere cosa hanno combinato a persone indifese...

Anonimo ha detto...

Approfondire please, approfondire...

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=15121

Anonimo ha detto...

Veramente atroce

Anonimo ha detto...

Tutto molto interessante.
Vero è che l'indagine, da un punto di vista giuridico, è stata a dir poco lacunosa, tanto è vero che gli imputati non possono ragionevolmente avere commesso quanto gli era stato ascritto (non c'era alcun passaggio sotteraneo sotto l'asilo, il benzianio nero non aveva la patente, nessuno ha mai visto movimenti di bambini fuori dall'asilo, le case descritte non corrispondevano a quelle delle maestre, ecc. ecc.).

Ciò che Paolo Franceschetti e noi dovremmo chiederci è: chi e come ha determinato nei bambini (in quanto avvenuto realmente o solo per fantasia) quanto dagli stessi raccontato?

Ciao, Fosforo

Anonimo ha detto...

Mah ...la cosa un po' mi stupisce...secondo me succede ai bambini che hanno dei genitori davvero molto tranquilli..posso garantire che se fosse successo nel mio paese..io sono della puglia...conosco dei padri di famiglia che si sarebbero recati dalle maestre o da chiunque fosse stato il responsabile e avrebbero risolto la questione in maniera moolto anarchica,))



tomas milian