martedì 12 maggio 2015

Depistaggi. La storia delle strategie eversive e delle coperture compiute dai servizi segreti




Acquista





La vicenda è tristemente nota. 

La mattina del 02 agosto 1980, presso la stazione ferroviaria di Bologna, un ordigno a tempo contenuto in una valigia esplose provocando 85 morti ed oltre 200 feriti.

Le indagini sull’accaduto si presentarono subito difficili, anche a causa dei numerosi depistaggi messi in atto da diversi soggetti.

A seguito di un lungo e travagliato iter processuale vennero condannanti all’ergastolo, quali esecutori materiali del reato, alcuni neofascisti appartenenti ai NAR, tra cui Giuseppe Valerio Fioravanti e Francesca Mambro.

Per i depistaggi delle indagini vennero condannati: l’estremista di destra Massimo Carminati, il Maestro Venerabile della Loggia massonica P2 Licio Gelli, l’agente del Sismi Francesco Pazienza e gli ufficiali del servizio segreto Pietro Musumeci, Giuseppe Belmonte e Ivano Bongiovanni.

Ma perché uomini dei servizi segreti si erano attivati per depistare le indagini sulla strage? Chi dovevano proteggere? Cosa dovevano nascondere e perché?

La requisitoria che qui proponiamo si presenta particolarmente interessante perché ricostruisce, attraverso gli atti processuali e le conoscenze desunte da altre fonti giudiziarie e parlamentari, uno dei periodi più bui della storia del nostro paese, quello che va dal 1960 al 1980.

I pubblici ministeri, infatti, ritennero non fosse possibile spiegare il perché di quella la strage senza prima ripercorrere la storia che aveva caratterizzato il nostro paese nei decenni precedenti. La storia occulta naturalmente, ovvero la storia degli gli accordi assolutamente segreti, e spesso assolutamente incostituzionali ed illegittimi, intervenuti tra i nostri servizi segreti e quelli di paesi stranieri finalizzati ad operare una vera e propria ingerenza nella vita politica, economica e sociale del nostro paese. Ingerenza che, come vedremo, avveniva anche attraverso il controllo e la strumentalizzazione di movimenti estremisti che venivano all’uopo finanziati, addestrati ed armati.

     Nella requisitoria i magistrati Mancuso e Dardani, infatti, scrivono parole chiare a questo proposito:

Tutto quanto sopra si è premesso allo scopo di dimostrare come abbia prosperato in Italia, all’interno delle nostre Istituzioni, in collegamento con formazioni neofasciste, un gruppo di potere, in grado di condizionare lo sviluppo della nostra democrazia, di limitare la nostra stessa sovranità popolare, con strutture e luoghi di decisioni politiche ed economiche occulti e paralleli a quelli costituzionalmente previsti, che andavano così a sostituirsi a delicatissimi apparati statali…Il che chiarisce che vi fu una partecipazione “corale” degli ambienti militari alle trame golpiste di quegli anni all’interno di una copertura politico militare, di elevato livello istituzionale….È questo inestricabile reticolo di spie, di eversori, di neofascisti, di banditi, di piduisti e di massoni alla base di tante tragedie della nostra storia recente, di cospirazioni antidemocratiche, di corruzioni e di ricatti ai danni di numerosi esponenti politici e militari…Né mai, in nessun momento del loro comune percorso di cospirazione e di attentati, ON ed AN hanno agito da soli: la costante del loro operare è rappresentato dal loro collegamento con apparati dello Stato, che ne consentono i movimenti poiché per anni tali organismi eversivi hanno costituito la loro manovalanza, la loro massa di manovra per le azioni più abbiette, che non potevano direttamente realizzare, e che si inserivano nei loro disegni antidemocratici di manipolazione degli equilibri politici.
Enorme è il materiale che conferma i legami illeciti che hanno unito AN od ON, per diversi anni, a corpi separati dello Stato. È sufficiente qui ricordare tutta la vicenda della deviazione della pista avanguardista nella strage di Piazza Fontana, la composizione (militari e neofascisti) del Fronte Nazionale, della Rosa dei Venti, del MAR, etc.; le coperture ricevute da VINCIGUERRA in occasione della strage di Peteano, le fughe dei BENARDELLI, dei CAUCHI, dei FREDA, dei POZZAN, del VENTURA, dei GIANNETTINI, dei TUTI, le latitanze dei DELLE CHIAIE, dei GELLI, tutte contrassegnate da presenze favoreggiatrici dei Servizi di sicurezza o di altri apparati statali deviati.

 I pubblici ministeri, nel 1986, ricostruirono quel periodo con i documenti in loro possesso. Numerosi, precisi ed importanti, certo, ma oggi, grazie alla declassificazione di atti operata in Italia[i] e all’estero dal 1990 in poi,[ii] si possono aggiungere, a quella ricostruzione, ulteriori documenti utili alla comprensione di quanto successo e perché.

Documenti che in questo volume, in premessa alla requisitoria, proponiamo.


Indice


La collana. Presentazione                                                                                
           INDICE                                                                                                               
Nota della curatrice                                                                                     
La propaganda                                                                                      
Messaggio credibile                                                                                   
Stereotipi brillanti                                                                                       
Testimonianza                                                                                             
Linguaggio                                                                                                     
Insinuazione                                                                                                 
Ripetizione                                                                                                    
Operazioni Psicologiche                                                                       
Personale straniero di rinforzo                                                          
La storia occulta della Repubblica italiana.                      
            
REQUISITORIA DEL PUBBLICO MINISTERO                                        
Introduzione     
                                                                                              
CAPITOLO PRIMO                                                                                                 
Il Sifar - Il Piano Solo - Le deviazioni
del giugno-luglio 1964         
1) Premessa                                                                                               
2) Le deviazioni del SIFAR                                                                     
3) Le nomine alle alte cariche e la costituzione di un “gruppo di   potere” nel SIFAR               
4) La brigata meccanizzata                                                                  
5) Il piano SOLO, le “LISTE”, le circolari VICARI                              
6) Le conclusioni 
                                                                                     
CAPITOLO SECONDO                                                                                      
1) Premessa                                                                                               
2) L’Istituto Pollio - il SID - La Guerra Rivoluzionaria                   
3) I “Nuclei di Difesa dello Stato” e “Le mani rosse sulle Forze Armate”                                 
4) La strategia della tensione                                                               
5) Franco FREDA o la disintegrazione del sistema                           
6) La lotta politica di Avanguardia Nazionale - Attacco al sistema                                             
7) Il documento “Formazione Elementare”                                        
8) Come incidere sulla politica nazionale                                           
9) I “Fogli d’Ordini” di Ordine Nuovo                                                   
10) La funzione della repressione                                                         
11) Costruiamo l’Azione                                                                       
12) La strategia del terrore - il 2 agosto 1980 si avvicina           
13) Mario TUTI e i suoi “metodi di lotta”                                         
14) Il documento di Nuoro                                                                   
15) La guerra civile                                                                               
16) Il movimento Forze Armate       
                                                  
CAPITOLO TERZO
           Acquisizioni processuali in riferimento a stragi e ad altri episodi eversivi con autori rimasti tuttora ignoti. Il ruolo di copertura esercitato dai Servizi segreti in tali vicende.
a) La strage di Piazza Fontana                                                           
b) Le bombe di Trento                                                                           
c) Il caso BIONDARO                                                                             
d) L’arsenale di Camerino                                                                    
e) La riunione di Cattolica e la ricostruzione di Ordine Nuovo sotto l’ala protettiva dei Servizi segreti      
                                                                                        
CAPITOLO QUARTO
            Stragi procedenti al 2 agosto 1980, sicuramente ascrivibili alla destra; loro significato e programmi nei quali erano inseriti; rivendicazioni, depistaggi e coperture
a) Strage di Peteano                                                                              
b) II gruppo La Fenice e l’attentato al treno Genova-Ventimiglia   
c) Le bombe di Milano e l’assassinio dell’Agente MARINO           
d) Strage di via Fatebenefratelli            
                                             
CAPITOLO QUINTO
            Acquisizioni processuali in riferimento a stragi e ad altri episodi eversivi con autori rimasti tuttora ignoti. II ruolo di copertura esercitato dai Servizi segreti in tali vicende.
a) Golpe BORGHESE                                                                      
1) Il processo                                                                                       
2) Il contrordine                                                                                  
b) La Rosa dei Venti                                                                            
c) Il golpe “bianco” di Edgardo SOGNO e di Luigi CAVALLO       
d) Il M.A.R. FUMAGALLI e gli attentati del 1974; Brescia, Silvi Marina, Toscana, Italicus: rivendicazioni, depistaggi,  coperture, strategie eversive                                     
e) In particolare: La strage dell’Italicus - La presenza di GELLI e della P2 - Le coperture      
CAPITOLO SESTO
Il sistema di potere della P2: origini e sviluppo                                 
1) GELLI e gli apparati Militari                                                          
2) GELLI e i Servizi Segreti                                                                  
3) GELLI, i politici, i partiti                                                                 
a) Gli elenchi                                                                                       
4) La successione GELLI-PAZIENZA                                                   
5) La sopravvivenza del sistema di potere P2                                 
6) I rapporti GELLI-P2 ed eversione di destra negli anni 1975/1980             
7) GELLI -PAZIENZA -crimine organizzato - vecchia e nuova destra eversiva tra il 1979 e il 1981  
a) Premessa                                                                                         
b) Semerari, Gelli, Magliana                                                               
c) Gelli, Signorelli, Fioravanti, Fachini                                               
d) Gelli - A.N.                                                                                       
e) Magliana, N.A.R., Pazienza, Carboni, Gelli                                   
f) GES-DATA: in particolare, il rapporto dei carabinieri del gruppo di Savona              
 g) GELLI-PAZIENZA-SISMI. La archiviazione delle inchieste disciplinari contro SANTOVITO, MUSUMECI.         
                                                                                                     
CAPITOLO SETTIMO                                                                                      
a) La banda armata                                                                               
b) Le singole posizioni degli imputati.                                             
SIGNORELLI Paolo:                                                                              
FACHINI Massimiliano                                                                        
RINANI Roberto;                                                                                  
FIORAVANTI Valerio - MAMBRO Francesca:                                    
PICCIAFUOCO Sergio:                                                                         
CAVALLINI Gilberto:                                                                           
MELIOLI Giovanni:                                                                              
RAHO Roberto:                                                                                    
IANNILLI Marcello:                                                                              
GIULIANI Egidio:                                                                                 
c) Gli attentati richiamati nel capo di imputazione attorno ai   quali ruota la medesima organizzazione armata                                                                                                                    
Attentato a Palazzo Marino il 29.7.1980:                                         
Attentato alla libreria FELTRINELLI di Padova del 25.7.1980:     
Attentato contro l’On. Tina ANSELMI dell’8.3.1980:                      
Progetto di assassinare il Dr. STIZ subito dopo l’agosto del 1980 
Omicidio Dr. Mario AMATO del 23.6.1980              
                        
CAPITOLO OTTAVO
Associazione sovversiva                                                                           
 a) Le vicende relative ad Avanguardia Nazionale e Ordine Nuovo, le loro cospirazioni contro gli equilibri democratici, le loro alleanze con apparati dello Stato (Servizi segreti e P2) e con il crimine organizzato, alla vigilia del 2 agosto 1980                                                                        
b) In particolare - Avanguardia nazionale: le singole fonti di accusa           
a) SPIAZZI Amos:                                                                                
b) IZZO Angelo;                                                                                 
c) Testimonianza NALDI Mario Guido                                               
d) Testimonianza STROPPIANA Paolo-ANSALDI Mauro                
d) Requisitoria dell’A.G. romana su “Avanguardia Nazionale”  
e) Posizione Elio CIOLINI                                                                    
e) La struttura occulta; vertice del SISMI e suoi alleati             
      
CAPITOLO NONO
La strage del 2 agosto 1980                                                                    
a) Elementi di prova acquisiti da più organi dello Stato già alla vigilia del 2 agosto 1980   
b) I ruoli ricoperti da MANGIAMELI e RINANI                               
c) Altra anticipazione della strage - Incontro a Bologna tra COGOLLI e FACHINI alla vigilia del 2 agosto 1980: COGOLLI e NALDI abbandonano Bologna poche ore prima della strage; le rivelazioni di NALDI all’agente SISMI “CALIPATTI”                                                                                             
d) Primi riscontri probatori nelle carceri di Ferrara e di Rimini
e) Ancora sulle responsabilità del gruppo romano-veneto; RINANI-FACHINI-SIGNORELLI     
f) In particolare: la perizia esplosivistica                                      
g) L’omicidio MANGIAMELI: il suo significato ed il suo collegamento con la strage del 2 agosto 1980                                                                                                                   
 
h) Le responsabilità di Valerio FIORAVANTI e Francesca MAMBRO nella strage del 2 agosto 1980
i) Le motivazioni della Strage del 2 agosto 1980                          

CAPITOLO DECIMO                                                                                        
a) Le attività di copertura e di deviazione delle indagini commesse dal SISMI-P2 in favore degli autori della strage del 2/08/1980 
b) La valigia sul treno Taranto-Milano:                                           
c) Le conclusioni                    
                                                                
RICHIESTE FINALI                                                                                         
P.Q.M.                                   
                                                                          
INDICE NOMINATIVI ALFABETICO                                                          
Imputati                                                                                                        

Note                                                                                                                   















[i] Il 28 dicembre 1990 il presidente del Consiglio Andreotti desegreta, con un anticipo di 30 anni, gran parte della documentazione sugli “avvenimenti” del 1964 (tra cui il golpe Sogno).
[ii] Negli Stati Uniti la legge che regola la declassificazione dei documenti, il Freedom of Information Act (FOIA), è stata introdotta nel 1966. Nel 1995 il presidente Bill Clinton ha emanato l’Executive Order 12958, secondo il quale - a meno che un documento non appartenga a una delle categorie specificatamente elencate (piani militari ancora validi riguardanti la sicurezza nazionale del Paese, informazioni concernenti i ruoli ricoperti da singole persone all’interno dei servizi di intelligence, segreti aziendali, commerciali, ecc.) - ogni ente governativo è tenuto a declassificare automaticamente tutta la documentazione con più di 25 anni.

2 commenti:

Atanor Orzowei ha detto...

Grazie..... di tutto quello che fate

UB ha detto...

Pongo l'attenzione sul capitolo 8 punto d...
Ho modo di pensare vi sia un risvolto inquietante legato a un testimone...