giovedì 9 ottobre 2014

Cancro, la guerra alternativa. (tratto dalla rivista X Times di settembre)



Intervista a Paolo Franceschetti 
a cura di Lavinia Pallotta

1)   Quando e perché hai cominciato a interessarti alle cure applicate al cancro?

L’argomento mi ha sempre interessato, perché il cancro è una delle prima cause di morte nel mondo e per l’interesse che ho sempre avuto per il rapporto tra malattie del corpo e dell’anima. Avevo letto i libri di Dalke, Claudia Rainville, Hamer e molti altri.
Una vera e propria svolta però c’è stata quando si è ammalata di tumore la mia ex compagna, Mariapaola, morta poi ad aprile del 2014.



Si è trattato di un percorso particolare, perché da una parte lei è stata sempre informatissima non solo sulle cure alternative, ma anche sui progressi della sua malattia, che ha tenuto costantamente sotto controllo (a differenza di quello che fa la maggior parte dei pazienti che non si interessano attivamente alla cura e spesso neanche sanno qual è la loro reale condizione).
Ma la vera particolarità di questa esperienza è stata che Mariapaola ha scelto le cure tradizionali non per curarsi, ma per morire; non avendo mai avuto la forza di suicidarsi, ha scelto di uccidersi affidandosi alle terapie convenzionali, sapendo che, per il suo tipo di tumore, le terapie convenzionali non prevedevano possibilità di guarigione. Ha scelto le terapie convenzionali dicendo “so che in questo modo mi ammazzeranno”. Il suo tumore era infatti un cosiddetto “triplo negativo”, che statisticamente per la medicina ufficiale nell’80 per cento dei casi porta alla morte entro 2 anni.
Con altre cure aveva molte più probabilità anche in termini statistici, di sopravvivere, ma ha volontariamente scelto la strada peggiore per farla finita in breve tempo.
Fin dall’inizio quindi mi ha chiesto se la accompagnavo a morire, pur cercando (sia da parte sua che da parte mia) una strada per trovare la forza di vivere che le facesse cambiare atteggiamento. Strada che, purtroppo, non ha mai trovato. E io non sono mai riuscito ad aiutarla in questo.

2)   Qual è la prassi medica ufficiale in caso di trattamento del tumore e quali sono i suoi effetti collaterali?

La cure convenzionali prevedono sempre gli stessi step, per quasi tutti i tumori. Chemioterapia, chirurgia, e radioterapia; in alcuni casi vengono prescritte terapie ormonali e terapie con farmaci a bersaglio molecolare specifico.

3)   La chemioterapia ha mai guarito dal cancro?
Una recente statistica ha dimostrato che solo il sessanta per cento dei pazienti sopravvive nei 5 anni; le statistiche a dieci anni ed oltre sono quasi impossibili da trovare, ma una recente studio parla del 2 per cento di sopravvivenza dopo di dieci anni. In altre parole la chemioterapia e le terapie convenzionali non guariscono ma portano alla morte certa.
Occorre poi fare una precisazione importante. La chemioterapia, la radioterapia, come la chirurgia, non sono “cure” in senso stretto. Una cura, per essere veramente tale, deve produrre la guarigione, il che significa la scomparsa della causa della malattia, e non semplicemente puntare ad eliminare i sintomi.
Ecco, le terapie convenzionali non hanno come effetto quello di eliminare le cause ma solo quello di eliminare i sintomi (peraltro facendone comparire altri talvolta molto gravi) e aumentare la sopravvivenza.
Si può parlare di “guarigione” solo nel caso di scomparsa della causa del tumore, o nel caso di una sopravvivenza piena dell’individuo.
Non rimuovendo la causa, con le terapie convenzionali il tumore prima o poi insorge nuovamente.
E per giunta in molti casi le strade convenzionali non riescono neanche nei loro obiettivi dichiarati. Ad esempio Mariapaola dal momento della diagnosi è sopravvissuta dieci mesi; mi domando quando sarebbe sopravvissuta senza chemioterapia, e preferisco non conoscere la risposta.

4)   Quali sono le principali cure cosiddette alternative utilizzate nel trattamento del tumore?

Le cure sono molte.
Abbiamo innanzitutto la terapia Di Bella, la medicina antroposofica, poi il metodo Pantellini, il metodo Abramo, il metodo Gerson, e le varie terapie naturali a base di piante (Graviola, Artemisia Annua, Aloe, formula di Renè Caisse, ecc.), il metodo Simoncini.
Anche le varie tradizioni mediche, come la medicina ayurvedica e quella cinese, hanno delle loro terapie specifiche, che possono affiancare o in alcuni casi sostituire le terapie convenzionali.

5)   Hai prove della loro efficacia?

In alcuni casi si, in altri no, perlomeno non se si intende come prova una sperimentazione scientifica vera e propria.
La terapia Di Bella ha dalla sua parte migliaia di casi documentati in modo scientifico.  Personalmente poi ho conosciuto e conosco molte persone curate con la questo metodo con risultati non semplicemente buoni, ma eccezionali.
Una discreta documentazione esiste anche per il metodo Pantellini e il metodo Abramo.
E migliaia di casi documentati esistono per la terapia antroposofica a base di Iskador.
Della cura a base di Aloe abbiamo studi effettuati in varie parti del mondo da gruppi di ricercatori isolati; in Italia uno studio recente è stato condotto dal professor Lissoni del San Gerardo di Monza. Abbiamo poi le ricerche effettuate da padre Romano Zago per i quali non può parlarsi di veri e propri studi scientifici in senso stretto, ma è comunque un’esperienza con cui sono stati osservati migliaia di casi.
Di altri metodi purtroppo abbiamo minore documentazione, anche perché gli studi effettuati vengono spesso nascosti, alterati, o boicottati. Sulla Graviola ad esempio sono stati effettuati degli studi, ma non tutti riguardavano il tumore e soprattutto non tutti i tipi di tumore.
Diciamo che esistono delle terapie che hanno dalla loro parte un buona documentazione.
In alcuni casi, poi, ricorrendo al buonsenso, si arriva comunque a dei risultati notevoli. Ti farò due esempi.
Vi sono pochi studi che mettano in correlazione le guarigioni da diversi tipi di tumore con alte dosi di betacarotene, acido ascorbico e ribosio.
Se però scopro che oltre agli studi in Italia di Pantellini, nella medicina ayurvedica per combattere il tumore si consiglia di assumere alte dosi di vitamina C e betacarotene, e che la stessa cosa la fa la medicina cinese, facendo due più due direi che posso raggiungere una conclusione importante, e cioè che l’assunzione di acido ascorbico in grosse quantità favorisce l’arresto del tumore.  E questo anche in assenza di studi che abbiano l’approvazione ministeriale e il consenso della classe medica ufficiale per quello specifico tipo di tumore.
Nessuno ha mai potuto testare, per ovvi motivi, che differenza passa nella sopravvivenza di una persona che si cura il tumore con la chemio e una che non si curasse per niente. Viene però il sospetto che a volte, se la persona non si fosse curata affatto, avrebbe miglior fortuna rispetto al fare una cura a base di chemio. Da una parte abbiamo Hamer che ha dimostrato con argomenti abbastanza convincenti che le cause delle metastasi originano proprio nelle cure convenzionali; fin qui potrei non fidarmi e potrebbe non bastarmi come dato. Vengo però a sapere che uno studio effettuato su centinaia di cadaveri ha dimostrato che molte persone convivevano con un tumore maligno da anni, senza avere conseguenze. A quel punto è confermata la teoria di Hamer. Ma non basta. Vengo a sapere di numerosi casi che, senza conoscere Hamer, venuti a sapere che avevano un tumore, non si sono curati affatto perché erano dati per spacciati e sono vivi e vegeti. Una persona a Napoli dopo la diagnosi ha cambiato vita ed è andato a fare il pescatore a Procida per finire così gli ultimi mesi che gli restavano ed oggi è ancora vivo contro tutte le aspettative; il direttore della rivista Delitti e Misteri, Francesco Mura, ha avuto una diagnosi di cancro ai reni con tre mesi di vita di prognosi, e senza cure oggi è vivo dopo oltre quindici anni.
A Tiziano Terzani dettero pochi mesi di vita se non faceva una chemio per me sue metastasi, e visse oltre sei anni decidendo di non curarsi affatto. Viene da domandarsi: ma queste persone senza chemio sarebbero sopravvissute lo stesso. Il dubbio è forte.
E poi c’è Mariapaola. Un tumore al seno di tre centimetri si è trasformato in un tumore metastatizzato ed è morta in dieci mesi. Senza chemio quanto sarebbe durata? Se avesse seguito altre terapie oggi sarebbe ancora viva, di questo ne sono certo. Ne era certa anche lei, tanto è vero che, come ho detto, ha scelto di fare la chemioterapia proprio per uccidersi – come diceva lei – “in modo condiviso dalla società e dai parenti”.
Insomma, dove non arriva la statistica e la scienza ufficiale possono arrivare il buonsenso e la logica.
Di recente comunque c’è una diffusissima tendenza a confondere le terapie per cui esistono “studi scientifici” con quelle per cui esiste “l’approvazione del ministero della salute”. Si tratta di una confusione generata appositamente da organi di disinformazione.
Per la Terapia Di Bella, l’Aloe, e altri metodi esistono studi scientifici seri; il problema è che non hanno l’approvazione del Ministero della salute e non sono riconosciute in Italia.
Ma basta pensare che in altri stati, ad esempio in Germania, molte cure naturali sono passate dallo stato; e in Svizzera alcune cliniche sono convenzionate con i sistemi nazionali di altri paesi, e rimborsano qualsiasi tipo di terapia, dalla Di Bella all’omeopatia, per capire che il concetto di “cura non riconosciuta dal SSNN” non è sinonimo di “cura non valida, o scientificamente non riconosciuta”.
Tra l’altro l’Italia è l’unico paese dove esiste una guerra dichiarata contro certe cure naturali o alternative; basti pensare che le cure per malati oncologici passate da alcune cliniche svizzere sono rimborsate dalla maggior parte degli Stati europei, ma non dall’Italia, per cui risulta difficile far ricoverare in convenzione un paziente italiano.

6)    Dove vengono somministrate tali cure alternative e a chi si deve rivolgere un paziente eventualmente interessato?
Dipende dalla cura scelta, e da molti altri fattori, come il luogo di residenza, e il reddito individuale.
Una cura Di Bella ad esempio costa mediamente oltre 1000 euro al mese, fino a 1600 e anche più; una somma che non tutti possono permettersi.
Come non tutti possono permettersi le somme per curarsi in una delle cliniche antroposofiche sparse nel mondo.
Il metodo Abramo unito ad una cura a base di Aloe costa invece poche decine di euro al mese e può essere affrontato da chiunque, specie se il paziente sta già sottoponendosi ad una terapia tradizionale.

7)   Vi sono anche ospedali o cliniche “ufficiali” che le utilizzano?
Le cliniche e gli ospedali in cui si praticano tecniche alternative, perlomeno in Italia, sono inesistenti.
Nella Lukas Klinik in Svizzera su richiesta del paziente si pratica qualsiasi altro tipo di cura e così anche in altre cliniche antroposofiche.
Personalmente ho potuto constatare che all’hospice Nicola Falde, dove Mariapaola è morta, su richiesta praticavano qualsiasi tipo di cura, ma purtroppo lì la situazione è particolare. Trattandosi infatti di un hospice per malati terminali, a quel punto il paziente viene lasciato libero di curarsi, tanto è dato per spacciato; la loro responsabilità giuridica è quindi diversa. Proprio per la condizione medico e giuridica particolare di questa struttura, sono venuto a conoscenza di pazienti a cui avevano dato pochi giorni di vita e che invece dopo un anno sono ancora in vita e relativamente in buona salute; un risultato impossibile da conseguire in un ospedale tradizionale; di recente ho saputo che hanno dimesso un paziente che era stato dato per spacciato al momento dell’arrivo e che invece è vissuto un anno e oggi è tornato a casa; io stesso ho conosciuto una paziente data per spacciata, Giusi, a cui avevano dato pochi giorni di vita, affetta da tumore metastatico e elefantiasi; anche lei ora è in vita dopo oltre un anno, cammina, sia pure con difficoltà e ha raggiunto un certo grado di serenità, compatibilmente con la sua condizione.
In Italia il problema è una legislazione dissennata, unita ad una giurisprudenza spesso demenziale, per la quale il medico che segue i protocolli ufficiali non rischia nulla, anche se il paziente muore.
Se invece segue un protocollo diverso lo fa a suo rischio e pericolo e in alcuni casi il medico passa dei guai; e questo anche se fa un tentativo in extremis e  il paziente era destinato comunque alla morte. Il caso di Simoncini insegna. Ha avuto problemi con la legge italiana per aver curato una persona che era comunque spacciata applicando i protocolli ufficiali, ed è stato perseguito legalmente per aver seguito un diverso protocollo. Una follia, possibile solo in un sistema giuridico al servizio delle multinazionali del farmaco.

8)   Queste cure alternative vengono mai proposte al paziente dai medici standard? Se sì in quali circostanze?

Quasi nessun ospedale utilizza cure alternative. In alcuni casi però singoli medici consigliano come supporto e rinforzo diete specifiche, o integratori a base di Aloe, ecc., ma si tratta di iniziative individuali di singoli medici.
Il medico ospedaliero infatti deve seguire per legge il protocollo, che non prevede tutto questo.
Il risultato di questa sistema giuridico e medico, è che i pazienti vengono lasciati in ospedale a fare chemioterapia e radioterapia, e si permette loro di mangiare dolci, carne, farine bianche, latticini, ecc. Non esistono diete specifiche per malati oncologici. Quando Mariapaola era ricoverata con la metastasi al fegato c’era un equipe di sei medici (sei!!!) e nessuno si era premurato di seguirne la dieta o fargli assumere integratori, accanto a lei c’erano malati con metastasi a intestino, fegato, colon, ecc., e mangiavano di tutto, dai fritti ai dolci. Questa è l’assurdità di un sistema iperspecialistico dove il medico conosce a memoria i tipi di chemioterapico da somministrare per i singoli tumori, ma poi non ha la minima idea degli effetti dell’acido ascorbico sul paziente oncologico; ma soprattutto dà l’esatta misura del disinteresse reale che c’è per il paziente da parte dei medici operanti nelle strutture ospedaliere.
D'altronde questo è anche il risultato di un'università impostata male e con corsi di studi totalmente insufficienti; basti pensare che la laurea in medicina non prevede come esame obbligatorio la scienza dell'alimentazione, il che significa che i medici sono completamente all'oscuro di ogni cognizione dietetica, a meno che non decidano di informarsi autonomamente.
Il paradosso di questo stato di cose poi si traduce in casi ove alcuni medici consigliano diete specifiche, Aloe, melatonina ed altre sostanze naturali, e poi il paziente risulta “guarito” grazie alla chemio, e viene inserito statisticamente come un successo della medicina convenzionale.

9)   Sebbene siano immaginabili, puoi riportarci le ragioni della scelta di chemio e radioterapia da parte della medicina ufficiale? Quali interessi ci sono dietro?

Le ragioni sono presto dette. Una cura a base di chemio costa allo stato (e quindi fa guadagnare le cause farmaceutiche) decine o centinaia di migliaia di euro, a seconda del tipo di chemioterapico.
Un trattamento di radioterapia viaggia su cifre superiori.
Un malato oncologico, quindi, costa allo stato centinaia di migliaia di euro tra ricadute, medicinali di supporto, degenze, ecc.
Una cura Di Bella farebbe spendere allo stato poche decine di migliaia di euro e quasi zero euro per farmaci di supporto. Ad esempio i dolori, con la terapia Di Bella, scompaiono del tutto o si attenuano, quindi il paziente non assume antidolorifici o ne assume comunque meno. Ovviamente si tratta di guadagni sottratti alle case farmaceutiche.
Anche altri metodi, con altri protocolli, abbatterebbero tali guadagni.
Faccio un esempio. Una persona che conosco si è curata dal tumore, ed è viva dopo quasi venti anni, con sole terapie naturali, evitando una costosa operazione all’orecchio che l’avrebbe resa semi paralizzata.
Ha speso in tutto quindi poche decine di euro al mese, guadagnandone in salute da altri punti di vista.
Se si fosse curata con la chemio e si fosse operata avrebbe fatto spendere allo stato decine di migliaia di euro, senza contare tutti i soldi in farmaci che servono per alleviare gli effetti collaterali: antiemetici, antidolorifici, farmaci per la circolazione, ecc.
Francesco Mura, che ho citato prima, a cui avevano diagnosticato un tumore al rene e dato pochi mesi di vita, avrebbe fatto guadagnare alle case farmaceutiche qualche decina di migliaia di euro per chemio, operazione, ecc., più centinaia di euro in farmaci di altro tipo.
Curandosi in modo naturale, alle case farmaceutiche vengono sottratti tutti questi guadagni.

10)                       Cosa pensi personalmente della medicina standard o ufficiale?

Penso che la medicina cosiddetta ufficiale abbia raggiunto traguardi eccezionali, sconosciuti alle medicine orientali e a quelle cosiddette naturali, in certi campi (si pensi alla chirurgia, ad esempio).
D’altro canto in altri settori essa si dimostra totalmente fallimentare. Senza andare troppo lontani, prendo il caso che mi riguarda: ho una malattia degenerativa giudicata incurabile dalla medicina tradizionale (la psoriasi artropatica) ma che invece a me risulta curabilissima semplicemente stando attento alla dieta.
Gli errori che fa la medicina tradizionale sono due; anzitutto di non integrarsi con le scoperte, spesso risalenti a millenni addietro, delle altre medicine e di considerarsi “l’unica” possibile, in secondo luogo quello di andare alla ricerca del “farmaco” per eliminare il sintomo, senza tenere conto che l’uomo è un tutto inscindibile e andare ad eliminare un solo sintomo nella maggior parte dei casi significa farne comparire un altro, diverso o analogo, da altre parti.
In realtà il medico dovrebbe avere come unico fine quello di guarire il paziente, e per raggiungere tale scopo dovrebbe utilizzare tutti i mezzi, da qualsiasi fonte o tradizione provengano, scegliendoli unicamente in base alla loro efficacia. Un medico vero, che sia davvero interessato alla vita e alla salute dei propri pazienti, avrebbe il dovere morale di studiare altre tradizioni mediche e sperimentare nuovi approcci. Ma per fare questo occorrerebbe una riforma non solo del sistema universitario, ma soprattutto della mentalità delle persone e della società; la professione dovrebbe essere svolta per passione e inclinazione, non per prestigio e/o guadagno, come avviene oggi nella maggior parte dei casi. Il medico poi dovrebbe essere pagato come accadeva nella antica tradizione cinese, cioè solo se il paziente guariva, e dovrebbe essere visto non tanto come uno che “cura” il male, ma come uno che lo previene.
Ma qui il discorso diventa complesso ed esula dal tema dell’intervista.
Insomma, ciascuna tradizione medica dovrebbe prendere il meglio delle proprie conoscenze, integrandole con il meglio delle altre, per rendere sempre più efficace la cura del paziente.
Purtroppo la maggior parte dei medici si limita a studiare solo ciò che propone il proprio corso di studi universitario, si specializza in settori particolari, e trascura l’immenso patrimonio di conoscenze delle altre culture e tradizioni, rendendo spesso, di fatto, la cura del paziente totalmente inefficace, quando non addirittura nociva.

11) Hai scelto di dedicare al tema un blog ad hoc. Qual è il suo scopo? Chi ti ha contattato finora?

Lo scopo è quello di riunire tutte le conoscenze e le competenze possibili in materia di cura dei tumori, dando consigli sia a chi segue le terapie tradizionali, sia a chi vuole orientarsi in terapie alternative e/o complementari.
Nel nostro blog si affronta quindi sia il problema delle terapie convenzionali, ma si parla poi di terapia Di Bella, Simoncini, Hamer. Pantellini, metodo Abramo, Gerson, Aloe, per fornire poi una serie di consigli alimentari e altri ancora riguardanti integratori naturali (Graviola, Ganoderma Lucidum, Artemisia Annua ecc.).
L’ho chiamato con le ultime parole di Mariapaola che, a poche ore dalla morte, rifiutandosi di prendere la terapia Di Bella, disse “non è questa la cura Paolo, e tu lo sai”, alludendo alla cura dell’anima. Per ricordare che nessuna cura funzionerà davvero, se la persona non si prende cura della propria anima, cambiando stile di vita e modo di pensare.
E’ anche un modo per dare un senso alla vita di Mariapaola e alla sua morte, lì dove lei faticava a vederli. E per dare un senso al mio rapporto con lei, che in vita non avevo capito del tutto.
I contatti sono molti. Si va da persone che raccontano la loro esperienza, a persone che chiedono consigli, numeri telefonici, ecc. Credo che mancasse un sito come questo in Italia, che raccogliesse tutte le informazioni possibili per chi vuole curarsi in modo diverso, tant’è vero che mi hanno chiamato anche medici o infermieri, non tanto per chiedermi una consulenza sulla cura, ma per avere contatti e numeri di telefono di chi pratica altre cure e vende altri prodotti (non sempre facilmente rinvenibili in commercio).
La maggior parte di coloro che praticano terapie naturali mostrano talvolta la stessa chiusura di coloro che praticano le terapie convenzionali, non dialogando tra loro. Anche tra i ricercatori e medici che curano e studiano terapie alternative c’è spesso una totale incomunicabilità e una pervicace volontà di non studiare i lavori fatti da altri; chi pratica e segue Simoncini non conosce Hamer o lo critica; chi pratica la Di Bella non dialoga con chi pratica il protocollo Pantellini o Abramo e non ha mai sentito parlare di Hamer o di Claudia Rainville. 
Il risultato è una confusione pazzesca, che nuoce al paziente.
Sono convinto che il paziente deve riappropriarsi della cura, non delegando quindi ai medici, spesso incompetenti, la tutela di un bene fondamentale quale è quello della propria vita.
E questo sito vuol essere un piccolo aiuto per coloro che vogliono prendere in mano le redini della propria cura, non fidandosi completamente né della medicina convenzionale né della medicina alternativa, ma solo di se stessi.


13 commenti:

Raimondo Fardella ha detto...

Un ottimo lavoro Paolo; senz'altro utile almeno per dare possibilità alternative ai malati ed ai loro parenti ed amici.

Raimondo

roberto ha detto...

Buona sera, avvocato. In realtà siamo pieni di statistiche sulla sopravvivenza dei malati tumorali a 10 anni e sono tutte sconfortanti. I risultati sono sovrapponibili a quello da lei citato: 2/3%. Volevo tuttavia segnalare che il prof. Hamer ha una casistica di molte mgliaia di casi, non pochi, vero? Avendo lavorato in clinica universitaria ha potuto raccogliere una massa imponente di dati. La sopravvivenza dei malati tumorali che la medicina Hameriana vanta è del 93% a 10 anni. Hamer è anche laureato in teologia e questo spiega la grande attenzione che pone nella psiche (che altri chiamano "anima"). Personalmente ho visto morire tutte le persone che hanno scelto la Di Bella, ma la mia esperienza è molto limitata. Non voglio dilungarmi oltre perchè il mio intervento è finalizzato a sostenere che "Psiche-cervello-organo" rappresenta una triade indissolubile. La Medicina Germanica per ora non è per tutti ma solo per chi ha un grado di coscienza un tantino più alto della media. Vede, avvocato, affidarsi alle medicine alternative è un terno al lotto se non si ha la consapevolezza di essere protagonisti e non pazienti angosciati. Infine un'ultima differenza tra la Germanica e le altre: La germanica NON è una medicina altrnativa bensì complementare. Spiega finalmente quello che la medicina ufficiale non spiega e quindi non può curare. Buone cose.

Anonimo ha detto...

Grazie Paolo, grazie di cuore.
Sincera e profonda gratitudine e stima nei tuoi confronti per tutto quel che fai.
Un abbraccio, anima bella.

Giorgio Andretta ha detto...

Sig. Roberto,
non so come potrei raggiungerla in altro modo ma ingollando questo boccone amaro l'attingo qua.
Definisco "boccone amaro" il modo di gestire questo blog perché, dal mio punto di vista, lo si è ridotto a postribolo se non a cloaca e per fortuna che si è adottata la moderazione dei commenti, diversamente figuriamoci!!!!
A mio conforto potrà verificare che subito dopo la pubblicazione del commento che le invio, appariranno gli elzeviri indirizzatemi pregni di apprezzamenti.
Lei scrive: "Personalmente ho visto morire tutte le persone che hanno scelto la Di Bella.", da parte mia ho visto morire le persone e basta, in futuro saranno gli altri che vedranno morire me.
La restante parte della sua esposizione io la riassumerei in un unico testo: "Fisiologia occulta" di Rudolf Steiner edizioni antroposofiche via Vasto, 2 Milano.
Il Nostro ospite ha elencato una serie di possibilità alternative di cura citando anche le cliniche antroposofiche, ma sono certo, e mi piacerebbe essere smentito, che non ha letto il libro da me sullodato.
Con simpatia.

Anonimo ha detto...

Roberto, in merito alla cura Di Bella ti voglio fornire un dato che forse ignori, cioè che un buon numero di quelli che si rivolgono a tale cura ci arriva ormai distrutta da chemio e radio, e se hai letto in cosa consiste e come viene applicato tale metodo saprai benissimo che la sua effettiva efficacia dipende molto dal sistema immunitario.
La chemioterapia se fatta per lungo tempo riduce sensibilmente le possibilità di avere un risultato importante.
Poi una volta Giuseppe Di Bella parlò come alcuni trattamenti a base di ormoni, se non sbaglio, precludano addirittura la somministrazione di tale terapia.
Il metodo Hamer, per quanto sia efficace richiede come dici tu una coscienza un pò più sviluppata, ma proprio per questo non tutti possono usufruirne, a parer mio.

Di contro la Di Bella e tutte le altre cure naturali sono un ottimo pronto soccorso.
Secondo me tutte sono buone e complementari, e tutte in teoria dovrebbero essere prese in considerazione.
Proprio per questo concordo pieneamente con Paolo quando dice che le medicine dovrebbero collaborare e dialogare tra loro.

Anonimo ha detto...

Buona sera avvocato,
una precisazioni su terzani: ha scelto di curassi e le cure le ha fatte tutte quelle tradizionali e non, solamente 16 mesi prima di morire gli proposero un ultima chemio con un pronostico di sopravvivenza di 6 mesi cosa che rifiuto´e ne visse altri 16.
Su simoncini non ho parole un farabutto da mettere alla sedia elettrica anche se e´vero ci sta una correlazione tra bicarbonato e cancro. Forse era partito in buona fede ma poi ha preferito intascarsi i soldi dei malcapitati.
Esiste sicuramente una correlazione tra psiche e cancro e conosco delle prove viventi e non su questo contesto

Anonimo ha detto...

@Anonimo
> Forse era partito in buona fede ma poi ha preferito intascarsi i soldi dei malcapitati.

lei è un ignorante completo. come il giocatore brasiliano kakà è un calciatore completo.

Anonimo ha detto...

.. le medicine dovrebbero collaborare e dialogare tra loro...

il problema è che la medicina ortodossa spesso praticata con saccenza e superbia non dialoga con le altre, le altre invece si avvalgono la maggior parte delle volte dell'evoluzione positiva della prima e ne scartano la filosofia che deriva da quella visione unilaterale e assiomatica.

andretta lei non è così importante quanto crede, quindi passo la mano e lascio che sia qualcun altro a insultarla io lo farò volentieri la prossima volta.

""Esiste sicuramente una correlazione tra psiche e cancro""

direi che esiste una correlazione tra psiche e tutte le malattie escluse forse quelle karmiche.
uno dei nodi più interessanti sono le "costellazioni familiari" cioè determinate malattie colpiscono continuamente i membri della stessa famiglia fin tanto che nella psiche di una generazione avviene la risoluzione karmica o di coscienza di determinati fatti. Ad esempio è interessante come in famiglie numerose il settimo figlio/a spezzi la catena ed in quello non si verifichi la "familiarità"

http://www.ilcerchiosciamanico.it/evento/335/la-guarigione-dei-traumi-transgenerazionali.html

qui si spiega la genesi dei traumi che si ripercuoto così in profondità da provocare la malattia. Nei percorsi spirituali la prima cosa che l'allievo deve fare è chiudere i buchi di dispersione energetica, per questo si lavora molto per portare a livello cosciente il subconscio i suoi automatismi e la sua pericolosa incontrollabilità.
un mio amico si trovò improvvisamente davanti ad una tigre, questa non lo aggredì, ma ne restò in balia per più di un'ora, l'effetto di trovarsi impotente e disarmato per tutto quel tempo gli fece sviluppare la malattia che lo portò via in pochi mesi, lo stesso effetto cagionato dalla sbirraglia a me ha fatto sviluppare l'asma.

http://www.costellazionifamiliaritorino.it/home

qui si capisce come determinate malattie non nascano con i nostri traumi ma con quelli degli antenati, con buona pace di paolo e andretta il karma non è solo personale ma anche familiare se non addirittura ancestrale.

spesso nella vita ci si presenta lo stesso problema o lo stesso tipo di partner e si sbatte sempre la testa nello stesso modo ed il corpo si ammala nello stesso punto.

in sostanza ci sono tante tecniche di meditazione, tante forme di protezione contro attacchi psichici normali o iperdimensionali (elementali), la psicomagia, tante forme di arti marziali psichiche come il kung fu mentale che possono permetterci se sufficientemente vigili di difenderci ed evitare il peggio. il kung fu mentale ad esempio è potentissimo, provate come è successo a me dopo aver subito per un paio d'ore un pressantissimo interrogatorio sbirresco, di immaginare con tutte le vostre possibilità mentali di concentrazione di attuare la mossa di tagliare la gola a quello che vi sta interrogando oppure fargli esplodere il cranio con una mazza da baseball, immediatamente vederete come questo farà un passo indietro o fisicamente o psicologicamente e questo vi permetterà di riprendere almeno in parte il controllo della situazione. se craccate l'archvio akhashico vedrete che ho ragione

ho visto il film su terzani e lo ho trovato una baggianata che non gli rende assolutamente merito, lo fanno passare per un babbeo sognatore, ovviamente si voleva depotenziare quella briciola di verità che aveva trovato.

jj

Tragicomico ha detto...

Quoto il commento di Roberto, molto interessante. Avvocato Franceschetti, la ringrazio per la pubblicazione della sua intervista, sempre illuminante. Volevo porle una domanda: nella vicenda di Mariapaola da lei raccontata, le è venuto mai il pensiero di aver fatto, ma di non aver fatto abbastanza? Nel senso, si poteva osare di più? Grazie e buona giornata!

roberto ha detto...

@anonimo delle 12.39 del 12 ottobre. Ero già a conoscenza del dato che mi propone. Allora aggiungo che ,sempre nella mia limitata esperienza, ho visto morire anche chi ha abbracciato la Di Bella fin da subito. Ho visto morire anche chi ha preferito affidarsi alle teorie nutrizioniste. Penso che non si possa curare nessun malanno se non si conosce la sua etiopatogenesi, ovvero da dove arriva e perchè. Quando regna l'ignoranza è troppo facile inventarsi teorie: la relazione tra bicarbonato e tumore è tutta da dimostrare per non dire della orrenda bufala che attribuisce a un fungo (candida albicans) la causa dei tumori. La presunta acidità dei tumori è una castroneria spaventosa. Il corpo umano è una macchina quasi perfetta e dedica grande energia alla conservazione dell'equilibrio acido-base. Il Ph del corpo e del sangue ha un range molto ristretto in cui muoversi. C'è da rimanere costernati di fronte a tali scempiaggini. Cmq non volevo fare lezione a nessuno bensì invitare tutti coloro che sono interessati a continuare a studiare. Come dice il prof. Carpeoro solo la conoscenza ci può far crescere. Infine tutti possono, dopo aver studiato, verificare l'esattezza della Germanica. Buona gornata a tutti.
P.S. Non si potrebbe gentilmente firmare gli interventi con almeno un nome?

Anonimo ha detto...

Sig. Franceschetti quale sarebbe l indirizzo del blog ad hoc che parla di cure alternative? Potrebbe spostarlo per cortesia che non riesco a trovarlo?

Stefania Nicoletti ha detto...

http://tumoreterapiealternative.blogspot.com/

Sara (Ferrara) ha detto...

"A Tiziano Terzani dettero pochi mesi di vita se non faceva una chemio per me sue metastasi, e visse oltre sei anni decidendo di non curarsi affatto." Falso. Sto leggendo in questi giorni "Un altro giro di giostra", dove Terzani racconta nei dettagli il suo calvario attraverso chemio e radioterapia presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York. Se sia poi vissuto sei anni per merito di queste "cure" o, piuttosto, per la serenità spirituale che gli dette il suo soggiorno in India non possiamo saperlo. Non sono qui per difendere la chemioterapia; anzi, credo che, se toccasse a me, deciderei di non farla e di rivolgermi altrove. Ma non è nemmeno giusto dare informazioni false a sostegno delle proprie tesi. Soprattutto in una materia delicata come questa.