giovedì 21 aprile 2011

Il vero motivo della guerra in Libia.


Quale può essere il fil rouge che collega tutti i paesi attaccati – e presi di mira in varie forme - dagli USA e Gran Bretagna con l’aiuto di una serie di ausiliari tradizionali più o meno consapevoli?
Libia, Libano, Siria,Irak,Somalia, Sudan, Iran. Non hanno in comune l’etnia ( Iran è ariano mentre gli altri sono semiti o – Sudan – misti).




Non hanno in comune la religione: Libano ha cristiani, l’Iran è sciita, la Siria è mista. Non il petrolio: Somalia e Siria non ne hanno in quantità significative. Non la ricchezza: Somalia e Sudan non lo sono.

Se invece vediamo il negativo, vediamo che nessuno di questi paesi figura tra i 56 aderenti alla Banca per i Regolamenti Internazionali.

In pratica sono paesi che hanno rifiuutato di far parte della comunità finanziaria internazionale e la Libia in particolare se la stava cavando molto bene:

•Stando ai dati del FMI la Banca centrale libica possiede 144 tonnellate di oro nei suoi forzieri. Per un paese di tre milioni e mezzo di abitanti, non è niente male. L’educazione e l’assitenza medica sono gratuite; le coppie che si sposano ricevono 50.000 dollari a fondo perduto.
•I Ribelli, ancora prima di costituire un governo provvisorio, hanno annunziato ( il 19 marzo) di aver costituito la BANCA CENTRALE DI LIBIA. La Banca centrale di Libia ( quella di Gheddafi per intenderci) è pubblica e non privata, stampa la moneta e presta denari allo stato senza interessi per finanziare le opere pubbliche tra cui il famoso fiume sotterraneo fatto dall’uomo che utilizza le acque fossili del Sahara per irrigare tutta l’area agricola della Libia che si trova al Nord. A proposito l’attività agricola in Libia è esentasse. Completamente. Questa politica è l’esatto contrario di quella seguita dal mondo occidentale che fa pagare tutti i servizi quali l’educazione e la sanità ed ha privatizzato le banche centrali che fanno pagare gli interessi agli stati quando forniscono loro i fondi.
•La ragione ufficiale che ha spinto l’occidente a non mantenere le Banche Centrali come pubbliche è che questi prestiti aumentano l’inflazione, mentre prendere prestiti dalle Banche estere o dall FMI , non provocherebbe inflazione. In realtà prendere i denari a prestito da Banche centrali pubbliche – senza interessi – riduce grandemente il costo dei progetti pubblici di investimento e in alcuni casi li riduce del 50%.
•Gheddafi aveva da poco lanciato la proposta di creare una moneta unica africana IL DINARO ORO e l’unico paese africano che si era opposto, è stata la Repubblica del Sud Africa, che è stata proprio quella che si è presentata a Tripoli per la mediazione con i ribelli e la NATO. Su questa proposta c’è un commento di Sarlosi che l’ha giudicata “una minaccia per l’Umanità”.
•Sia Saddam Hussein che Gheddafi avevano proposto – entrambi sei mesi prima dell’attacco – di scegliere l’Euro ( o il dinaro) come valuta per le transazioni petrolifere.
ADESSO RESTIAMO IN ATTESA DI VEDERE – IN CASO DI VITTORIA DELLA NATO – SE EDUCAZIONE E SANITA’ RESTERANNO GRATUITE, SE LA BANCA CENTRALE LIBICA ADERIRA’ ALLA B.R.I. E SE L’INDUSTRIA PETROLIFERA LIBICA VERRA’ SVENDUTA A PRIVATI. Poi anche i più ingenui cominceranno ad avere sospetti


http://corrieredellacollera.com/2011/04/17/africa-attacco-alla-libia-ecco-spiegazioni-inedite-ma-convincenti-vedremo-se-e-vero-di-antonio-de-martini/

http://www.stampalibera.com/?p=25517

40 commenti:

Anonimo ha detto...

gli ultimi due post direi che sono molto veritieri e mirati!
sono d'accordo su molti punti!
ma non pensare caro franceschetti che discendenti di sangue blu come saddam(che non abbiamo mai visto penzolare sulla forca) o gadaffi vengano sacrificati in modo cosi' cruento!
non dimenticare che questa gentaglia recita la sua parte , finita la recita ha sempre una porta aperta,un'uscita di sicurezza,negata ai loro sosia dalla mente controllata, segreta agli occhi dei piu',anche se il loro modello socialista era apparentemente piu' dalla parte del popolo,ricorda caro paolo che pure gli arabi hanno le loro massonerie(safari club) di stampo anglosassone dato che sono loro creature...
ti ricordo ancora una volta blondet che ci ha fatto capire come le massonerie islamiche affondano le radici a londra,cit. dal libro "la strage dei genetisti".
l'obbiettivo e' proprio quello che tu sottovaluti:
fiaccare la resistenza teologica degli islamici,ultima religione ostacolo al NWO,anche se ammetterlo per noi occidentali e' abbastanza fastidioso...dato la nostra antipatia al loro fanatismo!

coi migliori saluti

WARRIOR FOR LIFE

Anonimo ha detto...

Il commento di
WARRIOR FOR LIFE mi sembra per certi versi qualunquista ma introduce degli elementi che ai più (noi occidentali) non sono noti. In alcuni paesi arabi prestare denaro con interesse è immorale. Le banche sono viste come dei depositi di danaro e che prestano lo stesso senza chiedere interesse sul capitale. Nel 2008 in Italia doveva aprire la prima banca islamica, un istituto di credito che
rispetta le regole della Sharia. Ebbene, i suoi due pilastri centrali consistono nel fatto che non si possono ottenere interessi sui prestiti (divieto del riba) e che bisogna effettuare investimenti socialmente responsabili. A quanto pare c'è chi ha ipedito che succededesse, chissà perché!

Quando sento parlare di Fondo Monetario Internazionale (FMI) mi vengono i brividi.

FMI = NUOVO ORDINE MONDIALE = SCHIAVITU'.

Qualsiasi Stato che abbia ottenuto prestiti o aiuti dal FMI è destinato ad essere soggiogato al suo controllo per un debito che non riuscirà mai a pagare. Tutte quelle nazioni che vogliono stare fuori dall'economia globale vengono prese d'assalto con le RIVOLUZIONI POPOLARI abilemnte orchestrate dall'estero.

IDOL

Anonimo ha detto...

Ottimi spunti grazie.

Ghost

Anonimo ha detto...

@ ZN
Il loro massimo terrore è che anche una sola delle pecore si ricordi di essere lupo e trasformi il gregge in branco.

@ BETTY GALANTE
non sono d'accordo con te sulla natura necessariamente maligna dei fenomeni associativi , siano essi religiosi, o politici, o massonici.
L'essere umano è antropologicamente un animale sociale e in ogni struttura sociale esiste una gerarchia ed una divisione dei compiti.
E' il fine della associazione che la rende buona o malvagia.
Cmq esprimo x te stima e rispetto, sei una forza della natura , con una potente mente ed una grande autonomia di giudizio. I tuoi interventi sono tra i pochissimi che danno un contributo al miglioramento della conoscenza.

@ WHITE WOLF
onore a Te. Sei un gigante.

@ all' anonmo che ogni tanto scrive i suoi sterili "sof o mdd o travaglio o betty etc ha ucciso il blog".
Sei veramente un gran coglione.

@ P. Franceschetti
Sarei interessato. Esiste un Soka Gakkai a Roma?

GREY WOLF

democrito ha detto...

Un analisi interessante che chiarisce alcuni punti oscuri delle recenti vicende mediorientali, dove però ritrovo il solito equivoco di fondo.
Quando si sostiene che un bene di appartenenza pubblica, cioè dello stato, sia di proprietà dei cittadini, si pecca di ingenuità, sia che si parli di casa nostra, ma a maggior ragione se si considerano realtà, come quella libica, dove è evidente che la proprietà statale è esclusivo appannaggio della famiglia di Gheddafi. Leggendo l’articolo di Paolo, il lettore che non sia al corrente della realtà della Libia, potrebbe essere indotto a pensare che il modello libico sia il nonplusultra di uno stato ben governato, ma tutti noi sappiamo che così non è. Dobbiamo anche considerare che la Libia è un paese ricco, dove ben pochi lavorano, che deve la sua ricchezza al petrolio e che è il paese che più al mondo fa pagare alle compagnie petrolifere straniere la percentuale di sfruttamento delle risorse. Questo sarebbe già di per se un motivo di irritazione nei confronti del rais da parte dell’occidente. Un motivo sufficiente a giustificare gli attentati alla vita di Gheddafi, o l’attacco dei caccia statunitensi a Tripoli di qualche anno fa. A questo dobbiamo aggiungere che Gheddafi fu nei primi anni ’70 il maggior sostenitore dell’OPEC e il primo effetto del nascente cartello petrolifero fu la crisi petrolifra del ’73. Nonostante questi trascorsi la leadership di Gheddafi in Libia non è mai stata messa in discussione dall’interno, per il semplice motivo che una parte di questa ricchezza veniva distribuita alla popolazione, naturalmente in cambio di un appoggio incondizionato al rais da parte del paese. Nessuna contestazione, nessuna opposizione, un controllo di polizia ferreo, in cambio di una vita agiata senza troppi affanni lavorativi. L’equazione ha funzionato x 40 anni, ma alla fine il sistema si è incrinato.
I motivi del perché si sia incrinato non li conosco, ma non è certamente per la pressione dell’occidente, la quale avrà avuto senz’altro una parte importante nella crisi libica, ma non può essere il motivo scatenante, per il semplice fatto che la pressione esiste sulla Libia da quando esiste Gheddafi, con punte molto più intense nel passato di quelle messe in atto negli ultimi tempi. (cont)

democrito ha detto...

Il mio sospetto è che alla fin dei conti sia una crisi dovuta a regolamenti di conti di natura tribale. L’apparenenza ad un determinato clan è cosa tutt’oggi molto sentita in nordafrica ed esistono profonde divisioni sia etniche che culturali tra le varie regioni del paese. Un occhio di riguardo da parte del regime ad una di queste fazioni, considerando anche l’appartenenza dello stesso Gheddafi, potrebbe aver nel corso degli anni fomentato risentimenti sfocciati nella guerra civile. A sostegno di questa ipotesi vi è il fatto che solo una parte del paese, molto ben circoscritta geograficamente, si è ribellata, mentre l’altra parte sembrerebbe essere rimasta fedele al leader. Che poi l’occidente abbia voluto approfittare della situazione venutasi a creare per portare avanti i suoi sporchi interessi, è assolutamente scontato. Rimane da notare come l’azione dell’Europa sia stata notevolmente goffa e scoordinata, del tipo tanti cani affamati che si buttano su di un solo osso e finiscono per mordersi fra di loro, il che ci fa pensare che in fondo nessuno si aspettava veramente quello che è successo. Non se lo aspettava il governo italiano, che aveva appena concluso dei patti importanti con il governo libico. Non se lo aspettava la Francia, la cui volontà di attacare sembrava più dettata dal voler colpire gli interessi italiani che non per implementae i propri, prova ne sia che una guerra con la Libia sarebbe stata per la sola Francia un onere insostenibile. Non se lo aspettava nemmeno il governo di Obama, tant’è che la risposta americana è stata debole e per niente convinta, nonostante gli sforzi compiuti in oltre 40 anni di far fuori il rais.
Comunque la tua analisi è interessante, anche se non penso tocchi il nucleo centrale del problema, specialmente per quello che riguarda la Libia.

Anonimo ha detto...

grey wolf ha ucciso il blog

Anonimo ha detto...

Democrito ha ucciso il blog

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo con te Paolo.
Io credo che il governo Americano non accetterà mai che si scavalchi il Dollaro nelle transazioni internazionali, tutto il suo potere è incentrato sulla facoltà di stampare senza limiti i suoi dollari, e farli accettare con le armi se necessario. E con esso costruire il NWO.
Tutte le altre spiegazioni che ci propinano i media è noia. L'Italia ormai è destinata a fare la fine dell'orcio di coccio tra gli orci di ferro.
Paolo ti ammiro per questo blog, che porta avanti il libero pensiero. Viva la libertà.
Arturo Borbone

Paolo Franceschetti ha detto...

Ciao Grey Wolf.
si che c'è la Soka a Roma. 06872861.

Se vuoi qualche informazione generale su buddismo e soka gakkai guarda anche il mio blog:
http://ilbuddismodinichiren.blogspot.com/


Per Arturo borbone.

Non è mio l'articolo. L'ho ripreso da un altro sito, che ho linkato alla fine

Anonimo ha detto...

onore a te GREY WOLF,presto saremo tutti dei giganti.A Paolo dico che in generale sono d'accordo,ma purtroppo questi sono solo i fini piu superficiali,stanno puntando dritti verso la 3 guerra mondiale,il loro progetto prevede 3 guerre al fine di creare il nwo,e mettere maitreya l'anticristo sul trono di
is-ra-el(iside/ra/el-saturno)e governare il mondo dal tempio di salomone ricostruito(solo mon/tempio del sole)discendente del re davide.E tutti gli altri goim o bestiame umano chippati e zombi,schiavi in eterno di questi esseri squallidi e i loro dei maligni.Presto si presentera sulla scena l'iran,allora sara lo scoppio della guerra.li,poco dopo ritorneranno i maestri delle stelle,e insieme alla fratellanza bianca,uniranno i giusti,per annientarli per sempre,e il ritorno del regno di Dio.A chi pensa ancora che la grande meritrice(prostituta di babilonia)sia roma,non è cosi,la nuova babilonia è new york,i 7 colli possono essere altro,vedi le 7 punte sulla corona della statua della libertà(regina semiramide)
Apocalisse 17:18, "La donna che hai visto è la grande città che domina sui re della terra.",
per questo hanno attacato le 2 torri(la porta di babilonia),essi ora distruggeranno babilonia(new york) per crearne una nuova,il 6 regno l'ultimo.Nella guerra atomica che si scatenera,una delle prime citta ad essere bombardate sara appunto new york,

Apocalisse 18:9-10: "Quando i re della terra … vedranno il fumo del suo incendio piangeranno e faranno cordoglio per lei e diranno: "Ahi! Ahi! Babilonia, la gran città, la potente città! Il tuo giudizio è venuto in un momento!

unitevi e amatevi perchè siete fratelli,fatelo subito perchè il tempo sta finendo
white wolf

Anonimo ha detto...

ottimo articolo, ma c'è un errore: gli stati NON pagano interessi anche quando le banche centrali sono private. Non è un caso che il finanziamento dello stato tramite banca centrale è stato vietato dai trattati UE (ora art. 123). Se i banchieri ci lucrassero come credono gli adepti del signoraggio, secondo voi non finanzierebbero gli stati?? Ci tengono per le palle con questo giochetto, e nessuno che se ne renda conto! Segnalo due articoli che trattano bene la questione:

http://www.stampalibera.com/?p=11774

http://vocidallestero.blogspot.com/2011/04/stampare-o-non-stampare-questo-e-il.html#more

Anonimo ha detto...

i banchieri ci tengono per le palle semplicemente col divieto di finanziare gli stati con la banca centrale(che sarebbe senza interessi ANCHE ora con la banca centrale privata): in questo modo gli stati si indebitano sempre di più, pagano sempre più interessi, e sembrerà inevitabile il vero obiettivo della strategia dei banchieri: distruggere lo stato sociale con tagli selvaggi e privatizzare tutto. questo è il fine, e lo si ottiene scientificamente col divieto di finanziare lo stato con la banca centrale, cioè rendendo gli stati schiavi dei "mercati"

Anonimo ha detto...

Gheddafi è un colonnello golpista non un "sangue blu"

Anonimo ha detto...

In Italia la MAssoneria ha eliminato la libertá nel 1860, quando ha fatto fuori la Chiesa Cattolica che della libertá dell'uomo é l'ultimo baluardo. Infatti i siti massonici come quello di Franceschetti tentano il discredito, mascherandosi per rivelatori di veritá...

Anonimo ha detto...

Per approfondire il tema di anonimo 19:06

Nel caso degli italiani, il cemento unificatore è composto da due elementi . La fede cattolica e la lingua. I massoni (rectius carbonari ed affini ) fautori del Risorgimento avviarono un processo volto alla soppressione dell´identità religiosa degli italiani... Questo non lo sostengo io, bensì tutti i documenti sia di parte cattolica - compreso l'attuale Papa - che di stampa liberale.
Il Regno di Sardegna, in base ad un preciso piano massonico-esoterico di cui i Savoia si ritenevano (e tutt'oggi si ritengono ) depositari, si fece artefice dell´unità politica della nazione italiana.
Questa superiorità consisteva nell´essere fautore di una monarchia costituzionale in uno Stato liberale. Ebbene, l´Articolo 1 dello Statuto Albertino dichiarava la religione cattolica come l´unica religione di Stato, tuttavia il nuovo Regno procedette ad una soppressione di tutti gli ordini religiosi della chiesa di Stato.
Qualche anno più tardi, il governo liberale sopprimerà anche tutte le 24.000 opere pie in cui operavano italiani laici e che erano costituite anch´esse per svolgere mansioni finalizzate al bene, e quando il Piemonte estenderà a tutta Italia la sua legislazione e la sua tassazione altissima per i tempi, si avrà come conseguenza inevitabile, in nome del Risorgimento e per la prima volta nella più che bimillenaria storia italiana, un´immigrazione di massa perché la popolazione sarà messa sul lastrico da coloro che a parole volevano toglierla dall´oppressione pontificia.

Molti articoli dello Statuto Albertino vennero infranti: a cominciare dall´articolo 28 che afferma la tutela di libertà stampa; la stampa sarà sì libera, ma solo quella liberale, cioè quella dell´1% della popolazione. Cavour, per citare un esempio indicativo, in Piemonte non permetteva venissero stampate le Encicliche del Papa, non ne consentiva dunque la divulgazione, tanto era libera la stampa.

La proprietà della Chiesa venne smantellata ed i beni pontifici rapinati dai Savoia.

C´è una circolare della massoneria, redatta nel 1888 dal Grande Oriente, che motiva ai "fratelli" la necessità di naacondere "i protocolli di azione e propaganda anticattolici" bensì di " dicharare in pubblico soltanto di essere anticlericali".
(Circolare a Tutte le Logge d'Italia del G.M. V. Torreggiani - 21 Aprile 1888).

Vi fu un connubio di intenzioni tra protestantesimo e Risorgimento italiano. Il membro della Chiesa Valdese e storico Giorgio Spini ha documentato come intorno all´Italia cattolica fosse sorta una rete protestante mondiale che concorreva con collette, con aiuti di tutti i tipi perché anche in Italia si potesse eliminare il cattolicesimo. Possiamo quindi sostenere che si mobilitò una vera e propria "internazionale protestante" contro la cattolica Italia.

In Italia i Savoia non dichiararono apertamente l´ostracismo verso il cattolicesimo perché erano vincolati a quella morale secondo la quale erano migliori degli altri in quanto costituzionali.

alberto

Anonimo ha detto...

@anonimo 18.14
non conosci gli intrecci di parentele dei bastard che governano il mondo?
ghedaffi ti sembra un'uomo normale?
la sua megalomania frustrata puo'discendere solo da una schiatta non riconosciuta!!!
inoltre gli elementi che GOVERNANO vengono sempre scelti e sostenuti per la loro ORIGINE!
sveiess fora!!

@19.06
commento pietoso,sembri un gesuita senza grado,reduce da una conferenza del sacro romano impero!!!
svela il tuo pensiero per intiero!

@idol
qualunquista io?
mah comunque non sono io un idol!!
sono d'accordo con te,e sottolinerei anche il fatto che l'unica banca a cui e' stato consentito di convogliare masse di denaro islamico e stata quella di piazza cadorna a milano...
se gli islamici avessero aperto banche in europa a quest'ora ci sarebbe un'imam in vaticano e re abdallah come presidente del consiglio!!!
percio' cerchiamo di vedere sempre il cerchio intero e non gli spicchi!
altrimenti il gesuita delle 19.06 avrebbe ragione!!!

comunque siete tutti forti!!
un'abbraccio da

WARRIOR FOR LIFE

buona pasqua a tutti e speriamo che TOAFF non abbia ragione!!!:)))

Anonimo ha detto...

L' alto massone Cavour è elogiato quale artefice dell´Unità d´Italia. E' stato definito "maestro di doppiezza ed incoerenza". Cavour era maestro nel dire una cosa oggi ed il suo contrario domani, facendolo con un´improntitudine rara.
( ... la storia si ripete : il Berlusca anch'egli alto massone , mente con impressionante indifferenza) .

E´ indubitabile che senza l´intervento di Cavour l´unità d´Italia sotto i Savoia non sarebbe stata realizzata, perché non erano in grado di realizzare questo progetto né Vittorio Emanuele II, né tantomeno lo erano Garibaldi o Mazzini. C´è voluto il genio assolutamente spregiudicato di Cavour che ha intrigato in modo tale, attraverso le relazioni internazionali che coltivava, da poterlo rendere realizzabile.

L'osannato paladino della libertà Giuseppe garibaldi (anch'esso massone luciferino) , ossia colui che viene definito el libertador, è stato un ladro di cavalli ed un commerciante di schiavi.

Per il primo peccatuccio gli tagliarono l'orecchio destro. Per questo portava barba e capelli lunghi.

Nel 1854 egli stava in Perù e sbarcava il lunario nel seguente modo: era capitano di una nave di nome Carmen, che partiva dal porto di Callao per trasportare guano in Cina, ritornando poi dal porto cinese di Canton con un carico di persone cinesi.

Garibaldi nelle sue memorie questo non lo racconta. Lo racconta però l´armatore genovese di questa nave Carmen nei suoi lbri mastri (tale Pedro Denegri), che si spende anche diverse lodi nei confronti del libertador per il cospicuo numero e "di buona qualità" di schiavi cinesi che il libertador portava in Perù.

Non essndo riuscito il piano savoiardo contro la Chiesa nel XIX secolo. Nel XXI ci riprovano attraverso il rafforzamento di posizione secessioniste e dicharatamente razziste della Lega, con lo scopo di sostituire (gradualmente come sempre) la lingua, la cultura e la religione italiana , con dialett locali e minchionaggini pseduo-pagane come le ampolle del fiume Po ed il richiamo a fantasiose "radici celtiche" nel brianzolo.

Gli ultimi gradi della massoneria (9-10-11 Rito York e 31-32-33 Rito Scozzese) pronunciamo il giuramento di Annibale : Numquam ego in amicitia cum Romani ero!"

Odio imperituro e volontà di totale distruzione di Roma.
Intendendo ovviamente non pù la Roma di Scipone, ma quella pontificia , cattolica e cristiana.


alberto

4realinf ha detto...

@Democrito
Nella mia profonda ignoranza non capisco come potremmo conoscere bene la Libia. Nessuno ne sa nulla, qualche parola e qualche piccolo trafiletto, ma nulla più. Gheddafi controlla tutto, dicono i suoi detrattori, ma ha costruito il più grande sistema idrico mondiale per dare acqua al paese che prima era deserto. Sicuramente una manovra di propaganda e come Mussolini che fece le varie bonifiche, che estirpò la malaria, che creò le pensioni, le case popolari ed tanto altro ancora, così Gheddafi, un dittatore sanguinario è visto nel mondo occidentale come un approfittatore. Forse è vero, ma nessuno lo sa. Siamo tutti dei boccaloni, apriamo la bocca per dare aria al sentito dire, ma a cercare riscontro nelle notizie e a incrociarle mai, no?!

Giorgio Andretta ha detto...

Egr. white wolf,
mi sembrava che avessimo appurato che lei non possedesse poteri para-normali, ora la leggo in una esibizione vaticinatoria, supportata da cosa?
A rileggerla.

Giorgio Andretta ha detto...

Egr. 4realinf,
lei si è rivolto ad uno che vive ai Caraibi e che tra un bunga-bunga e l'altro si nutre di fette di prosciutto additivate al limone, cosa pretende da siffatta genia?
Simpaticamente.

Giorgio Andretta ha detto...

Sig. alberto,
perdoni i miei limiti, non riesco a cogliere il nesso tra il suo commento ed il post, potrebbe aiutarmi in qualche modo?
Grazie di tutto.

nathanieldesaintclair ha detto...

There are now only 5 nations on the world left without a Rothschild controlled central bank: Iran; North Korea; Sudan; Cuba; and Libya.

ZN ha detto...

GREY WOLF scrive:
"@ ZN
Il loro massimo terrore è che anche una sola delle pecore si ricordi di essere lupo e trasformi il gregge in branco."

ZN risponde:
Si questa è la paura del pastore, che teme di essere depredato del suo "bene" più prezioso, le pecore.
Ma attenzione! Anche il branco ha il suo "pastore", il capobranco. Il quale, rispetto al resto del branco, mangia per primo, decide con chi riprodursi, decide i limiti del territorio di caccia, decide dove dormire e altro ancora. Il capobranco perciò trascorre la vita a sottomettere chi osa sfidarlo o trasgredire il suo regime. Il branco infatti vive sotto un regime gerarchico di tipo piramidale.

Per la propria sopravvivenza, pecora e lupo, entrambi dipendono da altro da sé.

Né pecora né lupo.
Né burattino né burattinaio.
Né questo né quello.

Non-due.

democrito ha detto...

Per sapere qualcosa di Libia fuori dalle notizie del telegiornale è sufficiente parlare con chi in Libia è stato per lavoro. Annovero fra le mie conoscenze persone che si sono recate in Libia proprio per costruire quelle opere che tu citi e che sono il fiore all'occhiello del regime e ti assicuro che sono tutti concordi nel dire che la popolazione libica non fa un cazzo dalla mattina alla sera. Se se lo possono permettere è perché il regime mantiene tutti con i proventi del petrolio.

democrito ha detto...

Andretta, io ceno abitualmente con prosciutto e fette di melone o di ananas, tu cosa mangi, pane raffermo e cipolla? E dopo cena....io bunga bunga, e tu?

Anonimo ha detto...

Soros, vero nome Schwartz, ha pronti i suoi burattini...

Anonimo ha detto...

risposta a:Giorgio Andretta

nessuna preveggenza,ma purtroppo conoscenza del progetto che da secoli stanno seguendo e portando al termine,poi basta unire i punti e le ricerche per vedere il grande puzzle che prende forma.
tra cui i protocolli dei savi di sion,
le lettere scritte dal maiale pike al maffioso mazzini,depositate presso la Biblioteca del Museum di Londra.Trascritte da William Guy Carr nel suo libro "Pawns in the game"che consiglio a tutti di leggerlo.Il piano Propaganda P2 di gelli,sempre da collegare al progetto piu grande del nwo,
i 10 punti del piano degli illuminati per la creazione del nwo.Tutto collegato basta solo unire i punti,chi afferma che sono opere di fantasia,oppure da chi viene giudicato con il termine complottista,è o un idiota o un corrotto,perchè tutto quello che vi è scritto è stato o gia realizzato o si sta realizzando.E questa è la prova davanti agli occhi di tutti,o almeno di chi la vuole vedere.Sui maestri delle stelle non posso dire altro per adesso,sui poteri paranormali,posso dire che viene data questa definizione a qualcosa che è naturale per l'uomo come sentire o vedere,solo che vengono considerati poteri paranormali adesso che pochi li hanno in uso.
white wolf

Anonimo ha detto...

al sig andretta

ho preso spunto dela commento di anonimo 24 aprile 19:06 sull'opera della massoneria in Italia dal 1860e per tutto il Risorgomento, come ho indicato nella prima riga.

Cmq devo darle ragione , rispetto al post ero off-topic, ma forse sempre in tema con i contenuti del blog. Cercherò di stare più attento per il futuro.

alberto

Anonimo ha detto...

MA PERCHE' PARLATE SEMPRE DI COSE CHE SANNO GIA' TUTTI!!!

Anonimo ha detto...

Qualche dato in più che può essere sempre utile:

http://www.economicshelp.org/blog/economics/list-of-national-debt-by-country/

La Libia così com'è vista dalla CIA. Il suo debito pubblico è al 3.30 del GDP, mentre quello americano è al 97%.

https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/ly.html

Giorgio Andretta ha detto...

Per una equilibrata lettura dei bilanci corre l'obbligo di scorrere le colonne del passivo e dell'attivo, non che ciò sposti granché nei casi specifici della Libia e degli yankee.

Anonimo ha detto...

buon articolo,condivisibile,segnalo un'errore:in Libia non sono 3 milioni ma 6 milioni gli abitanti

Frascabo ha detto...

Per White Wolf:
Esiste il libro tradotto in italiano di William Guy Carr?
Se si mi sapresti indicare dove comprarlo? Io ho provato nelle varie librerie on line ma senza risultato. Grazie.

Anonimo ha detto...

Una volta, ogni banconota aveva un corrispettivo d’oro che la garantiva, in modo che non si potesse stampare soldi a piacimento e questo era dato dalla disponibilità reale di metalli preziosi. A più riprese questa convertibilità banconota-oro è stata sospesa da vari governi, soprattutto per fare guerre che richiedono letteralmente una montagna di denaro. L’ultima volta che è stata presa una simile decisione, fu nel 1971, dal Presidente USA, allora era Nixon. Per salvare il suo paese dalla bancarotta, annunciò la sospensione totale della convertibilità dollaro-oro, che stiamo pagando ancor oggi. Però, anziché essere temporanea è divenuta permanente (proprio come la guerra permanente al terrorismo). Non è un caso che dal 2006 la FED (Federal Reserve) si rifiuta di rendere pubblico un importantissimo valore, cioè il dato relativo alla massa monetaria in circolazione e gli USA divennero grandi esportatori d’inflazione. Il dollaro praticamente, non vale più della carta igienica, 100 dollari vale tre centesimi( il costo dell’inchiostro, carta e mano d’opera), eppure tutti accettano dollari negli scambi internazionali. La realtà è che viviamo in un sistema falsato, in cui nulla ha più il valore che dovrebbe avere. Fondamentalmente la supremazia degli USA, si basa sul fatto che gli scambi nelle borse petrolifere vengono effettuati con i dollari; il petrolio è scambiato con dollari, non con euro o altre valute. Questo perché gli USA imposero quella condizione quando il dollaro aveva ancora un valore e, ora, semplicemente bombardano quei paesi che vorrebbero vendere petrolio in cambio di euro. Il dollaro ha l’apparenza di una moneta “valida” perché viene scambiato con petrolio, un bene con un forte valore reale.
Il lato economico-monetario della questione però, secondo me, è il secondo obbiettivo. Il primo invece è che il caos viene generato per giustificare la necessità di un governo mondiale che riporti l'ordine. Distruggere per ricostruire. Ma dobbiamo tenere presente che non si installerà nessun governo mondiale prima che sia costruito il terzo tempio di Salomone a Gerusalemme, esattamente dove si trova la moschea di Al Aqsà. Se avete notato che in tutti i paesi dove hanno orchestrato le “Rivoluzioni” sono a maggioranza mussulmana. Quindi la domanda è; come sarà possibile buttare giù la moschea e costruire il tempio senza che il miliardo di mussulmani si svegliassero? Ora il modo per abbattere la moschea di al Aqsà a Gerusalemme, (secondo luogo sacro dopo la Mecca per i mussulmani) lo hanno trovato, senza che il miliardo di mussulmani si svegliasse. Da una parte tenerlo occupato nelle sue rivoluzioni e dall’altra, scavano numerosi tunnel sotto e intorno alla moschea di modo che crolli da solo non appena arriva il terremoto. Al momento giusto, il terremoto arriverà perché lo provocheranno loro stessi. Recentemente, nel deserto del Naqab in Palestina, gli israeliani hanno piazzato nella pancia della terra, oltre cento tonnellate di potentissimo materiali espulsivo e provocarono un terremoto artificiale di potenza vale a 2.5 sulla scala Richter basta per farlo crollare. Fu recapitato in molti paesi.
“Il riconoscimento del nostro regno avrà inizio dal momento stesso che il popolo, scisso dai dissensi e dolorante per il fallimento dei suoi governanti (e tutto questo sarà stato preparato da noi).” Dal X protocollo dei Savi di Sionne.
Kaled

Anonimo ha detto...

pezzo di merdaaaa sei una carogna skifosa tante e tali cazzate racconti al tuo pubblico di dementi...ci sara pure qualcuno che ti zittisca x sempre ..lurido infame

Anonimo ha detto...

carognaaaaa

Anonimo ha detto...

Anonimo 10 Maggio

Grande hai centrato il punto, e gli insulti sono la conferma...

I loro motti infatti sono:

-Ordo ab Chaos

-Dividi et impera

-Cambiare tutto per non cambiare nulla.


Continua così...Il tempio di Salomone fu edificato con la magia dai demoni che poi fecero la festa a Salomone... la ricostruizione di quel tempio è qualcosa che peserà sulle nostre vite e sugli astri.

Anonimo ha detto...

Grazie
Kaled

Anonimo ha detto...

@Anonimo 24 aprile 2011 13:49

http://blog.ilgiornale.it/foa/files/2007/07/blog_heads_foa_695x1301.jpg