lunedì 5 luglio 2010

I molti interrogativi sulla morte di Taricone




Ricevo da un lettore e pubblico:

Il 29 giugno, a seguito di un incidente di volo del giorno prima avvenuto sull’aviosuperficie di Terni, moriva Pietro Taricone, ex concorrente del Grande Fratello e attore. Era la terza vittima in 4 mesi. Un record, se si pensa che in tutta Italia i paracadutisti morti in tutte le aviosuperfici sono stati in totale 7.



Grande cordoglio nazionalpopolare su tutti i media italiani con trasmissioni dove sono state versate in diretta o in differita fiumi di lacrime.
Sulle cause di quell’incidente si è invece detto ben poco.
Sul perché un paracadutista con 500 lanci, quindi considerato esperto, con materiali costosi a disposizione, abbia compiuto una vera e propria manovra suicida che lo ha condotto alla morte.
A "Matrix" l’amico e proprietario della scuola di paracadutismo "The Zoo" - di cui Taricone era assiduo frequentatore - Riccardo Paganelli, testimone oculare, ha spiegato tecnicamente come si sono svolti i fatti fermandosi al medesimo interrogativo: il perché sia stata effettuata quella folle manovra a 30 metri dal suolo.

Noi abbiamo provato a dare alcune spiegazioni raccogliendo informazioni e pareri qualificati sul web e cercando di ricostruire le cause di questa tragedia, che, a quanto ci risulta, era annunciata. Queste cause coinvolgono diversi fatti concorrenti tra loro che possiamo organizzare in diverse categorie: Riassumo qui le opinioni concordanti di alcuni paracadutisti esperti che abbiamo raccolto sul nostro forum “Poteri occulti”:


1. I materiali
Taricone era un paracadutista esperto, ma forse non abbastanza per utilizzare quei materiali. Utilizzava infatti una vela a profilo alare Crossfire 109, sottodimensionata rispetto al suo peso. Il 109 si riferisce ai piedi quadrati della superficie della vela.
In sintesi più la vela è piccola, meno portanza ha, più si scende velocemente e i movimenti sono repentini.
Il rapporto standard per la sicurezza tra peso e superficie della vela è di 1 piede quadrato ogni libbra di peso. Una persona di 80-85 kg (180 libbre)+materiali dovrebbe utilizzare un paracadute di almeno 180 piedi. In base poi all’esperienza e ai lanci la superficie può essere anche ridotta. L’uso comunque della Crossfire 109 (vela che anche alcuni paracadutisti esperti non si azzardano a utilizzare) è consigliata per esperienze di 700 lanci. Quindi utilizzava una vela forse superiore alle sue capacità caricata a 1,7 in luogo dei 2,2 (vedi forum). Possibile che nessuno lo abbia redarguito di ciò?

2. Condizioni climatiche
Pare che al momento della disgrazia il vento soffiasse a 18 nodi traversale da NNO. Un vento a 18 nodi, a detta di un pilota civile, è in grado di spostare un aereo di linea in atterraggio. Il pilota del Cessna avrebbe dovuto informarlo del fatto.

3. La filosofia di “gruppo”
Pietro Taricone, che era non solo assiduo della scuola, ma vero e proprio creatore/organizzatore del gruppo di Terni assieme a Paganelli, è forse rimasto vittima di un tipo di filosofia, che è molto esaltata da alcuni, ma molto contestata da altri nel mondo dei paracadutisti: quella del coraggio dimostrato con l’ardimento. Una filosofia antica, ma mortale. Taricone era stato padrino nella nascita di un gruppo chiamato “Istinto rapace” che faceva capo ai movimenti di destra (niente da eccepire sugli ideali s’intende). Ma il desiderio di essere leader e il dover dimostrare qualcosa lo può aver spinto all’irreparabile. Alcuni parà esperti contestano questa mentalità in voga in questo sport di ritenere un “pollo” chi non si prende rischi da uomo: una vela più piccola e più veloce, una virata di più al limite. Un parà esperto riferisce anche una frase dello stesso Paganelli: "oggi se non hai un katana sei un coglione"; lo stiletto è una vela da "allievo". Tanto da considerare un paracadutista di 90 kg con poco meno di 1000 salti, che si lancia con un S2 170 piedi, scherzosamente (ma nemmeno troppo) una sorta di ritardato... (dal forum paracadutismoitalia.net).
Sul modo di lanciarsi spericolato del gruppo di Terni vi è la testimonianza dei video da loro stessi girati, pubblicati su youtube in occasione della festa "Animal house", conclusasi tragicamente il 1 maggio con un morto.
All’interrogativo iniziale sul perché di quella manovra si può quindi rispondere con un concorso di concause. Un concorso di concause con molti colpevoli ognuno dei quali, se non davanti alla legge, dovrà fare i conti con la propria coscienza.
Quanto ai media, si è persa nuovamente l’occasione di fare del vero servizio pubblico: nel gettare la tragedia di Taricone nel tritacarne del gossip si è nuovamente fatto mercato della sofferenza piuttosto che farne una occasione di dibattito perché tragedie di questo tipo non si verifichino più. E questo rende la morte di Pietro Taricone ancora più inutile.



Gli approfondimenti sul forum: http://poteriocculti.mastertopforum.biz/la-morte-di-pietro-taricone-davvero-un-incidente-vt2152.html





Aggiunta personale.

Io, andando anche oltre quello che dice il nostro lettore, propendo per la tesi dell'omicidio rituale, per i seguenti motivi:

- Nella stessa aviosuperficie ci sono stati tre morti in tre mesi.

- L'autopsia non è stata fatta e si è dato troppo velocemente l'ordine di crematura del corpo.

- La mancanza dell'autopsia è tantopiù sospetta, se si considera che per le due morti precedenti il magistrato l'aveva disposta.

- Un mese prima la fidanzata aveva avuto un incidente analogo.


- Aggiungo alcune note di simbolismo. I Tg e alcuni articoli di giornali erano chiaramente dei messaggi in codice. Troppo complicato ora spiegare questa simbologia, ma mi limito segnalare quella del Tg che vi mostriamo sopra: al minuto 1,22 vengono deposte delle rose rosse (e fin qui potrebbe essere una coincidenza); la persona che le depone ha una maglietta con scritto "cuervo", corvo, il simbolo alchemico massonico della morte rituale.


Un omicidio firmato, insomma.


Ora, come dice Eco... una buona indagine poliziesca dovrebbe provare che i colpevoli siamo noi.

Ma in qualunque scuola di polizia o di criminologia nessuno insegna il simbolismo massonico e alchemico.

Una buona indagine poliziesca dovrebbe procedere in queste direzioni: appurare se Taricone aveva detto un qualche no di troppo ai cosiddetti "poteri occulti"; verificare chi gli ha fornito il paracadute, chi c'era con lui prima del lancio (che eventualmente potrebbe avergli intorpidito i sensi con una minuscola ed impercettibile iniezione di sostanze psicotrope), appurare i suoi legami con i due morti in precedenza (uno di loro pare fosse un amico di Taricone); approfondire le modalità degli altri incidenti precedenti; dopodiché, eventualmente, chiedere al magistrato per quale motivo non ha disposto l'autopsia; analizzare meglio il simbolismo relativo all'evento (dal luogo dell'incidente, alle modalità con cui i giornali hanno pubblicato la notizia), ecc.

Fantascienza insomma, perché il potere non potrebbe mai indagare su se stesso, e nei pochi casi in cui lo fa, ovviamente, si autoassolve.

E quindi anche questa morte rimarrà senza colpevoli, e noi che diciamo queste cose veniamo presi per visionari.

La domanda non è chi ha ucciso Taricone, visto che, almeno a me, pare abbastanza chiaro; la domanda vera è: quando finirà questa strage continua ed ininterrotta di persone famose, gente comune, avvocati, magistrati, poliziotti, carabinieri, che continuano ad avere malori, incidenti strani, che si suicidano per il troppo stress, che scompaiono nel nulla?

Quando inizieremo a svegliarci?




70 commenti:

Anonimo ha detto...

Paolo scusa, quando hai tempo puoi postare qualcosa di piu' sui messaggi in codice di cui parli alla fine dell'articolo? E poi, il ragazzo con la maglia Cuervo che depone le rose rosse, chi e'? Un amico? Qualcuno mandato apposta? Ho dato un'occhiata in Internet, Cuervo e' la marca di una tequila, Jose' Cuervo per la precisione, messicana, io non ne avevo mai viste in giro ad essere onesta, sono facilmente reperibili queste T-shirt? Sinceramente non avrei mai pensato che la morte di Taricone potesse avere nulla a che fare con massoneria e affini, ma io di esoterismo e messaggi in codice non capisco nulla, quindi lascio aperta la porta del dubbio, e attendo maggiori informazioni per farmi un'idea un po' piu' precisa al riguardo. Finisco col dire che il corvo e' notoriamente considerato portatore di sciagura, cattivo presagio, ma sapete che e' anche simbolo dell'irresolutezza e dei delatori (spie)? Mi chiedo se questo c'entri qualcosa con la tragedia e abbia un suo significato nell'insieme.

Anna

Anonimo ha detto...

A corredo dell'articolo non sarebbe il caso di aggiungere la foto del pezzo di rivestimento del confessionale del GF che è stato depositato accanto alla lapide ed alle rose?

E' costituito da 4 piramidine rosse di materiale isolante con la punta nera.

in questa foto si vede abbastanza
http://zonareality.files.wordpress.com/2010/06/foto.jpg

grande fratello...occhio...endemo(n)l

Potrebbe essersi trattato di un incidente casuale e poi qualcuno ha pensato di caricarlo di simboli visto il personaggio e la sua storia??

Anonimo ha detto...

Qui si vedono meglio

http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery7762.shtml?2

Anonimo ha detto...

Ma a me è sembrato che sia stato un suicidio simulando un incidente...

Anonimo ha detto...

Invito Paolo a leggersi anche questo incidente di paracadutismo avvenuto vicino a Ravenna occorso a una giovane militare.

http://www.telesanterno.com/ravenna-trovato-corpo-paracadutista-0225.html

Molti degli indizi che tu citi li ho visti in altri articoli riguardo questa tragedia. Specie legati ai nomi"strani" di personaggi coinvolti.

http://www.romagnaoggi.it/ravenna/2010/5/18/161412/

Anonimo ha detto...

Finisco di pubblicare altri "incidenti"
la cui eta' si aggira sempre sui 22 o 33 anni..ed è interessante vedere sotto l'articoletto del giovane di 33 anni i simboli e foto che ci sono.

http://www.liquida.it/paracadutista/

Paolo Franceschetti ha detto...

Ciao Anna, se ti leggi l'articolo sulla Rosa Rossa, quello in cui parlo delle origini, dei suoi simboli, ecc... poi prova a leggere sul forum poteriocculti il topic relativo.

http://poteriocculti.mastertopforum.biz/1-vt2152.html?postdays=0&postorder=asc&start=0

Paolo Franceschetti ha detto...

PS. il rgazzo che depone le rose rosse è, credo, il proprietario della aviosuperficie e gestore della scuola, Paganelli

Anonimo ha detto...

Articolo molto interessante.
Ho una precisazione doverosa sul ragazzo biondo con la maglietta.
Si tratta del fratello di Taricone, sono sicuro di questo perchè lo conosco. Ma anche leggendo le didascalie delle foto sui vari quotidiani viene specificato chiaramente che è il fratello.

Anonimo ha detto...

Piccola aggiunta... lo sai che la fidanzata di Taricone è figlia di un generale dell'aviazione polacca?
Non sò se centra qualcosa ma a me stuzzica ;)
Marzia

Anonimo ha detto...

Pare che oggi blogspot abbia dei problemi tecnici, in particolare con gli account google.
I commenti anonimi vengono pubblicati e rimangono visibili, mentre i commenti postati da utenti con account (anche di noi amministratori) vengono momentaneamente pubblicati ma poi scompaiono subito e non si vedono.
Riportiamo quindi in forma anonima i commenti che non sono stati pubblicati con gli account.

Stefania Nicoletti

Anonimo ha detto...

Paolo Franceschetti ha detto...

Ciao Anna, se ti leggi l'articolo sulla Rosa Rossa, quello in cui parlo delle origini, dei suoi simboli, ecc... poi prova a leggere sul forum poteriocculti il topic relativo.

http://poteriocculti.mastertopforum.biz/1-vt2152.html?postdays=0&postorder=asc&start=0

06 luglio 2010 09.30

Anonimo ha detto...

Paolo Franceschetti ha detto...

PS. il rgazzo che depone le rose rosse è, credo, il proprietario della aviosuperficie e gestore della scuola, Paganelli

06 luglio 2010 09.31

kobe bryant ha detto...

Anch'io sono insospettito da quanto accaduto soprattutto per la velocità della cerimonia e della sepoltura, praticamente a meno di 24 ore dalla morte.
Ultimamente Taricone stava interpretando ruoli più impegnativi e poi come avete ricordato era divenuto famoso per un programma che si chiama 'Grande fratello' ma non solo. Era amico di Saviano (messaggio in codice?) che lo ricorda qui
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/spettacolo/2010/06/29/visualizza_new.html_1847594882.html

Però chi ritiene che i casi di Gaetano e Pantani non siano sospetti cosa dirà ora che si parla di un ragazzo storicamente celebre per spettacoli e commedie molto leggere?

Anonimo ha detto...

Del resto e' stato cremato a "SAN BENEDETTO" DEL TRONTO e' gia' i Templari strumentalizzati per i messaggi in codice della R.R.

Anonimo ha detto...

quel che non mi e piacuto di quel che faceva taricone che se non sbaglio era anche socio della societa che organizzava i lanci era la proposta di coinvolgere raggazzi giovanni nei lanci con la modalita dei prestiti d'onore visto che il paracadutismo e un sport d'elite e costa tanto.uno che si deve indebitarsi in quella eta meglio che lo faccia per studiare o corsi proffesionalie non certo per fare vacanza o lanciarsi con il paracadute.

Anonimo ha detto...

Taricone non era "amico" di Saviano.
Erano solo stati nella stessa classe alle scuole superiori, come raccontato dallo stesso Saviano.
Non c'è bisogno di favoleggiare.

Anonimo ha detto...

su ragazzi, san benedetto del tronto è uno dei pochi crematori in italia ed il più vicino al luogo di sepoltura di pietro taricone.
ma non avete altro da pensare nella vita?

Anonimo ha detto...

Ciao Paolo, grazie delle dritte, avevo gia' letto l'articolo sulla Rosa Rossa, pensavo che tu ti riferissi a delle specifiche simbologie riguardo a cio' che e' successo a Taricone, che siano riconducibili alla RR.

Ho anche letto i messaggi nel tuo forum, ho trovato molto interessante il post di Megamind, quando citava il passo della Bibbia, ed e' vero, il 29 giugno e' il giorno dei santi Pietro e Paolo, e Taricone e' morto proprio in quel giorno. Anche a me insospettisce il funerale fatto tanto di fretta, la cremazione, nessuna autopsia, voglio dire, in genere la fanno a tutti quelli che hanno avuto una morte violenta, giusto? Incidente o no, sempre morte violenta e improvvisa e', quindi non comprendo neanch'io. Il funerale senza eucaristia potrebbe essere una richiesta che Taricone fece in vita, magari? Tutto e' possibile. Anche noi atei in genere disponiamo delle nostre esequie per tempo, visto che l'idea di entrare in una chiesa o altro luogo di culto non ci attrae neanche da morti.
Forse Taricone neanche l'avrebbe voluto un funerale in chiesa, ma visto che i genitori sono credenti, hanno voluto almeno il rito cattolico, anche se incompleto. E poi la cremazione in se' non e' certo normale nel cattolicesimo, anche se ormai sempre piu' persone anche credenti la chiedono. Penso che Taricone abbia disposto anche quella, in vita. Non capisco pero' la scelta della localita', qualcuno ne sa di piu' al riguardo? Era il luogo piu' vicino a Terni dove si puo' eseguire la cremazione? A Perugia non era possibile? Ho controllato su Internet, a Terni non c'e' un impianto di cremazione, ma a Perugia si, non era piu' logico farlo a Perugia? Le due cittadine distano solo sugli 80 km l'una dall'altra piu' o meno, mentre San Benedetto dista almeno il doppio da Terni, se non di piu'; il tutto suona un po' strano, a meno che Taricone o la famiglia non avessero buoni motivi per farlo a San Benedetto.

Qualcuno, forse proprio Megamind, diceva nel forum che si da un messaggio a nuora perche' suocera intenda...allora che dobbiamo aspettarci adesso?

Paolo, tu che ne pensi? (Non e' il momento migliore per avere questo nome, poi...scherzo, ovviamente).

Anna

VidiVici ha detto...

Nessuno ha pensato che la morte di Taricone è avvenuta giusto in tempo per essere "arma di distrazione di massa" e fornire una comoda scusa per non dare troppo risalto alla sentenza Dell'Utri?

Forse, ridendo e scherzando quelli di Spinoza ci hanno azzeccato...

http://www.spinoza.it/2010/e-morto-pietro-taricone

Anonimo ha detto...

Lo detto io... strano no? I genitori che non si pongono domande... un rito funebre mancante della eucarestia (che è il punto nodale della liturgia cattolica).. e dulcis in fundo bruciato "da San Benedetto"... che strano...

Anonimo ha detto...

dedicato a tutti voi...


Finished with my woman
'Cause she couldn't help me with my mind
People think I'm insane
Because I am frowning all the time

All day long I think of things
But nothing seems to satisfy
Think I'll lose my mind
If I don't find something to pacify

Can you help me occupy my brain?
Oh yeah!

I need someone to show me
The things in life that I can't find
I can't see the things that make true happiness
I must be blind

Make a joke and I will sigh
And you will laugh and I will cry
Happiness I cannot feel
And love to me is so unreal

And so as you hear these words
Telling you now of my state
I tell you to enjoy life
I wish I could but it's too late

Anonimo ha detto...

e poi una cosa strana, forse casuale.... PIETRO che muore a SAN PIETRO..... una caso????

Anonimo ha detto...

Un personaggio molto popolare di nome Pietro, che muore il giorno di S. Pietro, roprio in questi giorni che la chiesa cattolica è sotto l'attacco concentrico dei sionisti, in Belgio, in Italia e in Germania...
decisamente gatta ci cova.

Anonimo ha detto...

il simbolo del corvo rappresenta il buttarsi senza paura,perche sarebbe l unico volatile che prima si lancia nel vuoto e poi apre le ali per volare,molto attinente al paracadutismo.

Tony Sborzullo ha detto...

Gentili Signori, credo che si esageri...oltre certi limiti si puo' tranquillamente parlare di paranoia. Il povero Taricone ha avuto un incidente. Di questo passo non riuscire te più a distinguere la realtà dalle fantasie. Ma secondo voi la massoneria o la R.C. cosa ne hanno da guadagnare dalle morte di un personaggio stimabile ma non di elevato profilo? mi fa ridere il commento del signore che collega la morte di Taricone con l'amicizia dello stesso con lo stimatissimo Saviano. Ho motivo di pensare, senza togliere nulla al personaggio che ammiro col cuore, che Saviano fa e dice quello che fa e che dice perchè puo' ben dirlo. E non vado oltre....!

Paolo Franceschetti ha detto...

ciao anna, non penso nulla, nel senso che non ho potuto dedicare alla vicenda più di qualche oretta... a me basta sollevare il problema. Il resto, poi, dovrebbero farlo altri.

Paolo Franceschetti ha detto...

Gentile Tony Sbarzullo?

Sa perchè certi poteri si definiscono "occulti"? per un motivo molto semplice, che non li si vede. Che fanno le cose nascondendole abbastanza (non troppo) bene.

E soprattutto sono occulti e lo saranno sempre, finchè ci saranno dei geni come lei, sicuri al cento per cento di capire tutto, e sapere con esattezza che è stato un incidente, senza ovviamente aver dedicato più di qualche minuto alla riflessione e - manco a dirlo - senza neanche sapere cosa siano massoneria, servizi segreti, ecc.,

Anonimo ha detto...

Gentile Avv. Franceschetti,
nessuno contesta l'esistenza di poteri occulti, nè ho la presunzione di conoscere la realtà. So benissimo che nulla è come appare. Ma mentre per Roberto Calvi o Enrico Mattei, o ancora Pierpaolo Pasolini o Jorge Haider le motivazioni di un incidente procurato o di un omicidio fatto passare per suicidio sono palesi, non riesco a comprendere che interesse dovrebbero avere i poteri occulti ad assassinare un personaggio certamente più profondo di tanti altri, ma che non poteva in alcun modo ostacolare i loro piani. Mi illumini se sbaglio...cordialità Tony Sborzullo

Anonimo ha detto...

Gentile Avvocato Franceschetti, ci siamo fraintesi. La ammiro per il suo coraggio e l'opera di divulgazione che fa. Conosco per esperienza diretta l'esistenza di forze occulte, che spesso dirigono e indirizzano la storia umana, ma qui mi sembra non ci siano gli estremi per imputare a loro la morte del compianto Taricone. Per Roberto Calvi, Enrico Mattei, Pierpaolo Pasolini, Marco Pantani, Jorge Haider e tantissimi altri esistono dei moventi importanti. Per il povero Taricone non ne vedo, a meno che Lei sappia qualcosa altro. Queste organizzazioni non ricorrono all'omicidio se non per motivi inevitabili ed ineludibili, e per motivi rituali non si scelgono vittime "sotto i riflettori", ma anonime. Cordialmente, Tony Sborzullo

Anonimo ha detto...

Come dire... Pietro e' morto... caduto in volo dall'alto dei cieli e bruciato da San Benedetto... piu' chiaro di cosi'...

Anonimo ha detto...

Il ragazzo che depone le rose, anche se biondo, non credo sia Roberto Paganelli. Come si puo vedere da questo filmato http://www.youtube.com/watch?v=aQ41VE1upPY al minuto 1:41 il ragazzo biondo porta un vistoso orecchino al lobo sinistro. Il volto del ragazzo biondo si vede abbastanza bene dal minuto 1:53 al 2:00. Come si può vedere invece al minuto 2:25 Riccardo Paganelli non porta orecchini al lobo sinistro.

RI

Anonimo ha detto...

La morte di Pietro Taricone all'insegna della Rosa Rossa?
http://forum.escogitur.com/index.php/topic,45430.0.html

- (PRIMA DI TARICONE) SCONTRO A TERNI TRA PARACADUTISTI: UN MORTO
- TARICONE, IL "GF" PER ULTIMO VIAGGIO. AUTORI PORTANO SOUVENIR
http://forum.escogitur.com/index.php/topic,37662.msg44423.html#msg44423

Rino Gaetano ed il manifesto di Casa Pound
http://forum.escogitur.com/index.php/topic,45641.0.html

Anonimo ha detto...

Io approfondirei quello che dice il Signor Sborzullo perche' e' interessante.

Come ho gia' detto, non mi intendo di esoterismo, messaggi occulti (a meno che non siano nei libri e io riesca ad afferrarli!) nei media ecc., pero' da quando frequento questo blog anch'io mi sono fatta l'opinione che se queste organizzazioni uccidono a scopo rituale, o usano dei serial killer perfetti sconosciuti che poi diventano ovviamente famosi, i quali a loro volta ammazzano perfetti sconosciuti di cui nessuno si interessera' mai realmente, o rapiscono tramite bassa manovalanza altri poveri diavoli che saranno presto archiviati come scomparsi volontariamente o altro, ma non capisco perche' uccidere una persona "famosa" come Taricone di punto in bianco solo a scopo rituale, rischiando tra l'altro di finire sempre sospettati e dunque disturbati.
Se sono poteri cosiddetti occulti, perche' andare a far fuori uno che sotto i riflettori da qualche anno ci stava? Non e' piu' comodo ammazzare gente di cui nessuno sa neanche se esiste, a parte parenti e amici?

Come diceva Sborzullo, altro sono gli omicidi di personaggi quali Pasolini, Mattei o Moro, i quali volevano attuare delle vere e proprie rivoluzioni intellettual-culturali l'uno, politico-economiche gli altri, ed e' ovvio che li' hanno pestato i piedi a coloro ai quali lo status quo dell'Italia stava piu che bene all'epoca, ma questi appunto sono motivi importanti.

Non ho ancora le idee molto chiare sulla triste fine di Taricone, ma potrebbe pure essere imputata a invidie di gente che circolava nel suo ambiente, non necessariamente legate a poteri occulti e affini. In certi casi le coincidenze (morire nel giorno del proprio onomastico o compleanno, che so) possono pure esistere, no?

Non ho poi ben capito il commento dell'anonimo delle 13.03: intendi dire che Pietro, il primo Papa della Chiesa Cattolica viene bruciato dall'attuale Papa Benedetto XVI? Un messaggio per dire che l'attuale Papa spregia il papato e che quello che sta succedendo nella Chiesa e' un chiaro segno del piano di distruzione del papato e della Chiesa come li conosciamo che l'attuale Papa ha, per trasformarli in qualcos'altro come diceva MDD nel post sull'articolo di Blondet? Attendo delucidazioni in merito, grazie.

Anna

Anonimo ha detto...

Pensiero magico ed evocazione
...stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E' come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore.
Capire la propaganda, R. Winfield

http://santaruina.splinder.com/post/22939962/pensiero-magico-ed-evocazione

m
_____

martedì 6 luglio 2010

IL TEMPO DEL RIPOSO

Leon Zingales

http://economiaincrisi.blogspot.com/2010/07/il-tempo-del-riposo.html

Diceva Holderlin “..l’uomo da servo dell’Essere è divenuto padrone dell’ente, da angelo si è fatto mercante..è giunta mezzanotte, l’ora dell’ombra più lunga, l’ora in cui l’uomo obliatosi oblia l’oblio”.
Vivremo momenti veramente difficili nei prossimi anni: oscurata con colpevole scienza e con pervicace lavoro la luce della Fede, i popoli saranno sempre più spaventati, confusi, agitati. Eventi drammatici (naturali, politici, bellici ed economici) si susseguiranno in modo sempre più rapido, pietrificando nella paura, nella disperazione e nelle bestemmie le moltitudini ingannate dal pifferaio magico.
L’economia virtuale e finanziaria è semplicemente un mattone dell’imponente edificio innalzato dall’uomo in un luciferino desiderio di ribellione: la moderna torre di Babele, costruita con la squadra ed il compasso da muratori sotto l’ordine diretto del pervertitore.

Un’economia ormai disumanizzata, sguazzante nello scandalo della dissoluzione, della morte e della falsità (che ho cercato di descrivere in questo blog) è in procinto di implodere anche a causa di eventi naturali apparentemente casuali. L’edificio delle false certezze crollerà e, schiantandosi, si frantumerà in un mare di schegge diffondendo dolore e tristezza.
Per quanto mi riguarda è giunto il momento di godermi la gioia delle cose più semplici e più vere: prendermi cura della famiglia, passeggiare con gli amici, ritrovare la meraviglia dei tramonti in riva al mare.
Non è più il momento di urlare che l’iceberg è vicino, di fare la sentinella sulla nave guidata da complici marionette piena di incapaci marinai: alle grida di allarme, sempre sovrastate dalla chiassosa orchestra che muove la sfrenata danza, deve ormai seguire l’ora della contemplazione, del silenzio orante e del ringraziamento per le cose belle.
Pregava Novalis:”.. E da ogni dove si raccolgono intorno a Lui i suoi felicissimi discepoli; e mille lingue liete gli balbettano il loro amore e la loro gratitudine… Egli inietta con innumerevoli raggi la sua vita interiore nel mondo, l’amore sorseggia dalla sua coppa, e gli resta unito in eterno.”
Il lungo, complesso ma esaltante viaggio del blog termina qui. Vi ringrazio di cuore tutti, ormai numerosi amici. Vi chiedo soltanto (oltre a ricordarmi nelle vostre preghiere) di rileggere i contenuti del blog a distanza di un anno: il violento precipitarsi degli eventi farà sembrare sempre più chiari anche i punti più criptici.
Se soltanto in uno di voi lettori non credenti entrerà un semplice seme della speranza cristiana che aiuterà a sopportare il pesante fardello che ha da venire, tutto il lavoro svolto sarà infinitamente ricompensato.
Che Nostro Signore e la Vergine Maria Vi benedicano.

Anonimo ha detto...

qui

http://farm5.static.flickr.com/4102/4770837475_977f91e30b_b.jpg

una screenshot del sito di repubblica, il giorno dopo la morte di taricone.

vi dice nulla?

chewz

Anonimo ha detto...

errata corrige:

la screenshot è del sito del corriere non di repubblica.

chewz

elena ha detto...

Scusate l'intrusione...

Per Anonimo delle 13:03:
potresti spiegare per favore?

Per Chewz:
uguale... :/

Chiedo scusa, è che mica tutti hanno il 'fiuto' da investigatore di messaggi in codice...

Perché è importante San Benedetto?
Cosa dice lo screenshot?

Se qualche buon'anima volesse esplicare... ringrazio in anticipo :)

Un saluto a tutti e un enorme grazie a Paolo, Solange e Stefania per il lavoro di divulgazione che portano avanti!
elena

PS: qualche sera fa su rai3 hanno dato in prima serata il film Il nome della rosa... Sbaglio o era una vita che non lo si vedeva in tv?

Anonimo ha detto...

lo fanno tutti gli anni

Anonimo ha detto...

PS: qualche sera fa su rai3 hanno dato in prima serata il film Il nome della rosa... Sbaglio o era una vita che non lo si vedeva in tv?

già... lo dànno solo ogni morte di papa.

uaz uaz uaz

democrito ha detto...

non seguendo il GF mi risulta difficile dire qualcosa di tarricone e della sua morte, ma voglio concentrare la mia attenzione sull' argomento delle coincidenze. le coincidenze esistono, la vita stessa che viviamo è in fondo una coincidenza. tra miloni, miliardi di possibilità, sono nato e ho vinto una lotteria cosmica praticamente impossibile. da allora le coincidenze si sono succedute, nella mia esistenza, in una sequenza logica tuttosommato imbarazzante, al punto di considerare gli avvenimenti della vita come guidati da un'entità. che ci siano uomini in grado di guidare gli avvenimenti e creare coincidenze, come sostiene paolo, è possibile, ma penso che l'attenzione debba essere concentrata più sulla dimensione mistica che su quella umana. certo, le rose sempre presenti, pietro che muore nel giorno di s.pietro ecc., fanno pensare ad una manipolazione umana delle coincidenze, ma ha questo punto occorre pensare a persone dotate di poteri magici, perchè non è possibile calcolare con il solo aiuto della ragione tutte le possibilità e guidarle in una direzione voluta. rino gaetano che muore, dopo che 5 ospedali rifiutano il ricovero, non è possibile indirizzare gli eventi in un modo così capillare, con il solo aiuto della logica, occorrono poteri magici. quindi, o pensiamo che tutto ciò non è possibile, e dobbiamo arrivare forzatamente alla conclusione che si tratta solo di paranoie, oppure dobbiamo ammettere che il mondo è qualcosa di completamente diverso di quanto siamo abituati a considerare. ma perchè tarricone? se avessimo la risposta a questo interrogativo, ne sapremmo veramente tanto sulla rosa rossa e su come funziona. per me si tratta della strategia della tensione. la morte di un personaggio conociuto, pur non avendo nessun impatto sul mondo delle idee, della cultura, o della politica, suscita un impatto emotivo formidabile sulle persone. lo stesso valeva per pantani, perchè ammazzare un ciclista? pantani era un personaggio amato e la sua morte ha suscitato un'emozione intensa ed una paura sottile nella gente. anche gli dei possono morire, figuriamoci i normali. altro che perseguire alti ideali, meglio stare buoni ed abbottonati.

Anonimo ha detto...

Comunque è strano presentarsi a un funerale con una T-shirt di una marca di tequila...?!?...di solito ai funerali ci si va vestiti per bene..non con una magliettina del cavolo..ma vestiti decentemente..soprattutto se sei un amico del defunto o uno che lo ha conosciuto bene.

Anonimo ha detto...

La Rosa: "Voi, finti amici che piangete per Taricone"

Notizia del 7 luglio 2010 - 14:30

Marina, ex coinquilina durante il primo GF, sotto shock per la morte di Pietro, lo ricorda ("Era un uomo con le palle") e punta il dito contro tutti quelli che hanno speculato sulla morte

Anonimo ha detto...

per Elena:

se fai caso alle thumbs che testimoniano l'affetto del popolo di facebook (!!!) a Taricone noterai che la seconda, proprio a fianco del suo volto sorridente, raffigura una rosa rossa.

certo potrebbe essere una concidenza, come ne capitano sempre quando qualcuno muore in circostanze misteriose.

più su è stato fatto notare come la moglie di Taricone, l'attrice polacca Kasia Smutniak, sia figlia di un generale dell'aeronautica militare polacca (e abbiamo visto tutti l'attacco subito dall'establishment della Polonia), ma forse qualcuno ricorderà anche che la bella Kasia ha interpretato il ruolo della fidanzata di rino gaetano nella (scandalosa) miniserie televisiva dedicata al grande artista.

chewz

Anonimo ha detto...

http://www.repubblica.it/cronaca/2010/07/08/news/arrestato_flavio_carboni-5471098/?ref=HREA-1

Anche su Repubbica si menziona la massoneria sullo scandalo appalti in salrdegna per l'eolico...

Anonimo ha detto...

concordo con l'anonimo del 06 luglio 2010 22.14 che vi ha dedicato "Paranoid" dei Black Sabbath.
Che poi i Black Sabbath sono pure belli satanici.

Anonimo ha detto...

Pietro Taricone aveva inizato a criticare la TV intesa come mezzo di comunicazione.

Aveva chiaramente ed anche troppo esplicitamente fatto comprendere le sue scarse credenze nel mezzo de quo..... palesando, apertamente che non "credeva a questo mezzo",peraltro potentissimo e, per questo, utilizzatissimo dai padroni ovvero dai "padrini" come arma di distrazione di massa.

Di ciò che affermo ve ne è riprova in un'intervista rilasciata dal nostro bravo e, forse troppo, sensibile Pietro Taricone all'emittente LA7 solo qualche settimana prima della sua precoce scomparsa.

Proprio Lui, diventato noto grazie e solo a questo mezzo si era permesso il lusso di criticarlo ?

.....affronto intollerabile !

Come Lucifero, è stato fatto "precipitare" in basso "dall'altezza" della sua notorietà... esattamente dallo stesso punto in cui era salito ( ....una breve ed insignificante quota...) tuttavia letale, grazie solo a chi, un giorno, decise di tendergli una mano portandolo li, dove era arrivato seppur privo di paricolari doti/meriti

Non crede dottore ?

Come le sembra come ipotesi di movente ?

Anonimo ha detto...

Paranoia a pensare che certi poteri occulti si "occupino" anche del "frivolo" e della vita dei personaggi di tale mondo?

Paranoia o meno...a sanremo c'è chi...
http://www.davidemaggio.it/pics/ivazanicchi_sanremo2009_17febbraio.jpg
Ma è un casooooo!!!

ma si sa probabilmente certi amori...
http://www.musicroom.it/wp-galleryo/iva-zanicchi/zanicchifiore.jpg

la città dei fiori, il festival dei fiori. E' tutto casuale anche le morti che vi sono avvenute...
Le parole di Tenco sul biglietto sono casuali.

Dai su non siate paranoici e soprattutto "complottishti comunishti"

Viva il mondo e soprattutto i cervelli di plashticaaaaa

ZX

Anonimo ha detto...

Che tripletta...

http://www.repubblica.it/esteri/2010/07/08/foto/ges_su_playboy_polemiche_in_portogallo-5474144/1/

http://www.repubblica.it/esteri/2010/07/08/news/belgio_bimba_nuda_nel_pc_del_cardinale-5477925/

http://www.repubblica.it/esteri/2010/07/08/foto/ivan_kupala_i_russi_danno_il_benvenuto_all_estate-5472889/1/

ZX

democrito ha detto...

il millennarismo è un fenomeno comune a moltissime civiltà ed è stato riproposto in molte salse dall'avvento del cristianesimo fino ad oggi. tutti sanno come s. paolo fosse convinto della fine dei tempi prima della fine della sua generazione ed all'inizio della chiesa le comunità cristiane si aspettavano la fine dei tempi nel giro di pochi anni. come poteva un santo di tale portata mentire? un apostolo, un martire, il fondatore del cattolicesimo, l'uomo che aveva aperto le porte della salvezza ai gentili, eppure mentiva, perchè diceva cose che evidentemente credeva, ma non sapeva...e poi l'anno mille, tutti credevano nella fine dei tempi a causa della famosa profezia, ma non successe nulla, anzi ci fu una ripresa ed una nuova vitalità appena decretato lo scampato pericolo...e poi la fine del secondo millennio, stiamo assistendo oggi ad un rigurgito di vecchie suggestioni, sembra quasi che molti la desiderino. se morte deve essere, che sia per tutti.
i cristiani erano tenuti a versare la decima dei loro guadagni alla comunità di appartenenza. un uomo dichiarò di aver guadagnato meno di quanto fosse in realtà, ma l'apostolo pietro se ne accorse e lo percosse (lo uccise). arrivò poi la moglie dell'uomo, che non sapendo della morte del marito, sostenne che la cifra era quella giusta e fu a sua volta percossa. chiesi tempo fa ad un prete il motivo di un episodio così crudo, riportato negli atti degli apostoli e lui mi disse che nel mondo antico, più che la morte fisica, si considerasse la morte spirituale, quindi l'uomo e sua moglie erano già morti nello spirito, prima ancora di essere uccisi fisicamente.
coloro che credono in un imminemte fine del mondo, a mio parere, non hnno capito che la fine è già stata posta in atto da molto tempo e che l'apocalisse è già qui. non credo succederà nulla fisicamente, se non che quando morirò sarà per me la fine del mondo, ma il mondo è già morto spiritualmente e la fine fisica è solo un dettaglio insignificante.
tanto per non andare troppo ot, dico che la chiesa è già morta, anzi lo era prima ancora di nascere e forse per questo che si scaglia con tanto accanimento contro la 194...la sua fine non sarà che un dettaglio insignificante...persino per i cosidetti cristiani che, se tanto mi da tanto, prevedo saranno i primi ad abbracciare il nuovo credo unificato, perchè l'importante è credere, non cosa si crede, e darsi l'illusione di false certezze, togliendosi di di mezzo la responsabilità di vivere ed evitare la meraviglia, il timore e l'incertezza che essa comporta.

elena ha detto...

Chewz, grazie :)
In effetti la prima volta che ho aperto l'immagine non si era aperta completamente e non avevo visto la parte sotto. L'ho notato aprendo una seconda volta il link.

Per il mio PS sul film dato su rai3:
non sapevo che viene dato tutti gli anni, non guardo la tv da 4 anni circa; mi sembrava fosse un bel po' che non circolasse in tv ma mi sono sbagliata. Grazie dell'informazione, nonostante l'ironia.. :P

Continuo a non vedere il nesso con San Benedetto (fosse stato San Bernardo magari potevo fare qualche collegamento, ma con S. Benedetto non mi viene in mente granché).

Grazie a tutti, buona serata
elena

Anonimo ha detto...

Il Cenacolo delle Vie della Tradizione - La Donna

parte 1

http://www.youtube.com/watch?v=GFmno-Jnbx4

parte 2

http://www.youtube.com/watch?
v=pqn5wpWD0iI

parte 3

http://www.youtube.com/watch?
v=seEr7kTpnQg

Anonimo ha detto...

Elena:Continuo a non vedere il nesso con San Benedetto (fosse stato San Bernardo magari potevo fare qualche collegamento, ma con S. Benedetto non mi viene in mente granché).

C'è il nesso c'è...a San Benedetto fanno miss italia.

Anonimo ha detto...

OT ma degno

http://www.educando.it/arealocale/fotoalbum/displayimage.php?pid=78170&fullsize=1

Anonimo ha detto...

a san benedetto del tronto non fanno più le semifinali di miss italia da 2 anni, informatevi prima di dire balle, grazie.

Sherlock Holmes ha detto...

Come sempre su questo blog, l'eccesso di indizi sta facendo soffocare il grano in mezzo al loglio.

Tanto per intenderci, non è possibile tenere alla medesima considerazione un indizio interessante come la stranezza della morte di un paracadutista esperto in un lancio semplice e uno evidentemente vuoto di spessore come il nome della moglie.

Ciò detto, il filmato più esplicativo in assoluto è il seguente: http://www.youtube.com/watch?v=aQ41VE1upPY
in cui al minuto 1.53 vediamo in volto il ragazzo con la maglia del 'Cuervo' parlare con altre persone, mentre al minuto 2.47 vediamo Riccardo Paganelli, che è evidentemente UN'ALTRA PERSONA e che al 2.58 piange come un bambino.

A questo punto raccogliamo gli indizi rilevanti e proviamo a trarne conclusioni quantomeno realistiche, prima di avventurarci nell'immaginifico:
1)Taricone e Paganelli erano cofondatori della scuola di paracadutisti e amici stretti.
Taricone era bravo, ma aveva accumulato un numero pazzesco di lanci nel giro di pochissimo tempo.
I suoi amici riferiscono che ne faceva svariati anche in una sola giornata e che la prudenza gliel'hanno dovuta insegnare.
Non pare insomma, a ben vedere, essere stato quel paracadutista perfetto che molti hanno descritto.
2)Nella stessa superficie erano già avvenute due morti nel giro di poco tempo. Morti dalle quali Paganelli, capo del 'the Zoo', immagino non avesse certo tratto grosso vantaggio in termini di immagine. Un terzo incidente avrebbe addirittura potuto spingere a denunciare alle autorità competenti la sicurezza della struttura, e in rete mi pare che ci sia anche chi abbia espresso questa intenzione.
3) In quella zona pare esserci stato parecchio vento e questo potrebbe aver cospirato contro l'ottimale fruizione dell'altimetro acustico.
4) Per quanto sia strana la maglietta del ragazzo che depone le rose, non meno appariscente è la tinta dei capelli, evidentemente ossigenati. Maglietta e capello molto underground insomma, stile "anni '90", che si sposano bene assieme e che paiono caratteri tipici dello stesso individuo.
5) Qualora ci fosse stato un sabotaggio ai danni di Taricone si sarebbe dovuti passare da Paganelli, tant'è che è su di lui che anche Franceschetti pare adombrare i maggiori dubbi. Bene.
E allora che senso ha il fatto che a consegnare quel mazzo di rose sia stata mandata un'altra persona, quando il responsabile, nonché la persona con maggiore visibilità, anche mediatica a quanto vediamo, è proprio il Paganelli?
6) Sempre sulla scorta del punto 5) riflettiamo bene anche sull'ipotesi dell'eventuale messaggio in codice mandato tramite il video della deposizione delle rose.
Non pare quantomeno difficile che qualcuno possa riceverlo, quand'anche faccia parte del gioco e conosca il codice di lettura?
Si tratta infatti dell'immagine di pochi secondi nell'ambito di un servizio giornalistico di pochi minuti. E si tratta peraltro dell'immagine peraltro non certo centrata, ma presa come dettaglio della partenza della bara. Poco perspicuo, insomma, per essere un messaggio in codice.

Anonimo ha detto...

ciao, stavo leggendo un vecchio post del tuo blog: "La Rosa Rossa e il problema delle prove". C'è un commento di "Elhoangel" che parla dello stemma di Bracciano, e cita poi, nel susseguirsi del suo commento, questo:

"Nel 1419 papa Martino V nominò gli Orsini signori di Bracciano, chiedendo in cambio il dono simbolico di un falco, da effettuarsi ogni anno, nel giorno di San Pietro e Paolo"

Mi viene da ricollegare il fatto che Pietro faceva parte del gruppo "Istinto rapace". Quindi ricollegabile ad un "falco", da sacrificare , come dono, nel giorno di San Pietro e Paolo....

Una piccolezza, una sottigliezza, che come tutte le altre "inutili sottigliezze", a volte saltano all'occhio....

Un omicidio "sacrificio", o qualcosa del genere?

Anonimo ha detto...

OFFTOPIC:

Berlusconi che parla di MAGICA Italia
http://www.youtube.com/watch?v=Uh1NKqZ0B_0

Anonimo ha detto...

Caro Paolo, sei un genio!!!
Dico davvero: nessuno può smentirti, chiunque lo faccia viene passato per cospiratore...
Già che ci sei, indaga anche sulla morta di Patrick de Gayardon...
se anagrammi il nome, il luogo e la data di nascita sono certo che troverai collegamenti con la rosa rossa!!!

Anonimo ha detto...

Non so se qualcuno lo ha già fatto notare perchè non ho letto tutti i commenti ma ho notato che Pietro Taricone è morto lo stesso giorno in cui si ricordava la morte dell'autore del "piccolo pricipe", Antoine de Saint-Exupèry,morto in volo 110 anni fa in circostanze misteriose...

Anonimo ha detto...

Nessuno ha detto una cosa, ke forse è irrilevante, però è oggettiva.

Taricone e gli altri 2 poveri ragazzi non avrebbero dovuto essere lì. Mi spiego meglio: i lanci, compresi quelli del 1 maggio e quelli di Taricone, sono avvenuti in una zona non autorizzata. A Terni la zona autorizzata per i lanci è una, e invece ci si lancia (come è stato nei 3 casi) in un'altra. Ciò non significherà forse nulla, ma è un dato di cui nessuno parla.

2) Paganelli non è proprietario dell'aviosuperficie di Terni. L'aviosuperficie di Terni è di proprietà del Comune di Terni. E' PUBBLICA. Certo è starno che si conceda una struttura pubblica a un privato che ci commercia sopra...

Anonimo ha detto...

"In sintesi più la vela è piccola, meno portanza ha"

Falso.
Più la vela è piccola -> più si va veloci ORIZZONTALMENTE -> PIU' si ha portanza

Lo sanno anche i bimbi di primo liceo che la portanza generata da profilo alare è proporzionale al quadrato della velocità (E.G. velocità 2 -> portanza 4 ---- velocità 3 -> portanza 9)


"Un mese prima la fidanzata aveva avuto un incidenta analogo"

Falso anche questo.
Informati meglio.

Anonimo ha detto...

qualche giorno prima la fidanzata era semplicemente atterrata fuori campo --- vicino alla superstrada

Anonimo ha detto...

Navigando in Internet capita di imbattersi in blog come questo, che personalmente non avevo mai sentito nominare prima:

http://thalideide.blogspot.com/2008/12/camera-oscura-fotografare-la-deriva.html

Riporto una frase dall'articolo linkato, ma consiglio di leggerlo tutto perche' e' davvero molto interessante, specie per chi sia un fan della rivista "Fotografare" di un tale Cesco Ciapanna, di cui credo qualcuno abbia gia' parlato su questo blog in passato, a proposito dei suoi dossier sull'onomanzia:

"Chi sono questi potenti, è altra materia di discussione: Ciapanna li individua in una sorta di grande cospirazione, i cui attori sarebbero di volta in volta il Vaticano, gli ebrei, i gesuiti, la Philips, la Kodak e i carabinieri, operanti in una centrale occulta individuabile (stando alle sue indagini) nella cittadina marchigiana di San Benedetto del Tronto.(....)"

Ed ecco che forse ho capito come mai Taricone e' stato cremato proprio in una cittadina marchigiana che con lui non aveva, credo, proprio nulla a che fare.
Con lui no, ma con qualcun altro di sicuro si...

Anna

Anonimo ha detto...

io dico che voi siete dei mlati di mente, avete delle psicopatologie paranoiche , vedete il marcio in tutto ...concludi l'articolo dicendo che dovremmo svegliarci...dico ..e fare cosa ? manifestazioni contro i cavalieri dell'apocalisse ? contro tutti i fiorai che vendono rose rosse ? ma siamo matti , voi siete visionari e forse siete voi dei veri manipolatori , per vendere libri e fare soldi siete disposti a gettare mari di menzogne insieme a verita gia peraltro riconosciute che non scoprono di certo l'acqua calda, non ho mai visto un blog cosi pieno di sronzate e di baggianate come questo , capisco che oggi stare in vetrina piace ,ma qui si sconfina nella follia pertanto spero che questo scelletaro blog sia x sempre chiuso !

Anonimo ha detto...

ma che droghe sintetiche usate in questo ignobile blog ???
siete solo dei pazzi e se fossi un familiare del povero Taricone vi denuncerei tutti alla rossa rossa ah ah ah ah ah ah

Anonimo ha detto...

Caro paolo fai bene a non accettare le verita per come ce le raccontano ma credo tu abbia fatto un buco nell acqua.da paracadutista ti dico che lui stava facendo un corso che si chiama "vela" e consiste nell imparare a scendere in atterraggio in maniera veloce,poi il paracadute eccessivamente piccolo l ha scelto lui e nessuno lo ha obbligato come nessuno lo ha obbligato a saltare dall aereo con vento eccessivo.in ultimo concludo dicendoti che l eccesso di zelo e la sfortuna hanno giocato le carte finali che purtroppo conosciamo,quindi niente massoneria,niente rosa rossa o altra fantasia del genere.scusa se mi permetto ma stai rischiando di uscire fuori dalla realta....

Anonimo ha detto...

anonimo 16 giugno: se un giorno tu stai sulle balle di chi ha ammazzato tarricone e ti fanno uno scherzetto simile con tutto di firme concludendo in fretta e furia la tua incinerazione senza autopsia, non penso che da lassù ne saresti contento

UUBPF

antonio falcone ha detto...

Chiediamoci invece chi ha avuto un tornaconto dopo la scomparsa di Taricone? Il produttore Domenico Procacci ha potuto finalmente "avvicinare" la vedova Kasia Smutniak.....una delle donn più belle del mondo....c'è gente che impazzirebbe per possederla....Taricone lo sapeva e tanta sofferenza deve avergli dato il breve "flirt" immortalato in un bacio di un paparazzo tra Raz Degan e la Smutniak....l'episodio fu subito dimenticato perchè lamore di Taricone per la Smutniak credo fosse dannatamente serio, prezioso, intoccabile.....la mia è probabilmete un ipotesi che non sta in piedi....e non tralasciamo di considerare addirittura un eventuale suicidio voluto dal povero Pietro....depresso per una carriera che non decolla a dovere mentre la moglie gira films in tutto il Mondo (umiliante per lui per certi versi)....il terrore di perderla,l'ansia insostenibile di tenerla a se...potrebbero avere indotto Taricone a prendere l'estrema decisione?

Guni Giulia Cavalieri ha detto...

Non ho avuto tempo di leggere tt i vs commenti per cui mi scuso se qlo che dirò è già stato detto. Di solito chi appartiene alla massoneria dello Spettacolo o Showbiz firma un contratto all'inizio della carriera quando vuole raggiungere la fama, la notorietà e la riccheza: qs contratto prevede il pagamento di un pegno che di solito varia dall'omicidio rituale di mogli o mariti o parenti affini vedasi il caso di Jovanotti (morti il fratello e la madre in circostanza strane) I massoni quando ti fanno diventare ricco, poi non è che si dimenticano di quel patto di sangue satanico. Secondo me Taricone è stato ucciso per qs motivo, o addirittura per pagare il successo della moglie. O ammazzavano la moglie/compagna attrice e modella o lui. (vedasi la morte della moglie di Liam Neeson caduta dagli sci, ma mica è vero, così come di tanti altri personaggi famosi) Illuminati docet