Psyops, 70 anni di guerra psicologica in Italia

Psyops, 70 anni di guerra psicologica in Italia
Dalla prima guerra mondiale al trattato di Lisbona

giovedì 10 giugno 2010

I Black Block al G8 di Genova. Chi erano e cosa volevano realmente.


Paolo Franceschetti


E' dai tempi del G8 che mi domando chi erano questi misteriosi "Black Block" detti anche tute nere, che hanno messo a ferro e fuoco la città di Genova.


Ma, andando a caccia di notizie, non ho mai trovato teorie o articoli di un certo rilievo su questo gruppo.

Quello che si trova è questo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Black_bloc

oppure
http://www.storiaxxisecolo.it/g8/G8black.htm


Le domande che si fanno tutti sono due.

1) Come mai hanno spaccato, distrutto, danneggiato, incendiato, e la polizia non ne ha arrestato neanche uno?

2) Perché la polizia ha caricato pacifici manifestanti ma non ha mosso un dito contro i Black Block?

Infine, la domanda più importante: chi sono realmente i Black Block?

Mettiamo in ordine alcuni fatti con le spiegazioni che ci hanno dato sempre finora.

- Raccontano molte testimonianze che la polizia non ha fatto nulla contro i Black Block, e li ha lasciati indisturbati a danneggiare e incendiare; in compenso, dopo pochi minuti, lo stesso gruppo di poliziotti caricherà inermi manifestanti dell'Azione Cattolica. "Errore", diranno le spiegazioni ufficiali; "disorganizzazione", diranno altri; "impreparazione" delle nostre forze dell'ordine, diranno altri ancora.

- In alcune scene si vedono gruppi di poliziotti che arretrano di fronte ad un solo Black Block. La spiegazione ufficiale è che non volevano caricarlo, per non fargli del male.

- Alcune foto ritraggono i Black Block che si vestono e si armano di fronte alla polizia che rimane ferma, immobile. La spiegazione ufficiale: forse perché ancora non hanno commesso alcun reato; quindi i poliziotti vigilano e cercano di non creare per primi il pretesto ad una scena di violenza.

- Altre foto che sono circolate i giorni dopo il G8 riprendono i Black Block che passano di fronte ad una caserma e fanno il saluto militare. Per sfottere i militari, disse qualcuno. Sì, per sfotterli, perché loro sono anarchici e contro il sistema.

- Alcuni testimoni raccontano di aver visto molti black block parlare con la polizia come se niente fosse, come vecchi amici. Segno di apertura mentale da ambo le parti, ha commentato qualcuno.

- Altre testimonianze parlano di un gruppo di qualche centinaio di Black Block che nei tre giorni precedenti si esercitava a soli 400 metri da una caserma di polizia... (v. il link che postiamo sotto). Mica è proibito esercitarsi fisicamente, commenta qualcuno... che cosa c'è di strano?

- Alcune foto e il filmato che alleghiamo fanno vedere i Black Block che assaltano un carcere; la polizia non solo non li ferma, ma scappa addirittura via (mentre la procedura prevede che perlomeno avrebbero dovuto chiamare rinforzi). Perché? Qui la spiegazione ufficiale non dice nulla. L'episodio è rimasto inspiegato e inspiegabile.


Ci sono poi altre domande da farsi. Questi gruppi sono arrivati a Genova superando i controlli della polizia di frontiera, armati fino ai denti, in furgoni e altri mezzi che non passavano certo inosservati. Possibile che nessuno li abbia mai fermati?


Sorge spontanea un'altra domanda; se i Black Block sono contro il sistema, perché hanno distrutto vetrine, auto, incendiato, ecc. danneggiando così semplici cittadini che di questo sistema sono vittime? Dietro ad una vetrina di un negozio spesso non c'è il grasso banchiere affamatore di popolo, ma la famiglia che tira a campare con quel poco che il fisco non le ruba. Dietro alla Uno e alla Ritmo sfondate a martellate e date alle fiamme non ci sono certo ricchi sceicchi arabi e proprietari delle multinazionali (cioè i soggetti contro cui è diretta la campagna no global) ma gente semplice, che paga con fatica le 200 euro al mese di rata e a cui l'auto serve magari per andare a lavorare.


In realtà io credo che la spiegazione sia una sola.
Dopo anni che ho studiato i libri sui servizi segreti di De Lutiis e Giannuli, che ho letto testimonianze giudiziarie e non sui metodi di infiltrazione dei servizi, mi sono convinto di una cosa.

I Black Block altro non sono che agenti dei servizi segreti, che avevano il compito di creare il caos al G8.


Non sono stati fermati perché la polizia aveva l'ordine di non fermarli.

Non li hanno mai caricati perché la polizia aveva l'ordine di non caricarli.

Si sono armati davanti ai poliziotti perché le forze dell'ordine stavano proteggendo la loro "vestizione".

Si sono addestrati a 400 metri da una caserma perché erano militari.

Parlavano tranquillamente con la polizia perché erano dei loro.

Fanno il saluto romano davanti ad una caserma perché sono soldati, quindi abituati normalmente a fare il saluto militare.

La loro tecnica è quella tipica dei servizi; quella usata in tutti i movimenti e le forze politiche: si infiltra un movimento, per piegarlo a fini che il sistema approva.

D'altronde questo spiega anche un altro fenomeno curioso; osservando questi Black Block li si vede in forma, muscolosi e atletici; non esiste una foto di un black block un po' rachitico, gobbo, basso, ecc... (osservate la foto all'inizio dell'articolo).

Questo perché sono militari, e scelti con delle caratteristiche fisiche ben precise.


D'altronde, ad avvalorare questa tesi, c'è anche un'altra considerazione. Nei comunicati ufficiali dei Block Block si inneggia platealmente e in modo trasparente alla commissione di reati.
Nei loro comunicati ufficiali essi dicono espressamente che il loro scopo è distruggere la proprietà privata.
Ora, nel nostro ordinamento questo è un reato, e ne conseguirebbe automaticamente che tali persone dovrebbero essere individuate e processate per associazione a delinquere (articolo 416 c.p.).
Né, dati i mezzi di cui oggi sono dotati i nostri servizi segreti e le nostre forze dell'ordine, dovrebbe essere troppo difficile individuare questi gruppi e smantellarli in quattro e quattro otto.

Viene spontanea allora la domanda: perché non li si persegue penalmente, anche al di là, e per fatti diversi, rispetto a quelli del G8?


A questo punto è facile trovare la risposta.
Ma a questo punto è altrettanto facile capire anche il loro fine, quando si ha chiaro il modus operandi tipico dei servizi segreti.


Scopo dei Black Block era quello di creare il caos a Genova, per gettare il discredito su chiunque manifestasse contro la globalizzazione.

Nell'immaginario collettivo, infatti, dopo il G8, è rimasta la seguente equazione: No Global = delinquente che incendia, crea caos, distrugge.

La maggioranza dei manifestanti era gente pacifica; era presente all'evento l'Azione Cattolica, l'Arci, movimenti pacifisti, buddisti, cattolici, atei, cittadini che si erano riuniti spontaneamente.

Nella mente della casalinga disinformata, o dell'operaio pantofolaio che vive di luoghi comuni, oggi No Global = delinquente.


Operazione riuscita quindi.

Si crea un problema falso, perché creato dalla élite al potere (il caos del G8), e si allontana in questo modo la gente dal vero problema: cioè che la globalizzazione sta uccidendo le nostre colture, sta affamando le popolazioni del terzo mondo, sta distruggendo la nostra agricoltura lasciandola in mano alle multinazionali.

Perché oggi, chiunque è contro la globalizzazione, è visto con sospetto; è visto come un violento, un agitatore, un debosciato.
Mentre la verità è che chi è contro la globalizzazione è, più semplicemente, a favore dei nostri allevatori, coltivatori, produttori e commercianti; è a favore delle popolazioni del terzo mondo.



Sul G8, in particolare sui Black Block, vedi le testimonianze a questo link:
http://www.ciari.net/g8.htm




http://www.storiaxxisecolo.it/g8/G8black4.htm


















56 commenti:

Anonimo ha detto...

Chissà, magari Fini che dirigeva le operazioni e comandava la carica della polizia contro i manifestanti potrebbe rispondere con cognizione di causa... ma lui, si sa, non c'entra nulla, anzi è un garantista dei diritti... della sua poltrona

corrado ha detto...

In realtà la vicenda è iniziata prima, con le dichiarazioni incendiarie di Agnoletto poco prima del summitt, volte a giustificare le misure di sicurezza eccezionale organizzate dal governo

Ma che gliene fregava poi ad Agnoletto e agli altri di varcare, anche solo simbolicamente la zona rossa?

In realtà egli era, ed è, un agente al soldo dei potenti (non per niente continua a diffondere pericolose menzogne sull'aids).

Il potere ha creato il problema (vertice dei criminali), Agnoletto ha concorso a a suscitare la reazione, di modo che il potere potesse esercitare la violenza ovvero imporre la soluzione, criminalizzando una vasta area di dissenso (non troppo radicale, visto che crederà alla messa in scena dell'11 settembre 2001, solo pochi mesi dopo)

E' chiaro che i block block sono agenti dei servizi, è sempre stato chiaro a chi ha aperto gliocchi sulla cospirazione che regge questo triste mondo.

Anonimo ha detto...

ma i black block non sono mai piu' scesi in campo?

si trasformarono in pink?

boh

Tenebrae Lucentes ha detto...

In effetti , per farla più pulita avrebbero dovuto chiamarli "Red Block"...

Uno ha detto...

Gente che conosco, affidabile (fonte Esercito) mi ha raccontato che, prima di Genova, nei Commissariati sono stati convocati ultras e facinorosi nazi con precedenti penali, per chieder loro se avevano voglia di andare a Genova a fare un po' di casino per dare una mano alla Polizia.

Questo so, e questo racconto.

Anonimo ha detto...

sicuramente c'erano degli infiltrati ma nn tutti quelli che sono stati chiamati black block lo erano

prima del 2001 io ne ho conosciuto uno di quelli che poi venivano chiamati black block
mi ha fatto un discorso sul distruggere i simboli del capitalismo ma senza fare violenza alle persone
mi ha spiegato che quando fanno queste "azioni" durante le manifestazioni cercano in ogni modo di rifuggere dal contatto diretto con la polizia

chiaramente nn sono d'accordo nel distruggere una fiat uno o la vetrina di un salumiere ma unicamente simboli del capitalismo e della ricchezza come macchinone e vetrine di banche o di grandi catene di negozi

poi conosco anche "anarchici" e punks e ultras che se c'è da far casino e sfasciare qualcosa (qualsiasi) sono ben felici di farlo senza porsi troppi problemi "etici" se la macchina sia di un'operaio o di manager

è chiaro però che c'erano degli infiltrati ed è chiaro anche che la polizia ha lasciato che chi voleva distruggere lo facesse, sia che fossero infiltrati sia che fossero persone che credono veramente che il sistema si combatta in quel modo là sia che fosse gente che si voleva solo sfogare

Anonimo ha detto...

LO FANNO DA SEMPRE,SI INFILTRANO NELLE MANIFESTAZIONI E CREANO CAOS E DISTRUZIONE PER POI CREARE DISSENSO NELLA GENTE,SONO D'ACCORDO CON TUTTO QUELLO CHE HAI DETTO,TRA L'ALTRO VOLEVO AGGIUNGERE CHE IL P2ISTA COSSIGA LO AVEVA GIA CONFESSATO FORSE IN UN DELIRIO DI ONNIPOTENZA O DI CHI NON SE NE FREGA PIU NIENTE PER L'ETA AVANZATA,SPIEGANDO IL MECCANISMO DEGLI INFILTRATI,LO HANNO FATTO DI RECENTE IN GRECIA DOVE HANNO AMMAZATO 2 PERSONE IN UNA BANCA SPEGNENDO PER ADESSO LA PROTESTA,E ORA DI INFORMARE TUTTI E DI CREARE UN CASO NELL'OPINIONE PUBLICA PERCHE TRA POCO CROLLERA L'ECONOMIA GLOBALE E SI FARA SUL SERIO,MA QUESTA VOLTA I LORO TRUCCHI NON REGGERANNO,E CONSIGLIO VIVAMENTE DI MUNIRSI TUTTI IL PIU POSSIBILE DI VIDEOCAMERE PER RIPRENDERE GLI AGENTI INFILTRATI E ANCORA DI ORGANIZZARE DELLE SQUADRE CHE BLOCCHINO LE PERSONE INFILTRATE E CONSEGNIARLE IN SEGUITO CON I RELATIVI RISVOLTI
WHITE WOLF

democrito ha detto...

che i black block siano protetti dalla polizia, ne abbiamo un sacco di prove. che gli stessi siano manovrati dai servizi segreti, allo scopo di perseguire la strategia della tensione, pare ovvio.
che poi la cosa si rifletta sull'opinione pubblica, inducendo ai più il pensiero che in fondo chi si schiera contro la globalizzazione, sia il solito invasato, è un argomento che, pur essendo evidente, andrebbe approfondito.
in realtà, credo che, nel mondo di oggi, perseguire il consenso dei pantofolai sia del tutto secondario, il vero obbiettivo è creare panico. infatti se è vero che nell'immaginario collettivo, chi combatte la globalizzazione è un invasato, è altresì vero che il sistema della globalizzazione, guidato dalle multinazionali, allo stesso modo non è ben visto dall'opinione comune. a chiunque si chieda un opinione riguardo il sistema delle multinazionali, vi rispondera con un senso di sfiducia, perchè tutti sanno che dietro non c'è altro, se non gente senza scrupoli, che non ci penserebbe 2 volte a far fuori intere popolazioni, pur di arricchirsi ancora di più di quanto già non sono.
se così non fosse, non si spiegherebbe il grande successo dei movimenti localisti in tutta europa. nel nostro paese, la lega deve il suo successo, proprio al voler opporsi alla assimilazione della cultura del nord-italia ad altre culture, non solo del terzo mondo, ma anche all'americanismo, idea portante della globalizazione, attraverso una forte rivendicazione della propria identità locale.
questo fenomeno è sentito in modo ancora più forte in piccoli paesi quali l'austria e la svizzera, mentre nel resto d'europa serpeggia una forte opposizione di destra, che basa la propria ragione di essere in una rivendicazione di identità nazionale, come ad esempio in francia e in olanda.
il sistema quindi non è mai monolitico, ma sempre duale. se l'obbiettivo apparente è la globalizzazione, il sistema provvede immediatamente a creare l'opposizione a se stesso, in modo che da qualunque parte tu possa essere schierato, sei sempre partecipe al sistema stesso.
non bisogna però farci trarre in inganno dal pensare che sia tutta una farsa. le guerre ci sono e vengono combattute davvero, prova ne siano i milioni di morti che provocano, ed è perfino secondario chi le vince, perchè a vincerle è sempre il sistema e chi ne tira i fili.
il governi del mondo hanno deciso per la globalizzazione, bene ecco pronti centinaia di movimenti di diversa estrazione, in modo da coinvolgere milioni di persone in tutto il mondo all'opposizione e se la cosa si svolge in modo troppo pacifico, ecco pronti i black block a fare casino, perchè una vera opposizione deve necessariamente essere violenta, perchè la vera necessità è la guerra e una guerra senza morti, non è una vera guerra.
il vero scopo è il controllo, e chi può essere controllato meglio di qualcuno che sta spendendo la sua vita e le sue energie in una guerra in cui crede?
così come è ormai cosa certa che l'opposizione tra destra e sinistra, pur essendo da molti sentita e partecipata, non è che l'espressione dello stesso potere, allo stesso modo globalizzatori e no-global sono le 2 parti dello stesso disegno del potere.
le 2 massonerie, di cui si parlava tempo fa, non sono una buona e una cattiva, sono la stessa cosa che opera per la divisione tra le persone e fomentare l'odio tra gli individui e l'odio si esprime attraverso la violenza fisica e psicologica.
i black block fomentano disordini, la polizia attacca e picchia a sangue i manifestanti pacifici, i quali a loro volta, dopo averle prese di santa ragione, non saranno più tanto pacifici, ma giustamente incazzati, così come saremo incazzati noi, che magari non abbiamo partecipato alla manifestazione, ma a sentirne la cronaca ci sentiamo indignati. la spirale è incominciata, l'obbiettivo è raggiunto, le parti sono inconciliabili, la gente si odia e si fa guerra ed il potere si nutre di quell'energia devastante.

Duffy ha detto...

qui ho fatto una raccolta di articoli sui black block - infiltrati e affini

https://www.google.com/reader/shared/user/04556102293088043485/label/blackblock

Duffy ha detto...

interessante anche questo documentario, sui black block a seattle - 1999, proteste contro il WTO

http://www.youtube.com/watch?v=_mAWslHmiok&feature=player_embedded

Anonimo ha detto...

IO penso che l'obiettivo è oltre a far apparire i No global come degli assassini, disincentivare la popolazione a nn protestare a nn scendere in piazza, perchè altrimenti sarà pestata a morte dalle forze dell'ordine, le immagini parlano chiaro...

max ha detto...

vuoi che ti dica chi erano i terroristi rossi e neri degli anni di piombo?
il popolo che subisce e non fa nulla per cambiare è un popolo che allunga i tempi ed il brodo del proprio momentaneo sempre più esiguo benessere.
con loro nessun cambiamento democratico è possibile.
fa solo perdere tempo.

Anonimo ha detto...

Avevano bisogno di una scusa per fare le loro prove tecniche di repressione. Quello visto a Genova, temo sia stato un decimo di quello che potremo vedere in un futuro non lontano, e questa volta non saranno prove tecniche.

Sull einflitrazioni varie, da sempre accadono simili cose, e si cerca di dar colpe a questo o all'altro gruppo. Si legga il "Libro nero degli Stati Uniti", la loro storia ne è piena.

Q.

Conte Senza Palazzo ha detto...

Segnalo il libro "Intrigo Internazionale", Chiarelettere, di Fasanella-Priore sui soliti metodi di infiltrazione di agenti provocatori nei movimenti di protesta, al fine di innalzare lo scontro. Succede da quasi cinquant'anni e le tecniche sono sempre le stesse.

Anonimo ha detto...

Secondo me dovrebbe rivedere un po' come si svolsero i fatti, in particolare cosa era previsto che succedesse e cosa invece poi successe davvero.

Come si comportarono i Black Bloc che per tutti e tre i giorni si guardarono bene dal confrontarsi con la polizia e mai si avvicinarono alla zona rossa, e cosa fecero invece le tute bianche/disobbedienti che nell'articolo non sono mai citate, un organizzazione che allora come oggi era contigua con RC (rifondazione).

Anonimo ha detto...

Grazie a questo e ad altri siti posso dire di iniziare ad avere le idee un po' più chiare

cosa sia in realtà lo stato e che compiti abbia. la vera funzione della "democrazia". le multinazionali e le corporation. la sanità e le banche. l'informazione e la sanità

"Nemmeno il cielo è più blu".
Il cielo cazzo, il cielo!
Veleno sottoterra, nel mare ed anche in cielo, nell'aria.
Forse Rino G...

Bho, forse davvero sangue rettiliano deve scorrere nelle vene di qualcuno per volere così male agli altri.

Il delirio di superiorità di pochi sta distruggendo tutto.
Come si può volere tutto ciò?

Sembrano domande retoriche e qualunquiste, ma per me hanno tanto senso.

Anonimo ha detto...

Il g8 di Genova. Avevo 19 anni e fu la mia prima importante manifestazione di dissenso. Eravamo in 6, Claudio, Paola, Luca, Cri, Gianni ed io. decidemmo di parteceparvi appena conclusa la maturità quello stesso anno. 6 ore di viaggio per arrivare a Genova. Passammo un'intera giornata a piangere, come cretini, impotenti.

Lux Tenebrosa ha detto...

Non c'entra nulla con l'argomento , ma preferisco intervenire qui che non sul forum..
Perizia sul cadavere della Claps: trovate solo TRE TEGOLE. Ora, mi pare che la valutazione di ammissione di un profano al Tempio avvenga in TRE tempi distinti e , in gergo , si chiama "TEGOLAtura"...

Anonimo ha detto...

http://it.wikipedia.org/wiki/Mario_Placanica

LEGGETE TUTTO CON MOLTA ATTENZIONE!

Anonimo ha detto...

ma dire che ogni volta che c'e del casino e' colpa deì servizi segreti mi sembra una banalita'

i black block erano presenti ma non erano la maggioranza anzi erano poki e hanno fatto cio' di cusi sono solo capaci distruggere

Anonimo ha detto...

"POKI"

... chissà come mai, quelli che pensano certe banalità e idiozie sono persone ignoranti che non sanno scrivere né parlare.

Bestioline, in pratica.

Anonimo ha detto...

che tristezza questo articolo Paolo, leggo con interesse e passione il tuo blog..ma a 9 anni di distanza le argomentazioni sono queste....sei completamente fuori strada...in 9 anni la tesi è: siccome i blackblock sono agenti dei servizi, quando passano davanti alle caserme fanno il saluto militare.....

ti rendi conto? è un pò come paragonarli ai cristiani che fanno il segno della croce quando passano davanti ad una chiesa..

Ma se veramente fossero infiltrati farebbero il saluto militare?

commento solo questa perchè mi sembra la più assurda di tutte ...

Ivan Mellace ha detto...

All'epoca ero militare al 2 alpini di Cuneo che ha fornito supporto logistico alle forze dell'ordine.Dovevo andarci anche io ma in un secono momento mi hanno rimpiazzato .Io credo perche sapevano già che non mi piace vedere e non parlare . Avevo già l'impressione che stessero preparando qualcosa anche se non posso confermarlo con dati e prove. I soliti vocii disordinati e inconcludenti da caserma , insomma , mi avevano in qualche modo convinto che era in preparazione qualcosa di losco che tutti sapevano. Non ho potutto fare altro che avvertire una persona che neanche conoscevo sotto la sede del circolo "Rosa Luxembourg" . Non é servito a niente purtroppo ma io avevo allora ed ancora di più adesso al certezza che era tutto preparato.Inutile dire che mi sono congedato perche in questo stato non abbiamo più un esercito a difesa della Carta Costituzionale e per ciò che ho subito.
La cosa assurda in questo stato assurdo é che si continua a fare di tutto per l'impunità di atti comunque illegali.Se non fosse stato per l'Europa ai boia di Bolzaneto non sarebbe accaduto nulla e comunque i boia , come dimostrano altri servizi youtube di cui non ho conservato i link , continuano ad avere una fiorente carriera inipendentemente o forse é meglio dire proprio grazie a queste azioni criminali. Mi viene da chiedere se e quanti in questo stato lottino per la democrazia e i diritti .I diritti di tutti ,intendo,perche lottare per i diritti di alcuni vuol dire essere già uno di "loro".

Anonimo ha detto...

guarda che il blocco nero esiste in tutta europa da un bel po'. E' un gruppo fluido, di ispirazione anarchica, che come scriveva qualcuno nei commenti attacca in maniera simbolica (ma molto violenta) banche, macchinoni, negozi di lusso ecc per indicare (secondo loro) la strada di una ribellione generale contro il capitalismo e le merci.

Solo in paesi in cui il dissenso è stato egemonizzato per decenni dai "comunisti" come in italia, tutto questo viene associato in automatico a provocatori prezzolati, perchè viene percepito al di fuori delle strategie "per fare la rivoluzione"- mentre ad esempio è molto più diffuso in posti come la grecia.

Che poi in questa area fluida e "spontanea", sia molto facile infiltrare provocatori e agenti travestiti, siamo d'accordo e ci sono molti indizi che a genova sia successo (non tutti quelli che citi tu però: dai la storia del saluto militare è una puttanata....).

Il blocco nero è presente da anni in ogni manifestazione contro i vari g8 g20 ecc, e seppure sempre attacca e distrugge simboli capitalisti, mai ha combinato casini e "sbagliato" clamorosamente obiettivi e strategie come a genova. questo se vuoi supporta la tua tesi degli infiltrati, ma in queste cose è importante essere precisi e non criminalizzare indistintamente gruppi e comportamenti - se no fai quello che fanno gli altri con noi.

Anonimo ha detto...

paolo, non per dire ma ... ste cose sono la scoperta dell'acqua calda!
negli anni 60 e 70 nelle manifestazioni in tutta europa c'erano servizi segreti di ogni paese partecipannte alla guerra fredda.
I 68-ini piu' svegli deöll'epoca ricordano bene che le violenze erano spesso innescate da gruppi infiltrati da servizi della ddr, della polonia, del sifar o della cia.
oltre a tanta gente imbecille che lo faceva in buona fede.

allo stesso modo, direi che a genova, a seattle, e ovunque si sia manifestato violentemente contro il WTO (o contro la globalizzazione) ci sono stati infiltrati, che hanno cavalcato i gruppi piu' (spontaneamente) violenti per delegittimare l'intera protesta, e che hanno fatto lo stesso sulla sponda intellettuale, inquinando i concetti e banalizzandoli, deviando dai temi importanti, portando la manifestazione a ricettacolo di soli slogan vuoti.

Conosco tanta, tantisisma gente a roma e altrove, che fu parte attiva dei blackblock, e che ancora oggi ne va fiera, di aver lanciato sassi, di aver portato le mazze e gli scudi, di essere stata picchiata, di aver picchiato.
ma non sono certo infiltrati militari, sono solo imbecilli, cavalcati loro malgrado.
e che fanno da scudo a chi hanno li fomenta e li manda a farsi macellare.

e' un mondo complicato ... se non fossero stati infiltrati lo avrebbero fatto comunque, no?

cercatore

Anonimo ha detto...

Interessante articolo..una sorta di False Flag di memorie storiche..e recenti..
Sarei molto curioso di leggere un tuo post che spieghi perchè l'Italia non reagisce quando sa delle collusioni Stato mafia senza che venga spiegato quando esse siano cessate di esistere, quando parla di sospensione dei diritti civili temporanea, quando parla di rischi di autoritarismo, di disoccupazione infinita etc etc.....C'è troppa ignoranza? Sono i meccanismi che imbrigliano ogni cosa ed impediscono qualsiasi reazione? Oppure la gente è anestetizzata dalle scie chimiche o dalle acque in bottiglia con qualche ingrediente particolare? Perchè nessuno riesce ad essere più che una pecora?
Psyguru

Conte Senza Palazzo ha detto...

Anonimo 11 giugno 2010 09.28 dice:

"se no fai quello che fanno gli altri con noi."

Ma "noi" chi?

Roberto Antonucci ha detto...

E pensare che invece si sbracciano a favore del "popolo" iraniano delle scimmiette ammaestrate dalla CIA, i pariolini verdi dollaro di Teheran.
Se manifesti per liberare la tua nazione dal FMI sei criminale, se la vuoi asservire sei giusto.

Conte Senza Palazzo ha detto...

Innumerevoli filmati del G8 Genova, da tutte le angolazioni possibili, mostrano i black block agire indisturbati e lasciare la scena giusto in tempo, prima della carica. Non credo ci sia molto da disquisire, tipo "i black block si, ma non tutti, ci sono quelli infiltrati e ci sono quelli buoni, i duri puri e quelli pagati". A Genova nel 2001 le immagini sono eloquenti.
Piuttosto, quello che e' successo in quei giorni mi ha fatto vergognare di essere italiano. Le forze dell'ordine avrebbero dovuto dire: "Abbiamo sbagliato, chiediamo scusa, puniremo severamente tutta la catena di comando che ha permesso lo scempio". Come cittadino avrei riguadagnato subito fiducia in loro. Invece, niente: solo un vergognoso e penoso scaricabarile di responsabilita', come fossero bambini di tre anni.

Paolo Franceschetti ha detto...

Psyguru mi pare abbastanza chiaro.
La gente non reagisce perchè siamo ridotti ad un branco di pecore, instupiditi dai programmi di maria de Filippi e dai problemi relativi al pagamento della rata del muuto per acquistare il divano.

Pittagiro ha detto...

La storia, certo, viene narrata ma non è narrativa di per se, perché manca il soggetto narrante unico, l'Autore se preferite, che tesse a mo di filo un racconto. "Viene chiamata tragedia la mimesi di un azione che descrive eventi importanti, con un inizio, un mezzo e un fine (...)cercando di incutere nel animo dei spettatori la paura e la misericordia per la fine degli eroi." Con certe omissioni mie di contesto, più o meno cosi descriveva la tragedia il sommo Aristotele. La sua definizione fa a caso nostro. Il Racconto inizia e finisce, la Storia è iniziata ma ancora non accenna a finire-sorry Francis Fukuyama!-il Racconto lo narra uno, la Storia viene raccontata da molti. Il Racconto esplicita un piano d' azioni, meglio, un piano di mimesi di azioni "per incutere nel animo" del fruitore diversi sentimenti. La Storia invece, apparentemente caotica e dispersiva perché vissuta "in massa"-o tutta quanta o niente-e vissuta da masse, non presenta piani, non mima che sé stessa. 4 tappe, 4 atti, 4 capitoli: '99 Seattle, '00 Praga, '01 Genova, con l' intermezzo di Gothenburg se non mi sbaglio, dove è stato ammazzato quel altro svedese No Global. La quarta tappa? Giusto due mesi e mezzo dopo, il colpo di stato planetario sarà completo. Due aerei fanno collassare tre edifici, aereo colpisce Pentagono ma non tocca il bel prato intorno, cominciano due guerre e un intera, infame, epoca, quella che trascorriamo adesso . Il Racconto si scrive da sé.

Pittagiro ha detto...

...e quanto la storia si ripete, si ripete, ma di brutto. 5.5.10, manifestazione oceanica ad Atene contro le misure FMI-UE, gente incazzata nera, stipendi e pensioni del' altezza vertiginosa di 600 (n)euri decurtate di 30% in media, calo 3% del PIL nel 1mo trimestre, 1 greco ogni 5 sotto la soglia della povertà già adesso, figurarsi un anno dopo le misure FMI-UE, classe dirigente incapace, ladrona, codarda, svenduta, primo ministro ellenico non madrelingua greca, infatti ancora lo sta imparando il greco-che chiede al popolo di "affrontare le nostre responsabilità", volendo dire che pagheremmo noi, e moòolto caro, tutto l' indebitamento, tutta la corruzione, tutto il marasma propinatoci da loro come realtà ineludibile, loro, i soliti noti/ignoti Autori della trama della Storia degli ultimi 30 anni. La gente è tanta, si è parlato di mezzo milione, con manifestazioni contemporanee in tutto il paese, tutte più che consistenti. Naturalmente, scontri, lacrimogeni, pietrate, vetrine spaccate, camere distrutte, ma non da black block, e non per il folclore ribelle di "certi posti", come sembra di insinuare l'
Anonimo delle 09.28. Le rivolte sono come le piogge, si possono
prevedere ma non si preannunciano, e sorprendono quasi sempre.
Immaginate nonni con i baffi a gancio, ragazzini del liceo mezzo punk-mezzo emo, tutto black ma non tanto block, studenti sinistrorsi con la barba e il capellame ma anche tipi trendy-popolare, in Italy sarebbero candidati tronisti, occhiali spaziali agganciati sulla
maglietta galattica, tutti quanti a gridare al parlamento
fortificato, "che bruci, che bruci che bruci 'sto bordello". Il popolo, a quel momento, nella sua di narrativa, voleva quel dato
parlamento bruciato, niente da fare, niente da dire. E non mi venga nessuno a parlare di "derive antidemocratiche", "togliere la parola dalla piazza, ridare fiato alla politica" e altre benpensanti
menate. Ricordate le 5 giornate di Milano? 1 Maggio, Haymarket a
Chicago? il biennio '68-69? il biennio rosso '18-20? sapete, gli infiltrati ci sono, e come, sanno il fatto loro, ma, qualche volta, le rivolte scoppiano davvero, le formiche nel loro piccolo si incazzano.

Pittagiro ha detto...

Al nostro caso, proprio quanto la rivolta è inevitabile che scoppi, in un paese zona (n)euro, primo tastierino delicato di un domino già pronto a scoccare e travolgere tutto, in questo preciso momento scappano i 3 morti della Marfin Egnatia Bank. Tre lavoratori asfissiati, nel terzo piano della banca, in un giorno di sciopero e di prospettato casino generalizzato, la banca aperta e piena di gente, proprio nella zona calda, quasi rossa, UNICO, ripeto UNICO filiale di banca sito in centro non blindato a lastre di ferro sulle vetrine, senza saracinesche e misure antincendio per l' edificio, una delle vittime incinta di 4 mesi. Tragedia? La Storia del secolo XXI? un Racconto di legittimazione di ciò che sta per succedere? infiltrati agents provocateurs in combutta con utili idioti? anarchici che non hanno saputo,poveretti, fare la rivoluzione ma i morti innocenti si? nelle ultime
settimane mi sento come uno dei centomila nessuno che cercano l'
Autore dei loro copioni- i quali fanno rima con i...scegliamo frasi fatte, appunto da copione, per spiegare una realtà spaventosamente coerente, con un implicito ma non per questo meno visibile copione, da una regia invisibile ma onnipresente. Black block, tutti infiltrati, tutti a rompere le Ritmo e le Uno del lavoratore, comodi cattivi della narrativa dominante, personificazione del Id collettivo che, certo, non piange lacrime amare per la filiale bruciata, quanto meta del paese si trova con procedimenti esecutivi in carico, e l' altra metà con gli assegni postdatati a otto mesi in mano-c.d assegni cabriolet. Eh si, rompiamo una Ritmo, bruciamo una banca con dei cristiani dentro, così che la casalinga di Voghera, anziché per la banca, piangerà per i bancari, i quali poi, facendo il loro lavoro, le manderanno un bel giorno l' ufficiale giudiziario e la recupero crediti in casa. Nel frattempo, la summenzionata casalinga simpatizzerà con chi ha tutto, lei che ha la paura giustificata di perdere quel poco che le tocca avere.

Gnosi Molegana ha detto...

Io ero li a Genova, mi ricordo che x un pelo riuscii a scappare dalla carica degli sbirri, sembravo Mennea doppato xche' feci una fuga di alcuni km in pochi minuti ...

Se non avessi seguito il mio istinto, avrei preso un sacco di botte, ma un minuto prima della carica frontale degli sbirri fascisti, che gridavano DUCE DUCE, mi svincolai con i miei amici riuscendo ad evitare il peggio ...

Ci rifugiammo in un ristorantino che stava abbassando la serranda e x un soffio riuscimmo ad entrare, fummo rifocillati e ci proteggemmo dagli scontri in atto a pochi metri da noi vedendo dalla finestra del locale la guerra urbana come fossimo seduti al cinema ...

Mi ricordo l' adrenalina a mille, un misto tra eccitazione e paura, mi ricordo tutta quella povera gente menata senza motivo da quei poveri schiavi di sbirri, un ORRORE ...

Il G8 rappresento' l' inizio del NUOVO CHE AVANZA, nel senso deleterio del termine, e da allora si iniziarono a tarpare i diritti civili ed il livello d repressione aumento' poca alla volta ...
Il fascismo bianco era stato dichiarato e tanti auguri a tutti ...

Come diceva quel buon vecchio panzone di DAVID ICKE, LA DITTATURA IN PUNTA DI PIEDI A PICCOLI PASSI ...

Gnosi Molegana ha detto...

Seconda parte:

Questi sono gli illuminati che coordinano gli apparati dei servizi segreti ed in ultima istanza le sette come la tanto nominata ROSAROSSA, strumenti atti a reprimere il popolo, a soggiogarlo, ad instillare un regime di terrore ed ansia x controllarlo meglio ...

Il BLOCCO NERO, e' uno dei tanti strumenti dell' apparato dei servizi fascisti segreti, che rimasero in vita dopo la caduta del Fascismo, trasferendosi in altre sigle, come successe con il fascista Pinochet che, dopo essere stato destituito, rimase lui e la sua cricca a controllare il servizio segreto, quindi ancora e sempre operativi ...

La CRICCA fascista, da quella ILLUMINATA alla bassa manovalanza di stile mafioso criminale, e' continuamente usata dai sevizi segreti, che prendono direttive dalla piramide che li contiene ed emana, e cioe' dalla Corona ed il Vaticano, MAMMA E PAPI ...

Lo schema e' identico x le stragi fasciste della strategia della tensione, fino alla repressione di piazza attraverso sigle fantomatiche dei servizi cosiddetti deviati, essendolo in realta' al 100%100 deviati, fino al reclutamento di folli utilizzati x adoperarsi da serial killer, ma anche fino alla ROSAROSSA, che non fa altro che lavorare con le stesse dinamiche del BLOCCO NERO, e cioe' reprimere, terrorizzare, spaventare, confondere, tipiche azioni dell' apparato globalista fascista, PUNTA DI DIAMANTE DEGLI ILLUMINATI, che non a caso sono tutti di estrema destra, oppure finti comunisti, ma veri nazisti alla PUTIN, o finti leader di sinistra, come il fascista Craxi o il massone Prodi che piuttosto che essere di sinistra si ingozzerebbe di mortadella ALCISA, od ancora col venduto D'Alema, cioe' dell' ALMA, dell' Anima delli mortacci suoi !!!

Tutto cio' viene veicolato sui MEDIA, che sono strumenti fascisti x antonomasia, essendo lo SLOGAN strumento di PROPAGANDA, MAGARI DANDO LA COLPA ai soliti capri espiatori, come x gli omicidi rituali, dicendo che erano i rossi a rompere le vetrine, come x il terrorismo della MASSONICA PROPAGANDA FASCISTA 2, durante gli anni 70 di GELLIANA memoria ...

La storia si ripete, ma molti faticano a collegare le cose, purtroppo si colgono distaccate e sconnesse, ed e' quello che LORO vogliono, mentre TUTTA LA STORIA si muove sullo stesso identico binario, si cambiano i nomi x confondere la gente, e si crede che la chiesa sia contro la massoneria, mentre sono la stessa identica cosa con ALTRO NOME, poi si crede che Genova sia stata bruciata da quelli dei centri sociali e si bombarda con lo SLOGAN la mente di gente abituata ad essere plagiata attraverso il PLAGIO EMOZIONALE RELIGIOSO da 2000 anni, gente che sara' terreno fertile x qualsiasi credenza ILLUSORIA DI IPNOSI DI MASSA ...

RELIGIONE, MASSONERIA APPARATI MILITARI, 3 STRUMENTI DELLA STESSA SINARCHIA, STESSA OPERATIVITA' E STESSE FINALITA', MA SOPRATTUTTO STESSE FAMIGLIE DI APPARTENENZA, STESSA SIMBOLOGIA, STESSI POTENTATI ECONOMICI, INSOMMA STESSA LUCE EMANATA...

Quando c'era LUI ...
i treni arrivavano in orario e ben ILLUMINATI !!!

Gnosi Molegana ha detto...

Fanno il saluto romano davanti ad una caserma perché sono soldati, quindi abituati normalmente a fare il saluto militare.
---------
Fanno il saluto romano xche' sono fascisti ed approvano l' uso della forza contro il popolo, cosa che i fascisti fanno ed hanno sempre fatto, essendo i cani da guardia del sistema capitalista globalista ...

Ovvio che fossero infiltrati, io li ho visti a pochi passi da me che sventolavano i bandieroni e si muovevano con fare militare ed erano tutto tranne che anarchici, erano dei bestioni ramboidi, con bandiere nere e teschi sulle maglie tipo The punisher ... mercenari dell' estrema destra che logicamente, come e' nella loro natura, lavoravano e lavorano x il potere repressivo capitalista ...

In poche parole dei fascisti ... !!!

Il compito dell' estrema destra e' questo, fare i guardiani del re, coloro che pur essendo popolo, lottano contro di esso x conservare lo status quo dei potenti ...

E' un atteggiamento psicologico clinico, legato al DOGMA, e il DOGMA crea dipendenza affettiva morbosa ed AMBIVALENTE, altamente omosessuale indotta, ed e' x questo che la sublimazione ma spesso anche la palese manifestazione omosessuale macista, e' tipica degli ambienti omofobi, vedi palestre, cameratismo, prigioni, chiese e confessionali, ci avevate mai pensato ... ???

E' lo stesso principio che accade al cane col padrone, oppure nel gioco sessuale estremo allo schiavo passivo che, x contrappasso dovra' x forza di cose aver subito od imposto tale RITO, magari avendo nella vita un atteggiamento opposto e quindi da Master ...

Il cane si affeziona al padrone e morirebbe x lui, azzanna chi si scaglia contro il suo padrone ...
Pavlov studio' tali processi ed i suoi studi furono usati x manipolare le menti degli estremisti e farli divenire merce da utilizzare x reprimere il popolo ...

In piccolo, o in grande, e' lo stesso meccanismo che avviene tramite il MIND CONTROL,oppure x gli omicidi rituali compiuti da FOLLI, teleguidati da militari dei servizi ...

I mercenari fascisti come il BLOCCO NERO, TIPICA ESPRESSIONE FASCISTA USATA ANCHE NELLE LOGGE MASSONICHE NAZISTE DEL KKK AMERIKANO, sono cercati ed allevati, VEDI GLADIO, Circeo, fratelli Savi ( di Sion ?), VEDI GRUPPI TERRORISTI DI ESTREMA DESTRA, dai servizi segreti che, se qualcuno non lo sapesse ancora,in europa sono TUTTI dipendenti diretti dalla corona d' Inghilterra ...

Gli apparati militari occidentali, sono regolati dal rito di York della Frammassoneria, quindi legati ai Cavalieri di Malta ed al Vaticano, e' x questo motivo semplice che la fascista Banda della Magliana, ma anche la mafia hanno sempre fatto il lavoro sporco x lo Ior e l' Opus Dei ...

Il legame e' Vaticano e City di BabyLondon, i templari costruirono Babylondon, lo testimoniano le chiese, i costruttori, gli atti costitutivi della citta' stato della CITY, la simbologia, da chi fu finanziata, ecc ecc ...

Carletto ha detto...

Scusate per l'OT!

Dolce Gnosi,

Noi, vediamo nel Fascismo, considerando anche le bellissime "democrazie" filoamericane (W il 25 aprile!) vigenti, come la migliore forma di governo attuata nel mondo.
Noi siamo il contrario di tutto quello che hai detto te e siamo sicuri che combattiamo per le stesse cose, anche se con metodi diversi nella forma e nella sostanza.
Ci sono tante definizioni di Fascismo (la Storia la scrivono i vincitori si sa...) e tu hai preso la peggiore, quella che anche noi per forza rifiutiamo.
Comunque, cerca di farti una vita tua. Parli sempre di Fascismo...Non vivere in funzione nostra! Ma senza il Fascismo, di cosa avresti parlato!?
E poi, questo essere sempre Anti (o contro o no quello, no questo...), quanto fa schifo? Non è più bello essere propositivi?

Web Anti, un Saluto Romano (siamo Romani...)

Gnosi Molegana ha detto...

Noi, vediamo nel Fascismo, considerando anche le bellissime "democrazie" filoamericane (W il 25 aprile!) vigenti, come la migliore forma di governo attuata nel mondo.
------

Le bellissime democrazie filoamericane, INFATTI, sono lo STRUMENTO FASCISTA, VEDI IL FASCISTA GELLI DELLA P2, perche' le bellissime democrazie americane sono l' esempio di modello GLOBALE FASCISTA ...

Gli USA, finanziarono il nazismo e La Corona finanzio' il fascismo, perche' appunto fossero modelli, RIPETO MODELLI, x le future finte democrazie dove un fascismo piu' bianco e liquido, cioe' il modernismo tecnocratico odierno, prendesse piede ...
Quello che tu ritieni il miglior governo del mondo che fece massacrare in guerra ben 1 milione di poveri italiani, fece le infami leggi razziali, che si alleo' con Hitler, che fu il governo FANTOCCIO degli illuminati, che gaso' in Africa migliaia di poveri NEGRI, fu un MODELLO MASSONICO MODERNISTA x le attuali finte democrazie, i documenti dei servizi segreti USA parlano chiaro ed i legami tra le varie sinarchie e' davanti ai nostri occhi ...

Poi capisco che sia un TRAUMA, amettere di aver creduto tutta la vita in una ORRENDA menzogna, ma se si vuole affrontare la tematica POTERI OCCULTI, bisogna prima o poi iniziare, oppure si puo' preferire di vivere in un MONDO MAGICO INCANTATO, fatto di dittatori buoni che amavano il popolo, che facevano il loro interesse ...
Ma questo appartiene al pensiero magico infantile ...

Essere propositivi e' un obbligo morale, ma lo si puo' essere solo dopo aver compreso la storia e la sua metastoria, e non lo si puo' essere rifiutando e rimuovendo un periodo storico di un importanza fondamentale ...

Pittagiro ha detto...

Spero di non abusare del vostro gentile spazio, giusto volevo tirare la somma del mio umile ma non timido intervento, ringraziandovi in tanto della vostra attenzione.
Non è difficile capire la impostazione ideologica del sottoscritto, sono della sinistra più estrema, mi definirei anarco-comunista, non son riuscito a trovare differenze di sostanza tra le due ideologie. Credo nel' emancipazione sociale, in una convivenza basata sulla solidarietà, senza eserciti, polizie, carceri, pubblicità e parassiti vari, senza che la meta dell'umanità muoia di fame e l'altra meta dal colesterolo alto. Non credo nel pacifismo imposto dai carnefici ma nel pacifismo conquistato, guadagnato, ottenuto NON SOLO, MA ANCHE con la violenza, ma quella del popolo, e quella del popolo intero anziché di esigue minoranze che fanno della rivoluzione un mestiere.
Infatti, è sempre chi picchia per primo che invoca il "pacifismo" delle vittime, a Genova in Via Tolemaide gli sbirri hanno colpito per primi, e molto lontano dalla zona rossa, sulle navi per Gaza gli
israeliani hanno pirateggiato-da sempre!-navi in acque internazionali, e la nave turca, secondo il Giornale, dovrebbe porgere non la guancia ma il collo intero alla lama del boia, perché senno sarebbe "pacifinta". Sottometto due link con dei testi interessanti, anche se di parte, a proposito:

http://kelebek.splinder.com/post/22824259/cosa-vuole-hamas
http://kelebek.splinder.com/post/22833353/i-volti-della-mavi-marmara

La violenza, in ogni caso, in ogni epoca, è levatrice della storia, e in questo momento la storia è gravida, partorirà mostri, genererà incubi. Gandhi non ha vinto, già non aveva vinto allora, liberò il suo paese, non lui solo e non lui da solo, e lo consegno alla sua
di famiglia sfortunata, se ricordate la morte di Indira Gandhi. India adesso ha un paio di guerriglie maoiste o leniniste, non ricordo, in corso. Ha zone di libero commercio dove leggi ambientali e lavorative cessano di essere in vigore in un tecno-feudalismo neo-coloniale. Ha fatto due guerre, se non mi sbaglio, con Pakistan e una, mini, con la Cina. Possiede armi atomiche, la Tata, Fiat del Subcontinente, ma Fiat anni '60, prima del' Autunno Caldo e lo Statuto dei Lavoratori, ha ancora pregiudizi e segregazione di casta, povertà indicibile accanto a quartieri-sogno e vite da favola dei potenti.

Pittagiro ha detto...

Mi viene quindi il sospetto tremendo che il discorso sui movimenti pacifici non-violenti è portato avanti da chi, in verità, vuole mantenere lo status-quo capital-criptocratico mondiale, con la violenza appannaggio esclusivo di polizie e eserciti, dei potenti insomma. Non fraintendetemi, non gioisco del sangue versato, le vittime del 5.5.10 erano già vittime del ricatto del' azienda, guai se scioperate, tanto per ogni lavoratore in sciopero trovo dieci che stanno zitti-zitti. Semplicemente voglio sostenere che, in tutto il passato umano, le libertà vanno conquistate, non concesse. P.P.Pasolini diceva nei scritti Corsari, a proposito della, forse, più importante libertà di tutte, quella sessuale:

...tanta libertà sessuale non è stata voluta conquistata dal basso, ma è stata, appunto, concessa dall' alto ( attraverso un falso cedimento del potere consumistico e edonistico alle vecchie istanze ideali delle élites progressiste...le minoranze-più o meno definibili-sono escluse dalla grande, nevrotica abbuffata. Quelli che sono classicamente "poveri", molte categorie di donne, i brutti,gli ammalati e, per tornare al nostro discorso, gli omosessuali, sono esclusi dal' esercizio della libertà di una maggioranza che, pur approfittando, per sé, di una tolleranza sia pur illusoria, non è mai stata così intollerante.

Capirete su quanti e quanti campi del' agire sociale può essere applicata la critica pasoliniana, quante libertà, di iniziativa economica, di mercati liberi e non "falliti"-i monopoli e i cartelli sono definiti dagli economisti come "fallimenti del mercato"-,quante libertà fittizie di definire la propria carriera, esistenza, carattere, formazione, quante finte tolleranze ci sono state spacciate per conquiste della civiltà occidentale, delle democrazie occidentali, delle classi dirigenti "illuminate" che abbiamo sul groppone. Siamo veramente liberi, noi in Grecia, di produrre macchine e non doverle importare anche dal' Italia? possiamo importare meno Barilla per le nostre spaghettate elleniche, avere marchi propri, del nostro mercato, dalle nostre mani? ci è permesso di mandar a far inculo i nostri creditori, strozzini, speculatori, hedge funds e quel risma lì? gli italiani, dal' altra parte possono non importare la spazzatura cinese? i cinesi, possono non esportare tutto, non creare surplus commerciali da paura, non comprare il debito USA? gli odiati romeni, possono NON dover emigrare in Italia per costruire una esistenza dignitosa, meno infernale di quella che hanno costruito lì, in Romania, tra gli altri, anche le imprese europee?

Pittagiro ha detto...

Torniamo ai black block-in gergo politico nostro chiamati i "noti-ignoti", che passano il centro ateniese dal ferro e dal fuoco ogni sei mesi, quanto la tensione sociale cresce e le rivendicazioni diventano più pressanti, o le difese popolari ai attacchi del potere più disperate. La mia, credetemi, vasta esperienza in fatto di cortei, assemblee e "politicame" vario-grazie P.P.P.- mi dice che le intenzioni non sono sempre buone, gli esiti spesso disastrosi, i casinisti in malafede e stipendiati, non dai servizi necessariamente caro Paolo, la polizia basta per gestire le situazioni scottanti e delicate, Kossiga aut Cointelpro docet. La rabbia, però, è autentica, è sincera la voglia di cambiare dalle basi la vita, far il proverbiale salto in cielo, e che questa voglia ce l'hanno vasti ma inespressi e, ancora, minoritari segmenti della società. Il corteo, sopratutto se violento, com'è stato quello genovese, funge da rituale inconscio di massa, sia dal potere, sia dal contro-potere. SImile alla violenza da stadio,è un rituale inconscio perché appunto partecipato da masse "senza qualità" o non ancora con qualità e soggettività, di classe, di etnia, di cultura, ben definite. Un rituale collettivo che, a Genova e ad Atene, come a Londra e Bangkok queste ultime settimane, esige spesso vittime sacrificali. Secondo Lei, Paolo, Giuliani chi era, e sopratutto cosa sarebbe stato se non fosse ammazzato quel giorno? un black bloc? una pecorella smarrita del movimento pacifico, un utile idiota, estintore alla mano contro il Difender dei Caramba, ben gli sta alla fine, oppure onore al martire di una causa la quale, lo vogliamo o no, è anche la nostra? no, tutto fuorviante, è stato il capro espiatorio ammazzato per propiziare le divinità del consenso, le vetrine spaccate una sorta di contorno a una liturgia ante-litteram. Guest-star, i picchiati della scuola Diaz-ma non era un generale costui?
Facciamo morire uno per educare cento mila, violenza concentrata come terapia omeopatica per chi sogna, in modo violento, mondi pacifici e felici.
Continuo e chiudo con Pasolini, sempre dai Scritti Corsari:
...non è tanto la non-violenza fisica che conta (essa può anche essere messa in discussione): quella che conta è la non-violenza morale: ossia la totale, assoluta, inderogabile mancanza di ogni moralismo.("sosteniamo che è morale quel che appare a ciascuno").
Mi chiedo, io, nel senso appena esposto, chi è il più non-violento, chi fa scattare la viulenz? fate la fila, pietra a mano, o voi senza peccati!

P.S.
non vi vorrò male se non includete il mio commentario, la madre del troll è sempre incinta, io troppo prolisso, o forse troppo greco. Il blog vostro rimane fermata d' obbligo ai miei serfaggi internetici. Confesso però che mi mancano gli interventi di Sof, lui sì che mi faceva scorrere la pagina con i commenti. Vabbe, alla prossima!

Corrado Mantoni ha detto...

E io che sono Carletto,
l'ho fatta nel letto,
l'ho fatta nel letto'
l'ho fatto per fare un dispetto
che bello scherzetto
per mamma e papà.

Anonimo ha detto...

Ma è possibile che tra tutti i lettori di questo post solo 1 persona era presente a Genova al G8???

Un week-end molto strano quel 20/22 Luglio 2001!

Il venerdì verso le 16 dopo aver seguito le news inviate via web su diversi siti decisi di andare a "manifestare il mio personale dissenso".
Prenotai un posto su uno dei numerosi pullman che le varie associazioni avevano organizzato e bel bello mi presentai il mattino seguente alle ore 6.30 pronto per la Gita! Era la mia prima manifestazione e non mi era chiaro chi avrei incontrato, ma sentivo che sarebbe stata una giornata strana, il giorno prima, venerdì 20/7/2001 era morto un ragazzo e le previsioni sull'andamento della manifestazione prevedevano, dal punto di vista meteorologico ... il sole ma dal punto di vista civico ... grande caos.

Prima però di continuare ...

suggerisco a tutti voi, che orami con il tempo avere appiattito e dimenticato gli accadimenti ed i personaggi sono rientrati nel grande gioco stile "Guardia e Ladri" una bella lettura ... vi consiglio un romanzo storico ... " Q " autore Luter Blissett (il famoso calciatore del Milan di qualche anno fa ;)))

http://it.wikipedia.org/wiki/Luther_Blissett_(pseudonimo)

La lettura spero vi permetterà di assaporare gli umori, i sentimenti, la vivacità, l'amore, l'alchimia e la sofferenza che si può provare durante una rivolta.
Qualche attinenza con i fatti del G8 di Genova ...??? ;)))

Bibita Fresca

Anonimo ha detto...

Mi sono dimenticato di darvi l'informazione più importante relativa a questo post + materiale allegato:
la foto sotto il titolo è stata scattata alle ore 14.06 del giorno 21 Luglio 2001, IO SONO LI, Peccato che non funziona lo ZOOOM ;)))

Anonimo ha detto...

Bibita Fresca

Carletto ha detto...

motivata Gnosi,
la tua visione del Fascismo, rimane completamente distorta e non rispondente al vero. Sarebbe a mio parere completamente inutile spiegarti qui il perchè e, visto che "La Bellezza è nell'azione!", ti invito a conoscere tutte le ns. battaglie (vedi sul web CasaPound Italia, Circolo Futurista, Blocco Studentesco,...) così da poter avere un'idea oggettivamente vera del Fascismo anche se trasportato nel III milennio. Ora, sapendo che tu da brava anti infangherai sicuramente le associazioni di cui prima, già faccio presente che non risponderò a nessuna provocazione, non essendo questo il posto opportuno.
Mai "anti", sempre "pro"!

Simpatico Corrado,
sei l'ennesimo web-leone in circolazione...

Gnosi Molegana ha detto...

Carletto, io non infango nulla, non temere non ne ho bisogno, parlano le mie argomentazioni da sole e a livello dialettico e di conoscenze vi mangio in un sol boccone ...

Anzi nobilito cio che mi circonda e trasformo in oro la merda, sono un atto cristico, sono ad un passo dall' essere Lord, infatti sono UNTA dal Signore e porto pure bene ...

Senza considerare che sono molto carina, ma voi maschiacci fazisti preferite stare tra uomini, sempre con sti camerati, poi amate prendervi a cinghiate con la CINGHIA MATTANZA e picchiarvi sempre e solo tra uomini, ed io che vorrei un po' di calore maschile ...

Cattivoni ...
Uffi !!!

Carletto ha detto...

simpatica Gnosi,
scusami ma non posso evitare di farti leggere, sempre che tu voglia, l'articolo nel link qui di seguito.
Prometto che la prssima volta mi impegnerò di più nel non risponderti.

http://ideodromocasapound.org/index.php?option=com_content&view=article&id=236:le-donne-di-casapound-di-francesca-focarelli&catid=52:pendieri-di-casapound

eventualmente grazie per la lettura!

Anonimo ha detto...

1) Come mai hanno spaccato, distrutto, danneggiato, incendiato, e la polizia non ne ha arrestato neanche uno?

perchè è difficile

2) Perché la polizia ha caricato pacifici manifestanti ma non ha mosso un dito contro i Black Block?

perchè è facile

Anonimo ha detto...

Quello che successe il 14 dicembre/2010 cosa c'entra con Genova?
quello che è accaduto ieri 15/10/11
è dovuto alla votazione sulla fiducia al governo,Berlusconi.Come il 14/12/10.Questi "signori" i blak blok (ANIMALI)
sono finanziati dalle sinistre.Lo si vede,dall'avere la più modesta proprietà di un bene,qualsiasi.colpendo i vari beni della socetà non si fà altro che aggravare la situazione economica di tutti.Soprattutto della povera gente,che fà fatica ad andare avanti.E cosa centrava prendersela con le immaggini sacre? Sono dei pazzi drogati,vioenti,mascalzoni,nullafacenti.Se poi quei politici come (di pietro, grillo,)bersani ed altri,compagni.Abbassassero,i toni.Questo potrebbe, aiutare a che queste cose,possano non accadere,con questa brutale violenza.Comunque, ho quelle scene davanti agli occhi di ieri,nel vedere come sfondavano,alcuni esercizi.Io gli avrei dato una sventagliata di mitra.Queste persone(ANIMALI)NON MERITANO DI VIVERE.

Anonimo ha detto...

Ciao ,mi chiamo Roberto ed e'da molto che vi seguo con piacere: meno male almeno qualcuno che vede le cose come sono realmente.Complimenti Paolo continua cosi'(prima o poi,ainoi ci metteranno il bavaglio) , riguardo i b. block: sono militari, e' palese.

Maby ha detto...

conosco bene gli ambienti "estremisti", politica ed ultras in primis: che sopratutto gli autonomi siano sempre stati ben ben organizzati, quasi militarmente, è un dato di fatto: basta vedere come venivano gestite le manifestazioni negli anni 90 dai grandi centri sociali, da Torino a Milano al Nordest.
Con tanto di braccio di ferro tra i leader autonomi ed i sindaci o capi della digos di turno: si trattavano denunce per scontri nelle rese dei conti tra fascisti e rossi o "zone franche" per l'utilizzo di droghe più o mneo leggere durante festival e concerti, in cambio di non organizzare i cortei con gli inevitabili blocchi del traffico, rotture di vetrine etc...
Degli ultras e della loro organizzazione militare almeno fino al giro di vite post Sandri non ne parliamo, e al massimo tra di loro c'è chi fa il capo ultras di professione per gestire la vendita del materiale o lo spaccio in curva, ma gli sbirri rimangono i primi nemici e non ci sono infiltrazioni casuali.
E aggiungo che in certe situazioni anche l'idealista di solito non violento, o comunque non premeditato, perda i 5 minuti in uno stato di fomentazione o rabbia per qualche carica di troppo, vedi Er Pelliccia o personaggi del genere, ciò è quasi normale.

Quindi la mia riflessione, dopo aver ragionato molto, è: ci saranno stati degli infiltrati, nei nuclei e dei gruppetti che nel marasma hanno agito indisturbati e senza incontrare la resistenza delle forze dell'ordine ovviamente accondiscendenti, ma è possibile che dei movimenti antagonisti con tradizioni importanti ed una conoscienza reciproca fortissima, all'interno della loro rete, non si siano accorti di chi si stesse infilando tra di loro e stesse "rubando" loro la platea? Come se in un Verona - Napoli di serie A, con le rispettive tifoserie pronte allo scontro da decenni, si materializzasse da ambo le parti una fazione di ultras mascherati che crea il finimondo senza che gli ultras ufficiali dicano "a" o quantomeno intervengano per togliere la sciarpa (o il fazzoletto nero che dir si voglia) ai nuovi teppisti fi turno?

In certi ambienti il protagonismo è importante, tanto quanto il sapere chi ti sta di fianco in momenti del genere. Mi pare impossibile che le decine di migliaia di persone che ai tempi, dopo gli anni 90, hanno organizzato una rete così strutturata, non si sia manco resa conto di chi fossero quegli infiltrati.
Mi dirai piuttosto che i black bloc da mesi, o forse più, "esistevano" nel macromondo antagonista, e ci fossero persone pagate per fare gli anarchici in rete, al pc, alle riunioni, e sopratutto dopo. Io non ricordo nessuna presa di posizione e comunicazione forte da parte dei Centri Sociali in merito, loro che per primi avrebbero dovuto smacherare le infiltrazioni. Perchè?

Molti dei black bloc nelle immagini sono ragazzi di 25 anni toh, massimo. Nessuno che, se fosse stato al soldo dei servizi segreti, abbia mai ammesso postumo con una sorta di pentimento la cosa? O uno che data la giovane età sia stato colto in fallo? E i poliziotti stessi, che ricevono 1200 euro al mese, nessuno tra i tanti poveretti di Genova che abbia denunciato la cosa visto che avrenno ricevuto chiaramente ordine di non intervenire e ostacolare i colleghi mascherati?
Possibile che ci sia un tale plotone di mercenari così abili a materializzarsi in manifestazioni altamente autocontrollate (quelle degli autonomi), a fare e disfare senza che qualcuno gli rivolga la parola ponendosi il dubbio di chi cazzo siano, e poi scomparire senza che emerga mai anche un solo pentito???

Anonimo ha detto...

NON TUTTI SONO IGNORANTI COME PENSATE PECORE CHE NON SIETE ALTRO. bleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeECCOVI SERVITI

Anonimo ha detto...

http://www.avvelenata.it/g8/blackbloc_big.jpg
foto dove si vedono black blocl ed agenti che escono insieme da una caserma
fonte: http://www.avvelenata.it/g8/blackbloc.html

sito francese dove un uomo cerca di fermare un black block e vedete cosa succede:
http://www.arretsurimages.net/contenu.php?id=3473

firmato UUBPF

Anonimo ha detto...

Se mai incontrero' quel frocione di Gianfranco Fini o quel lurido massone sassarese di Giuseppe Pisanu che erano in combutta con i black blocks e con il governo ombra mondiale, giuro che gli uccido senza pieta', dopo averli torturati per almeno 48 ore!!!!!

Anonimo ha detto...

Premetto prima di intervenire che ho 18 anni, vado per i 19. Voglio dire prima di tutto che io son ( ad ora fascista di famiglia e di fatto) vi diró peró che a diciotto anni, bisogna prendere posizione politica per la vita. Quindi sto considerando tantissimi campi i black block mi attirano, ma non è che mi attirano tanto per gli ideali politici sotto ad essi.. mi attirano per il fatto che loro combattono una guerra molto giusta, signori, io dico solo che fino a due anni fà la mia famiglia possedeva un reddito di 6 e tre zeri euro. Ora ne posseggono meno di un terzo quindi posso dire di essere passato da classe media a classe semi-bassa. Detto e chiarito questo punto che io reputo fondamentale per il mio discorso, vorrei ricordare a tutti che ad oggi i politici sono come avete già detto dei veri e propii cani da guardia ad associazioni, sette, e intrigli vari... Giustamente loro che sanno... Diciamo, come un imprenditore sa o puó sapere quanto aumenterà o si abbasserà il propio guadagno nel tempo questi signori sanno il guadagno italiano nel tempo, e probabilmente hanno già preso le posizioni migliori per loro. Quindi come successe nel 60 guando i ragazzi americani si ribellarono al diciamo allo stesso stato, noi ragazzi italiani ci ribelliamo contro questa indecente sfondo che ci rende tutti partecipi signori destra sinistra, tutti... Noi italiani dovremmo capire che siamo in uno sfondo globale e in questo sfondo l amara verità è che siamo realmente piccoli in esso. Presi coscienza di questo dovremmo riformare per diventare. black blok deriva da una strategia tedesca, dove black intende il colore degli aderenti. E block intende una catena generale di blocco ecco signori, quí non abbiamo una catena di blocco, invito tanti giovani a scendere in piazza, giovani fascisti giovani comunisti giovani radicali giovani protestanti ecc.. ecc... Io invito tutti chi piú e chi meno a prendere coscienza del fatto, che noi siamo il cambiamento e noi dobbiamo cambiare le cose, non puó andare avanti con questo sistema è un suicidio di massa, pensate che io abito nelle marche, io penso a quando verrà a piovere a nevicare, i soldi per riparare e per ridare alla gente ció che perde dove gli prendono? processi bloccate e quindi risarcimenti bloccati, ma non ci sono; anche se fosse piú fluido il sistema giuridico non ci sarebbero i soldi per risarcire quindi si usano scuse e si da la colpa alla burocrazia (non che non c entri peró...)..? Invito ad avere una riflessione del tutto rivoluzionaria, e parlo dei giovani e dei meno giovani. I nostri nonni, hanno le palle perchè hanno visto quello che stiamo vedendo noi oggi, i nostri nonni sono (alle volte) dei caga cazzo perchè hanno visto già quello che noi stiamo vedendo ora (caos povertà popolazione che migra, polizia mercenaria). Dice il saggio: in tempo di pace bisogna preparare le armi per la guerra. Bè noi siamo già in guerra ( non guardate i tg di qualsiasi genere informazione disinvolta su internet) credo propio signori che alla prossima manifestazione andró anche io. Cordiali saluti a tutti