mercoledì 14 aprile 2010

17 omicidi (non) per caso. I misteri di Donato Bilancia.

Paolo Franceschetti
17 omicidi NON per caso
.
Interrogativi.
E’ da tempo che mi interrogo sui Serial killer e sto mettendo insieme alcuni tasselli. Li cito in ordine sparso.


Un esoterista che un giorno, durante una conversazione, mi dice: “la Rosa Rossa in America è più potente che da noi… loro hanno i serial Killer, che da noi sono solo all’inizio…”.
Gli studi sul controllo mentale, come quelli sull’MK ULTRA, ma anche altri.
Fabio Piselli che in una mail mi dice che per indurre una persona media ad uccidere, occorre solo “qualche mese”.
Le tecniche di manipolazione mentale applicate sui militari, per fargli perdere la memoria; tecnica per la quale basta un semplice amalgama in un dente con cui si impianta un minuscolo microchip.
La mail anonima che mi fa notare che nei paesi in cui la massoneria non esisteva, non esistevano omicidi in famiglia, e l’omicidio seriale così come lo conosciamo noi è un fenomeno spesso sconosciuto.
Poi c’è un libro recente, di Donato Carrisi, Il suggeritore. E’ un romanzo. Ma si dice chiaramente che quanto raccontato nel libro è la realtà. E questo romanzo parla di “controllo mentale” con cui si realizzano degli omicidi.

Sono andato quindi a vedermi alcune notizie sui Serial Killer in Italia e in America. Colpiscono i segni di ritualità che troviamo sparsi nelle varie vicende.
Ad esempio di Jeffrey Dhamer, il cosiddetto mostro di Milwakee, mi colpisce il nome… Dhamer, o Dhamantur, era la città dove Christian Rosenkreutz, il mitico fondatore dei Rosacroce, effettuò la maggior parte dei suoi studi; Jeffrey fu ucciso in carcere da un tizio di nome “Christopher” (che significa portatore di Cristo); ovviamente in una data la cui somma teosofica fa 33.

Mi soffermo a riflettere su Donato Bilancia.
17 omicidi.
13 ergastoli.

Curioso che il nome dell’omicida sia proprio il simbolo della undicesima carta dei tarocchi, la giustizia, quella con cui spesso la Rosa Rossa dà la morte.

Se Donato Bilancia è un “prodotto” della Rosa Rossa, difficilmente deve essere un affiliato, altrimenti non lo avrebbero arrestato e mandato al carcere di Opera, quindi la tecnica impiegata deve essere quella del controllo mentale.

Certo, la cosa pare assurda. Ma in fondo stiamo parlando di gente che non ha esitato a far crollare due torri con migliaia di persone per avere un pretesto per scatenare delle guerre e promulgare le leggi antiterrorismo che in realtà servono per controllare la popolazione.

Vediamo allora se è possibile trovare indizi di controllo mentale nella storia di Donato Bilancia. E leggiamoci il libro “17 omicidi per caso”, di Ilaria Cavo, sulla vicenda di Bilancia.

Ilaria Cavo è una giornalista che giudico molto scrupolosa. Ha lavorato per la trasmissione Porta a Porta e attualmente lavora a Mediaset (per Matrix e altre trasmissioni), ma io sono convinto che molte persone, pur lavorando in trasmissioni, o in giornali, o in posizioni politiche, che presuppongono l’appartenenza al sistema, ne siano fuori dal punto di vista formale, cioè non sono a conoscenza dei reali meccanismi del potere.
In genere queste persone si riconoscono per lo scrupolo e la minuziosità con cui fanno il loro lavoro per cui alla fine confezionano un lavoro che, se anche non è del tutto aderente a quelle che sono le posizioni di noi “complottisti”, ci forniscono però del materiale di studio eccellente.
Una di queste giornaliste credo sia, appunto, Ilaria Cavo.
Il libro è preciso, meticoloso nella ricostruzione. Non a caso Ilaria Cavo si è meritata la fiducia di Bilancia.

17 omicidi per caso.
Leggendo la storia di Bilancia mi colpiscono due cose.
Le incongruenze di alcuni omicidi, ove la versione processuale – di un assassino isolato - non quadra con la logica.
E poi le sue dichiarazioni.

Iniziamo da queste ultime.
“Io ho ucciso delle persone senza sapere perché. Di certo non ho provato piacere anche se ho seguito un istinto. Non so cosa è scattato nelle mia mente (pag. 107).
"Qualcosa nella mia testa deve essere andato per il verso sbagliato. Devono dirmi che cosa. Ho bisogno di saperlo, perché ancora non dormo la notte se penso a quello che ho fatto”.
"Penso soprattutto a quelle due donne che ho ucciso sui treni. Davvero sa? Tutte e due le volte ero in casa, mi ero seduto sul divano per rilassarmi un attimo, e avevo cominciato e pensare: oggi devo uccidere una donna. Non so cosa mi ha spinto a entrare in quella toilette. Non può neanche immaginare il rimorso che provo quando ripenso al corpo di quella donna che ha lasciato una bimba piccola. Come ho fatto a ridurla così? Sono lacerato dal rimorso. Mi sveglio sudato, mi sento soffocare".

"Devono dirmi come posso superare tutto questo e come ho potuto fare quello che ho fatto. Prenda Centenaro ad es. Quell’essere l’ho fatto morire in modo tremendo come una vera tortura. Gli ho fatto fare una fine tragica".

La prima vittima “l’ho seguita con l’intenzione di ucciderla, ma non so dove ho trovato la forza e il coraggio. E non so cosa sia successo da quel momento in poi, nella mia mente”.

E poi a Bilancia non tornano i conti. Si noti bene: Bilancia non dice che era incapace di intendere e di volere al momento in cui ha commesso i fatti, per ottenere l’infermità mentale. In realtà sta dicendo che non gli tornano i conti e vuole capire.
Più avanti spiega ancora meglio cosa e perché non gli torna:
“Nella mia vita ce ne saranno state di persone che mi hanno fatto un torto. Ne ho incontrate tante. Ebbene. Io vorrei capire perché queste persone non le ho uccise. Non ho pensato di ammazzarne neanche una e invece, di punto in bianco, ho ucciso Centenaro”.
.
“Evidentemente non ragionavo”.

“E poi c’è un altro mistero che devo sciogliere: devo proprio capire perché sono andato con un Viado. Io che sono sempre stato eterosessuale, a un certo punto vado a cercarmi un trans e neppure a Genova, ma a Novi Ligure. Vogliono dirmi che a Genova non potevo incontrare un viado che mi andasse genio?”
“E se ero a caccia di bersagli facili, come dicono, perché mai sarei andato a cercare un cambiavalute a Ventimiglia, vicino alla questura?”.
“Io sono certo che le cose che si sono svolte in quel modo non rappresentano una linea logica. Non c’è logica in quello che ho commesso”.

Sono anche altre le domande e le dichiarazioni che meriterebbero un maggiore approfondimento.
Bilancia si domanda ad esempio come mai non abbia portato con sé le pistole dei due metronotte che ha ucciso; una circostanza illogica, secondo lui. Lui che era un tiratore avrebbe dovuto portarsele via.
E si domanda come mai quando lui ha dichiarato di non essere stato da solo a sparare, la notizia è stata subito data dalla stampa, mettendo così in allarme i complici. “L’allarme è stato dato, ed è gravissimo per le conseguenze che porterà in futuro”, dichiara, facendo intendere che attorno a lui c’è una rete di altre persone.

“Quando io parlo dei delitti, come sto facendo ora, ricordo perfettamente tutto. Ogni momento è stampato nella mia mente, Mi sembra che a commetterli sia stata un’altra persona”.

Molto interessante è anche la sua dichiarazione relativa alla confessione. Dice Bilancia: “Non ero più io, perché, se fossi stato davvero lucido, non avrei mica confessato” (pag. 140).

Qualcuno ha detto che le dichiarazioni di Bilancia servivano a far credere a tutti che fosse incapace di intendere e di volere. Ma ciò è palesemente falso, perché è lo stesso Bilancia a fare una dichiarazione che aggrava, anziché alleggerire, la sua posizione: “Penso che se dovessi uscire rifarei quello che ho fatto. Non so come, non so perché, ma penso che lo rifarei”.
Basta questa dichiarazione ad escludere che l'intervista rilasciata ad Ilaria Cavo sia volta a darsi un'attenuante processuale, o a cambiare l'opinione dei giudici.

Come abbiamo detto, però, ci sono tante altre cose da chiarire anche dal punto di vista dei fatti.
Dal momento che Bilancia ha confessato, questo ha esonerato gli inquirenti dal fare indagini più approfondite. Ma in realtà seri dubbi sulle vicende son state sollevate anche dai legali delle vittime (che, in teoria, non avrebbero alcun interesse a dimostrare l’erroneità della tesi dell’accusa).

Dice ancora Bilancia a questo proposito:
“La verità la so soltanto io ed emergerà quando lo vorrò”.
.
“A nessuno è interessato più di tanto sapere, ad esempio se avessi avuto dei complici, chi mi ha dato l’arma e altro ancora”.
.
“La verità è che non sono sempre stato io ad uccidere” (pag. 144).
.
“Ho l’impressione che nessuno voglia sentire la verità, che si voglia tenere tutto soffocato”.

Vale la pena a questo punto di riportare le conclusioni degli esperti che hanno dovuto fare la perizia psichiatrica su Bilancia: “Forse deludendo le aspettative dei giudici, dobbiamo alla fine della nostra indagine dichiarare che non siamo in grado di rispondere all’interrogativo sul perché egli ha ucciso. Siamo certi solo di un fatto: che nella criminogenesi degli omicidi non è intervenuta alcuna infermità di mente”.

Conclusioni.
Molte delle domande irrisolte che si pone non solo Bilancia, ma anche l’autrice del libro e i periti, possono essere risolte se si pensa ad omicidi commessi sotto controllo mentale.
Ecco spiegato l’impulso irresistibile, nonostante Bilancia non abbia mai sentito prima l’impulso di uccidere.
Ecco spiegato perché sul luogo del delitto lui talvolta non è solo, come pare risulti dalla dinamica ricostruita dagli inquirenti; perché quando vengono realizzati questi omicidi deve comunque esserci qualcun altro (probabilmente più persone) che controlli che tutto vada a buon fine.

Inquietanti per la loro somiglianza, sono le dichiazioni fatte da Jeffrey Dhamer al processo.

«Vostro Onore, è finita. Non ho mai cercato di essere liberato. Francamente volevo la morte per me stesso. Voglio dire al mondo che non l'ho fatto per odio. Non ho mai odiato nessuno. Sapevo di essere malato, cattivo o entrambe le cose. Adesso credo d'essere veramente malato. Il dottore mi ha parlato della mia malattia e di quanto male ho causato. Ho fatto del mio meglio per fare ammenda dopo il mio arresto, ma non importa, non posso eliminare così il terribile male che ho causato. Vi ringrazio Vostro Onore, sono pronto per la vostra sentenza, che sono sicuro sarà il massimo. Non chiedo attenuanti, ma per piacere dite al mondo che mi dispiace per quello che ho fatto.»

Come Bilancia, Jeffrey Dhamer non chiede attenuanti. Capisce di aver fatto male ma non sa perchè. E vede la morte come una liberazione, come dichiara anche Bilancia nel libro.
Forse, un giorno, si troverà una spiegazione a questi fatti. O, meglio, forse un giorno la spiegazione verrà universalmente riconosciuta.
Perché la spiegazione, purtroppo, credo di intravederla.
Se questa è la realtà, supera di molto la fantasia. E come al solito, nessuno la racconterà mai per molto tempo, neanche in un romanzo, perchè essa è veramente al di là di ogni immaginazione e nessun romanziere o regista potrebbe figurarsela.
E - come mi disse la Carlizzi anni fa - se qualcuno la raccontasse in un romanzo, morirebbe prima che il libro esca.

244 commenti:

1 – 200 di 244   Nuovi›   Più recenti»
Anonimo ha detto...

primo

LuCaS

secondo ha detto...

secondo

Duffy ha detto...

ti dirò paolo, io ho il forte sospetto che tutti i vari terroristi che si fan saltare per aria (versione ufficiale), possano essere vittime di una sorta di controllo mentale, frutto di tecniche "particolari" dell'addestramento che viene loro fornito

Anonimo ha detto...

Gabriella Carlizzi accennava al controllo delle menti e al potere della mente, nei quali vengono investiti moltissimi soldi da queste organizzazioni criminali.
Si parlava di un reticolato magnetico che trasferisce impulsi alla mente umana. Ho cercato qualcosa su internet e ho visto che il discorso si allaccia agli alieni, o alla terra cava, alla religione...ci sono cosi' tante teoie che e' difficile scremare, anche perche' in potenza potrebbero essere tutte veritiere.
Viviamo proprio nel controllo mentale e per riappropriarci dei nostri pensieri dovremmo imparare tutti a rilassarci ma con i sensi all'erta (nessuno e' al sicuro), e fare una cernita quotidiana di pensieri immondizia.

ciao da nemesis

Anonimo ha detto...

Paolo,
lei sostiene di essere buddista ma discetta in modo esattamente opposto a tale filosofia, che sostiene il karma essere squisitamente ed esclusivamente personale e perciò ininfluenzabile da chicchessia.
Inoltre, detta disciplina, propugna l'eugenetica astrale proprio per evitare di offrire l'uso di corpi fisici all'incarnazione di spiriti malvagi, come Bilancia e qualsiasi altro omicida. Se, oltre che a Steiner, avesse letto un po' di Goethe giungerebbe facilmente ad una tale conclusione.
Per quanto riguarda la magistratura giudicante italiana, in ogni ordine e grado compreso il giudice di pace, non interessa granché arrivare alla verità, ma concludere il procedimento, questo, visto la professione che esercita, dovrebbe averlo maturato anche lei.
Giorgio Andretta

Anonimo ha detto...

Fintanto che non si capirà che noi tutti siamo UNO non se ne verrà a capo.

Anonimo ha detto...

Ancora non ho avuto il piacere di leggere le Tue impressioni sul "caso" dell'ennesima martire Elisa CLAPS.
Attendo le Tue valutazioni per capire cosa si nasconde dietro il Sacrificio della povera Elisa.
AV. DUBBIOSO (HO SOLO DUBBI E POCHE CERTEZZE)

Anonimo ha detto...

Caso Claps
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6953.

Frank ha detto...

Questa è solo la mia opinione.


1)Se si fosse chiamato Donato Esposito non avreste fatto l'articolo.

2)Per le torri Gemelle:

non hai prove di quello che dici e non puoi basarti sulle "prove messe in rete dai complottisti".

3)Esistono tante malattie mentali e tante persone che ne soffrono. Donato è una di quelle (punto).


Il principio del rasoio di Ocacm suggerisce l'inutilità di formulare più assunzioni di quelle che si siano trovate per spiegare un dato fenomeno: il rasoio di Occam impone di evitare cioè ipotesi aggiuntive, quando quelle iniziali sono sufficienti.

Donato Bilancia è una persona malata di mente. Se ha commesso degli omicidi c'è un motivo semplice: è malata.

Se poi vogliamo trovare sempre delle analogie con masoneria,controllo mentale,ecc, ecc ne possiamo trovare migliaia anche con persone che si chiamano Gennaro Esposito

Frank ha detto...

Altra cosa:

nel tuo articolo Bilancia dice:
<> e vuole capire del perche abbia ucciso quelle persone come ad esempio Centenaro.



OK:

Siamo all’inizio dell’estate del 1997. Bilancia sta giocando a dadi, quando a un tratto Maurizio lo raggiunge al tavolo e gli chiede il favore di accompagnarlo alla bisca in cui lavora come buttafuori. Bilancia molla tutto e lo segue. Giunto nella bisca, constata che lì si gioca forte, proprio come piace a lui, e decide allora di provare qualche mano. Vince parecchi soldi. Le volte successive in cui ci torna, però, perde molto di più, quasi cinquecento milioni di lire in quattro sedute. La cosa non lo preoccupa eccessivamente: in questo periodo gli passano per le mani cifre da capogiro, svariati miliardi. Il raggiro emerge poche sere dopo, quando, in bagno, sente Maurizio dire a Giorgio Centenaro, il proprietario della casa da gioco: «Hai visto in che modo sono riuscito ad agganciarlo e a portarlo qui da noi?»
Per Bilancia è un colpo durissimo. Torna a casa e passa la notte a piangere, si sente “il più scemo del mondo”.
Nonostante cerchi nei giorni seguenti di cancellare l’episodio come già ha fatto mille altre volte, il tradimento di Maurizio lo tormenta, diventa un’idea fissa che lo induce a continui e fallimentari bilanci della propria vita. Incontrando Parenti e Centenaro, che continuano a trattarlo come un amicone, sente l’odio aumentare incontrollato, e il desiderio di ucciderli si sedimenta poco alla volta nella sua mente.
Per la prima volta nella sua vita, Bilancia sente il bisogno di reagire........


Se questa non è una spiegazione!!!

e mettiamo anche le umiliazioni subite da piccolo dai genitori (legge storia del problema enuresi)

Si sommano le cose ed escono individui di questo tipo.........

Bilancia: mah!

Anonimo ha detto...

Siti (dai nomi)strani

http://www.rosarossaonline.it/manifesto.php?fi=3
,http://www.rosarossa.it/attenzione.html
,

nim ha detto...

x paolo:
in effetti anche a me stavolta mi sembra sia un po tirata la faccenda.e sì che anchio ho letto le cose che citi.però qui potremmo avere semplicemente un personaggio di per se "borderline".(solo per farti un esempio a me invece sembran sempre molto piu strani e inquietanti i tanti cecchini improvvisati che sparano sui passanti dalle finestre,e che in effetti sono aumentati in modo esp. negli ultimi 50 anni,e che si fan passare sempre per atti dovuti a raptus,ecc.,comunque non entro ora nell'arg).
Inoltre a volte leggendoti mi sembri un po "suggestionabile",ma è solo un parere superficiale non conoscendoti di persona,ovviamente,e dati gli argomenti che ti interessano credo sia normale(senza contare le cose che ti son successe a tuo stesso dire,posso quindi capire).
continuo pero a stimare la ricerca che fai e che,in fondo, "proponi" in quanto chi ti legge è invogliato a ricercare per proprio conto (non solo i killer,che a me non interessano,tanto per dire),quindi non prendere male le critiche,anzi.
continua col tuo buon lavoro

x frank:
per esser coerente con cio che ho appena affermato,dovrei dire che son d'accordo con te, eppure se alcune del franceschetti potevan apparir "tirate", certe argomentazioni tue mi sembran un po "faziose":nel senso che il rasoio di Occam,per esempio,è na roba passata ormai a livello di logica,e teoria non utilizzat quasi piu nemmen nei propri ambienti teologici(che frequento).

Ver ha detto...

Per Frank
Tu sei convinto che le torri gemelle sono state abbattute da Bin Laden?
E, se posso darti un consiglio, perchè liquidi subito la situazione di Bilancia come un caso di malattia mentale? Concediti almeno il beneficio del dubbio

Anna ha detto...

Al controllo mentale credo da anni ormai, in quanto come appunto si è detto e stradetto qui, gli omicidi sia in famiglia, che frutto di "raptus", sono aumentati in modo davvero allarmante negli ultimi decenni. Solo non sono sicura sul tipo di controllo mentale attuato e da chi. Voglio dire, a mio modesto parere siamo tutti controllati mentalmente da un sistema di media, educativo, sociale e quant'altro, che ci impone infiniti cliché, ci dice persino come dobbiamo sembrare, quanto pesare e cosa fare per ottenere soldi sesso successo. Poi c'è un crescente senso si alienazione delle persone dovuto allo stile di vita, specie nelle grandi città: indifferenza verso l'altro(quanti di noi conoscono tutti i propri vicini di casa ad esempio?), solitudine, insofferenza, anestetizzazione dei sentimenti, caduta totale dei valori di base che sono il collante di una società infatti ormai disgregata del tutto. Eccetera eccetera. Ecco, io sono convinta, anche per motivi che non sto qui a spiegare, che quando si comincia a soffrire di un qualche disturbo psicologico di varia natura e portata, il cervello subisca delle anomalie a livello energetico e si aprano come dire, delle falde, delle "fessure" attraverso cui può entrare di tutto, soprattutto in senso negativo: dal controllo mentale operato da terzi a "visite" dai piani astrali inferiori. Naturalmente il mio è un discorso un pò terra terra, Serpent saprebbe spiegarlo nel modo migliore avendo anche più conoscenze di me al riguardo. Io sono convinta che molti di questi serial killer siano come "posseduti" da qualcosa che si è introdotto nel loro cervello a seguito di squilibri energetici eccetera, e che li porta a compiere atti efferati senza davvero comprendere essi stessi il motivo di ciò che hanno fatto. Possibile che una persona "normale", si ritrovi a 40-50 anni a voler ammazzare persone tanto per farlo? Certo, ci può stare il fattore umiliazioni protratte nel tempo ed esplose in rabbia omicida, ci può stare che la persona abbia subìto traumi mai davvero risolti che a un certo punto esplodono, ma allora perchè non ci può stare pure il fatto che qualcuno approfitti della debolezza mentale di molte persone per controllarlo a distanza? Non lo trovo così fantascientifico, onestamente. Anche 2000 anni fa avrebbero trovato del tutto impossibile l'idea che ci sarebbero stati aerei e sottomarini al giorno d'oggi, giusto? Se escludiamo sempre il fattore "inspiegabile" dal punto di vista scientifico finiamo per diventare degli squallidi materialisti che vivono solo di ciò che vedono, perdendo il senso di ciò che gli succede intorno. Ci sono cose inspiegabili, per adesso, che lo diventeranno poi. Certo queste cose sono difficili da dimostrare in un tribunale, ma se ci atteniamo ai fatti, molte cose negli omicidi seriali o stragi improvvise come quella di Erba non convincono, e chiunque abbia un pò di raziocinio non può fare a meno di domandarsi se non ci sia dell'altro ancora da scoprire, sietro tutto questo. In quanto al rasoio di Occam, dico attenti a coloro che ci credono a spada tratta: potrebbe capitarvi di essere incriminati per una strage e finire in cella per sempre giusto perchè il giorno delle strage eravate andati a trovare il vicino per un caffè e il vostro DNA era sulla tazzina...

Anna ha detto...

Ma davvero c'è ancora qualcuno in giro che crede alla balla colossale delle Twin Towers abbattute da Bin Laden? Ma siete davvero sicuri che l'uomo Bin Laden sia mai esistito? Avete visto un uomo barbuto in TV fare minacce eccetera, avete per caso mai visto il suo passaporto? E magari ancora credete che l'invasione dell'Iraq da parte degli americani, quei furbi esportatori di armi più che di democrazia, sia giusta? Allora siamo davvero alla frutta, qui non c'è nessuna speranza per l'intelligenza umana...

Ver ha detto...

Il fatto delle visite dal piano astrale inferiore non spiega comunque il perchè sui luoghi dei delitti ci sono altre persone

Galeazzo Gargiulo ha detto...

Questa sera farò un articolato intervento, ma per il momento non voglio perdere l'occasione di piazzarmi al DICIASETTESIMO posto!

Yeppi ja yeppi ja yeppi nannaia!

Frank ha detto...

Ver ha detto:
<>

No, assolutamente. non credo sia stato lui. sono quasi 9 anni che studio l'avvenimento 11/9/2001.
In questa situazione ci sono solo affari geopolitici,America,Israele,ecc.
Bin Laden secondo quello che ho capito è morto nel 2004 ( vedi intervista di Benazir Bhutto morta tra l'altro poco dopo le sue dichiarazioni fatte al giornalista Frost http://www.youtube.com/watch?v=UnychOXj9Tg )

Per il discorso di Bilancia:

ci sono molte cose strane ma per quello che ho letto e capito io ha avuto una vita molto tormentata che ha o potrebbe aver causato quello che noi sappiamo......
Lo so che bisogna avere dei dubbi ma per alcune cose che accadono a volte l'ipotesi piu semplice è la soluzione (occham) mentre per altre bisogna scavare a fondo per conoscere il vero stato delle cose.

<>.

ciao

Paolo Franceschetti ha detto...

Sul caso Claps non mi sono pronunciato perchè non mi sono fatto un'idea. A dir la verità non l'ho proprio seguito.

Anonimo ha detto...

E la verità del "Il principio del rasoio di Ocacm", che applichi a piacere, da dove la derivi saggio Frank?

LPI

Anonimo ha detto...

- Manchurian Candidates

- Ewen Cameron

- Project Paperclip

Anonimo ha detto...

eeeeeeeeeeeeee

MDD ha detto...

Sarebbe interessante un bel post sugli omicidi del Circeo e sulla ambigua figura di ANGELO IZZO E DEI SUOI COMPARI ...
Secondo me erano personaggi teleguidati dai servizi x alimentare la strategia della tensione fascista in Italia ...

Personaggi protetti ad alto livello, sicuramente pazzi lucidi allevati e guidati ad hoc x compiere crimini e terrorizzare l' opinione pubblica ...
Il Circeo e' da inserire negli omicidi rituali ...

Altro post interessante sarebbe lo studio sulla vita del regista COMPLOTTISTA X ANTONOMASIA, ROMAN POLANSKY ...

A mio avviso. non sono stati ancora trattati a fondo le storie dei suoi films, che trasudano simbologie a noi conosciute, come gli omicidi rituali, i simboli rosacrociani, il contrapasso, e che ha vissuto anche personalmente nella realta', questi fatti con l' omicidio di sua moglie ad opera del serial killer Manson ...

Tutta la vita del regista sembra un complotto, e tutti i suoi films svelano segreti rituali in maniera precisa ...

1) ROSMARY BABY che presenta tutta la metafora del potere massonico e satanico che ci controlla e tutta la simbologia presente, dalle famose ROSE ROSSE, PRESENTI ANCHE NEL NOME DEL FILM E NEL NOME DELLA PROTAGONISTA CHE VIENE FECONDATA DAL DIAVOLO, fino alla concezione del potere che ti condiziona e ti costringe ad accettare le regole x quieto vivere, QUINDI DI VENDERE L'ANIMA AL DIAVOLO ...

2) L'INQUILINO DEL 3° PIANO, FILM APPARENTEMENTE SULLA FOLLIA, MA CHE PRESENTA UNA DOPPIA LETTURA PARALLELA ALCHEMICA DI TRASMUTAZIONE, OLTRE ALL' ONNIPRESENTE TEORIA DEL CONTROLLO CHE PORTA ALLA PAZZIA COME IN UN ROMANZO DI KAFKA ...

3) ED ANCHE L' ULTIMO, L' UOMO NELL' OMBRA che e' l' apoteosi del complotto finale ...

Il regista, non si capisce se sia anche lui parte del complotto e che i suoi film siano la metafora della sua vita e che sempre lui, debba espiare il successo di regista con la morte della moglie e con le accuse di pedofilia che lo tengono in scacco da coloro che hanno prodotto i suoi film, oppure che tenti di comunicare il male desrivendolo sotto metafora e che x questo motivo sia ricattato ad ogni livello ...

Sarebbe bello approfondire la questione di entrambi gli argomenti ...

1) CIRCEO- IZZO

2) ROMAN POLANSKY ... ROSEMARY BABY ...

MDD ha detto...

Riguardo a DONATO BILANCIA, potrebbe essere in effetti un personaggio controllato e condizionato, le possibilita' x realizzare cio' sono possibili ...

Sinceramente non ho un' idea precisa sull' argomento, pero' sono possibilista ...

Ho notato lo sguardo di DONATO B e mi ha ricordato la faccia di OLINDO di ERBA, hanno la stessa espressione svuotata e coptata, che pero' e' anche la tipica espressione di un serial killer schizofrenico ...

C'e' da capire se quell' espressione sia il risultato del controllo mentale, oppure siano solo semplicemente pazzi ...
O entrambe le cose ...

Bisognerebbe capire quando e perche' vengano compiuti questi omicidi rituali, che hanno la funzione di contribuire alla tensione generale, guidando verso un clima ansiogeno la massa che percepisce queste notizie ...

Bisognerebbe capire e studiare il clima storico del momento in cui avvengono, in quale tappe del controllo mentale dell' opinione pubblica vengano compiuti ...

Bisognerebbe controllare le notizie e le leggi che vengono approvate, cosa succede mentre i media sponsorizzano questi delitti, che in piccolo hanno le stesse dinamiche delle stragi di stato, hanno la stessa valenza simbolica mediatica di controllo e di plagio emozionale ...

Il discorso delle date, e' giusto, ma dovrebbe essere analizzato in seconda battuta, xche', a mio avviso, l' omicidio rituale viene compiuto dai poteri occulti, qualunque essi siano, anche senza una simbologia fissa ma piu' mobile, entrano in gioco altre dinamiche piu' legate al plagio e alla lobotomia indotta, piu' psicologiche e scientifiche, non credo che vengano compiuti solo x comunicare TRA LORO, non avrebbe molto senso, funzionano x catturare le nostre paure e ributtarle sulla massa, come un monito religioso, ed infatti la simbologia della ROSAROSSA, sembra proprio utilizzare quei simboli cari alla religione, sono gli stessi dei cavalieri di malta, la rosa, la croce, il contrapasso e via dicendo ...

Secondo me, queste sette occulte, sono parte integrante del sistema religioso, sono il braccio armato del CULTO, come l' OPUS DEI, rappresenta la sua massoneria interna e potenza economica ...

L' ashkenazita MARCINKUS, era legato ai Rothschild, alle loro banche, era colui che regolava il denaro sporco attraverso la massoneria belga e svizzera, attraverso gli USA e la massoneria deviata, come x la P2 ...

Il potere temporale della chiesa, che NON C'ENTRA NULLA CON LA SACROSANTA' SPIRITUALITA' ORIGINARIA CRISTIANA, ED ANZI NE RAPPRESENTA IL SUO ESATTO OPPOSTO, e' la chiave del sistema occulto, e' quel sistema che x duemila anni ha creato altri sottoculti fino alle sette esoteriche che compiono delitti ...

La supremazia del culto e' ROBA della chiesa e del suo potere globale millenario ...
Infatti il VATICANO, fu l' unico stato a non essere colpito dalle guerre mondiali, fu quello stato che sarebbe continuato ad esistere sia se avesse vinto il nazismo, sia se avessero vinto gli americani ...

MDD ha detto...

SECONDA PARTE:

Come la Svizzera, STATI AUTONOMI CHE DETENGONO TALMENTE TANTO POTERE DA ESISTERE SEMPRE E COMUNQUE, XCHE' CENTRALI ASSOLUTE DEL POTERE DEGLI ILLUMINATI ...

1) LA SVIZZERA COME POTERE ECONOMICO BANCARIO
2) LA CHIESA COME SUCCURSALE DEL PLAGIO MENTALE
3) IL REGNO UNITO, COME CENTRALE DEL POTERE DELLE REGINE NERE E DELLA MASSONERIA MONDIALE
4) GLI USA, COME BRACCIO ARMATO AVATAR DELL' INGHILTERRA ...
5) IL 3° MONDO E L' ORIENTE, CONTROLLATO DALLE MAFIE E DALLE DITTATURE FASCISTE MILITARI, COME MANO D'OPERA LAVORATIVA E COME FONTE DI SCHIAVI X LA PRODUZIONE ...

Mentre IS-RA EL ED IL MEDIORIENTE come PONTE x controllare L' ALTRO MONDO, SIA A LIVELLO GEOPOLITICO CHE ESOTERICO ...

Culto, Religione, sette esoteriche/sataniche, sistema militare, economico, politico, massonico, mafioso sono facce della stessa medaglia, sono distretti dello stesso potere, sono LA STESSA COSA SUDDIVISA IN DIFFERENTI SETTORI X IL NOSTRO CONTROLLO X IL DOMINIO ASSOLUTO E X MANTENERE L' ILLUSIONE DELLA MATRIX, PRIGIONE CHE CI NEGA LA LUCE ATTRAVERSO LA PAURA CHE OCCLUDE LE NOSTRE ANTENNE CON IL DIVINO ...

Anonimo ha detto...

X Frank:
Teorie complottiste degli attentati?? se ti riferisci a quelle che hanno passato "ufficialmente" i media e i vari governi..quelle si che sono complottiste!

Comunque sin da piccolo che leggevo sui serial killer mi sono sempre domandato come una persona potesse cosi d'improvviso cambiare il proprio stato mentale e iniziare ad uccidere senza senso...perchè potrebbe succedere veramente a tutti. La cosa che pero' suona strano è che la grande maggioranza dei serial killer dicono di essere "controllati" o almeno lo fanno intuire..la cosa che mi fa credere che sia la strada giusta è che nessuno ha mai approfondito cio'.
Matteo

Anonimo ha detto...

Anna è del cicap

Anonimo ha detto...

Io ho il forte sospetto che siano tutte cagate new age

Anonimo ha detto...

A MIO MODESTISSIMO PARERE, direi che le analisi di Frank e di MDD (chi si nasconde dietro questo acronimo?) SONO COMPLEMENTARI E PER NULLA ANTITETICHE.
CONTINUIAMO A DUBITARE.

Dubito Ergo Sum

Nathan 2000 ha detto...

Paolo, sul caso Elisa Claps ci sono miriadi di possibilità di lettura. Basti pensare solo al fatto che il principale accusato, Danilo Restivo, è figlio del presunto Venerabile maestro della Loggia Mario Pagano di Basilicata, Maurizio Restivo. L'avvocato di Restivo? Un affiliato alla loggia (tra l'altro lo conosco anche personalmente). Il marito della PM che ha indagato sul caso? Affiliato alla stessa loggia. Da qualche parte ho letto che sul parroco della Santissima Trinità, Don Mimì Sabia, esiste una informativa del Sisde.

Tutto accade nella tranquilla Basilicata... terra d'origine di Donato Bilancia.

Ignazio ha detto...

Suvvia MDD è l'acronimo per ministro della difesa...
quanto siete ignoranti

Anna ha detto...

"Il fatto delle visite dal piano astrale inferiore non spiega comunque il perchè sui luoghi dei delitti ci sono altre persone".

Beh Ver, io un'ipotesi al riguardo ce l'avrei, anzi due: 1)le altre persone controllano che il rituale sia fatto secondo i crismi e mantengono alta l'energia negativa e se possibile danno una mano a finire il lavoro se non eseguito correttamente ai fini che intendono ottenere; 2)le altre persone sono anch'esse vittime di controllo mentale, e quindi si ritrovano a fare della manovalanza inconsapevole.

So che il tutto suona assai "new age" e stronzate varie, ma a me le risposte facili facili su delitti tanto efferati non hanno mai convinto. Voglio dire, basta guardarsi quella cagata di "The Blair Witch 2" per capire che certe cose non sono più fantascienza da un bel pezzo. I ragazzi nel film ammazzano e fanno rituali esoterici senza neanche rendersene conto, come fossero appunto vittime di un "sortilegio"...A me non sembra affatto campata in aria, come idea, tutt'altro.

Anonimo ha detto...

"A volte crediamo di avere delle idee, delle intuizioni improvvise che ci aprono porte inaspettate. Crediamo che tutto questo venga da noi, che sia frutto della nostra ispirazione e della nostra intelligenza; in realtà ogni cosa che sfiora la nostra mente viene da un'altra dimensione. Lo scienziato che compie una scoperta rivoluzionaria, lo scrittore che di getto scrive un capolavoro, spesso non sanno di essere ispirati da suggeritori occulti. Il criminale che, spinto da un impulso improvviso, uccide un'altra persona, si ferma come svuotato ad osservare il corpo inanimato che gli sta davanti e dice:
-non sono stato io, qualcosa si è impossessato di me e, in pochi istanti, offuscando il potere della volontà, mi ha spinto all’omicidio - Quest'uomo griderà inutilmente la verità ai giudici perché nessuno gli crederà. Dirà che il suo gesto insensato è stato come un fulmine, un'improvvisa scarica di energia. Al massimo gli riconosceranno l’infermità mentale. Solo qualcuno, per un istante, sarà sfiorato dal dubbio che quell'uomo abbia detto qualcosa di tremendamente vero, però si fermerà spaventato davanti al baratro e scaccerà questi pensieri dalla mente, tornando tra le braccia rassicuranti della Dea Ragione che nasconde gli abissi e protegge l'uomo da traumi insopportabili. Ma, se solo un giudice potesse scrutare tra le misteriose alchimie degli eventi, se intuisse cosa si agita nell’invisibile, leggendo il copione che quotidianamente ci viene sussurrato, forse non avrebbe il coraggio di emettere alcuna sentenza."

tratto da:
http://www.napolinoir.it/pages/ospiti/mauri.htm

Anonimo ha detto...

E' sempre casuale...troppo

http://www.youtube.com/watch?v=ZnHu0AG_Gws

Anonimo ha detto...

Guardate PARANORMAL ACTIVITY

poi ne riparliamo

Anonimo ha detto...

@ Anna
sono perfettamente daccordo su quanto sostieni e avevo preparato questo come risposta al quesito postato che citi:

....Il fatto delle visite dal piano astrale inferiore non spiega comunque il perchè sui luoghi dei delitti ci sono altre persone.....

invece lo spiega, i terzi presenti sono li non solo per controllare che le azioni vadano a buon fine a ma anche per convogliare l'energia psichica che si libera dalle vittime e utilizzarle al fine di avere risposte e conoscenze dal mondo invisibile e comunque nutrirsene, questo Steiner lo spiega bene nel libro: dietro le quinte degli eventi esteriori.
A tutti gli scettici che pensano come Bilancia abbia agito solo a causa di malattie mentali ecc, ma proprio determinate influenze sono la causa di determinate malattie mentali (per ogni cultura sciamanica animista questo è un semplice dato di fatto, gli stessi ebrei dicono spesso che le parole di Dio si possono ascoltare dalla bocca dei pazzi e dei bambini, e ciò vale anche in senso negativo), come anche di forme più lievi come la depressione o la melanconia, è proprio attraverso le debolezze indotte che si instaura poi il controllo mentale, la gente comune non si immagina del numero impressionante di persone che sono come si dice comunemente "possedute", questo non avviene a caso ma per un disegno ben definito affinchè si realizzino le condizioni necessarie per l'incarnazione del Male.
per quanto riguarda il controllo mentale in genere, cito la frase di matrix in cui morpheus dice a neo "tutti possono essere l'agente smith, tutti sono nostri nemici finchè sono inconsapevoli", questo è tremendamente vero, fino a che non si raggiunge un certo "stato di consapevolezza" si è soggetti a determinati tipi di leggi, fra queste anche l'essere pedine (Gurdjieff).

jj

spooky ha detto...

Se non ricordo male, le vittime del controllo mentale presentano una mente divisa in vari alter che non comunicano tra loro. Sulla base di questo, è strano che Bilancia non abbia dei vuoti di memoria...

Mimì ha detto...

A che cosa servono gli omicidi rituali? A creare sempre più clima di paura e incertezza?

Anonimo ha detto...

Gli omicidi rituali servono a propriziarsi i favori di questo o quel demone (tratti da varie mitologie a volte comunicanti).
Ti serve un'assoluzione in giudizio impossibile? Sacrificano Samuele, eta' tot, data di nascita tot, tutto estratto da un cervellone computerizzato con sopra i dati di chiunque...vittima e carnefice inclusi.
Ti serve una cura per la pazzia o l'impotenza? Abbiamo gli omicidi di coppiette.
(questo e' a grandi linee quello che sostiene la Carlizzi).

nemesis

ps. trovo pericolosissime quelle persone che credono di essere al di sopra del bene e del male, perche' l'unica cosa a cui credono e' il super io, quindi il frutto di una creatura e non del Creatore.
Viene spiegato molto bene in Giobbe 1 come Dio abbia sovranita' ma permetta allo stesso modo l'azione del male, per non privarci di libero arbitrio.

Anonimo ha detto...

Non so se su questo sito si e' gia' parlato della testimonianza di "Svali" circa Illuminati, controllo mentale ecc.

http://ilnautilus.blogspot.com/2008/01/svali-commento-finale.html

Mi piacerebbe conoscere il parere del blog.

gnorans

Anonimo ha detto...

@ gnorans,
la sua richiesta è troppo generica, minimo dovrebbe conoscere le gerarchie spirituali, ma se le conoscesse il suo quesito si svuoterebbe.
L'unica regola esistente nell'universo è che non ci sono regole, tutto il resto è fantasia o parafrasando Califano: noia.
Giorgio Andretta

Anonimo ha detto...

"@ gnorans, la sua richiesta è troppo generica,..."

E' vero. A me interessa soprattutto capire se Svali e' da considerarsi una bufala oppure se e' credibile, anche in parte.

gnorans

Ver ha detto...

Ritengo improbabile che le altre persone presenti sul luogo del delitto fossero seoggette a controllo mentale, almeno una persona "sana" ci doveva essere sicuramente

Anonimo ha detto...

la sua richiesta è troppo generica, minimo dovrebbe conoscere le gerarchie spirituali, ma se le conoscesse il suo quesito si svuoterebbe.

Gerarchie spirituali? Sarebbero? E che cos'hanno a che fare con Svali?

Anonimo ha detto...

sempre ammesso che sia tremendamente vero tutto, chiedo a chi ne sa di più, cosa fare, come proteggersi e proteggere gli altri? Altrimenti sapere e sapere diventa solo pericoloso, perchè il malessere generato da ciò diventa il mezzo più veloce per finire nelle mani di questi disgraziati.
per cui mi appello a quanti ne sappiano più di noi profani, di suggerire se esistono anche modi per salvaguardarsi. Perchè una cosa credo sia vera. Se c'è il male c'è anche il bene.

spooky ha detto...

@ gnorans

Io ti posso dire cosa penso di Svali, ma non lasciare che io o altri ti dicano cosa è vero e cosa no. Svali non ha speculato sulla sua disgrazia come la O'Brien e come Arizona Wilder. Svali dice che bisogna innanzitutto impedire a certi uomini di continuare a fare del male. Se poi questi uomini siano posseduti dai demoni piuttosto che dagli alieni, è del tutto secondario. Detto questo, giudica tu...

Serpent of Fire ha detto...

Viene spiegato molto bene in Giobbe 1 come Dio abbia sovranita' ma permetta allo stesso modo l'azione del male, per non privarci di libero arbitrio.

Questo può essere vero forse solo per il dio degli ebrei. E basta leggere il vangelo per vedere che di quel dio nel cristianesimo non vè palesemente traccia (tranne nei vangeli appositamente modificati dei Testimoni di Geova).

Male e bene fanno parte della stessa bilancia. Fare del bene da una parte provoca sempre un male da un altra parte. Azione-Reazione. L'azione provoca un movimento da una parte della bilancia che nel tempo tende a ristabilire l'equilibrio turbato dall'azione.

L'unico modo per non provocare del male (facendo direttamente del male oppure facendo del bene ed ottenendo come reazione secondaria il male) è non fare assolutamente nulla. Il che comporterebbe di fatto non vivere (esistenza ascetica).

Inoltre il libero arbitrio può esistere SE E SOLO SE POSSIAMO AVERE IL CONTROLLO DEL NOSTRO PASSATO per modificare il futuro.

Questo fatto si può così dedurre: preso un punto del passato ed il punto del presente e tracciando una linea (o una curva) tra di loro, i punti futuri sono in qualche modo dipendenti da quelli passati. Questo fatto è conosciuto nella cultura orientale come Karma, ovvero l'insieme delle cause-effetto. Se l'esistenza fosse solo composta da cause-effetto le scelte fatte nel qui ed ora sarebbero sempre dipendenti dagli avvenimenti precedenti. Ne conseguirebbe che non esisterebbe libero arbitrio perché semplicemente sceglieremmo sempre la soluzione obbligata dal contesto in cui ci troviamo.

Il libero arbitrio può esistere solo se possiamo modificare coscientemente la curva degli avvenimenti (o direzione del tempo) sciegliendo per noi un altro percorso. E questo si può fare determinando le cause ed innalzandole verso il nostro SE trascendente, che è indipendente dalla dimensione tempo.

Galeazzo Gargiulo ha detto...

Basta, il dado è tratto ed il limite sorpassato:

riparo alla grande il mio mitico blog, producendo i seguenti, illuminanti post:

1) controllo mentale, pazzia e quant'altro

2) il ruolo della guerra nell'uomo e nella società

3) Saviano, Gino Strada e Laura Boldrini: ma che brave personcine!

Galeazzo Gargiulo ha detto...

Ops, dimenticavo:

- i post saranno pubblicati qui:
http://galeazzopomponiogargiulo.blogspot.com/

- salvo censura del buon Paolone, ne produrrò alcune citazione sul presente blog, al fine di poter rispondere più agevolmente a quei fetentoni che, in quanto pagati dai servizi segreti deviati (Euro 3.000 / mese), possono stare sul blog dalla mattina alla sera, all'unico fine di traviare le menti delle tante persone perbene che leggono e vogliono capire.

Per parafrasare quel tale che la sapeva lunga, la pace è la continuazione della guerra con mezzi sporchi!

Gagagazz ha detto...

galeà...
ma fottiti

Galeazzo Gargiulo ha detto...

"galeà...
ma fottiti"

Azz, che commento raffinato e articolato!

Anonimo ha detto...

La conferenza sulle droghe psichedeliche di San José (California) resuscita il progetto MK-ULTRA

http://www.movisol.org/10news07.htm

Anonimo ha detto...

53esimo,
trallallalla !!!

Anonimo ha detto...

@ Sof,
Capisco bene il tuo discorso, e' quello che dice la scienza, e' quello che dicono gli induisti, e' quello che crive Umberto Eco...
Se pero' fosse come tu dici (Dio e' contemporaneamente bene e il contrario di se' stesso, ed inoltre sarebbe una creazione umana), noi saremmo qui per il fine ultimo di compiere il male, visto che

1) o si sceglie la via ascetica e non si interferisce
2) o si cerca di fare del bene e si finisce comunque per creare uno squilibrio di armonie.

Spero la verita' non sia solo questa, perche' sarebbe assurda.

Io personalmente credo fermamente nella predestinazione. Ma per arrivare dal punto A al punto D, possiamo intraprendere liberamente tutte le direzioni possibili, e non necessariamente ABCD.
Possiamo anche, con grande sforzo, cambiare il punto D in punto Delta, ad esempio, e le conseguenze smuovono di poco l'equilibrio dell'universo ma creano grandi cambiamenti, non sempre positivi, per il singolo.
Tu stesso dici che esiste un multiverso ed io credo che infiniti universi possano passare per il nostro, che e' solo un punto del tutto.
Penso che avere un libero arbitrio non assoluto sia anche bello.
Come si obbedisce ad un genitore, cerco di obbedire al cuore...risalendo le generazioni, tutti siamo nati da qualcuno e nessuno si e' fatto da se'.
Meglio servire in paradiso che regnare all'inferno...

Ps. Ti chiesi una volta cosa pensassi di H.P. Lovecraft.
Io penso che abbia veramente avuto una visione di un possibile passato.
Gente particolarmente sensibile vede attraverso le dimensioni.

ciao da nemesis

Anonimo ha detto...

@17 aprile 2010 14.39

..Perchè una cosa credo sia vera. Se c'è il male c'è anche il bene...

tranquillo questo è pacifico

soluzioni ? una su tutte, conosci te stesso, quindi cerca una strada per farlo, ma forse questa strada è già in cerca di te da sempre

jj

Anonimo ha detto...

@ gnorans,
sono d'accordo con l'affermazione di spooky, ci deve arrivare da solo ad una maturazione circa la personalità di Svali, altrimenti si farebbe influenzare da altri.
Una volta composta la sua opinione la può confrontare facilmente con quelle di terzi e verificare se necessita di aggiustamenti.
Per comunicare tra individui necessita una condivisione semantica, ecco il senso delle gerarchie spirituali, la creazione di una convenzione, metaforicamente, se lei usa dollari americani non accetterà da me in cambio rupie indiane.
Con simpatia.
Giorgio Andretta

Anonimo ha detto...

sof ha ucciso il blog

MDD ha detto...

NEMESIS:
Come si obbedisce ad un genitore, cerco di obbedire al cuore...risalendo le generazioni, tutti siamo nati da qualcuno e nessuno si e' fatto da se'.
Meglio servire in paradiso che regnare all'inferno...


Meglio non servire affatto, poi paradiso ed inferno sono 2 stati mentali e non 2 posti fisici, il solito vizio di antropomorfizzare tutto, oltetutto cio' che affermi e' una contraddizione esemplare dovuta al cattivo insgnamento cattolico culturale ...

Se raggiungi il paradiso interiore non devi servire nessuno, se non te stesso nell' accezione di essere utile e SERVIRE TE STESSO all' autocoscienza, quello e' il paradiso, non un luogo con angioletti frocetti dai boccoloni biondi ...
Mentre l' inferno e' uno stato mentale di non autocoscienza, quindi di allontanamento dal divino, che e' sempre interiore e mai esterno ...

Quindi, nel paradiso servi solo te stesso, cioe' D'IO, nell' inferno servi quello che nelle religioni chiamiamo erroneamente DIO, cioe' una proiezione indotta culturalmente ...

Ma sono entrambi, ovviamente, stati mentali, scelte o possibilita' di svolgere la nostra incarnazione in questa dimensione fittizia che noi chiamiamo REALTA' ...

MDD ha detto...

NEMESIS:

noi saremmo qui per il fine ultimo di compiere il male, visto che
1) o si sceglie la via ascetica e non si interferisce
2) o si cerca di fare del bene e si finisce comunque per creare uno squilibrio di armonie.
Spero la verita' non sia solo questa, perche' sarebbe assurda.

DIO o D'IO, e' dentro noi oppure e' NOI, e NOI siamo sia bene che male, quindi DIO E' SIA BENE CHE MALE, o meglio, il concetto di D'IO e' entrambe le cose e nessuna di esse nello stesso momento ...

DIO, ovviamente, non e' un essere infinitamente grande, questa e' una boiata religiosa, DIO e' il concetto matematico quantico del tutto, e' la summa di tutte le possibilita' del kaos che possono esistere e non esistere, DIO E' I DADI E TUTTE LE POSSIBILTA' DI COMBINAZIONI, che x quanto TANTE, NON SONO MAI INFINITE ...

Tutto cio' che e' materiale e palesizzato in una dimensione vibrazionale fisica e' comunque FINITO, magari infinitamente grande, ma solo finito ...
Tutto cio' che e' concettuale e' circolare ed infinito, xche' non rappresentabile materialmente, essendo residente nel MONDO DELLE IDEE, E' TOTALE ED ASSOLUTO E CIOE' QUELLO CHE VERREBBE CHIAMATO DIO , MA CHE IO DEFINISCO D'IO, CIOE' CONSAPEVOLEZZA DEL TUTTO ...

Tutto cio' che e' materiale, come ad es. la nostra dimensione, e' INFERNALE, l'inferno dantesco oltre ad essere considerato uno stato mentale era la visione antropomorfa della realta' incarnata in cui viviamo ...

E poi come al solito e' tutto rovesciato, al freddo e apparentemente statico paradiso corrisponde la luce, al dinamico, caldo e fiammeggiante inferno, corrisponde la fredda non conoscenza e statica assenza d' amore ...

X raggiungere D'IO, bisogna amare sia se stessi che il prossimo, xche' il prossimo siamo noi, il prossimo e' in scala una proiezione del nostro desiderio, incarnato e palesizzato ...

Siamo, paradossalmente noi, a DESIDERARE CHE ESISTANO GLI ALTRI, CHE SONO PARTE DI NOI, ALTRE POSSIBILITA' DI ESPERIENZA ...

MDD ha detto...

SECONDA PARTE:

LA REALTA' E' IL RICORDO DEL NOSTRO DESIDERIO PRIMIGENIO, E' LA VOLONTA' CHE SI CREA DAL KAOS CHE CORRISPONDE ALL' INDIVIDUO CHE E' GIA' DI X SE TUTTA LA COLLETIVITA' E QUESTO X OGNI INDIVIDUALITA' ...

Ogni aspetto dell' individualita' nell' insieme collettivo, e' parte di OGNI PROIEZIONE INDIVIDUALE ED IL DESIDERIO CHE CIO' ACCADA X VIA ENERGETICA, TRAMITE L' A-MORE, MOTORE VIBRAZIONALE DEL TUTTO-UNO ...

La realta' e la non realta', sono entrambi aspetti del kaos cosmico, e la possibilta' che si esprimano, significa che la coscienza si sia svegliata e IO abbia ritrovato D'IO ...

Cioe', la luce abbia trovato il suo percorso ed abbia preso coscienza di essere tale, cioe' di essere D'IO ...e non proiezione indotta e satanica del DIO ...

Quindi, fare del bene e' giusto e logico, il bene, attraverso l' amore, serve a creare la possibilita' dell' esistenza delle dimensioni e della realta' in cui noi viviamo, e' il MEDIUM energetico primario che permette la vita, senza amore non esiste vita, senza luce non esiste vita, noi siamo incarnati nell' inferno, cioe' nella materia, xche' dobbiamo prendere COSCIENZA DEL D'IO, OPERAZIONE SENZA LA QUALE NON PROTREMMO ASCENDERE ALLA CONOSCENZA E QUINDI ALLA VITA ETERNA ...

Le religioni invece, hanno operato satanicamente x impedire questa conoscenza, LORO, hanno lavorato esotericamente e non, x bloccare la vibrazione dell' A-MORE, e farci regredire l' anima ...
La disciplina e la gerarchia, sono strumenti principi x compiere questa operazione, x tenerci appunto RE-LEGATI, e la RE-LIGIONE, serve solo a questo ...

Quindi, NEMESIS, far del bene, e' logico, cristico e necessario, IL BENE E' VITA E ARMONIA, IL MALE E' REGRESSIONE E PROIEZIONE ...

IL BENE E' OPERARE VERSO D'IO, IL MALE E' OPERARE VERSO DIO ...
Mentre il concetto archetipo e' in potenza sia male che bene, ma come possibilta' matematico-quantica che cio' possa accadere ancora e x sempre ...

Anonimo ha detto...

L'undicesimo arcano maggiore dei tarocchi è La Forza e non La Giustizia che è l'ottavo.

Anonimo ha detto...

l'ultimo anonimo ha ragione...errore madornale del paolone!!!

MDD ha detto...

Dato che si parla spesso male della chiesa, aggiungo giustamente, voglio parlarne bene x almeno una volta:

1) Preti impegnati:
Ci sono molte persone in gamba che si fanno un culo quadro contro tutti e contro tutto ed operano su tutto il globo, la loro azione positiva e costruttiva e' talvolta necessaria x creare quel minimo di assistenza senza la quale, gli stati sovrani faticherebbero ad attuarla ...

Preti operai, nelle comunita', nei territori di guerra, contro la prostituzione ed il razzismo, anche preti giovani impegnati su tutti i fronti ...

2) La religione e l' istituzione chiesa, puo' avere un effetto SEDATIVO e tranquillizzante ( messa, preghiera ) x alcuni soggetti, senza il quale, sicuramente starebbero peggio xche' non abituati all' introspezione ed abituati alla proiezione, causa induzione culturale ...

Tale effetto io lo considero negativo, ma se serve, meglio di uno psicofarmaco sicuramente, quindi ha la sua valenza e la sua ragione di esistere !!!

3) Ci ricorda cio' che di buono la religione non ha mai applicato, e nella sua emanazione temporale, ci svela, se noi sappiamo cogliere gli aspetti piu' alchemici, svariate notizie e verita' filosofiche recondite ...
E comunque ha il suo grande valore di comunita' globale e di aggregazione, svolge un compito sociale non indifferente, e' il punto di riferimento culturale di una data comunita' nel tempo, sia nel bene che nel male ...

Se la chiesa, come MEDIUM DI PLAGIO, cessera' di esistere o si tramutera' in altro culto, forse ci rimetteranno tutti quegli aspetti sociali che sono REALMENTE CRISTICI E SOCIALISTOIDI, cioe' di solidarieta' e di fratellanza universale ...

Forse il nuovo culto abdichera' l' aspetto cristico giusto del sociale x un NEW ICONOGRAFIA basata solo e sempre piu' nell' aspetto proiettivo e plagiante, dimenticandosi l' aspetto primario che dovrebbe svolgere ...
Forse l' ha sempre abdicato !!!

Quindi sempre piu' cattolica e meno cristiana ...

Anonimo ha detto...

RIGUARDO ALLA CHIESA

http://www.youtube.com/watch?v=JR1hBFufXsc&feature=related

per chi non lo capisse i "parrini" sono i preti

il resto credo sia comprensibile

Anonimo ha detto...

il controllo mentale si chiama anche mK ultra negli USA mi pare...
Presunte vittime: John lennon, Bob kennendy ed altre.

Piv

MDD ha detto...

MKULTRA funziona non solamente sui quei pochi serial killer fasulli che avrebbero commesso omicidi seriali importanti, ma in piccolo funziona anche nel quotidiano come condizionamento perpetuo subliminale ...

Il plagio mentale dei media opera con le stesse dinamiche che, pur non essendo vissute in prima persona come vittima diretta, sono vissute dalla collettivita' e vanno ad influenzare paradigmi dell' inconscio collettivo ...
La lobotomia e' indotta e proiettata e noi rispondiamo agli input esterni in maniera passiva e riflessa, siamo la nostra funzione, recitiamo il nostro ruolo indotto ...

Quindi se i messaggi subliminali e la rieducazione attraverso i MEDIA hanno la funzione di condizionare la nostra mente, anche gli omicidi seriali, eseguiti da persone condizionate, avranno lo stesso valore simbolico sociale e cioe' quello del mantenimento della STRATEGIA DELLA TENSIONE, e termine non fu piu' azzeccato ...

Se il sistema puo' condizionare la nostra psiche, sotto varie terapie indotte, puo' mantenere la gabbia virtuale che ci lega a loro, quindi e' leggittimato ad inventare e/o continuare il plagio sia con mezzi nuovi, sia con il buon vecchio culto ...

Il culto religioso, nella sua accezione di plagio sociale, fu l' MKULTRA primordiale, e il sistema si e' sempre preoccupato di alimentare e controllare il suo gregge e il suo allevamento energetico ...

Stefania Nicoletti ha detto...

Anonimo ha detto...
L'undicesimo arcano maggiore dei tarocchi è La Forza e non La Giustizia che è l'ottavo.
18 aprile 2010 15.05

Anonimo ha detto...
l'ultimo anonimo ha ragione...errore madornale del paolone!!!
19 aprile 2010 00.49


Nessun errore.
Nei tarocchi tradizionali di Marsiglia l'ottavo arcano maggiore è la Giustizia e l'undicesimo la Forza.
Mentre nei tarocchi Rider Waite (e quindi in quelli che da essi derivano) le posizioni sono invertite: l'ottavo arcano è la Forza e l'undicesimo la Giustizia.
Peraltro questo è stato spesso detto negli articoli.

Anna ha detto...

"La religione e l' istituzione chiesa, puo' avere un effetto SEDATIVO e tranquillizzante ( messa, preghiera ) x alcuni soggetti, senza il quale, sicuramente starebbero peggio xche' non abituati all' introspezione ed abituati alla proiezione, causa induzione culturale ..."

Ecco quello che mi disgusta, MDD. Che la gente si rivolga alla religione della Befana per avere conforto e soprattutto per dormire il sonno profondo della coscienza..Non posso credere che la gente sia tanto scema da credere a miti e leggende solo perchè si caga addosso al pensiero di morire. A me la religione in generale fa schifo perchè asservisce l'uomo e ne blocca la crescita spirituale, operando un sistematico lavaggio del cervello che porta solo a catastrofi personali e sociali ben maggiori. L'umanità deve avere il coraggio di affrancarsi da questa schiavitù e iniziare a guardarsi dentro. Non dimentichiamo che in occidente l'individuo, per quanto indotto a pensare e vivere un ruolo non suo, ha anche la possibilità di operare cambiamenti radicali su se stesso, poichè il concetto di individuo da noi è assai diverso da quello dei paesi orientali, dove l'individuo abdica alle necessità e ordini della comunità. E francamente, dei sacerdoti che si fanno il culo quadro non me ne frega niente, ci sono anche associazioni di volontariato laiche o atee che aiutano la gente senza cercare di indottrinare o convertire a tutti i costi. Se solo penso all'Opus Dei mi viene da vomitare. Io sono e sarò sempre anti religione e anticlericale. Lo sviluppo e il progresso di una società più umana e spirituale non passa sicuramente da religioni e controreligioni varie, poichè tutte mirano ad annientare l'individuo.

Anonimo ha detto...

Paolo, fai MOLTO male a non interessarti del caso Claps, perché tu potresti essere quello che finalmente ci illumina sulla faccenda.

Dopo tante illazioni fatte qui su tanti omicidi, il caso Claps è forse il primo in cui pare CERTA la mano massonica. Primo, perché Potenza è massonica quanto Perugia e Viterbo, e soprattutto lo è la magistratura; secondo perché il giovane accusato e poi scagionato per l'omicidio pare sia figlio di potente massone (fu spedito in Inghilterra-guarda caso- per stare fuori dai guai, e poi lì accusato di aver ucciso un'altra donna, e nuovamente scagionato!).
Infine, la Chiesa in cui è successo il fatto sembra essere un luogo assai misterioso anche nei secoli, sconsacrata varie volte!
http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_dallabasilicata_NOTIZIA_01.php?IDNotizia=328228&IDCategoria=1

Insomma Paolo, aspettiamo lumi!

MBarbara ha detto...

Anna ha detto:

A me la religione in generale fa schifo perchè asservisce l'uomo e ne blocca la crescita spirituale, operando un sistematico lavaggio del cervello che porta solo a catastrofi personali e sociali ben maggiori. L'umanità deve avere il coraggio di affrancarsi da questa schiavitù e iniziare a guardarsi dentro.

Certo che se nasci pecora solo attraverso un procedimento alchemico (la via secca di SoF?)puoi diventare leone! Scusa la spiritosaggine, ma permettimi di dissentire da quel che dici in questo senso: come in tutte le cose, se fruisci la religione senza "pensare", ovvero se agisci da pecora, allora pecora rimarrai. Ma se la religione è la strada che apre la tua mente, la tua coscienza ed il tuo spirito, allora ben altri saranno i risultati! E' in tutti i casi un discorso personale, individuale. Mi pare che tu invece stia generalizzando: che poi le sovrastrutture ecclesiastiche operino per il loro tornaconto, questo non lo metto in discussione. Ma il messaggio di fondo è aperto a chiunque abbia voglia di aprire il suo cuore. Anzi, io credo che per la nostra conformazione culturale l'approccio al Cristianesimo sia molto più fruibile rispetto a pratiche orientali: vivere la religione con consapevolezza, vivere il messaggio di Cristo con consapevolezza, non significa sottomettersi a nulla, ma diventare Amore divino ed assoluto.

Anna ha detto...

Spiacente MBarbara, non mi hai convinto. Personalmente non ho alcun bisogno di un Cristo per sapere che uccidere un altro essere umano non va bene e che invece aiutare il prossimo va bene, tanto per fare degli esempi. Ci sono valori universali a cui tutti noi ci riconduciamo più o meno, indipendentemente dal credo religioso, poichè si rifanno alla natura umana (e più in soldoni, all'istinto di sopravvivenza). Questo è ciò che penso. Il cristianesimo appare a molti come qualcosa di bello e autentico solo perchè questo gli è stato insegnato. A uno shintoista ad esempio non gliene può fregare di meno di un tale chiamato Gesù-che è solo una scopiazzatura del mito di Mitra eccetera-eppure anche lo shintoista applicherà i principi del rispetto della vita e della natura eccetera. Questo pensare sempre che il cristianesimo sia "migliore" di altre filosofie o religioni che vengono dall'est del mondo è solo frutto della nostra cultura occidentale che secondo me non ha nulla di migliore rispetto a quelle orientali, è solo molto diversa.
Sono anche più estrema di così, penso fermamente che la religione in generale come sistema dogmatico e gerarchico a cui sottomettersi dovrebbe proprio essere spazzata via perchè ha solo distrutto l'umanità. Solo la consapevolezza di se stessi e del proprio posto nell'universo può portare a una genuina crescita spirituale. E tutto questo non passa attraverso cristi, confuci, buddha, sette esoteriche, New Age e stronzate di questo tipo. Passa solo ed esclusivamente da un buon uso del proprio cervello.

MBarbara ha detto...

A proposito di casi strani: lo incrociai un paio di volte, perché abitava dalle mie parti, fu un personaggio strano e controverso, come strana e controversa fu la sua morte. Franco Fuschi.

http://lombardia.indymedia.org/node/17206
https://www.blogger.com/comment.g?blogID=1407132873266794183&postID=3514171233853170903

Anonimo ha detto...

O.T.

scusate l'off topic ma da anni cercavo di risolvere un problema che credo abbiano in molti, e vorrei condividere con voi la soluzione trovata. si tratta di un plug in per firefox che permette di cambiare il colore di sfondo di qualsiasi pagina web e metterne uno più riposante cosa utile la notte o al mattino appena alzati per togliere quel bianco che spacca gli occhi o quegli improbabili pattern usati che rendono illeggibili i testi di pagine a volte interessanti, pattern che starebbero meglio sulle camicette estive di nonna abelarda originaria della turingia in ferie a rimini. lo trovate qui:

https://addons.mozilla.org/en-US/firefox/addon/5758

una volta installato andate in opzioni e attivate il bottone che comparirà sulla barra in basso a destra che funziona come switch on/off. ne sto già apprezzando la comodità perchè ora riesco a leggere le oceaniche amenità di MDD senza stressarmi oltre misura :))

jj

Anonimo ha detto...

Solo la consapevolezza di se stessi e del proprio posto nell'universo può portare a una genuina crescita spirituale. E tutto questo non passa attraverso cristi, confuci, buddha, sette esoteriche, New Age e stronzate di questo tipo. Passa solo ed esclusivamente da un buon uso del proprio cervello.

Allora tu non hai speranza, cara Anna.

Senza offesa eh!

MBarbara ha detto...

Anna ha detto:

Passa solo ed esclusivamente da un buon uso del proprio cervello.

Mmm, no, non è quello che devi usare. Devi usare il cuore.

Anna ha detto...

E chi si offende, anonimo delle 00.16; ci vuole altro per farmi scomporre, non certo un commentino sempliciotto come il tuo. Di sicuro sarai uno a cui hanno già fatto, e bene, il lavaggio del cervello, che siano stati preti rabbini o Imam poco importa, ma di sicuro se credi che avere "fede" (mi vien da ridere solo a scriverlo, pensa te) serva a qualcosa, è del tutto inutile parlare con te, anche perchè in genere non trovo le persone religiose interessanti o del tutto intelligenti.
Senza offesa, eh!

MBarbara: spiacente di nuovo, passa tutto da neuroni e sinapsi. Se sei scemo ti fai abbindolare dalla religione, se sei intelligente no. Senza riferimenti personali a te ovviamente, dico in generale.

MBarbara ha detto...

Anna ha detto:

Se sei scemo ti fai abbindolare dalla religione, se sei intelligente no.

Infatti: se sei intelligente ed usi le sinapsi giuste, usi la religione per conoscere te stesso e la via da seguire per raggiungere l'illuminazione.
La logica del cervello, quella ti svia (intendevo questo dicendo di usare il cuore, non incitavo certo all'idiozia). Non bisogna confondere fede e religione: "sentire" Dio, sapere di essere parte del tutto è un percorso individuale ed ognuno deve trovare la "sua" strada, per molti la strada passa attraverso la parola di Cristo.

Anna ha detto...

E perchè Cristo e non Maometto o Confucio allora? Maometto e Confucio sono davvero esistiti, Cristo no, è solo un bel mito a cui hanno fatto dire cose che nessuno ha mai capito tra l'altro perchè le interpretano in senso letterale. Continui a fare grossolani errori di valutazione e secondo me sfoci nell'etnocentrismo senza neanche accorgertene, MBarbara.

luca ha detto...

Si ma allora i Tribunali secondo Lei da chi dovrebbero essere composti? da esoterici? sciamani? medium? esorcisti? chi controllerebbe l' esistenza di un controllo mentale? Chiunque infatti potrebbe difendersi invocando di essre vittima di quell' invincibile controllo. Andiamo dai ..

Anonimo ha detto...

Purtroppo cara Anna sei tu a non renderti conto che il lavaggio del cervello l'hanno fatto a te e ci sono riusciti così bene che sono riusciti a inculcarti una fede incrollabile nella ragione e nel "cervello" facendoti credere di essere una personcina raziocinante e sprezzante nei confronti di chi ha fede.

Quella del materialismo, cioè del nulla, è la peggiore delle religioni e i fedeli di tale religione sono i più fanatici perché non sanno cosa sia il dubbio.

Ed è noto che assenza di dubbi equivale a stupidità.

MBarbara ha detto...

Anna ha detto:

secondo me sfoci nell'etnocentrismo senza neanche accorgertene

Come già ho detto in un altro post, essendo nata in Italia trovo molto più semplice approcciarmi al Cristianesimo, se fossi nata in Tibet sarei buddista e se fossi nata in Egitto sarei abbronzata (dai, scherzo). E' chiaramente, almeno per me, un retaggio culturale. Ovvio che mi approccio più facilmente al messaggio cristiano (e ti assicuro che Cristo personaggio storico non riscuote alcun interesse in me), proprio perché la mia sensibilità è stata forgiata in tal senso dall'ambiente in cui sono cresciuta. Da un punto di vista esoterico, poi, per risollevare il livello della discussione, sembra che chi sia nato ora in "Occidente" fosse nella vita precedente un orientale, per cercare di bilanciare energeticamente il globo terrestre.
Comunque no, non sono etnocentrica. Ogni etnia ha il suo "centro", anzi, ogni uomo ha il suo "centro". Ed in ogni caso anche la razionalità arriva ad un punto in cui si scontra con Dio. Ripensa all'azzardo morale di Pascal. O siedi sotto un ciliegio in fiore, chiudi gli occhi e "senti". Ma soprattutto non dare per scontato che fede e stupidità siano sinonimi.

coldrept23 ha detto...

Grazie JJ!! Ti debbo delle diottrie! XD

democrito ha detto...

****Ovvio che mi approccio più facilmente al messaggio cristiano (e ti assicuro che Cristo personaggio storico non riscuote alcun interesse in me)****

ecco dove casca l'asino. MBarbara, tu non sei cristiana, sei una seguace di una forma cristianeggiante new age. l'attacco al cristianesimo e alla chiesa, avviene da ormai oltre 6 secoli, ed è un attacco vincente, al punto che oggi possiamo dire che non esiste più un prete che sia un prete o un fedele che sia veramente un fedele. il messaggio cristiano è invece proprio centrato sualla figura storica (secondo i vangeli) del cristo. è proprio la fede nell'esistitenza in vita di un uomo-dio, della sua morte per lavare i peccati del mondo, della sua resurrezione per dare speranza agli uomini, che rappresenta l'essenza del cristianesimo, ma a queste favole ormai non crede più nessuno. oggi siamo pragmatici, la ricerca storica ha massacrato i vangeli, relegandoli a meri documenti testimoni della mentalità, delle credenze e della vita del V secolo. nessuno ovviamente crede più a dio, si crede tuttalpiù ad una filosofia, di tipo vagamente platonico, sorta durante l'impero romano e che, con molti cambiamenti e aggiunte posteriori, è soprsvvissuta fino ai giorni nostri, per insegnarci a vivere meglio in società e nel rapporto con gli altri. la massoneria ha stravinto la sua battaglia, perchè ha negato quel principio tanto caro agli antichi che dice: come in cielo, così in terra. ogni giorno nelle chiese di tutto il mondo si recita il pater noster e si dicono cose che nemmeno si capiscono più. una recita a pappagallo, ecco come è ridotta la chiesa, o come è sempre stata. una farsa condita da rituali, che si eseguono meccanicamente, senza che abbiano per gli ascoltatori o per i celebranti alcun significato.
ha già, l'amore adolescienziale...noi siamo adulti...siamo inclusivi...dall'inizio del mondo e ancora oggi, la verità è affare di pochi, tanto è vero che nelle tradizioni di tutto il mondo si riferisce ad una iniziazione, anche nella tradizione cristiana, anche nei vangeli.
l'amore è sempre un fatto esclusivo, e solo chi è ammesso ai misteri può davvero considerarsi cristiano, buddista, mussulmano, induista,ecc., tutti noi altri siamo solo pupazzi in balia degli eventi e di giochi più grandi di noi.

Anonimo ha detto...

Per avere un barlume di conoscenza sul controllo MENTALE si devono leggere i libri di Cathy O'Brien e Mark Phillips - "ACCESSO NEGATO ALLA VERTA'" - " TRANCE FORMATION OF AMERICA" - Editi da MACROEDIZIONI
Buona lettura

Anonimo ha detto...

jj ho installato il plug in che dici ma cliccando vedo tutto bianco sei sicuro che sia più rilassante ?

MBarbara ha detto...

Democrito ha scritto:

sei una seguace di una forma cristianeggiante new age

No, la mia è un'eresia già presente nel Medioevo. Subisco per questo continui lavacri in acqua santa, esorcismi et similia ma non riescono a redimermi, ahah! Se intendi che non sono una cattolica "ortodossa", beh, puoi avere un bel po' di ragioni.
Però ti assicuro che l'insegnamento di Cristo è molto chiaro per quel che concerne l'amore. E va al di là del personaggio storico. Non polemizzavo per difendere i dogmi cristiani, lungi da me.

Come in cielo così in terra: ti ho mai ammorbato con la mia teoria dei frattali? Un'altra delle mie eresie (e su questo il mio teologo cattolico personale si scontra irrimediabilmente) è che io sostengo, alla MDD, di essere Dio. Ovvero sostengo che siamo frattali di Dio, Dio è tutto, anche noi lo siamo. Abbandonarsi a Dio, come ci insegna il Vangelo, e la Bibbia (per esempio cfr Genesi-il personaggio di Abramo), significa diventare consapevoli di essere parte di Dio, ovvero un frattale. Abbandonarsi a Lui, quindi, significa realizzare completamente noi stessi (in effetti noi siamo Lui, non c'è differenza: Cristo che è Padre e Figlio si è fatto uomo per ricordarci che anche noi siamo Padre e Figlio, e persino Spirito Santo).

Ok, se porti i fiammiferi puoi appicciare il fuoco del rogo, che ci salto dentro.

Anna ha detto...

"l'amore è sempre un fatto esclusivo, e solo chi è ammesso ai misteri può davvero considerarsi cristiano, buddista, mussulmano, induista,ecc., tutti noi altri siamo solo pupazzi in balia degli eventi e di giochi più grandi di noi."

Pienamente d'accordo con Democrito. Il problema è che ormai il 99.9% dell'umanità manca della necessaria onestà intellettuale e intelligenza per ammettere che credono alla Befana e Babbo Natale (inteso per qualunque religione dogmatica), perchè solo pochissimi eletti sono davvero iniziati ai misteri delle vere religioni, che non prevedono quadretti delle madonne, acquasantiere o icone. Le religioni hanno fallito laddove sono diventate robetta da quattro soldi risciacquata e messa a disposizione delle masse ma hanno d'altra parte vinto come controllori sociali e mentali delle popolazioni, che penso fosse il loro vero scopo.
Personalmente, non penso che il cristianesimo vinca su altri culti religiosi, e l'identificarsi con una religione solo perchè tramandata da generazioni oltre ad essere quella ufficiale del proprio paese, sia solo indicativo di quanto siamo limitati culturalmente.

Anna ha detto...

"Quella del materialismo, cioè del nulla, è la peggiore delle religioni e i fedeli di tale religione sono i più fanatici perché non sanno cosa sia il dubbio.

Ed è noto che assenza di dubbi equivale a stupidità."

Io ad esempio non ho alcun dubbio sulla tua, di stupidità, anonimo delle 16.50. La quale è ben indicata dall'uso improprio che fai del termine "religione" quando parli di materia o del presunto materialismo di cui io sarei seguace. Sei un poveraccio, guarda. Secondo il tuo limitato e idiota punto di vista magari mi metto a fare "rituali" o a venerare che so, un televisore? Sai almeno cosa significa la parola religione? Se uno rifiuta la religione in toto come sistema di credenze, rituali e comportamenti che non gli dicono nulla, diventa necessariamente un materialista?
Ma chi ca@@o lo frequenta sto blog, Topo Gigio???

Anonimo ha detto...

@ MBarbara,
sostieni di essere dio. Quali caratteristiche attribuisci a questo stato? La mia concezione di dio è limitata poichè lo identifico in termini di potere, ne è il rappresentante massimo. Che connotazioni dai alla divinità del tuo essere?
ouv tmr

MBarbara ha detto...

ouv tmr ha detto:

Che connotazioni dai alla divinità del tuo essere?


Ovviamente la maggior parte del tempo, purtroppo, la fisicità del mio "io" sembra costituire un impedimento alla percezione della mia divinità (sebbene abbia due tette divine-perdona, non ho resistito alla battutaccia).
Quando sostieni di identificare Dio con il potere in verità non ti allontani molto dal vero, ma ne cogli solo un aspetto: ad esempio la nostra divinità si espleta potendo agire a livello energetico sulla realtà. E' una questione di consapevolezza e di armonia divina: io so di essere parte del tutto-assoluto, in un certo senso è una conoscenza istintiva, quasi inconsapevole, come quando hai sete e prendi il bicchiere pieno d'acqua di fronte a te: non rifletti su ogni gesto, semplicemente allunghi la mano e lo fai. Ecco: io non devo pensare "sono Dio", lo sono e basta, come lo sei tu, come lo siamo tutti (e tutto). In alcuni momenti questa consapevolezza è acuita, i sensi travalicano i confini umani e si espandono all'infinito, piccoli ed immensi stati di grazia.
Non sto dicendo che chiunque accederà a questo tipo di "consapevolezza", né che quella che ho percorso io sia la strada giusta: è la strada giusta per me. So anche che a volte mi ritrovo a lottare impotente contro manipolazioni energetiche più forti di quelle che posso contrastare: la divinità consiste nell'accettare anche ciò che la mente umana rifiuta (ovvero "porgi l'altra guancia") poiché tutto fa parte dell'ordine divino che mi avvolge e permea.

Anonimo ha detto...

@ Mbarbara,
grazie per la risposta esaustiva,
dai tuoi discorsi sembri essere una persona che tende all'equilibrio. Le manipolazioni energetiche che non sei in grado di contrastare chi o cosa le produce?
ouv tmr

paolo dall'argine ha detto...

Per MBarbara,

se non l’ha già fatto studi Powell e Atkinson. E complimenti per la Sua educazione e pacatezza.

Buon pomeriggio.

MBarbara ha detto...

ouv tmr ha detto:

Le manipolazioni energetiche che non sei in grado di contrastare chi o cosa le produce?

Se leggo questo sito è soprattutto per documentarmi su questo: in genere le manipolazioni che prevedono un rituale collettivo sono molto più forti di quelle che può ottenere il singolo individuo, e in genere l'uso di simboli archetipi (per non citare altre forme di rituale decisamente più aberranti) rende la manipolazione più efficiente. Poi (ma qui entriamo nell'area speculativa-non posso addurre prove concrete per quanto per me possano essere tali) l'interferenza di piani astrali inferiori può accrescere le difficoltà ad intervenire se non si è in grado di contrapporre l'intervento di piani astrali superiori. L'uomo, ovvero l'essere umano, costituisce il ponte di unione fra i due piani, troppo spesso pedina inconsapevole fra la lotta eterna fra bene e male, ago della bilancia, porta per gli inferi e per il paradiso.
Mi domandai spesso se fosse l'uomo che evoca certe entità a crearle, o se fossero preesistenti. E ho capito che tutto ciò che penso, esiste nel momento in cui lo penso. Ovvero creo in modo divino la realtà. All'inizio era il verbo. Ovvero il logos, che si autogenera pensandosi ed evocandosi.

ZN ha detto...

Il primo, e il più difficile passo verso la Conoscenza, è ammettere a se stessi di ignorare cosa sia la Conoscenza.

Un sincero Ricercatore non sa a priori cosa esattamente stia cercando, e il suo cercare, se sincero, lo porterà ben presto ad abbandonare ogni tipo di pregiudizio e preconcetto.

Semplicemente si apre all'Esistenza, all'Ignoto.

Si può essere Conoscenza, ma non si può trattenere in sé la Conoscenza, giacché, oltretutto, la Conoscenza è in continuo divenire.

Nessuno può dire: "Ho conosciuto"

Tutto quello che è possibile dire è: "Sto conoscendo. La conoscenza sta accadendo in me"

E' un vero peccato aver trasformato la parola Religione in qualcosa di dogmatico e noioso. Ma forse è proprio questa la funzione primaria delle religioni organizzate:

Allontanare l'uomo dal proprio Regno interiore, dalla propria connaturale religiosità.

Nessun bambino si chiede chi o cosa è Dio. Semplicemente lo vive in sé, esprimendolo in ogni momento di vita, sia nel piacevole che nel dispiacevole, benché non ne sia consapevole.

Il catechismo è l'uccisione della religiosità nei bambini, i quali da adulti, avendo subito un tale disinnamoramento verso ciò che avrebbe dovuto essere la conoscenza del proprio "cielo interiore" (e non l'indottrinamento al "cielo esteriore" papalino), proveranno ripugnanza e fastidio al solo sentire nominare la parola 'religione'.

Insomma, il moderno Erode ha affinato, verso i potenziali minatori o/e disturbatori del sistema precostituito, le sue tecniche di persuasione ed inquadramento. Non ha più bisogno di uccidere fisicamente i suoi potenziali nemici. Li identifica e li denaturalizza già sin dalla loro nascita in questo mondo. In realtà non è possibile 'denaturalizzare' totalmente e definitivamente un essere umano. Tuttavia è possibile rallentarne la realizzazione...

...quando, però, la volontà e l'impeto all'auto realizzazione sono sinceri e irremovibili...
...nessuno può impedire al fiume di raggiungere e riversarsi nel mare.

E se il primo passo è riconoscere la propria ignoranza, il secondo è NON GIUDICARE.

Non giudicare non per un fatto moralistico... ma semplicemente perché soltanto attraverso la sospensione del giudizio è possibile trascendere la propria ignoranza, per inoltrarsi nel sentiero della vera Conoscenza.

Alla fin fine non importerà quante medaglie ti sono state riconosciute ed affisse sul petto, ma dove andrai a poggiare il tuo prossimo passo, se nel vuoto del baratro infinito o se sul sentiero unico, verso la realizzazione di te stesso.

Riconosciuta la propria ignoranza, sospeso il proprio giudizio, la via da percorrere si spalanca inequivocabilmente dinanzi a noi.

Se il tuo andare, passo passo, ti procura Essere, Coscienza, Beatitudine (Sat Chit Ananda), allora sei sul sentiero giusto per te.

Se il tuo andare, passo passo, non ti procura Essere, Coscienza, Beatitudine (Sat Chit Ananda), allora sei sul sentiero sbagliato per te.

Non esistono altri criteri per comprendere se il proprio andare, passo passo, sia giusto o sbagliato.

Né esiste tradimento più supremo se non quello verso se stessi, quando vestiti di presunzione operiamo inconsapevolmente verso noi stessi e gli altri.

Sii una gioia infinita a te stesso, e il tuo cammino sarà illuminato... anche nel buio.

ZN

MDD ha detto...

la fisicità del mio "io" sembra costituire un impedimento alla percezione della mia divinità (sebbene abbia due tette divine-perdona, non ho resistito alla battutaccia).

Adesso non esageriamo che poi qualche moralista sessista cattolico si arrapa ...
:-)

Serpent of Fire ha detto...

L'uomo, ovvero l'essere umano, costituisce il ponte di unione fra i due piani, troppo spesso pedina inconsapevole fra la lotta eterna fra bene e male, ago della bilancia, porta per gli inferi e per il paradiso.

Infatti questo è il vero senso della parola PONTEFICE, ovvero il corpo fisico fa da ponte tra lo spirito e l'anima.

Mi domandai spesso se fosse l'uomo che evoca certe entità a crearle, o se fossero preesistenti.

Sono vere tutte e due le possibilità. Chi non è in grado di crearle evoca entità costruite già da altri operatori. Questo è il senso dei 99 (9 x 11) nomi di Allah e i 72 (9 x 8) nomi di YHVH.

Anonimo ha detto...

@ MBarbara
io sono pieno di dubbi sull'origine di certe entità, o meglio, mi sono venuti leggendo quel stramaledettissimo trattato scritto da SoF; prima me ne stavo felice e contento pensando al bene e al male come principi antecedenti e al di sopra della razza umana. In fin dei conti è comune in tutte le credenze religiose il fatto che l'universo e l'uomo siano stati creati, e all'origine di tutto ci sono due tipologie di principi-divinità, uno per noi positivo, l'altro ostile. Credi anche tu come SoF che i demoni non siano altro che eggregori? Non può essere che noi abbiamo il potere di creare eggregori ma allo stesso tempo esistano entità a noi preesistenti e superiori, magari che sfruttano il potere da noi creato? La mia conoscenza a riguardo è limitata alla sola lettura e per sentito dire, quindi strabocco di ignoranza, ma anche Guénon dice che oltre ad eggregori, prodotti della collettività, esistono delle entità spirituali. Tu che dici?
ouv tmr

MBarbara ha detto...

ouv tmr ha scritto:

prima me ne stavo felice e contento pensando al bene e al male come principi antecedenti e al di sopra della razza umana

Non ho ancora avuto la forza di affrontare il trattato di SoF (che non me ne voglia!), ma se hai compreso il mio ragionamento allora capirai anche quello che ti rispondo (sfociando nel manicheismo, a quanto pare): tutto è, male e bene non esistono se non come percezione fallace del nostro istinto a giudicare.
Se tutto è Dio e Dio è amore assoluto, anche quello che noi percepiamo come male, che "creiamo" come male, ovvero come eggregore negative-ma che noi consideriamo negative- in effetti sono Dio. Non esiste temporalità: tutto è nel medesimo istante, tutto esiste e trasmuta infinitamente, quello che è esterno a noi in effetti è anche interno a noi. Ora che nella vita pratica io mi trovi a "lottare" contro entità negative, da me create, evocate-inconsapevolmente, sia chiaro!-o quant'altro, prescinde dalla loro preesistenza, anche perché in effetti la mia anima è eterna, quindi nulla mi preesiste. Il male come noi lo percepiamo è in realtà la nostra "punizione" per la disconnessione dalla consapevolezza divina.
Esistono entità spirituali, è chiaro (come in cielo così in terra, no?), ma non esiste antecedenza e superiorità in senso assoluto- perché in effetti siamo tutti antecedenti e superiori, solo che non ce lo ricordiamo mai!

Anonimo ha detto...

@ MBarbara
"male e bene non esistono se non come percezione fallace del nostro istinto a giudicare." sono del medesimo parere.
Comprendo le tue argomentazioni . Il fatto è che se tutto e tutti –entità spirituali comprese- siamo divini, in perpetuo movimento, e di essenza immortale, ciò non esclude la possibilità che in funzione della diversità, ci sia qualcosa maggiore a noi. Mi appello a ciò che succede in natura per spiegarmi: un elefante è più grosso di una comunità di funghi -e diverso sotto altri aspetti- non per questo è più importante dal punto di vista ecologico, sono indispensabili entrambi. I funghi non hanno generato gli elefanti, ma sono solo due tipologie di organismi che hanno percorso strade diverse. Non può essere lo stesso per noi e le entità spirituali? Se ascolti quel bravo ragazzo di SoF dall’uomo deriva, consapevolmente o non, tutto ciò che è fisicamente invisibile. La trovo una concezione un tantino arrogante, a meno che ci siano prove oggettive avvaloranti tale tesi. Comunque grazie lo stesso per le risposte :-)
ouv tmr

MBarbara ha detto...

ouv tmr ha detto:

Se ascolti quel bravo ragazzo di SoF dall’uomo deriva, consapevolmente o non, tutto ciò che è fisicamente invisibile.

In effetti l'uomo attira energeticamente nella sua sfera, quindi crea, più o meno inconsapevolmente, tutto. E funghi ed elefanti sono la stessa cosa!
Per semplificare: le favole ci parlano di "prove" da affrontare per giungere al "vissero felici e contenti". Se noi vediamo le prove, ovvero il male che ci mette alla prova, attirato e creato da noi per farci raggiungere una maggior consapevolezza, allora capirai che sei tu, in un certo senso, a crearlo. Non esiste qualcosa di maggiore a noi: esiste la nostra capacità di "amare", ovvero di accettare anche quello contro cui non riusciamo ad ottenere ragione.
Quando opero da un punto di vista energetico so che ci saranno limiti che non supero per due motivi, principalmente: o perché in quel momento le mie energie non sono "sufficienti", ossia non opero con consapevolezza infinita, ed il dubbio mina il mio potenziale energetico, o perché cerco di alterare un equilibrio che non tocca a me alterare, ossia pur in buona fede non agisco per il meglio, poiché la persona su cui agisco è tenuta a superare le prove in altro modo.
In questo senso allora penso esista un ordine "superiore", ma la verità è che è il mio limite umano che non mi fa percepire correttamente l'intento divino.

Anonimo ha detto...

sof ha ucciso il blog

Anonimo ha detto...

@ MBarbara
"In effetti l'uomo attira energeticamente nella sua sfera, quindi crea, più o meno inconsapevolmente, tutto."
Attirare e creare sono due azioni differenti. Posso attirare qualcosa di già definito -e allora mi si da ragione-, o al massimo attiro i tasselli con i quali poi comporrò. Do buone entrambi le ipotesi poichè accetto l'esistenza di eggregori ed altro, non escludo nulla, ma non necessariamente 'attiro quindi creo'.
L'uomo crea tutto...in base a cosa sostieni questo? Se io sono divino, ma lo è anche quello che mi circonda, abbiamo le stesse potenzialità, non sono nè più nè meno.
"E funghi ed elefanti sono la stessa cosa!"...se parliamo di importanza :-)
"in quel momento le mie energie non sono "sufficienti", ossia non opero con consapevolezza infinita, ed il dubbio mina il mio potenziale energetico" penso che ci siano forze che l'uomo, per quanto operi con consapevolezza infinita, non riuscirà mai ad affrontare con successo in quanto è un essere finito cioè limitato, può aumentare le sue chances solo se si coalizza. Mi spiace ma non considero l'essere umano degno di un piedistallo.
ouv tmr

Anonimo ha detto...

@ MBarbara
"In effetti l'uomo attira energeticamente nella sua sfera, quindi crea, più o meno inconsapevolmente, tutto."
Attirare e creare sono due azioni differenti. Posso attirare qualcosa di già definito -e allora mi si da ragione-, o al massimo attiro i tasselli con i quali poi comporrò. Do buone entrambi le ipotesi poichè accetto l'esistenza di eggregori ed altro, non escludo nulla, ma non necessariamente 'attiro quindi creo'.
L'uomo crea tutto...in base a cosa sostieni questo? Se io sono divino, ma lo è anche quello che mi circonda, abbiamo le stesse potenzialità, non sono nè più nè meno.
"E funghi ed elefanti sono la stessa cosa!"...se parliamo di importanza :-)
"in quel momento le mie energie non sono "sufficienti", ossia non opero con consapevolezza infinita, ed il dubbio mina il mio potenziale energetico" penso che ci siano forze che l'uomo, per quanto operi con consapevolezza infinita, non riuscirà mai ad affrontare con successo in quanto è un essere finito cioè limitato, può aumentare le sue chances solo se si coalizza. Mi spiace ma non considero l'essere umano degno di un piedistallo.
ouv tmr

democrito ha detto...

MBarbara@
non mi ammorbi affatto se vuoi parlare di frattali o di medioevo e quant'altro. quanto ai fiammiferi, non mi piace scherzare con il fuoco, perchè alla fineci si brucia...
ho approfondito abbastanza lo studio del medioevo e, per quanto non mi possa definire un esperto, sono arrivato a delle conclusioni. una è che l'unica eresia significativa del periodo è quella che all'inizio era chiamata manicheismo e poi, nel corso dei secoli, cambiando nome e zone di influenza, venne chiamata bogomila e poi albigese o catara. il corpo dottrinale delle succitate eresie è più o meno lo stesso, con piccole differenze non significative, dovute alle differenze culturali della zona e del periodo a cui si fa riferimento. una cosa è certa, anche se i catari si definivano cristiani, non lo erano di fatto, quindi quando si parla di messaggio cristiano non si può avere come riferimento il manicheismo in tutti i suoi sviluppi. la differenza fondamentale stà proprio nel concetto di resurrezione. la novita (la buona novella), che poi tanto novità non era, del cristianeimo si poggia unicamente su questo concetto, assunto a dogma di fede. niente resurrezione, niente buona novella, niente speranza, niente cristianesimo. il fenomeno che noi chiamiamo cristianesimo, si poggia quasi interamente sulle epistole di s.paolo. possiamo dire che si dovrebbe chiamarlo paolesimo, tanto è importante la figura del primo apostolo nella concezione cristiana, tra l'altro perfettamente coerente con il racconto degli stessi vangeli e con i discorsi del cristo ivi contenuti. questa impostazione è mantenuta dalla seconda (in ordine di tempo) grande eresia, il protestantesimo, che invece possiamo definire, in tutte le sue forme, assolutamente cristiano.
assodato che non sei cristiana, trovo interessante la tua idea del D'io, a cui fa spesso riferimento il maestro di dietrologia, mi piacerebbe approfondirla, anche perchè MDD la mantiene troppo sull'ambiguo e da quanto scrive da luogo a diverse interpretazioni. una cosa che mi sento di dire in argomento è che dio in quanto tale, è un essere sovraindividuale, pertanto non si capisce se noi facciamo parte di dio, quindi lui è cosciente di noi, ma noi non possiamo essere coscienti di lui, proprio in quanto individui, riconoscendo nel principio di individuazione il nostro limite, o se si pensa di elevare la nostra individualità fino all'essere noi stessi dio, con tutti i limiti dell'essere noi stessi individui. la questione può sembrare di lana caprina, ma non lo è, anzi è in tema con il concetto di iniziazione, chi non muore a se stesso, non può rinascere a nuova vita. penso che il messaggio cristiano era, in origine, nient'altro che un'iniziazione, ricordata non tanto nel sacramento del battesimo, quanto nel passo evangelico della pentecoste. in tal caso gesù era il maestro del suo tempo, colui che faceva conoscere di fatto dio alle persone e tutto il resto solo fantasie sostitutive della realtà.

MBarbara ha detto...

@ouv tmr

Comprendo le tue ragioni, che derivano dal fatto di percepirti "scisso" (santi numi, odio questo termine da quando è il cavallo di battaglia di MDD, accidenti a lui!). Se invece riesci a percepirti frattale di Dio, ovvero parte del tutto che a sua volta contiene il tutto, allora quello che ti ho detto acquista un altro significato. Non esistono forze impossibili da affrontare, in questo senso, perché tutto è uno.

Però, come ti dissi inizialmente, è un discorso molto personale e penso presupponga un certo cammino interiore. In questo caso io ti sto dicendo quello che vale per me, non intendo fare proselitismi, solo mostrare un altro punto di vista.

A conclusione posso dire una cosa che non c'entra nulla? a me la scritta sof ha ucciso il blog fa ridere un sacco, mi ricorda un po' "intervallo" che mandavano sulla Rai quando ero bambina Estemporanea e surreale.

democrito ha detto...

ps
per me s.paolo era pazzo, aveva bisogno di aiuto medico...e forse era anche un po...dietrologo.

MBarbara ha detto...

Democrito ha scritto:

chi non muore a se stesso, non può rinascere a nuova vita

Eh, questa è una bella questione. Cristo muore a se stesso? In realtà no, ovvero mantiene la sua individualità. L'individualità non è un concetto antitetico a Dio. Cristo è Dio che si fa uomo (come tutti noi) mantenendo la sua individualità. Ecco la grandezza del Suo messaggio. Ogni uomo è Dio, Dio è infinito come siamo infinitivamente diversi noi. Ognuno di noi è una sfaccettatura diversa di Dio, il vero peccato mortale (e non scherzo) è rinnegare la propria individualità, poiché si uccide così una parte di Dio, in un certo senso. Quindi io credo che Dio sia la nostra individualità (esemplificata ed assodatak, certificata, in un certo senso, grazie a Cristo), che ne sia consapevole ed al tempo stesso sia nostro compito essere consapevoli della nostra divinità.

Anonimo ha detto...

@ MBarbara
mi considero frattale di dio, non superiore ma allo stesso livello di tutti gli altri frattali che compongono l'universo. Apprezzo il tuo punto di vista del quale ne condivido buona parte anche se non sembra, e la tua serenità nel discutere.
ouv tmr

Anonimo ha detto...

CARO IL MIO SAPIENTONE SOD IL NUMERO 72 NELLA BIBBIA C'E' PERCHE' è UN MULTIPLO DI 12 ( NUMERO DEGLI APOSTOLI, COSTELLAZIONI ECC..NUMERO DELLA PRECESSIONE) ANCHE NELL'APOCALISSE QUANDO SI DICE CHE SOPRAVVIVERANNO 144 MILA è SEMPRE LO STESSO SIGNIFICATO NUMERICO.
APRI BOCCA E GLI DAI FIATO

MDD ha detto...

DEMOCRITO:

trovo interessante la tua idea del D'io, a cui fa spesso riferimento il maestro di dietrologia, mi piacerebbe approfondirla, anche perchè MDD la mantiene troppo sull'ambiguo e da quanto scrive da luogo a diverse interpretazioni.

Quoto l' intervento di Barbara precedente e provo a spiegarmi meglio sulla definizione di D'IO ...

A mio avviso, non esiste nessun DIO ESTERNO, NESSUNO SPIRITO O ANIMA CHE SOVRASTA LA REALTA' O TUTTE LE REALTA', ESISTE LA REALTA' IN QUANTO TALE E TUTTE LE REALTA' IN QUANTO TALI ...

DIO, semmai, puo' esistere come concetto infinito e circolare del tutto, e' un archetipo che ha il valore matematico quantico di contenere tutte le possibilita' che qualcosa possa esistere o non esistere ...

Quindi, un concetto che esiste solo nella mente di chi lo puo' pensare, chi non pensa a DIO-CONCETTO, non e' consapevole del concetto, ed al massimo, potra' antropomorfizzare x comodita' o x abitudine culturale, come nel caso dell' insegnamento della religione temporale ...

DIO esiste xche' non e' materializzabile, xche' non e' manifestabile, xche' appartiene al mondo delle idee, quindi e' eterno ed infinito xche' non esistente secondo i parametri umani, mentre ESISTE a livello concettuale, come archetipo metafisico, pensabile dai suoi FIGLI, che lo avvertono come pensiero primordiale, come KAOS QUANTICO ...

DIO E' I DADI E TUTTE LE POSSIBILITA' MATEMATICHE INTRINSECHE CHE POSSANO SVILUPPARSI E NON SVILUPPARSI DALLA SUA CONTEMPLAZIONE ...

DIO e' tutti i numeri, e' il KAOS e l' ordine che ne consegue, ma questo solo a livello concettuale e mai fisico, mentre le religioni, tutte, tendono a creare un' immagine che di x se e' fuorviante xche' finita ...

Se DIO fosse qualcosa di enormemente grande, sarebbe un ESSERE finito e limitato, invece essendo il concetto DEL TUTTO, QUINDI INFINITO ED ETERNO, deve x forza non esistere, secondo i parametri umani ...

Esiste nell' idea e non nella realta', cioe' nell' idea percepita ...

Quindi, secondo il mio parere soggettivo, e' il concetto primario, che nasce ed E', se e' pensato, se non viene pensato non potra' esistere neanche come concetto ...

Noi e la realta' della MATRIX DIVINA in cui siamo incarnati, siamo la possibilita' di esistere del concetto, siamo un calcolo del KAOS dei dadi ed e' x questo motivo che noi dobbiamo riscoprire il D'IO interno, xche' e' il riflesso materiale finito di un concetto infinito, NOI siamo la proiezione materiale del concetto DIO, CHE ESISTE SE PENSATO DA COLORO CHE RITROVANO IL PROPRIO D'IO ...

MDD ha detto...

SECONDA PARTE:

Noi siamo tutti divini, xche' deriviamo dal concetto primario perfetto, cioe' il kaos quantico, la palesizzazione della realta' e' la combinazione di un' infinita possibilita' a priori di qualcosa che potra' avvenire o non avvenire ...

Se si materializza il concetto, esistono di conseguenza le realta' fisiche e le varie dimensioni o mondi paralleli, e questo avviene xche' l' energia vibrazionale del logos si scinde e prende coscienza del se', causando una reazione a catena che si materializzera' in una data realta' ...

DIO, ESSENDO IL CONCETTO ENERGETICO DEL TUTTO QUANTICO E DI TUTTE LE POSSIBILITA' DI VITA O DI MORTE, PALESA ANCHE LA POSSIBILITA' DI PENSARSI E DI RIFLETTERSI, VENENDO A CREARE LA FORMA MENTIS PRIMORDIALE DEL MONOLITO, CHE CONTIENE MATERIALMENTE LA CAPACITA' DI DARE VITA E DI CREARE VITA ...

Il monolito-totem e' la materializzazione estrema e cristallizzata della proiezione del concetto DIO, che tra le tante infinite possibilita', ha assunto anche quella di PENSARSI e di riflettersi a SPECCHIO, venendo a creare la materia e la vita umana ...

NOI SIAMO FIGLI DEL CONCETTO DIO, SIAMO SUOI FRATTALI MATERIALIZZATI ED ANCORATI ALLE PRIME INCARNAZIONI, quindi percepire e scoprire il nostro D'IO, SIGNIFICA CAPIRE CHE siamo noi il risultato di quella proiezione, di quella possibilita' che e' venuta a crearsi ...

Ed essendo LUI, SIAMO INTERNAMENTE DIO, quindi una riscoperta del concetto primario che viene ad esistere, solo quando lo percepiamo e lo comprendiamo col nostro divino D'IO, CHE E' AL TEMPO STESSO FIAMMA DELLO STESSO FUOCO, MA ANCH'ESSO FUOCO PRIMORDIALE SCISSO DAL TUTTO E TUTTO AL TEMPO STESSO ...

Il concetto del Cristo incarnato vuole significare che Cristo e' un riflesso di DIO, xche' ha preso coscienza del concetto primordiale quantico del tutto, e sara' DIO XCHE' HA CAPITO DI ESSERE D'IO, CIOE' MATERIALIZZAZIONE DELLA SUA STESSA COMPRENSIONE ...

Quindi, a livello astratto e metafisico, il concetto DIO in assoluto, corrisponde alla palesizzazione materiale della scoperta del nostro D'IO nel mondo fisico ...

Infatti, siamo divini, xche' dobbiamo incarnarci in diverse vite, x raggiungere livelli sempre piu' sottili e ridiventare il concetto DIO che eravamo che ERA ...

Se cosi' non fosse non esisterebbe la vita, il bene ed il male necessari all' ascesi mistica interiore x trasmutare CIRCOLARMENTE NEL CONCETTO QUANTICO DIO ...

Noi manteniamo la nostra individualita', attraverso le tante incarnazioni, accumulando esperienza, utile x farci tornare nel KAOS QUANTICO DELL' IDEA DI DIO ...

Noi siamo parte del tutto ed al tempo stesso singoli numeri, che in assoluto contengono tutte le possibilita' di esprimersi infinitamente ...

Il concetto di DIO, e' l' insieme dei numeri, che a loro volta hanno una loro individualita' e la mantengono anche quando vengono calcolati in espressioni piu' complesse, che non potrebbero esistere, se non esistessero anche le singole individualita', che permettono di esprimere il kaos quantico e di palesare la materia e la realta', che alla fine e' poi una bellissima proiezione del concetto che si e' pensato attraverso il singolo ma anche TUTTO se del D'IO INDIVIDUALE ...

E cio' avviene anche x gli uomini, che sono divini xche' sono parte del tutto e possibilita' di far esistere il tutto, sviluppandolo e pensandolo ...

MDD ha detto...

TERZA PARTE:

Insomma, e' un'operazione BIUNIVOCA, NOI SIAMO PARTE DEL CONCETTO E PENSANDO AL CONCETTO GLI DIAMO VITA, E' UNA SORTA DI PROIEZIONE E DI PRESA DI COSCIENZA ASSOLUTA, quando essa avviene nasce la vita e la possibilita' di scindere il DIO-CONCETTO xche' esso viene pensato ...

PER PUNIZIONE, AUTOINFLITTA, TRA VIRGOLETTE OVVIAMENTE, DOVREMO AL CONTRARIO ASCENDERE, QUINDI ABBANDONARE LA CONSAPEVOLEZZA DEL CONCETTO CHE CREA LA VITA, X TORNARE AD ESSERNE SOLO PARTE, salvo poi rifletterci nuovamente e ricreare la possibilita' della vita e di nuovo l' ascesi che ci riportera' ad essere concetto infinito, che essendo infinito, CONTEMPLERA' SEMPRE LA POSSIBILITA' DI PRENDERE COSCIENZA DEL SE' D'IO E QUINDI DI RINCARNARSI ANCORA, RIFLETTENDOSI ...

Questa e' la metafora di LUCIFERO, CHE, ESSENDO LUCE E PARTE DEL CONCETTO DIO, prende coscienza naturale del suo D'IO RIFLESSO E CADE NEL MONDO MATERIALE ...
E x espiare la sua colpa, perdera' la divinita' CONCETTUALE, x palesarsi in materia e ritornare a DIO CONCETTO, dopo che si sara' purificato dalle sue prese di coscienza ...

La coscienza e la conoscenza sono LUCIFERINE, xche' creano vita e riflesso del concetto primordiale, ma sono GIUSTE E SANTE, xche' la loro individualita' pensante terra' in vita il concetto DIO ...

Noi x esistere, dobbiamo essere COMBINATI e riflessi dal concetto DIO, mentre DIO X ESISTERE A LIVELLO METAFISICO, necessitera' della nostra presa di coscienza del nostro D'IO individuale e totale al tempo stesso ...

Quindi siamo DIO, A LIVELLO CONCETTUALE, E D'IO NELLA SUA FORMA VISIBILE MATERIALE ...

Quindi non un dio esterno staccato, come se fosse una sovrastruttura spirituale, ma interno e pensato, quindi realmente VIVO, se compreso ed accettato, nel caso in cui avessimo gia' scoperto il nostro D'IO ...

La religione ed il dogma, che sono l' antitesi del concetto DIO, servono a fuorviare la conoscenza x favorire i piani astrali inferiori, dove esistono forme energetiche che non posseggono l' anima e che controllano la nostra meta' oscura, guidando TUTTI I SISTEMI DI POTERE, a tarpare conoscenze ancestrali che tutte le popolazioni e culture PRIMORDIALI potevano sentire, quando non avevano gli strumenti cognitivi x capirle in astratto, ma ne erano comunque a conoscenza e quindi consapevoli della loro natura divina ...

La funzione della religione e' stata ed ancora e' quella di bloccare l' ascesi delle anime x nutrirsi di energia vitale, e la religione e' strumento inconsapevole o meno dei piani astrali inferiori ...

Ovviamente, intendo la religione come espressione del potere temporale della chiesa, ma lo stesso discorso vale x tutti i sistemi politici e x tutte le forme di comando PIRAMIDALI di potere...

Esse operano x contrastare la nostra scoperta del D'IO INTERNO, CHE PERMETTE DI RISCOPRIRE IL CONCETTO DIO, TENENDOLO IN VITA, loro vengono guidati dalle forze elementali inferiori che ci vampirizzano, xche' bisognose di energia spirituale ed utilizzano la meta' oscura di anime alle prime incarnazioni, e CIOE' DEGLI UOMINI DI POTERE, x controllare anche le nostre di anime e X NUTRIRSI ...

Siamo il loro allevamento energetico, ed il potere di uomini con poca anima, essendo loro matricole esoteriche, permette questa operazione satanica ...

Questo spiega la perseveranza dei simboli delle sette occulte, l' importanza del rito, e l' utilizzazione del concetto di piramide, oramai entrato nella testa di tutti ...

Penso comunque, che alla fine dei goichi vincera' il bene, xche' cosi' e' giusto e logico, e che il male odierno sia un'inevitabile passaggio, anch' esso contemplato dal CONCETTO QUANTICO CHIAMATO DIO.

... COSI' E'
... SE VI PARE !!!

MBarbara ha detto...

MDD, dopo interminabili farneticazioni (che non ho avuto la forza di leggere, ho solo dato un'occhiata veloce, sintesi, per favore!), ha detto:

CONCETTO QUANTICO CHIAMATO DIO

Se le definisci concetto quantico, allora lo "limiti". Credo che fondamentalmente sia questo il senso del tabù ebraico di pronunciare il nome di Dio. Dio è innominabile perché ogni nome lo renderebbe "limitato". Al tempo stesso è un bell'esercizio filosofico ed intellettuale riflettere su "in principio era il verbo", ossia la parola ancora indefinita: quando il verbo prende forma anche la realtà viene creata.

Quindi, MDD, ti rendi conto che con le tue incontenibili litanie, aumenti l'entropia nel mondo? Sei un creatore di caos!

Anonimo ha detto...

@ MDD
chi te l'ha raccontata la storia che noi siamo larve per le entità astrali inferiori? Il film matrix? E quelle superiori cosa combinano tutto il giorno? Secondo te può esistere-essere consapevole di sè un qualcosa di spiritualmente insufficiente?
ouv tmr

luca ha detto...

Bene ho letto con interesse tutti i post di cui sopra e non ci ho capito nulla. Quello che mi interesserebbe sapere, ammesso che esistano le "conoscenze" a me ignote di cui parlate, cosa mi perdo nella vita di tutti i giorni e soprattutto cosa servono a voi che ne sareste consapevoli nel vostro quotidiano?

Serpent of Fire ha detto...

cosa mi perdo nella vita di tutti i giorni e soprattutto cosa servono a voi che ne sareste consapevoli nel vostro quotidiano?

Se non le conosce significa che non ha percezione di 2/3 del suo SE, ovvero una buona fetta del suo essere. Se ha percezione solo di un 1/3 della sua esistenza potrebbe anche pensare che in fondo lei è solo una macchina, un oggetto biologico che per tale deve essere "assoggettato" ad un processo industriale, deve rispondere a delle classificazioni, deve operare come gli altri oggetti altrimenti viene classificato "difettoso".

Avere percezione dei 3/3 del nostro essere, ovvero le proiezioni di noi stessi sui piani mentale-fisico-astrale, significa avere dominio sul creato che non diviene più un nemico da contrastare ma parte integrale del SE.

Individuo e tutto nello stesso tempo, ovvero D'IO e DIO.

S.'. O.'. F.'.

MBarbara ha detto...

Luca, regalandomi un bel po' di buon umore, ha scritto:

cosa mi perdo nella vita di tutti i giorni e soprattutto cosa servono a voi che ne sareste consapevoli nel vostro quotidiano?

A volte, parlo personalmente, io ho guadagnato qualche "rogna" in più, ovvero il sentirsi obbligati moralmente (beh, a volte non solo moralmente) ad agire in un certo senso. Fondamentalmente io credo di avere una maggior comprensione istintiva della realtà. E su tutto credo di aver acquisito una calma ed una serenità che mi permettono di affrontare la vita e le situazioni difficili con maggior consapevolezza. Ti assicuro che la mia vita "materiale" non è semplice, non sono ancora riuscita trasformare il piombo in oro, aimè (per quello ci dovremmo rivolgere a SoF!), e spesso mi devo arrendere davanti alla mia impossibilità di intervenire in situazioni che vorrei poter "aggiustare". Ma nonostante tutto, nonostante tutti gli errori, mi sento parte integrante del Cosmo e vedo l'armonia nel mio essere (a parte certe mattine davanti allo specchio).

MBarbara ha detto...

Ovvero, come elegantemente scritto da SoF:

Individuo e tutto nello stesso tempo, ovvero D'IO e DIO.

democrito ha detto...

intanto grazie a MDD x la lunga spiegazione. con non molte differenze è più o meno quello che vado affermando da un po di tempo.
ovviamente sulla meccanica quantistica non mi ci metto nemmeno, non ne so praticamente niente e poi non mi inghippa più di tanto. a pelle concorderei con Mbarbara che sostiene che ridurre dio ad un concetto quantico sia limitativo, forse per motivi diversi dai suoi, ma non mi ci voglio addentrare perchè non ho le idee chiare in proposito, e di stupidaggini sembra se ne dicano già abbastanza. anche sulla reincarnazione non mi ci metto, non mi ricordo di essere morto in precedenza, quindi non ne so nulla, se non per quello che ho letto, che però se non è suffragato da un'esperienza diretta, trova un po il tempo che trova e rischia di diventare un altro dogma, come se non ce ne propinassero in quantità industriali.
quello che invece mi inghippa da un po di tempo è il concetto di iniziazione, quale strumento imprescindibile e veicolo indispensabile di qualunque fattiva conoscenza. l'iniziazione è legata alla morte, non come morte fisica, ma come morte dell'individualità, ed alla vita in quanto porta di accesso all'eternità. anche in ambito buddista, dove la reincarnazione sembrerebbe essere la norma da tutti accettata, lo scopo finale sarebbe quello di rompere la catena di morte e rinascita, attraverso la rinuncia al desiderio, origine di qualunque sofferenza e causa prima della rinascita stessa, che si ottiene attraverso la rinuncia all'io, in cui l'essere si sublima nello stato di infinita beatitudine. se prendiamo le antiche dottrine sia orientali (brahamana) che occidentali (cristianesimo compreso) dicono un po la stessa cosa: gesù diventa il cristo solo attraverso il sacrificio di se. guenon parla diffusamente dell'iniziazione e ancor più diffusamente della controiniziazione, che in fondo è quello di cui parli tu nell'ultima parte del tuo intervento, quando commenti il ruolo anti-conoscenza e contro-iniziatico delle religioni e dei gruppi di potere in generale, ed a cui non posso non associarmi in pieno. il loro scopo infatti è quello di incrementare la volontà di potenza, attraverso la coercizione più o meno sublimata e perpetuare il dominio di un ego su un altro, in modo da gonfiare sempre più quello che tu chiami la metà oscura
dell'essere umano.
l'indagine deve quindi correre su 2 binari paralleli, da un lato la comprensione del mondo in cui viviamo e dell'oscurita, intesa come mancanza di conoscenza, dall'altro la ricerca della conoscenza come componente imprescindibile della natura umana.

MDD ha detto...

Barbara, la sintesi su argomenti cosi' delicati non e' contemplata, e poi la mia e' gia' una sintesi della sintesi ...
Mi rendo conto che pochi possano capire i miei deliri, non tutti sono pronti, pero' potresti sbatterti a leggerli dato che non hai una mazza da fare tutto il giorno e non batti chiodo :-)

IL kaos, cara Barbara, e' DIO, proprio xche' esso non e' misurabile ne pensabile, e questo concetto infinito e circolare si palesizza e si calcola nel mondo della fisica quantistica ...
La tua visione riflette ancora una volta una visione indotta culturalmente e proiettata appartenente al pensiero magico infantile, mi rendo conto che non e' facile astrarsi e vedersi dal di fuori, ma e' l'unica strada verso la comprensione ...
DIO ESISTE SOLO SE PENSATO, ESSENDO CONCETTO E NON MATERIA !!!

Anonimo ha detto...

Anna dice:

Secondo il tuo limitato e idiota punto di vista magari mi metto a fare "rituali" o a venerare che so, un televisore?

Esattamente, solo che non te ne rendi conto.

Se uno rifiuta la religione in toto come sistema di credenze, rituali e comportamenti che non gli dicono nulla, diventa necessariamente un materialista?

No, non necessariamente. Però tu sì. Lo si evince dalle cose che scrivi, che rappresentano il nulla.

Le religioni che tu disprezzi non rappresentano il nulla. Esse sono piuttosto una miscela di menzogna e verità.

I fedeli della tua religione non sanno di essere tali. Considerano i dogmi non come dogmi ma come realtà autoevidente. Vivono dentro alla loro religione, la loro esperienza è totalmente plasmata dai dogmi della loro religione. Ecco perché non hanno dubbi. Ecco perché non hai dubbi.

Quelli come te sono il prodotto di un progetto molto raffinato alla cui base c'è un'idea molto semplice: asservire l'umanità a una religione perfetta dicendo che non è una religione ma che è il progresso, la scienza, la laicità, i lumi ecc.

Apri gli occhi.

MDD ha detto...

Secondo te può esistere-essere consapevole di sè un qualcosa di spiritualmente insufficiente?
ouv tmr

Secondo me si, magari e' una consapevolezza primaria e animale, e' consapevole della sua individualita' numerica ma non del suo D'IO ...
QUINDI LA SUA CONSAPEVOLEZZA DEL SE' SARA' RELATIVA AL GRADO DI CONOSCENZA DEL SUO D'IO ...

MBarbara ha detto...

MDD ha insinuato:

pero' potresti sbatterti a leggerli dato che non hai una mazza da fare tutto il giorno e non batti chiodo :-)


Sul fatto che io non batta chiodo potresti anche avere ragione, (ma non ce l'hai, eheh), che poi io non faccia una mazza è un insulto bello e buono! Sei delirante: mi sa che sei tu a non battere chiodo, caro!

Dio esiste se è pensato? Dio si auto-pensa, autogenerandosi prendendo coscienza di sé? No. Perché questo presupporrebbe uno stato in cui Dio non è cosciente di sè, quindi non esiste-non si è generato. Il tuo ragionamento va a scontrarsi proprio con quel paradosso che ne inficia la validità. Inoltre temo che sia TU a non aver capito bene quello che scrissi quando affermi: "La tua visione riflette ancora una volta una visione indotta culturalmente e proiettata appartenente al pensiero magico infantile, mi rendo conto che non e' facile astrarsi e vedersi dal di fuori, ma e' l'unica strada verso la comprensione". Non meriti nemmeno che io sottragga tempo a ribatterti, è un'idiozia (ma lo so perché scrivi questo: ti secca che io ultimamente vada in Chiesa a pregare).

Democrito ha scritto:

gesù diventa il cristo solo attraverso il sacrificio di se

Questo è vero, ma la sua risurrezione è personale, ovvero non risorge come Pincopallo (lo so, sono blasfema), ma risorge come Cristo, ovvero mantenendo la sua individualità. Ieri sera, vagando per recessi oscuri e locali notturni, riflettevo sulle sfere da discoteca, quelle composte da miriadi di specchietti. La sfera è una, ma gli specchietti sono infiniti. Ed ho pensato a Dio (senza nemmeno aver bevuto!). Quindi se da un lato posso comprendere cosa significhi il rituale legato alla morte del sé, tuttavia nutro forte scetticismo in proposito. Nel senso che comprendo come a livelli di conoscenza "inferiore" il sé possa vincolare l'uomo ad un materialismo che gli impedisce la comprensione, ma è il sé che deve divenire consapevole di appartenere al tutto, di essere Dio. L'espansione della coscienza non è annullamento della coscienza del sé, ma "integrazione".

MDD ha detto...

LUCA:
Bene ho letto con interesse tutti i post di cui sopra e non ci ho capito nulla. Quello che mi interesserebbe sapere, ammesso che esistano le "conoscenze" a me ignote di cui parlate, cosa mi perdo nella vita di tutti i giorni e soprattutto cosa servono a voi che ne sareste consapevoli nel vostro quotidiano?

In realta' hai ragione anche tu luca, nel quotidiano non servono a nulla, ma durante tutta l' esistenza ti danno una consapevolezza ed una forza che non ti immagini, sapere o solo ( nel mio caso) percepire con la sensibilta' ed il ragionamento logico, ti fa soffrire moltissimo ti fa entrare in empatia con il prossimo e sentire il dolore del mondo, ma ti dona capacita' di comprensione e di vedere le cose prima degli altri, ti slega dal soggetto io e ti sdoppia, riesci a vederti fuori dal corpo come succede nel mondo onirico ...

La strada della comprensione della verita', avviene attraverso la presa di coscienza della tua ignoranza e quindi la voglia di conoscere e di progreddire, ma al tempo stesso la consapevolezza di essere DIVINO ...

E poi e' lo scopo delle nostre incarnazioni, quello di sofrire, apprendere e tornare ad essere concetto inespresso DIO ...

luca ha detto...

Caspita Serpent con la percezione di 1/3 della mia esistenza sono già sufficientemente depresso che se mi becco anche gli altri due terzi mi portano via a braccia.

E MBarbara mi piace la tua serenità ma io con il cosmo non voglio averci a che fare .. non mi sembra un' Entità gentile ..

Anonimo ha detto...

MDD lo sai dove devi andare?


LuCaS

Anonimo ha detto...

notare come il professorone serpent non risponde quando le critiche toccano dati oggettivi e cose che lui ha detto .

Anonimo ha detto...

notare come il professorone serpent non risponde quando le critiche toccano dati oggettivi e cose che lui ha detto .

è vero, il serpentone glissa sempre alla minima difficoltà.

MBarbara ha detto...

Luca ha detto:

mi piace la tua serenità ma io con il cosmo non voglio averci a che fare .. non mi sembra un' Entità gentile ..


Il Cosmo è amore assoluto. E non puoi non averci a che fare: ci sei dentro! Se tu potessi espandere la tua consapevolezza oltre ad 1/3 ti accorgeresti che la demoralizzazione che coglie noi esseri umani è insensata. In ogni caso ognuno compie il cammino che preferisce: ma una maggior consapevolezza aiuta SEMPRE.

Anonimo ha detto...

@ MDD
affermi che certe entità hanno una consapevolezza primaria e animale, invece, spesso e volentieri dimostrano di essere astute.

"tutte le popolazioni e culture PRIMORDIALI potevano sentire, quando non avevano gli strumenti cognitivi x capirle in astratto, ma ne erano comunque a conoscenza e quindi consapevoli della loro natura divina ..." quali popolazioni, puoi riportare il nome e le fonti in modo da documentarmi? Ti contraddici con i ritrovamenti archeologici che testimoniano la pratica di sacrifici -anche umani- da parte di popolazioni pre-celtiche, al fine di ottenere il favore delle loro divinità. Secondo te vado ad uccidere un mio simile o un capo di bestiame -prezioso all'epoca- per farmi amica un'entità meno potente di me? C'è chi pratica questi riti ancora oggi; dopo migliaia di anni l'uomo non si è ancora reso conto che offre doni a degli esseri così poco dotati?...non credo.

Ancora non hai detto da dove hai appreso la storia del parassitismo energetico.
ouv tmr

MDD ha detto...

Ancora non hai detto da dove hai appreso la storia del parassitismo energetico.
ouv tmr

Ne parla Icke, in una certa maniera piu' velata anche JUNG in alcuni trattati alchemici, ma anche lo stesso Serpent ne ha parlato in passato, Lui sicuramente e' in grado di spiegarti meglio di me l' argomento ...

Comunque, tutta la letteratura dal Golem, a Dracula, fino in maniera piu' naif a Matrix, parla di questo ...

E poi, e' anche una sensazione personale, e' difficle da spiegare e comunque non ho la verita' in tasca e potrei sbagliarmi di grosso ...

Cio' che affermo e' il mio personale punto di vista, poi sono pronto a ricredermi e modificare il mio parere, almeno su alcuni aspetti particolari ...

Anonimo ha detto...

sof ha ucciso il blog

Anonimo ha detto...

le sinapsi hanno ucciso il blog

Anonimo ha detto...

l'unico e malfunzionante neurone di anna ha ucciso il blog

Anonimo ha detto...

@ MDD
sono dell'avviso che bisogna stare attenti ai fenomeni di massa come dracula -l'autore era un massone-, matrix, i messaggi che vengono veicolati hanno uno scopo preciso, non so quale ma escluderei la diffusione della verità . I nemici di Icke farebbero a gara per finanziarlo -magari già lo fanno- da quanto li fa ridere con la storia dei rettiliani, bruciando di fatto le verità sul signoraggio e sul controllo. Non conosco Jung e quasi nulla sui golem pertanto non mi esprimo.
L'opinione di SoF più o meno la conosco, volevo sentire altre campane oltre la sua. Siete dello stesso parere ma almeno tu hai la decenza di ammettere che ti puoi sbagliare, come d'altronde è possibilissimo che mi sbagli io.
ouv tmr

MDD ha detto...

OUV ...

Certo che mi posso sbagliare e spesso mi sbaglio, come tutti, cerco solo di dire la mia come tutti ...

Tu hai ragione a dire che le fonti sono massoniche, ma tutte le fonti della conoscenza della realta' sono piu' o meno occulte, quindi bisognerebbe capire il vero significato che sta dietro alle vicende, all' etimologia delle parole, cosa che sto studiando, al vero significato ermetico dei simboli, al significato alchemico della bibbia che comprendo ed intuisco ma che conosco ancora troppo poco, poi ci sarebbe lo studio dei tarocchi ma fatico ancora ad affrontare l' argomento, non sono evidentemente pronto ...

La fisica quantistica si dovrebbe approfondire xche' interessantissima, qualcosina ho letto, ma ci vorrebbero 3 vite almeno x studiare le basi dello scibile umano ...

Io sono solamente all' inizio di un percorso che e' iniziato 2 anni fa, ma sono veloce nell' apprendimento e recuperero' il tempo perduto !!!
SCRIVO ANCHE X IMPARARE E CAPIRE LA PSICOLOGIA UMANA, X CONFRONTARMI E TALVOLTA SCONTRARMI X AFFERMARE LE MIE IDEE ...

MBarbara ha detto...

ouv tmr ha detto:

parassitismo energetico

A livello "materiale", ovvero non scomodando al momento i concetti superiori per cui le entità negative sono create/attratte dal nostro inconscio, ovvero dal Dio creatore che è in noi, è molto difficile provare l'esistenza di tali entità, ovvero è un atto di fede credere che esistano.
A livello personale posso addurti la mia esperienza: io "tocco" fisicamente queste entità e quindi per me hanno valore reale (purtroppo). Chi ha il dono della chiaroveggenza le vede.
La Chiesa le definisce possessioni, se hai l'occassione di parlare con un prete esorcista ti spiegherà che esistono differenti entità che agiscono con forme ben diverse da quelle che pensiamo (ecco, non agiscono come nel film l'esorcista, per intenderci). Non ritengo così improbabile che Icke sia nella ragione, tuttavia credo che nei sui scritti, come in quelli di Malanga, si pongano su livelli fisici accadimenti che invece avvengono nei piani astrali.

Serpent of Fire ha detto...

Ecco come si trasforma matematicamente l'infinito curvandolo rispetto ad un centro (UNI-VERSO ovvero verso l'UNO).

Trasformazioni di Moebius e la sfera di Riemann

Forse per gli scettici una dimostrazione matematica potrà dire molto di più rispetto ad un qualsiasi sproloquio retorico.

Anonimo ha detto...

@MBarbara
riguardo al parassitismo in un caso di possessione, una volta ho trovato una spiegazione del genere: assorbimento di energia da parte di entità sottili per potersi rendere visibili o spostare oggetti. A che pro? Non è stato specificato per 'esistere'.
Non è mia intenzione screditare Icke...eccetto la sua convinzione che la regina betty è un visitors in gonnella e corona ^^.
Più vado avanti più mi convinco del vostro punto di vista: certi fenomeni hanno origine comune nel piano 'astrale'; le vessazioni e possessioni diaboliche appunto, poltergeist, incontri del quarto tipo, ecc.
Posso accettare l'idea che le persone creino volontariamente o non, eggregori e che questi continuino ad esistere finchè è disponibile energia adatta ad alimentarli. Ma poniamo il caso delle possessioni vere, non da film: la vittima parla lingue mai apprese, manifesta rabbia -escalation di offese- e forza fisica non sue, ecc., dunque chi possiede la vittima dimostra di avere una sua mente, una sua logica, una sua conoscenza...anche questo è frutto della mente umana, eggregore? Secondo SoF, forme-pensiero ben nutrite, sono in grado di scimmiottare i comportamenti umani. Dalle descrizioni pervenute, mi paiono invece esseri compiuti e raziocinanti, in grado di far breccia nelle 'crepe energetiche' delle persone. Si ripropongono le stesse domande che ho fatto a MDD e che non avranno risposta: la mente umana può creare esseri che prendono coscienza di loro stessi, addirittura più scaltri delle perone stesse? Gente di cultura ed esperienza elevate -esperti veri di esoterismo- da migliaia di anni li adora, li invoca, “ci tratta affari”; sono tutti così scemi? Giustificare ogni fenomeno con eggregori è riduttivo, una sottovalutazione.
ouv tmr

MDD ha detto...

Esatto Serpent, verso UNO ...
Tutta la realta' e' curvata verso il centro, e quindi verso l' interno e non l' esterno ...
E' l' interno che dobbiamo riscoprire, quindi ancora una volta il d'io e non il proiettato dio, l' infinitamente piccolo e sottile e non l' infinitamente grande ...

Esattamente in maniera diametralmente opposta alla religione temporale che ha sempre affermato il contrario ...

Anonimo ha detto...

@ MDD
chi ti impedisce di guardare sia l'esterno che l'interno?
ouv tmr

Serpent of Fire ha detto...

Secondo SoF, forme-pensiero ben nutrite, sono in grado di scimmiottare i comportamenti umani. Dalle descrizioni pervenute, mi paiono invece esseri compiuti e raziocinanti, in grado di far breccia nelle 'crepe energetiche' delle persone.

Anche io pensavo così sino a qualche tempo fà. Ritenevo che fossi io ad attirare in qualche modo le entità come falene intorno ad una lampada di notte.

Poi ho sperimentato che queste entità rispondevano ai miei stati d'animo e poi successivamente interagivano (anche fisicamente) rispetto ai miei pensieri.

Due erano le cose: o erano in grado di leggere nella mia mente oppure più semplicemente erano la proiezione sul mondo astrale della mia mente inconscia.

Confrontando le mie esperienze con diversi testi teosofici ho compreso che l'interpretazione corretta era la seconda. Ovvero che le entità sono generate dall'essere umano per l'essere umano come specchio (proiezione) del proprio SE immanente.

In pratica i guardiani ce li generiamo da soli sul piano astrale mentre il giudizio 'uni-versale' viene determinato soltanto dalla nostro SE sul piano mentale. Chi meglio di noi stessi ci può giudicare?

Il che rivoluziona totalmente la concezione "DIO dominante - UOMO dominato" (da cui la parola SIGNORE o LORD o BAAL) tanto caro alla teologia temporale.

MBarbara ha detto...

ouv tmr:

la mente umana può creare esseri che prendono coscienza di loro stessi, addirittura più scaltri delle persone stesse?

La mente umana è in grado di creare OGNI cosa: quindi la risposta è sì. Sul fatto che siano più scaltri potrei nutrire dubbi. Gioca a loro favore il fatto di essere invisibili ai più, eheh. La questione sulla quale nutro seri dubbi è solo se siano dotati o meno di autocoscienza-parlo ovviamente di esseri "negativi", ovvero dell'astrale inferiore. In linea generale sarei tentata di rispondere in maniera negativa, eppure esiste ad esempio la condizione larvale che implica autocoscienza ed individualità. Sul fatto che gente "scaltra" ci tratti affari: la manipolazione energetica è ambivalente, chi invoca certe entità generandole o servendosene è il motore dell'azione. Per esemplificare: se io assumo un farmaco che agisce per effetto placebo non è il farmaco ad essere efficiente, ma il mio subconscio. Stessa cosa per l'invocazione di tali esseri che ho creato/generato/invocato: se sono convinta che certe alleanze e certi riti porteranno ad un risultato, allora otterrò quel risultato.

Secondo me però la questione chiave da analizzare è altra, ovvero se un uomo, singolarmente, possa resistere a certi assalti energetici. Applicando la stessa logica in teoria sì. In pratica, però, spesso il dubbio inficia le nostre azioni.

MDD ha detto...

OUV

la mente umana può creare esseri che prendono coscienza di loro stessi, addirittura più scaltri delle perone stesse? Gente di cultura ed esperienza elevate -esperti veri di esoterismo- da migliaia di anni li adora, li invoca, “ci tratta affari”; sono tutti così scemi?

Io posso dire la mia, magari sbagliando, essendo argomenti molto particolari ...
Secondo me, esistono differenti piani e dimensioni, l' uomo si trova all' interno di una di queste ZONE, ma non credo sia l' unico essere senziente, oppure invece si ...

Io penso che, sintonizzandosi nell' inconscio collettivo, possiamo incontrare i demoni archetipi che ci abitano, e possiamo collegarci con ambienti subconsci dove possiamo captare altre forme senzienti ...

Le persone invasate, semplicemente hanno un IO molto scisso e sono facili prede dell' inconscio collettivo e dei suoi demoni, un po' come le persone schizofreniche che hanno allucinazioni sia visive che uditive ...
Le allucinazioni sono vere, ma sono creazioni, o meglio sintonizzazioni dell' inconscio collettivo ...

Oppure ancora, l' uomo essendo gia' DIVINO ED ESSEDO IN POTENZA IL CONCETTO DIO, HA IN SE' TUTTI I DEMONI CHE SONO PARTE E STRUTTURA DEL SUO INCONSCIO, QUINDI ATTRAVERSO UN IO SCISSO E LABILE, POTRA' APRIRE QUELLE PORTE METAFISICHE E PERMETTERE IL PASSAGGIO DI CREATURE ANCESTRALI CHE REGNANO NEI MONDI PIU' SOTTILI ...

Penso che i cosiddetti potenti, essendo scissi e meno vicini all' io cristico e consapevole del D'IO, siano facili prede dei DAEMONS dell' astrale inferiore, o dei rettiliani di ICKE ...
Quindi la possessione, e' avvantaggiata dalla scissione, infatti DIAVOLO SIGNIFICA DIA-BALLO, E CIOE' SCISSIONE, DIVISIONE ...
E' la stessa dinamica che succede ai fedeli ipnotizzati dal CULTO, si opera x scindere il D'IO interno ... nella stessa maniera anche i potenti, sono coptati dalle LORO forze archetipe dell' astrale inferiore, a causa dell' assenza di anima o spirito, a seconda della nominazione che gli diamo, o a causa di una scissione o rimozione del D'IO INTERNO ...

La scissione dell' IO, PROVOCA PATOLOGIE PSICHIATRICHE, ma se controllata e dominata puo' essere utilizzata x essere MEDIUM delle forze dell' astrale inferiore, che in termini assoluti metafisici, sono presenti nel nosro subconscio ...
Questo dovrebbe capitare ai POTENTI DELLA TERRA ...

Anonimo ha detto...

@ SoF
perchè tarpa le ali alle possibilità?
"Due erano le cose: o erano in grado di leggere nella mia mente oppure più semplicemente erano la proiezione sul mondo astrale della mia mente inconscia." non è che potessero invece reagire ai suoi stati d'animo? Spiego meglio: tutto è energia compresi i nostri pensieri ed emozioni, quando questi cambiano cambiano anche le 'onde energetiche' che emaniamo. Le entità, avvertendo diversa frequenza d'onda, non potrebbero semplicemente reagire di conseguenza? -senza necessariamente ipotizzare che le abbiamo create noi?-
"Confrontando le mie esperienze con diversi testi teosofici ho compreso che l'interpretazione corretta era la seconda"
Perchè basa tutto sulla teosofia? E' recente e per giunta se confrontata alla cultura di altre religioni diventa una capocchia di spillo. Per non parlare della mazzata di Guénon.
ouv tmrrimanges

Anonimo ha detto...

@ MBarbara
"La mente umana è in grado di creare OGNI cosa"
se fosse vero molte cose brutte sparirebbero, invece è il contrario. In quanti non sopportano il berluska, che invece è ancora lì!
Ogni volta che ci troviamo in una situazione sgradevole, oltre a lamentarci, immaginiamo come dovrebbe essere il contrario, cioè stare bene. Questo -se la mente è così potente- dovrebbe riportare la situazione in equilbrio...come mai è un evento così raro? Risposta: è colpa del dubbio. Ma il dubbio è dapertutto. Anche quando la situazione sgradevole ci stava piombando addosso, nelle forze che l'hanno creata era insito il dubbio. Perdona il discorso sconclusionato.
ouv tmr
ouv tmr

luca ha detto...

per MBarbara : la mente umana può creare OGNI cosa .. affascinante ma se fosse vero direi che crea soprattutto energia negativa o almeno quest'ultima predomina e assorbe quasi tutto il resto. Prova ne sia che in questo blog non si parla certo di manifestazioni del bene.Perchè? Siamo sostanzialmente cattivi?

Anonimo ha detto...

@ MDD
ora vado proprio a tentoni -come prima ^^-, è solo un mia umile sensazione, ma: chi è in alto ha il potere. Chi è debole/scisso/ecc. non è in grado di amministrare il potere. Dunque chi è in alto non è debole.
ouv tmr

MDD ha detto...

ouv

In realta' chi e' in alto e' talmente debole che deve comandare, nell' apparenza della realta' LORO dominano, nella realta' assoluta al di fuori del tempo, non dominano affatto e sono invece dominati ...

Chi trova il D'IO interno non ha piu' bisogno di dominare il prossimo, xche' TUTT'UNO CON IL CONCETTO, quindi quelli che noi vediamo come ricchi e potenti, in realta' sono condannati a perdere l' anima o vivere tante altre incarnazioni fino a quando il loro karma non muta...

L' insegnamento alchemico cristico dei ... GLI ULTIMI SARANNO I PRIMI, va in questa direzione, anche se poi contiene altri significati e piu' livelli di lettura...

Noi, legati alla materia, invidiamo chi comanda o chi e' ricco, ma in realta' siamo noi che siamo avanzati nell' ascesi mistica ...

Certo, essendo incarnati in questa realta', non possiamo prescindere dalla nostra istintualita' e carnalita', dobbiamo solo esserne consapevoli ed attraversare lentamente e con pazienza l' oceano della nostra mente ...

Anonimo ha detto...

@ MDD
quando parlo di potere non mi riferisco a beni materiali, nemmeno al comando di nazioni o banche, ma al POTERE POTERE. La penso un pò alla cane mangia cane, nel senso che chi sta in alto mette in conto che deve assoggettare una massa eterogenea di persone dentro la quale ci sta anche chi può dare del filo da torcere (a vostro avviso quelli che posseggono l'anima). Dunque si organizza a divenire più forte in modo da piegare chiunque, non è così che funziona in guerra? Rimangono sempre miei sproloqui.
ouv tmr

Serpent of Fire ha detto...

Non me ne voglia chi ha una laurea in medicina e/o in psichiatria che ne saprà sicuramente più di me. Provo a descrivere le cose con le nozioni a mia disposizione (sto studiando alacremente per formalizzare meglio la mia idea).

L'accesso agli inferi (ovvero il cosiddetto mondo astrale) è consentito dal sistema nervoso periferico. Ai vari plessi nervosi corrispondono altrettante aree della corteccia cerebrale. L'attivazione di tali aree avviene in maniera automatica nel processo del pre-pensiero studiato nella psicosomatica. Ovvero, prima che si generi un pensiero esso è in qualche modo sospinto da una pulsione prodotta dall'area motoria e premotoria, collocata sulla verticale del talamo e che (guarda un pò) corrisponde al settimo chakra nella filosofia orientale.

Dal punto di vista logico (non fisico) la mente è suddivisa in conscio, subconscio ed inconscio. Ad ogni livello corrisponde un filtraggio sempre più blando rispetto alle sollecitazioni che provengono dall'ambiente esterno (percezione).

Il pre-pensiero è generato alla parte logica della mente legata all'inconscio. Le pratiche di meditazione orientali (mantra) ed occidentali (preghiere) sono volte a raggiungere uno stato di autoipnosi al fine di rendere accessibile tali aree al conscio. L'accesso a tali aree provoca delle allucinazioni sensoriali cenestesiche assimilabili ad una specie di flusso energetico che vortica o si espande o implode o fluttua verticalmente od orizzontalmente. Tali moti vorticosi e sferici sono rappresentati nella cultura orientale come "chakra" e in quella occidentale come "pianeti".

L'accesso cosciente a queste aree dell'inconscio determina due capacità: ricevere e trasmettere sul mondo astrale, ovvero in un universo parallelo al nostro che esite ad una frequenza vibrazionale inferiore (teoria delle superstringhe?) del multiverso. Anzi sembrerebbe che ogni plesso sia sintonizzato su livelli vibrazionali che vanno dal più alto (plesso cervicale) a quello più basso (plesso coccigeo).

Secondo me certe spiegazioni vanno cercate nella psicologia, nella fisiologia e nella fisica quantistica.

MBarbara ha detto...

Luca ha detto:

ma se fosse vero direi che crea soprattutto energia negativa o almeno quest'ultima predomina e assorbe quasi tutto il resto. Prova ne sia che in questo blog non si parla certo di manifestazioni del bene.Perchè? Siamo sostanzialmente cattivi?


Má assolutamente no! Tutt'altro! Noi creiamo il berluska, ovvero il disequilibrio negativo, le entià, le eggregore negative etc, per diventare più consapevoli della luce! Ci serve vedere il buio per ritrovare la consapevolezza in noi. Percorso alchemico del nigredo, se non sbaglio (ovvero toccare il fondo e rinascere purificati, insomma, qualcosa di simile: cfr parabola del figliol prodigo!).

ouv tmr ha detto:

Anche quando la situazione sgradevole ci stava piombando addosso, nelle forze che l'hanno creata era insito il dubbio.

Credo che sia questo il concetto biblico della rivolta di Lucifero. Lucifero dubita di Dio, il dubbio spezza la luce assoluta et... voilà.

Alla fine quel che conta, in un certo senso, è l'equilibrio: la luce assoluta incorpora in sè anche l'ombra che è relativa.

Per SoF: non solo ogni chakra funge da collegamento ad un piano preciso, ma ciascuno di essi, per quanto percepisco toccando, è presente sui sette piani (fisico, eterico, astrale inferiore, superiore, causale, mentale, spirituale).

democrito ha detto...

la contradizione insita nella nostra cultura, che si ritrova in tutte le sue manifestazioni, a partire dalla religione e a seguire dalla società, dalla filosofia (materia questa tipica della nostra società occidentale) e dalla scienza è ben lungi dall'essere risolta, anzi si aggrava sempre più con il passare del tempo e con l'allontanarsi dalle origini. andare avanti senza aver risolto i problemi di base, quelli fondamentali, significa essere destinati al fallimento, perchè se le basi stesse cedono, tutta la costruzione crolla.
per essere chiaro, abbiamo due visioni della vita e della realtà, tra di loro non coniugabili, l'unione delle quali ha fondato il pensiero dell'occidente. da una parte la visione semita, probabilmente retaggio di antiche culture quali sumeri e babilonesi, che si traduce per noi nel pensiero ebraico, dall'altra, proveniente dall'oriente, come anche dall'antico egitto, la mentalità derivante dal pensiero greco. le posizioni sono antitetiche e non conciliabili, si passa dalla spiritualità vissuta come qualità pura, quindi non provvista di quantità, tipica del pensiero greco, al materialismo quantitativo, che nega anche la possibilità di una qualunque dimensione qualitativa dell'universo, tipica del pensiero ebraico. dal riconoscere nell'uomo tre dimensioni distinte, anche se interconnesse, quali il corpo la mente e lo spirito, peculiari all'oriente, come anche ai greci, alla negazione di un qualunque livello o piano di consapevolezza che non sia quello fisico, da cui gli altri deriverebbero, della mentalità e cultura ebraica. la fede stessa nell'aldilà, risente di questa contradizione insanata e difatti gesù deve necessariamente risorgere, perchè è fondamentalmente un ebreo e nella sua essenza l'ebraismo rifiuta un'aldilà che non sia anche o solamente fisico. la morte è quindi definitiva ed assoluta fino che l'azione di dio non resusciti i morti dalle tombe. esiste però sempre nel cristianesimo l'idea del paradiso, come luogo non fisico, dove si conosce finalmente dio, affrancati dai legami del corpo. quale delle due? chiedetelo ad un prete, o al papa in persona, non saprà rispondervi, perchè si è coniugato qualcosa che non si può mischiare.
le origini sono importanti e se le radici non sono ben salde, la pianta non crescerà ne forte ne sana e difatti, da qualunque parte lo si prenda, sembra proprio che il mondo in cui viviamo non soddisfi proprio nessuno. la deriva religiosa, che oggi chiamiamo scienza o metodo scientifico, sapere insostituibile per risolvere i piccoli problemi della vita quotidiana, come costruire un ponte, una casa, o le mille cose di cui necessitiamo, fallisce miseramente nel tentativo di dare risposte alla vita, alla morte e alle domande sull'esistenza che assillano il genere umano fin dalla sua comparsa sul pianeta terra.
il fallimento dell'occidente è sotto gli occhi di tutti, è banalmente ovvio, eppure invece di fare una sana marcia indietro e cercare di darsi delle basi intellettualmente più solide, si va avanti, da bravi soldatini rincoglioniti, raccontandocela che ci sarà un domani migliore. non è vero, il domani potrà essere soltanto peggiore e poi ancora peggiore, fino all'inevitabile catastrofe, tra l'altro già in atto. la mancanza di punti di riferimento, di valori, di risposte soddisfacenti sulla vita, sulla morte, sull'aldilà e sull'aldiquà, sono già una catastrofe esistenziale, in cui siamo tutti coinvolti, senza precedenti nella storia dell'umanità. stiamo vivendo il periodo peggiore della storia dell'umanità, ma il nostro narcisismo e la volontà di autocelebrazione ci impediscono di capire l'entità della catastrofe e di fermarci prima che sia troppo tardi.

MDD ha detto...

DEMOCRITO ...
Non e' che un sistema fallisca o meno, il discorso lo porterei piu' sul mantenimento dell' ALLEVAMENTO ENERGETICO ...

La struttura cambia, si rinnovano i locali, ma i proprietari sono sempre gli stessi, ed ache il menu' e' rimasto tale e quale, CIOE' NOI ...

Lo scopo del sistema e' FALLIRE E CREARE LA CRISI, xche' attraverso questo processo dinamico, il sistema traghetta in altra veste, portando nuovi plagi emozionali che si conformano allo status quo del momento storico che ospita tali cambiamenti epocali ...

Lo scopo di uno STATO, ovviamente a lungo termine, e' quello di terminare quando ha finito le scorte energetiche, dopo, deve necessariamente ricreare IL CAMPO DA ARARE E COLTIVARE, ATTRAVERSO LE GUERRE ED IL CONTROLLO DEL RISIKO MONDIALE, x cui tutte le apparenti contrapposizioni politiche, sistemiche, religiose e culturali, sono fittizie ed operano tutte nella stessa direzione ...
MANTENERE IL PASCOLO, UTILE AL NUTRIMENTO ...

Quindi non e' questione di valori o punti di riferimento, di aldila' o aldiqua', e' questione di FAME e di cibo ...

Poi sulla spiritualta' dei bei tempi andati ci andrei cauto, sono balle quelle che descrivono i popoli antichi come piu' spiritualisti ed attaccati ai valori della comunita', ma quali valori, ci si scannava x un tozzo di pane peggio di ora, e si moriva con molta piu' facilita', la religione era vissuta con terrore e paura e si ERA COSTRETTI A CREDERE, ALTRO CHE SPIRITUALITA' PERDUTA ...

Il livelo del plagio era molto piu' forte ed esplicito; qualcuno mi deve spiegare quale sistema politico abbia ricalcato il paradiso perduto, che in realta' non e' mai esistito ...
Forse nelle precivilta' ancestrali primitive, ma non certo nelle prime forme di aggregazione di civilta', che da sempre hanno necessitato TOTEM e Golem x mantenimento del memento mori di turno ...

Cio' che e' sempre esistito e sempre esistera', fino al consumo totale del pianeta terra, sara' la capacita' del SISTEMA di far buon raccolto, magari cambiando i mangimi, ma mantenendo sempre la fattoria piena di animali grassi e pasciuti ...

I sistemi sono sempre FALLITI x farli approdare in altro sistema, una volta compiuto il loro lavoro sociale ed anche in passato si rimpiangevano i bei tempi andati...
SI STAVA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO ...

In realta' si e' sempre stati male, una volta anche di piu' e la spiritualita' tanto decantata era affidata a i SOLITI POCHI ILLUMINATI, la gente comune SUBIVA IL CULTO ...

Per quanto riguarda il PENSIERO ebraico, greco, babilonese ed ancor prima indoeuropeo, il discorso e' identico, e tutte queste culture sono non in contrapposizione ma una la conseguenza dell' altra, sono l' evoluzione della precedente, tramandando sempre le stesse simbologie, riti sacrificali pagani, le stesse mitologie, gli stessi valori, talora differenti apparentemente e in relazione alla cultura e al momento storico che li traghettava ...

Bisogna prendere coscienza che il FILM DEL MONDO ha sempre e solo avuto la stessa sceneggiatura, magari cambiando il titolo ed ora e' pure munita di occhialini x l' illusione liquida del 3D ...

BUONA PROIEZIONE A TUTTI !!!

Anonimo ha detto...

@ Serpent of fire,
tra le indicazioni che ha offerto non scorgo la "Scienza Occulta" di R.Steiner, forse non l'ha mai studiata?

@ Luca,
considero il nostro pianeta ospitante come una grande astronave punitiva che ci accoglie perchè, probabilmente, dobbiamo scontare colpe maturate in altre dimensioni o stati o vite.
In ciò mi ritrovo con la filosofia di R.Bach (tra gli altri autore del "Il gabbiano di nome Jonathan Livingstone").
Considero il transito nel pianeta Terra come un'esperienza di valenza negativa al contrario di MBarbara, ma confortato dall'opinione di DEMOCRITO.
Mi ritrovo anche nel pensiero di Nietzsche oltre che in quello di Manu.
Certo di aver condiviso il suo pensiero, Luca, a disposizione.
Giorgio Andretta

Anonimo ha detto...

sof ha ucciso il blog

MDD ha detto...

ANDRETTA ...
Come sei pessimista, nichilista pieno di sensi di colpa ...
E quale pene dobbiamo espiare sull' astronave chiamata terra???
Quelle della presa di coscienza di essere LUCIFERO, cioe' luce, quella del desiderio di incarnarci ed inizaiarci all' ascesi mistica cristica, quella di attraversare la MONTAGNA SACRA e carpirne i suoi insegnamenti ???

No ... dai, no ANDREATTA !!!
E' una visione troppo pessimistica e semplicistica, non aver paura di saper cogliere il tuo D'IO dentro, ascoltalo, seguilo e gioisci ...

Non fare il LORO GIUOCO !!!

MDD ha detto...

Inoltre la nostra presenza sulla terra e' voluta e necessaria alla esistenza del concetto DIO CHE PALESA TUTTE LE POSSIBILI COMBINAZIONI QUANTISTICHE DEL KAOS ...

Il fatto che ci troviamo in questa isola infelice, e' solo una possibile causalita' indotta dal riflesso della nostra volonta' emanata dalla possibilta' del concetto di esprimersi in uno dato stato dimensionale, siamo energia del tutto quantico mossi dall' amore e dal desiderio di prendere coscienza e del ritornare logos quantico ...

L' unica espiazione che dobbiamo conoscere e' quella che ci permette di dare vita e nutrimento al concetto DIO, attraverso la sua frammentazione e possibile scissione che in potenza e' realizzabile o meno, e nel nostro caso di essere cio' che siamo come riflesso quantico del concetto primario ...

Tutto avviene attraverso la PROIEZIONE, CIOE' LA SCISSIONE CHE E' LA GIUSTA CAUSA E NECESSARIA OPERAZIONE X GIUSIFICARE L' ASTRAZIONE DEL CONCETTO DIO, CHE POSSIAMO ASTRARRE SOLO QUANDO SIAMO CONSAPEVOLI DEL NOSTRO D'IO INTERNO ...

Senza la proiezione e la moltitudine frattale che da vita alla nostra MATRIX ILLUSORIA e alla nostra proiezione filmica incarnata, non possiamo pensare a DIO CONCETTO, quindi a far si che esista LUI, NOI, CIOE' IO ...

QUINDI NOI ESISTIAMO AL TEMPO STESSO COME CONSEGUENZA DELLA POSSIBILITA' DEL CONCETTO DIO DI ESSERE ANCHE QUESTA REALTA', E AL TEMPO STESSO IL CONCETTO PUO' ESISTERE SE IL SUO RIFLESSO MATERIALIZZATO LO PENSA E LO ASTRAE ...

Cosi', il concetto DIO esiste se esistiamo anche noi nella consapevolezza del D'IO, se non conosciamo la natura primaria UCCIDIAMO E NEGHIAMO IL CONCETTO CHE SMETTE DI ESSERE TALE SE NON PENSATO, QUINDI DI ALLONTANARCI DALLA STRADA INTRAPRESA NELLA SPIRALE COSMICA VIBRAZIONALE ...

Se abbandoniamo il nostro D'IO, neghiamo il concetto e diventiamo diaballo, cioe' DIAVOLO e non lucifero, nella sua accezione reale e positiva e non cattolica negativa ...

In pratica la religione ha ribaltato tutto x impedire questa scoperta iniziatica e trasformare tutto un illusione all' interno dell' illusione, tipico fenomeno delle forze dell' astrale inferiore, che hanno bisogno di elevarsi e nutrirsi, attraverso la nostra FEDE e tradimento del concetto ...

In pratica e' come se ti dicessero di andare a trovare LA VERITA' NELLA DIREZIONE OPPOSTA A DOVE SI TROVA ...
Infatti re-ligare, significa mettere insieme, UOMINI SOTTO le stesse leggi e culti ...

UNA SORTA DI MICROCHIP EMOZIONALE E SCHEDATURA CIVILE ANTELITTERAM ...

Anonimo ha detto...

@MDD,
per educazione le rispondo, cosa che lei non ha usato nei miei confronti a proposito degli ebrei.
Non inizio guerre di religione perchè ammetto tutte le opinioni espresse da chicchessia, accettarle è un'altra cosa.
Se lei è a conoscenza di un avvenimento positivo e sottolineo uno (tenga presente perchè è avvenuta la distruzione di Sodoma e Gomorra), lo avanzi e sarò felice di rivedere le mie posizioni.
Per quanto riguarda il Principe della Luce non so se ha studiato: "Cristo vero Lucifero" di Rudolf Steiner, non ne sono stato pienamente soddisfatto.
IO NON NUTRO ALCUN SENSO DI COLPA, anzi ho la tendenza di attribuirli agli altri, e non ho ancora individuato che effrazioni avrei commesso, in altre vite o stati o dimensioni, per meritarmi il passaggio sulla Terra, congratulandomi con lei per le certezze esposte che mi ricordano Wikipedia.
Noto che le è sfuggito il mio pensiero circa l'incarnazione che è antitetico al suo, infatti ho già anticipato l'eutanasia astrale in altri miei commenti, ma se lei persegue pervicacemente il suo solipsismo e non si pone all'ascolto, all'infuori del suo D'IO interiore, di altre voci, è particolarmente difficoltoso confrontarsi con lei che mi attenziona di NON FARE IL LORO GIOCO, ma di chi?
Giorgio Andretta

MDD ha detto...

X ANDRETTA:

@MDD,
per educazione le rispondo, cosa che lei non ha usato nei miei confronti a proposito degli ebrei.
-NON HO CAPITO!!! Quale mancanza di educazione avrei usato con lei e con gli ebrei ???
MI SPIEGHI ...
--------------------------

Non inizio guerre di religione perchè ammetto tutte le opinioni espresse da chicchessia, accettarle è un'altra cosa.
Se lei è a conoscenza di un avvenimento positivo e sottolineo uno (tenga presente perchè è avvenuta la distruzione di Sodoma e Gomorra), lo avanzi e sarò felice di rivedere le mie posizioni.
-IO NON DEVO AFFATTO FARLE CAMBIARE IDEA, lei ha le sue, io le mie, qual e' il problema???
L' avvenimento positivo e' quello che lei ora puo' vivere e pensare, non e' roba da poco ...
--------------------------

Per quanto riguarda il Principe della Luce non so se ha studiato: "Cristo vero Lucifero" di Rudolf Steiner, non ne sono stato pienamente soddisfatto.
- Non ho mai letto nulla di Steiner, che conosco solo di rimando e superficialmente, ma sono cose che si intuiscono,talvolta studiare troppo condiziona la mente, secondo me prima di studiare bisogna sentire ed intuire, solo dopo studiare ed approfondire meglio certi argomenti ...
--------------------------------

IO NON NUTRO ALCUN SENSO DI COLPA, anzi ho la tendenza di attribuirli agli altri, e non ho ancora individuato che effrazioni avrei commesso, in altre vite o stati o dimensioni, per meritarmi il passaggio sulla Terra, congratulandomi con lei per le certezze esposte che mi ricordano Wikipedia.
- NESSUNO RICORDA LE VITE PASSATE, CIO' CHE CONTA E' QUELLO CHE LEI COSTRUIRA' IN QUESTA ESISTENZA, PRENDENDO COSCIENZA DELLA SUA DIVINITA' E DEL BENE CHE PUO' FARE X GLI ALTRI, CIOE' X LEI ...
-----------------------------

Noto che le è sfuggito il mio pensiero circa l'incarnazione che è antitetico al suo, infatti ho già anticipato l'eutanasia astrale in altri miei commenti, ma se lei persegue pervicacemente il suo solipsismo e non si pone all'ascolto, all'infuori del suo D'IO interiore, di altre voci, è particolarmente difficoltoso confrontarsi con lei che mi attenziona di NON FARE IL LORO GIOCO, ma di chi?
- IO NON HO CAPITO QUALE SIA IL SUO GIUDIZIO RIGUARDO LE NOSTRE INCARNAZIONI, IO HO LE MIE IDEE, CONDIVISIBILI O MENO, PERO' ESPOSTE FINO ALL' ESAURIMENTO, LE SUE NON LE ABBIAMO CAPITE, SE CI TIENE TANTO, LE ESPONGA MEGLIO, OPPURE NO, FACCIA COME VUOLE ...

Anonimo ha detto...

09 aprile 2010 19.03
Anonimo ha detto...
@ MDD,
essere ebrei non è questione di fede ma di nascita, se non conosce il significato di nazione le corre l'obbligo d'informarsi maggiormente, specialmente lei che cita gli elohim.
Giorgio Andretta

Questo l'ho inserito nei commenti: "25 nuovi omicidi...".

Lei non mi deve far cambiare idea ma semplicemente propormi un esempio ottimistico, perchè se lei mi definisce pessimista devo condividere la sua semantica sull'ottimismo, altrimenti ci parliamo addosso.

Prendo atto che non ha letto Steiner, ma non credo lei non abbia compulsato altro, se le osservazioni che ha manifestato sono semplicemente farina del suo sacco, ne terrò conto per il futuro.

Per quanto riguarda le vite passate conosco persone che sostengono il contrario, ma siccome lei non legge non consulta la nutrita letteratura in proposito che testimonia il ricordo delle stesse, ad ognuno la possibilità di verifica.

"CIO' CHE CONTA E' QUELLO CHE LEI COSTRUIRA' IN QUESTA ESISTENZA, PRENDENDO COSCIENZA DELLA SUA DIVINITA' E DEL BENE CHE PUO' FARE X GLI ALTRI, CIOE' X LEI ...". Questa è una sua precipua certezza
da me non condivisa, anzi sono dell'opinione antitetica, infatti se ognuno s'impegnasse a fondo per evolvere la propria condizione olistica, non avrebbe bisogno di alcun aiuto esterno.

Mi era sembrato di essere stato sufficientemente esplicito manifestando la mia idea circa la vita in questo pianeta. La considero una punizione, quando avrò consapevolizzato per quali colpe, lei sarà il primo, per mia premura, ad esserne partecipato.
Con stima.
Giorgio Andretta

MDD ha detto...

ANDRETTA DICE ...

essere ebrei non è questione di fede ma di nascita, se non conosce il significato di nazione le corre l'obbligo d'informarsi maggiormente, specialmente lei che cita gli elohim.

Non capisco se sia una provocazione o una battuta; mi sa che avevo gia' letto questa affermazione, ma l' avevo rimossa, evidentemente ...
Le dico, che un mio caro amico, non israeliano ne arabo e ne askhenazita, ha abbracciato la fede ebraica in eta' matura ...
Quindi la nascista e' una sciocchezza, non esiste nessuna razza ebraica, xche' l' ebraismo e' una religione, AGGIUNGO IO, UNA RELIGIONE PIUTTOSTO REAZIONARIA E FASCISTOIDE, COME PERALTRO QUASI TUTTI I CULTI ...
-------------------------------
Lei non mi deve far cambiare idea ma semplicemente propormi un esempio ottimistico, perchè se lei mi definisce pessimista devo condividere la sua semantica sull'ottimismo, altrimenti ci parliamo addosso.

Io non devo proporle nessun esempio ottimistico, anche se nei miei post ne sono pieni, li legga in maniera piu' approfondita e vedra' che cogliera' tanti significati e valori cristici ...
Eppoi scusi, se lei e' cosi' pessimista, xche' mai dovrebbe evolversi ed informarsi, si lasci degredare e viva d' inerzia, se siamo in una colonia penale, cosa la incuriosisce di questa colonia penale?
Potrebbe anche suicidarsi, xche' non farlo???
Tanto siamo solo in punizione, dobbiamo espiare ...
Mi sa che a lei il catechismo sia stato traumatizzante, oppure, se non quello, qualche dramma irrisolto recente ...
Ma non si butti via, guardi il sole e comprenda la sua forza,la luce e' vita !!!
-----------------------------
se ognuno s'impegnasse a fondo per evolvere la propria condizione olistica, non avrebbe bisogno di alcun aiuto esterno.
A LIVELLO FISICO, LEI VEDE IL SE' E L' ALTRO SEPARATI FISICAMENTE, A LIVELLO SUBATOMICO SIAMO LA STESSA COSA E SIAMO INDISSOLUBILMENTE LEGATI, NON CREDA CHE LA NOSTRA PERCEZIONE FISICA SIA OGGETTIVA MA SOLO RELATIVA ALLA NOSTRA DIMENSIONE, QUINDI AIUTO ESTERNO PERDE DI SIGNIFICATO IN UN DISCORSO QUANTICO O METAFISICO, MA ANCHE MATEMATICO ...
--------------------------------
Comunque, non si senta in colpa, xche' il suo giudizio e' solo una proiezione del suo relativo pensiero, allora pensi positivo, almeno proietta luce e vive meglio ...
CON STIMA MDD

Anonimo ha detto...

ops

Anonimo ha detto...

Gino Andretta è Albertbac!

Anonimo ha detto...

Una cosa che non c'entra niente ma i rettiliani esistono o no?
Come si fa a collegarsi con gli altri piani interdimensionali?

Anonimo ha detto...

Anonimo ha detto...
Una cosa che non c'entra niente ma i rettiliani esistono o no?
Come si fa a collegarsi con gli altri piani interdimensionali?

Di solito prendono la circolare 33!

democrito ha detto...

Di solito prendono la circolare 33!

si ma di quale città? per me le città dei rettili sono, milano per via del biscione, torino perchè c'è la fiat, napoli per la camorra e il pizzo, palermo per la mafia,roma perchè c'è il papa e il governo.
per collegarsi besta scrivere al governo:
Palazzo Chigi
Piazza Colonna 370
00187 Roma - Italy
tel. (+39) 0667791

il presidente berlusconi è nato a milano, ma vive e lavora a roma. lui è il capo dei rettili e comanda sia la maggioranza che l'opposizione.
tremonti e maroni sono nati a sondrio e varese, sempre biscione sono.
gli altri sono quasi tutti siciliani....mafia batte camorra 6 a 0...olè.
un altro modo di collegarsi ai rettiliani è andare in banca, fare un grosso versamento e tornare dopo 2 giorni a prelevare quanto depositato, a quel punto si vedrebbe il direttore della banca tramutarsi in rettile.
un modo meno dispendioso può essere fare causa ad una grossa impresa, tipo fiat o sky, oppure ad un comune, allo stato, o, ancora più divertente, all'arma dei carabinieri. se ne vedrebbero delle belle.
puoi provare anche a raccontare le tue storie di ordinaria ingiustizia ai giornalisti, il collegamento è garantito.
ma poi, chissà perchè i poveri rettili sono così bersagliati? gli insetti sono peggio e a quanto pare saranno fa breve i nuovi padroni del pianeta...i rettili sono il passato, pensiamo positivo, guardiamo al futuro...

Anonimo ha detto...

Do nato Bi lancia

Eli ha detto...

Non so se i rettiliani esistano o no, non ne ho mai incontrato uno.
Ma potremmo invece occuparci del rettiliano che è in noi.
Infatti, la parte più antica del nostro cervello è detta "cervello rettiliano", ed è quella che presiede all'aggressività, alla violenza, alla reattività priva di ragionevolezza.
Lavorare su questa parte primitiva per andare oltre può far evolvere.
Se un individuo evolve, è l'Umanità intera che lo fa.
Come affermava Gandhi, "Cerchiamo di essere noi come il mondo che vorremmo".

MDD ha detto...

Sono daccordo con Eli, secondo me, e' quella la metafora ...

La parte rettille ancestrale, contenuta nella scatola cranica, riferita al l'evoluzione umana dell' uomo sapiens, e' l' unica realta' inconfutabile, e secondo il mio parere, discostandomi quindi da ICKE, deve essere interpretata in questo modo ...

Piu' che una fantasiosa storia su alieni o nativi terrestri mezzi umanoidi e mezzi dinosauri che avrebbero guidato il mondo fondendosi con l' uomo herectus, credo si tratti di metafore, che erroneamente ICKE antropomorfizza ...

Facendo lo stesso errore di coloro che critica da sempre!
Ma da persona intelligente quale e', utilizza questa storia come escamotage x rendersi meno vulnerabile e poter fare libri e convegni liberamente, LORO lo sanno e glielo consentono, pensando che la massa lo riterra' pazzo, mentre lui parlera' liberamente anche di signoraggio, terrorismo, banche e massoneria in maniera esplicita senza troppe beghe, nonostante sia anche stato censurato in passato ...

E poi dove sarebbero finiti questi rettiliani?
Sono travestiti da umani e sono tuttora presenti, oppure sono sottoterra???
Oppure ancora, sono tutti morti e non ci sono prove pubbliche dei loro scheletri o fossili ???
Nessuna traccia di armi, vestiti mezzi militari o altro che sia stato ritrovato, nessuno che trova tombe di rettiliani, fossili veri ???

Nell' iconografia religiosa ed animista, la figura rettile, pero' e' sempre ben descritta e tramandata, e possiamo vedere in certi musei od in certe citta', sculture, immagini che riportano dragoni, serpi e compagnia bella, in continuazione ...

Nella stessa mitologia sono presenti, anche nei loghi sacri e massonici, ma dovrebbero in realta' corrispondere ad archetipi ancestrali comuni a tutte le popolazioni antiche mondiali che noi abbiamo dentro come immagine del tutto riflesso e contenuto ...

MDD ha detto...

SECONDA PARTE:

Agli albori della civilta', ed in scala fino ai giorni nostri, l' inconscio individuale era piu espanso e l' IO appena accennato, l' uomo tendeva ad aggregarsi in forme primitive gruppali piu' simili quelle dei lupi, ed usando un inconscio collettivo x agire, tendeva piu' ad assomigliare comunque al comportamento di animali, questo almeno da principio, poi scatto' la scintilla della consapevolezza che inizio' a distinguere il piu' abile da il meno abile, quindi si venne a creare un leader e micro comunita' piu' o meno nomadi fino alle attuali civilta' moderne ...

Cosa sia stata questa scintilla non si sa ...
Magari l' assunzione di sostanze psicotrope, funghi allucinogeni, sporie spaziali, elettro-magnetismo alieno, luce, energia ... che nei millenni avrebbe collegato le sinapsi nel cervello, sviluppandolo, favorendo il 3° occhio, che in potenza giaceva recondito, e ancora favorendo la consapevolezza e la capacita' di astrazione, che poco alla volta, avrebbe condizionato le capacita' operative e di pensiero dei primi uomini ...

Oppure AVANZATISSIMA GENETICA da parte di forze aliene ???

Esistono MEDIUM seri e sciamani, che hanno il potere e la facolta', in stato di trance o di controllo energetico sessuale orgonico, di veder nella nostra immagine fisica, umanizzazioni di animali, mostri ancestrali ed anche rettili, contenute in forme di flash nel nostro profilo, come se fossero piani sovrapposti, ma differenti della stessa immagine, a strati, come se fosse una visualizzazione dei daemos dell' inconscio collettivo, magari nella regione dell' astrale inferiore ...
Essi, li vedono o li avvertono ...


Ma cio' non significa che ALLORA siano rettiliani travestiti da umani, ma semplicemente la nostra immagine all' interno di una dimensione archetipa collettiva popolata da mostri e basamenti ancestrali di proiezioni inconsce che i sensitivi veri sanno cogliere e sintonizzare, agiscono come radio e captano frequenze parallelle alla nostra, che sarebbero di nostra competenza individuale inconscia, ma che noi visualizzeremo solo nel sogno o nella fantasia, ricordo onirico di stati percettivi ...

LA METAFORA DEL FILM DI CARPENTER: ESSI VIVONO, OLTRE AD AVERE RISVOLTI POLITICI ED ORWELLIANI, NASCONDE ANCHE QUESTA METAFORA, SULLA CAPACITA' DI POCHI DI VEDERE DOVE IL MALE VIVE E SI PROPAGA, MENTRE LA MASSA DORME IPNOTIZZATA ED INCONSAPEVOLE, AVENDO UN IO, QUINDI UN D'IO, POCO SVILUPPATO O TARPATO, BLOCCATO, ASSUEFATTO DA, APPUNTO IL DIO PROIETTATO ED ANTROPOMORFIZZATO DAL SISTEMA COME DOGMA TOTEM DI CONTROLLO SPIRITUALE !!!

Quindi sono anche IN NOI, come parte del tutto fuso a livello quantico subatomico, sono anche i nostri pensieri ARCHETIPI ...

IN FONDO I RETTILIANI SIAMO TUTTI NOI QUANDO USIAMO LA NOSTRA META' OSCURA E SCEGLIAMO IL MALE E L' EGOISMO, IL CINISMO ED IL POTERE CONTRO IL PROSSIMO E QUINDI CONTRO DI NOI ...

LA SCELTA DI ABBRACCIARE LA ZONA OSCURA E' QUINDI PRIMITIVA ED ANIMALE, NELL' ACCEZIONE AGGRESSIVA DEL TERMINE, ED ANZI VERREBBE UTILIZZATA CONSAPEVOLMENTE E APPUNTO SCELTA, E NON SUBITA NATURALMENTE COME IN PASSATO ...

COMUNQUE, E' LA FUNZIONE DELLA VITA SULLA TERRA, QUELLA DI ABBRACCIARE LA SCELTA GIUSTA, UTILE CONDIZIONE, SINE EQUA NON, SI EVITEREBBE LA PERMANENZA NELLO STANDBAY PURGATIVO DEL KARMA RIPETUTO, QUINDI LA MANCATA EVOLUZIONE DELL' ANIMA, ATTRAVERSO 11 DIMENSIONI QUANTICHE FINO A TORNARE NELL' UNO, NEL CONCETTO DI DIO ...

QUINDI DI TORNARE CIRCOLARMENTE SOTTILE CONCETTO PERFETTO DELLE IDEE, AVENDO ATTRAVERSATO LE POSSIBILITA' QUANTICHE INCARNATE MATERIALI FINO ALLO ZERO QUANTICO (ZEN), CHE REGNA NEL NONTEMPO METAFISICO E CONTEMPLA IN POTENZA IL CONCETTO DIO E IL RIFLESSO D'IO ...

I rettiliani sono UNA parte di noi, antica e primitiva, ma necessaria x far vivere questo processo evolutivo fisico e spirituale anche nel bene oltreche' nel male ...
ANZICHENO' !!!

Anonimo ha detto...

@MDD,
per certi versi lei mi diverte.
Con mio dispiacere mi capacito che io e lei viviamo attualmente nella Torre di Babele, pur esprimendoci nello stesso idioma partiamo d'accezioni lemniche antitetiche.
Hitler non ha mai perseguito coloro che abbracciavano per fede l'ebraismo, ma solamente gli ebrei per nascita lineare materna, se lei è dell'avviso che non ci sia una specifica motivazione liberissimo di farlo, ne terrò nota.
Essere ebrei non è una fede ma una condizione, diversamente da ogni altra professione religiosa.
Giorgio Andretta

MBarbara ha detto...

MDD ha blaterato:

controllo energetico sessuale orgonico

Ma cavoli, ogni tanto rileggi le scempiaggini che scrivi? Questa mi ha fatto ridere per 23 minuti di seguito!

Sei tu, orgonico!

Hai anche espresso dei concetti condivisibili, aimè, nulla da eccepire, anzi. Ma che diamine è il controllo energetico sessuale orgonico???

MBarbara ha detto...

Giorgio Andretta ha scritto:

Essere ebrei non è una fede ma una condizione, diversamente da ogni altra professione religiosa.


Questo mi è stato confermato anche su altri piani, eppure non riesco a capirne il motivo. Popolo eletto in che senso?
Qualcuno ha risposta?

Eli ha detto...

MBarbara

se leggi un libro di Wilhelm Reich, allievo di Freud, lo scoprirai.

Eli ha detto...

MBarbara

scoprirai cos'è l'orgone, intendevo.

MBarbara ha detto...

@Eli

Non è quello il punto, io definisco "orgone" la forma pensiero. E' il controllo energetico sessuale orgonico che mi lascia perplessa. Coitus interruptus? Ritenzione del seme?
Farneticazione dietrologica?

Tra l'altro sono alle prese con un trattato intitolato "Mystique, sexualité et continence", ma non si accennna a nessun connessione chiaroveggenza-sessualità.
Ora è vero che in alcuni brani dei suoi testi, David Icke rivela che alcune donne percepirono i rettiliani durante gli amplessi, ma questo secondo me è da ascriversi all'abbattimento di barriere energetiche tramite l'amplesso, e ad una maggiore consapevolezza cosmica.

democrito ha detto...

chissà se i rettiliani hanno l'orgasmo?
dunque, secondo la teoria (?!?) di icke i capi massoni sono rettiliani e pure ebrei, secondo la religione ebraica essere ebreo è una condizione, non una fede, ergo gli ebrei sono rettili, pertanto è giustificata la non-fede nell'anima, perchè è noto che i rettili non hanno anima. però cristo era ebreo, quindi rettile, perciò i cristiani sono i seguaci di un rettile, ma credono all'anima perchè sono umani e ce la hanno.
oppure i rettiliani siamo tutti, a causa della parte ancestrale del cervello, in questo caso essere rettili è una condizione comune e l'ebraismo una fede, perchè siamo tutti nella stessa condizione e in più reich è un pirla, perchè lo sviluppo dell'orgasmo nel rettile è una minchiata e poi perchè era ebreo, quindi dichiaratamente rettile, pure lui.
propongo un meeting a base di LSD, sotto gli effetti del quale pare che si vedano rettili da tutte le parti e quindi, forti della visione sciamanica, possiamo iniziare a adorare qualche divinità egizia o, a scelta, fondare una nuova setta cristiano-apocalittica con tendenze al suiciio obbligatorio. anche una setta satanica andrebbe bene, ma il sacrificio umano non potrebbe che essere virtuale, vista la natura del sito e l'anonimato dei partecipanti, a meno che non ci sia un volontario che si voglia suicidare e poi mandare il video su you-tube.
icke è superato, gli ebrei pure, il futuro è negli insetti...

MBarbara ha detto...

Democrito ha scritto:

icke è superato, gli ebrei pure, il futuro è negli insetti...

In effetti non so se sia una leggenda metropolitana, ma lessi da qualche parte che in caso di guerra nucleare solo le blatte si sarebbero salvate.

Francamente l'equazione ebrei-rettiliani mi lascia perplessa. Bisognerebbe verificare se la struttura del DNA tramandata geneticamente nel ceppo ebraico consente una migliore predisposizione al contatto fra livelli differenti al cosiddetto DNA nascosto, ovvero presente solo a livello eterico, costituito da dodici eliche. Però mi rendo conto che queste appaiono come insulse farneticazioni, se non supportate da prove, e credo che allo stato attuale delle cose non sia semplice addurre prove-anche perché mi sembra davvero riduttiva l'equazione ebrei=rettiliani.

MDD ha detto...

ANDRETTA...

Hitler non ha mai perseguito coloro che abbracciavano per fede l'ebraismo, ma solamente gli ebrei per nascita lineare materna, se lei è dell'avviso che non ci sia una specifica motivazione liberissimo di farlo, ne terrò nota.
PIU' TANTA ALTRA GENTE COMUNQUE, ZINGARI,ROM,OMOSESSUALI,CRISTIANI ED ANCHE TANTI EBREI X FEDE ...
SENZA CONSIDERARE IL FATTO CHE SI SAREBBERO DOVUTI X COERENZA AMMAZZARE TRA LORO, ESSENDO HITLER E I VARI CAMERATI, ANCHE LORO ASHKENAZITI EBREI ...
SENZA CONSIDERARE L' ALTISSIMA PERCENTUALE DI OMOSESSUALI TRA LE LORO FILA ...
DOVEVANO CREARSI, PRENDERE COSCIENZA E DARSI FUOCO, ALMENO X COERENZA CONCETTUALE ...

HITLER ERA DI ORIGINE EBREA, BASTA VEDERE IL COGNOME, COME EBREISSIMO ERA ALFRED ROSENBERG,TEORICO E DIETROLOGO DEL NAZISMO, COME LO ERA IL SUO FINANZIATORE, NONNO BUSH E TANTI, TANTI ALTRI NELLA STANZA DEI BOTTONI DEL REICH, E NON SIGNIFICA NULLA SE UCCISERO ALTRETTANTI EBREI, XCHE' L' EBRAISMO, COME QUALSIASI ALTRA CONDIZIONE RELIGIOSA O SOCIALE, E' UN TRAMITE, UN MEZZO X COLORO CHE REGNANO DA SEMPRE ...

MA IN FONDO, LA GERMANIA, ERA SOLO UNA PICCOLA SUCCURSALE DEL SISTEMA CAPITALISTA AMERICANO, CHE AVEVA INIZIATO AD ESPANDERSI SERIAMENTE,E QUALE MIGLIOR SISTEMA DITTATORIALE ESOTERICO POTEVA RAPPRESENTARE IL NAZISMO, QUALE MIGLIOR PROGETTO MASSONICO POTEVA TORNARE UTILE X SPERIMENTARE DITTATURE DI STATO ...

I BURATTINI ASHKENAZITI NAZISTI, ERANO SOTTO I FILI DELLA LOGGIA DI LONDRA CHE, ATTRAVERSO GLI U.S.A. LI CREARONO AD HOC ...

UNA TAPPA IMPORTANTE, DOPO 2000 ANNI DI RELIGIONE TEMPORALE, UN NUOVO SISTEMA TOTALITARIO COME ESEMPIO DI CONTROLLO FINALE DELLA MASSA ...

Non esiste L' EBREO e noi, cosi' si descrive e si analizza la realta' in maniera frammentaria, come non esiste il cattolico e noi, esistono i culti che agiscono TUTTI da pattern di plagio utilizzati dagli illuminati, o come cazzo volete chiamarli ...

INFATTI, L' EBRAISMO NON E' SEMPRE VISSUTO, PRIMA ERA ALTRI CULTI, I QUALI HANNO USATO LE STESSE DINAMICHE X IL CONTROLLO DELLA MASSA ...
----------------------------------

Essere ebrei non è una fede ma una condizione, diversamente da ogni altra professione religiosa.
Giorgio Andretta

Non capisco dove vorrebbe arrivare ...
Quindi sarebbe una condizione di vantaggio?
Sono allora LORO i rettiliani?
E prima degli ebrei, chi faceva le loro veci ???

SEMMAI, ESISTONO I CULTI RELIGIOSI EMANATI DALLE SOCIETA' SEGRETE OCCULTE MILLENARIE, CHE ATTRAVERSO IL PLAGIO DELLA FEDE E L' IMPOSIZIONE DEL POTERE IN SENSO ANTI SPIRITUALISTA, HANNO ROVINATO IL MONDO, RELEGANDOLO AL RUOLO DI SCHIAVO ...

LE CONTRAPPOSIZIONI RELIGIOSE, servono proprio a questo, a dividere, a scindere il senso critico e l' indiviualita', a favore di qualcun altro ...

I CULTI SONO POTERE E MEZZO POLITICO DEI SISTEMI DELLA PIRAMIDE, SERVONO A STABILIRE RUOLI, CREANO RUOLI, E IL POTERE HA UNO SOLO SCOPO, MANTENERLO ...

DICIAMO X VARIE RAGIONI !!!

MDD ha detto...

controllo energetico sessuale orgonico
Ma cavoli, ogni tanto rileggi le scempiaggini che scrivi? Questa mi ha fatto ridere per 23 minuti di seguito!

Sei tu, orgonico!

----------------
TI MERITI 13 VERGATE X IL DISAPPUNTO ESPRESSO !!!
:-)

COMUNQUE,SAREBBE IL CONTROLLO DELL' ENERGIA ORGONICA SESSUALE, NON NEL SENSO DI RAPPORTO INTERROTTO, MA DEL CONTROLLO DA PARTE DEL SACERDOTE DELLA ENERGIA SESSUALE DELLA ADEPTA-VITTIMA, E QUINDI DEL SUO PLAGIO, E CIO' PUO' AVVENIRE SIA IN TERMINI FISICI CHE MENTALI ...

ED ANCHE, PUO' ESSERE SOLO UNA METAFORA X DESCRIVERE COME SI PROPAGA IL DOMINIO SULLE PERSONE ...
-------------------------------
DEMOCRITO ...

chissà se i rettiliani hanno l'orgasmo?

CERTO CHE HANNO L' ORGASMO, SE ESISTESSERO PROVEREBBERO UN LORO ORGASMO, CHE PUO' DIFFERIRE DAL NOSTRO, MA CHE HA LA STESSA VALENZA ...
L'ORGASMO E' ENERGIA, GIOIA, VITA, D'IO E' ORGASMO ...
EVOLUZIONE TRASMUTAZIONE!!!

ORG-AO: IMPETO, ENERGIA LUCE, DALLA STESSA RADICE DEL LATINO URGERE E CIOE' SPINGERE, PROPAGARSI E ANCORA PRIMA, NEL SANSCRITO VARG-YAMI CHE SIGNIFICA ANCHE VERGINE ...

INSOMMA, L' ORGASMO E' UN MEDIUM CHE PORTA VITA, ED INFATTI HA LA STESSA ETIMOLOGIA DEL TERMINE VERGINE, CHE APPUNTO RAPPRESENTA IL CONTRARIO DI CASTITA', MA BENSI FERTILITA', QUINDI TANTI E TANTI ORGASMI MONDIALI CHE CREANO VITA ...
MENTRE IL TERMINE CASTITA' HA UN ETIMO CHE DERIVA DAL SANSCRITO CAS-TI E CA-SA-TI, CHE SIGNIFICA ORDINARE E METTERE REGOLE, USATA IN TERMINI POSITIVI, IN TERMINI NEGATIVI PUNIZIONE, CASTIGO E HA IN COMUNE LA STESSA ETIMO DI CASTA ANCHE NELL' ACCEZIONE POLITICA E SOCIALE, DI CASTIGO E DI IN-CESTO ...
QUINDI LA CHIESA E LA RELIGIONE CI SVELA TUTTO, BASTA CAPIRE IL SIGNIFICATO DELLE PAROLE ...
E' GIA' TUTTO LI DAVANTI AI NOSTRI OCCHI !!!

PENSATE ALLA CHIESA COME E QUANTO ABBIA RIBALTATO I SIGNIFICATI ANTICHI DELLE PAROLE X LOSCHI FINI, POVERE DONNE E SOPRATTUTTO POVERI BIMBI ...

Anonimo ha detto...

@MBarbara,
a differenza di tutte le altre nazioni in quella ebraica è possibile la procrezione per partenogenesi, ciò risale all'antica Lemuria, ecco perchè si sotiene la verginità di Maria.
Giorgio Andretta

Anonimo ha detto...

Ritornado ai rettiliani come ha detto MDD si potrebbe trattare della nostra parte "negativa" che fa equilibrio con la nostra parte positiva e fa di noi una "dualità" (essendo imperfetti e incoscienti della nostra Coscienza e Consapevolezza Infinita )e da cui noi dobbiamo trascendere seguendo la nostra via più adatta a noi (P ES scegliendo diventando consapevoli rifiutando il "MALE MATERIALE" e scegliendo una strada spirituale) anche se la teoria (almeno ufficiale) di David Icke non ha tutti i torti sulla costruzione delle piramidi e su influenze sulle antiche civiltà dato anche il continuo rivolgimento a "Dei"e Sovrani con forme rettili da Serpente a Drago a Iguana ecc
.Una domanda a parte:nell'Antico Egitto come mai vi era una così forte venerazione dei gatti?oppure sulle 7 (numero fondamentale e perfetto es 7 giorni della settimana 7 pianeti 7 colori dell'arcobaleno 7 Re di Roma ecc) vite?

Salvatore

Anonimo ha detto...

@ Giorgio Andretta
"a differenza di tutte le altre nazioni in quella ebraica è possibile la procrezione per partenogenesi, ciò risale all'antica Lemuria"
scusi potrebbe spiegarsi meglio? Ci sono prove che testimoniano la riproduzione umana per partenogenesi?
ouv tmr

MBarbara ha detto...

Giorgio Andretta ha scritto:

la procrezione per partenogenesi

Conosco sommariamente il Talmud, che prescrive regole sessuali abbastanza precise per aiutare la procreazione. Francamente la riproduzione per partenogenesi mi lascia perplessa e un po' invidiosa, al momento. So che la discendenza è matrilineare, ma Lei è convinto che la pratica della partenogenesi sia ancora attuata, almeno a livello di élite?

Serpent of Fire ha detto...

Vedo che da qualche giorno siete riandati in fissa con questi rettiliani.

La mente è una stratificazione di cervelli che rispecchia l'evoluzione degli esseri biologici. Esiste una mente rettile, una mammifera ed una umana. Tali menti sono rappresentate ed accedute all'interno della mente come simboli. Questi simoboli possono variare a seconda della cultura e del periodo storico.

Ad esempio la figura allegorica di S.Giorgio mostra un cavaliere, un cavallo e un drago che rappresentano appunto la suddivisione evoluzionistica della mente.

La parte primordiale della mente si autorappresenta come un rettile perchè mantiene traccia della forma di quello stato di evoluzione. La parte emotiva si auto-rappresenta come un mammifero (cavallo, lupo, orso, leone , ecc) perchè anch'esso è riflesso di una certa fase evoluzionistica. Lo zodiaco è infatti una rappresentazione della mente mammifera e la sua frammentazione i segni astrali rispecchia proprio i 12 nervi cranici (quelli che non passano per la spina dorsale).

Esiste anche un'altra rappresentazione più antropomorfa costituita da Padre, Madre e Figlio. Le fantasie di stupro sulla madre (fase edipica) o sul figlio (fase anale) sono l'indicazione di una frammentazione di queste menti dovute ad un qualche trauma. Lo stupro della madre (o di una femmina che rappresenta la madre) è un desiderio di possesso della parte mentale su quella emotiva. Il desiderio di stupro del figlio è invece un desiderio di possesso della parte mentale su quella primordiale che comanda il pre-pensiero.

Definire un individuo rettiliano significa evidenziale il suo stato di frammentazione con il suo io primordiale. E' chiaro che tale stato di frammentazione favorisce poi fenomeni di possessione dovuti ad entità non evolute del piano astrale.

Riguardo all'ebraismo, non ritengo che essere ebreo costituisca una condizione di vita ma solo l'adesione ad un sistema di credenze e valori come qualsiasi altra religione. Deviare da questa interpretazione significa istaurare implicitamente un ideologia di suddivisione razziale con le derive sociopatiche e narcisistiche che ne possono derivare sia per gli ebrei che per i non ebrei.

Altra cosa riguarda il giudizio sui vari Madoff, Rothshild, Soros, Goldman Sach, ecc. che sono le punte dell'iceberg della lobby ebraica, che operano per instaurare un predominio sul globo e per far auto-realizzare le (menzognere) scritture della Torah.

Anonimo ha detto...

Essendo io sardo e oggi giornata della Sardegna vorrei sapere se esistono collegamenti "occulti" tra i movimenti indipendentisti sardi tipo IRS e Sardegna Natzione e frange di massoneria (deviata o meno) Illuminati oligarchia finanziaria ecc,così solo per curiosità anche perchè vi è sostegno unanime dei gruppi comunisti anarchici al nazionalismo sardo(nonostante la sinistra "radicale" sia sempre stata (almeno la parte anarco e comunista italiana )sempre antinazionalista militante)e poi un'altra cosa:nel mio paese la festa dei giovani è il 24 giugno festa di San Giovanni(nonchè della massoneria) e si dice che sia stato costruito da ebrei che come sapete erano molti in Sardegna
a tal riguardo vi posto un link di un testo di Emilio Lussu noto nazionalista sardo "antiitaliano"
http://catalepton.altervista.org/wp-content/uploads/2009/12/emilio_lussu_sardegna_ebrei_e-_razza_italiana_1938.pdf

Serpent of Fire ha detto...

In merito alla discendenza matriarcale confermo che "certe capacità" si trasmettono tramite DNA mitocondriale, ovvero quello contenuto nell'ovulo materno. Talvolta queste caratteristiche saltano una generazione come avviene per molte tare ereditarie. E tutto ciò non ha a che fare con l'ebraismo ma con tutta l'umanità o per essere più precisi per una sua parte.

Non è un caso che la Torah e poi successivamente il Vangelo facciano riferimento ai Figli di Dio e i Figli dell'Uomo.

Ritengo che questa metafora serva a differenziare coloro che hanno il "marchio di Caino" da chi ne esente. Secondo la mitologia di Steiner Caino fu il primo semi-dio e dalla sua progenie si farebbe discendere la stirpe di Tabulcain (parola di passo della massoneria) sino ad Hiram Abiff (figura mitologica da cui si fa derivare l'ordine dei liberi muratori).

Secondo Steiner Caino fu figlio di Lucifero ed Eva. E sempre casualmente il Vaticano ha appena chiamato il suo primo telescopio LUCIFER 1. (Sarà poi vero?)

http://www.raidersnewsnetwork.com/lucifer.htm

LUCIFER is an acronym for: Large Binocular Telescope Near-infrared Utility with Camera and Integral Field Unit for Extragalactic Research

Serpent of Fire ha detto...

Essendo io sardo e oggi giornata della Sardegna vorrei sapere se esistono collegamenti "occulti"

Che io sappia la Maddalena fu la base dei Templari e la banca sotto cui fu unificata l'Italia dai Savoia era appunto sarda. La sardegna è stata pure un bel crocevia con la Spagna. Alghero fu un bastione spagnolo e sono ancora presenti simboli rosacrociati. Del resto anche la stessa bandiera sarda riporta il simbolo dei rosacroce (croce rossa su sfondo bianco). Uno degli esponenti del Grande Oriente d'Italia, prima di Raffi, era di Cagliari.

Anonimo ha detto...

ti riferisci a Armando Corona che cacciò Gelli dal Goi ecambiò la struttura della massoneria facendola diventare una sorta di democrazia rappresentativa con votazioni elettoriali.La figlia di Corona Paola è stata nominata da Cappellaci assesore regionale agli affari della regione link:http://archiviostorico.corriere.it/2009/marzo/10/Sardegna_giunta_figlia_del_Gran_co_9_090310025.shtml


Per quanto riguarda la bandiera non sapevo fosse così rosacruciana si diceva(dice) che il simbolo dei 4 mori proveniva dalla Spagna e anche che era il simbolo della vittoria dei Sardi contro gli invasori berberi nordafricani o Mori.
Salvatore

Anonimo ha detto...

@ MBarbara
visto che riesci a percepire determinate entità, ti chiedo se hai mai riscontrato questo particolare: alcuni occultisti credono che gli spiriti non possono estendere il loro potere attraverso le acque, lo stesso dicasi per i druidi, secondo i quali chi era perseguitato da un essere fatato trovava salvezza se attraversava un corso o uno specchio d'acqua. Mera superstizione o c'è un fondo di verità?
ouv tmr

MBarbara ha detto...

ouv tmr ha detto:
Mera superstizione o c'è un fondo di verità?

Io uso per disciogliere le entità acqua e sale, ovvero le getto dentro. Per alcuni oggetti l'unica soluzione è gettarli nei fiumi o nel mare (bruciare un oggetto infestato potrebbe fare più danni che altro-ma dipende dalle situazioni). Quindi credo che un fondo di verità ci sia-anche più di un fondo. Però a livello energetico, se c'è un collegamento negativo, non è sufficiente un'immersione o una bella nuotata, per riuscire a liberarsene: in ogni caso gran parte di negatività di minor conto si dissolvono facilmente a contatto con l'acqua del mare.

Anonimo ha detto...

E sempre casualmente il Vaticano ha appena chiamato il suo primo telescopio LUCIFER 1. (Sarà poi vero?)

No, non è vero.

Gli impianti del Vaticano sono lì vicino ma non utilizzano quel telescopio:

"Lucifer is part of the Large Binocular Telescope, which happens to be right next to the Vatican Observatory on Mt. Graham in Tucson. That's right, the Vatican has an observatory in Arizona, manned by Jesuit astronomers. Now its next-door neighbor is named for the Devil. "

http://www.popsci.com/science/article/2010-04/devil-named-telescope-helps-astronomers-see-through-darkness

Anonimo ha detto...

Grazie MBarbara! :-)
ouv tmr

Serpent of Fire ha detto...

Io uso per disciogliere le entità acqua e sale, ovvero le getto dentro.

In realtà non sono gli oggetti che si utilizzano per ottenere un determinato effetto sul piano astrale quanto l'energia legata all'atto su tali oggetti che si traduce in un attivazione della della corteccia premotoria e motoria. Il rituale non si realizza tramite gli oggetti, che sono inessenziali, ma tramite le azioni mentali che rispettano analogie.

Anonimo ha detto...

@ SoF
gli oggetti non sono inessenziali ma ognuno di loro possiede 'pecularietà energetiche' che assieme all'energia di chi compie i rituali, vengono impegnate verso un fine. Sia per i druidi che per gli sciamani l'acqua era vista come ingresso per l'Altro Mondo, senza contare le numerose offerte che venivano lasciate nei pozzi, nei fiumi e nei laghi. L'elemento acqua è ricorrente anche in molte leggende.
ouv tmr

Serpent of Fire ha detto...

gli oggetti non sono inessenziali ma ognuno di loro possiede 'pecularietà energetiche'

Non diciamo fanfalucche new age/sciamaniche dei mei stivaletti. Allora non si è capito affatto che cosa è il D'IO immanente ed il D'IO trascendente. GLi oggetti subiscono l'azione. Invece D'IO è VERBO quindi è l'azione stessa.

MBarbara ha detto...

SoF ha detto:

GLi oggetti subiscono l'azione. Invece D'IO è VERBO quindi è l'azione stessa.


Beh, in questo caso potremmo valutare che l'acqua sia un escamotage fisico per rendere efficace il nostro pensiero. Da un punto di vista energetico se penso che un'azione sarà efficace, allora in effetti lo sarà. Se poi analizziamo l'acqua in quanto orgone, ovvero forma pensiero, di purezza a livello globale, allora l'effetto moltiplicatore del simbolo-archetipo ne accresce le potenzialità.

Anonimo ha detto...

fanfaluche si dice, non fanfalucche.

democrito ha detto...

MBarbara
+++++Francamente la riproduzione per partenogenesi mi lascia perplessa e un po' invidiosa, al momento+++++
ahi, ahi, ahi. un po invidiosa? bhe immagino che essere la madonna possa far piacere, ma guarda che è anche un'esistenza grama...partorire in una grotta, fuggire subito dopo per le persecuzioni, il marito che scappa con un altra (allora non esisteva chi l'ha visto), il figlio che muore in croce, insomma c'è poco da stare allegri. alla fine è stata assunta in cielo, ma non subito, bensì, come dogma della chiesa (secondo wikipedia), nel 1950. quante rogne...meglio la normalità.


****Riguardo all'ebraismo, non ritengo che essere ebreo costituisca una condizione di vita ma solo l'adesione ad un sistema di credenze e valori come qualsiasi altra religione. Deviare da questa interpretazione significa istaurare implicitamente un ideologia di suddivisione razziale con le derive sociopatiche e narcisistiche che ne possono derivare sia per gli ebrei che per i non ebrei.*****

mi spiace, caro sof, ma è un impostazione sbagliata. non conta quello che pensiamo io, tu, o qualcun altro, conta solo quello che pensano loro, altrimenti pecchi dello stesso peccato che imputi a loro, ovvero il dogmatismo. tu, come me e come loro, non sei il detentore della verità, puoi solo approcciarti ad un fenomeno nel modo più neutro possibile e contestualizzarlo in senso filosofico e storico, se vuoi capirne la logica ed i significati. tutto il resto è guerra di religione, io la penso in un modo, tu in un altro e ci combattiamo per stabilire chi ha ragione. lo stabilire la nostra verità è pure importante, ma in un secondo momento, tenendo conto della realtà oggettiva, scevra quindi della nostra idologia, del soggetto sotto esame.

cambiando argomento, chissà perchè i testi di walter bauer non sono tradotti in italiano. io non so il tedesco, quindi ne so qualcosa solo x riferimenti letti in altri testi, ma se ci fosse qualcuno che conosce la lingua, gli consiglierei vivamente di procurarseli e di leggerseli. sono letture estremamente esaustive e riconosciute dalla critica colta, sul cristianesimo delle origini, prima quindi del concilio di nicea, ed estremamente imbarazzanti per l'ortodossia sia cattolica che greco-ortodossa.

«Meno recenti ‹Vecchi   1 – 200 di 244   Nuovi› Più recenti»