lunedì 8 febbraio 2010

Il simbolo perduto di Dan Brown







Introduzione.

Questo romanzo di Dan Brown è un eccezionale thriller, che tiene col fiato sospeso per tutta la durata del romanzo.

Dal punto di vista narrativo quindi il libro è davvero notevole.

Quello che mi interessa è esaminarlo, invece, sotto l'aspetto - per così dire - massonico.



Ogni libro di Dan Brown, infatti, ha alcuni protagonisti ufficiali, che si muovono in una trama ufficiale, e altri non ufficiali, che rimangono sullo sfondo. Lo sfondo però è molto più importante della trama ufficiale, nel senso che il racconto è solo il pretesto per parlare di temi diversi, molto più scottanti.

Il Codice da Vinci, ad esempio, era incentrato sul Priorato di Sion e sull'Opus Dei, nonché sulla storia del Cristianesimo, che ne usciva con le ossa rotte. Il libro, a parte il racconto ufficiale, era cioè l'occasione per parlare del Cristianesimo, e di alcune mistificazioni e falsità che la Chiesa ha propinato all'umanità nel corso dei secoli.

Essendo un romanzo, l'autore si è permesso diverse licenze poetiche mischiando alcune ipotesi decisamente fantasiose con altre più realistiche e verosimili.

Quel che è certo è che Dan Brown, pur tra alcuni demeriti, ha l'innegabile merito di aver contribuito alla diffusione del tema delle società segrete.

Il libro successivo, Angeli e Demoni, trattava degli Illuminati, anche se lo faceva negando in sostanza la loro esistenza e buttando tutto in burletta con un finale pressoché demenziale.


Il libro e le critiche.

Questo libro tratta invece il problema della massoneria. Anzi, a dirla tutta, il libro è un elogio sperticato della massoneria con alcune punte di piaggeria talmente sfacciate da far venire i conati di vomito.

Si va da frasi (messe in bocca al protagonista) del tipo "non conosco persone più oneste e degne di rispetto dei massoni" ad un finale da brivido (nel senso che vengono i brividi per la demenzialità) in cui il protagonista prova "per la prima volta in tutta la sua vita un'emozione mai provata in modo così intenso: Speranza", nel senso che l'umanità ha grandi speranze grazie alla massoneria.

Insomma, secondo Dan Brown si profila un nuovo rinascimento per l'umanità proprio grazie alla massoneria.

Un capolavoro assoluto di comicità involontaria, poi, è una dichiarazione rilasciata in un'intervista a "Il Giornale": "Se durante le mie ricerche avessi trovato un solo documento che denunciasse che i massoni hanno commesso delle malefatte, l’avrei scritto a chiare lettere. Invece ho sempre trovato massoni aperti e tolleranti. Questo è un bene, in un mondo dove spesso ci si uccide perché si tiene troppo alla propria versione della verità. Nella Massoneria, invece, vi sono le persone più diverse, ma tutti si chiamano fratelli! Dopo Il simbolo perduto mi hanno fatto capire che le porte erano spalancate anche per me, ma sapete - e qui Dan fa l’occhiolino - mi hanno chiesto un giuramento sulla segretezza, e a me i segreti piace svelarli, mica conservarli".

Ovviamente, immancabile nel libro, l'elenco dei personaggi celebri della storia del mondo che sono appartenuti alla massoneria.

L'autore non dice, però, che se sono appartenuti alla massoneria gli uomini più famosi della storia, Einstein, Newton, ecc., è anche vero che appartenevano alla massoneria Riina, Bontate, Bagarella, Provenzano, i mandanti degli omicidi del cosiddetto "Mostro di Firenze" ecc... Cioè persone che di tolleranza e apertura dovevano averne ben poca.

Il libro non dice neanche che erano massoni anche Calvi e Sindona, ma sono stati uccisi dai loro stessi "fratelli".

E che erano massoni anche molti personaggi morti negli anni in modo "misterioso" quando erano coinvolti in vicende giudiziarie come Ustica, caso Moro, ecc...

Insomma... il libro sembra uno spot massonico oltre che un romanzo.

Non a caso è stato stroncato impietosamente dalla critica. In una recensione ho letto che il libro è "terribile ed è destinato ad essere inserito tra i peggiori libri che abbia mai letto".

Su The Guardian la recensione diceva che "l'autore più venduto al mondo, è quello che scrive peggio".


In controtendendenza rispetto alla critica ufficiale, voglio però spezzare ben più di una lancia a favore del libro di Dan Brown.

Probabilmente è vero che l'autore non merita tutto il successo che ha; si sa che al mondo il successo o meno non dipendono solo dalla qualità di ciò che si scrive, ma da ben altro, e i suoi libri sembrano un'immenso spot massonico, probabilmente sponsorizzati dalla massoneria stessa; ma è anche vero che dal punto di vista della trama i suoi romanzi sono senz'altro avvincenti.

Dal punto di vista storico ci sono diversi errori e qualche imprecisione, ma nel complesso il libro dice molte cose esatte e comunque, trattandosi di un romanzo, esso non ha l'obbligo di essere totalmente aderente alla realtà.

Uno dei problemi del potere massonico, è che esso è quasi sconosciuto. La maggior parte delle persone, cioè, ignora cosa sia la massoneria, e quelle poche cose che sa, sono spesso distorte; molti infatti hanno ancora un'idea distorta della massoneria, vedendola come un gruppo di nostalgici in cappuccio che si divertono a fare strani riti.

Il libro, invece, anche se puntando l'attenzione solo sugli aspetti positivi della massoneria, è idoneo a ingenerare una certa curiosità per il fenomeno massonico in sé. Il che comporterà inevitabilmente un numero sempre maggiore di persone che si avvicinerà al problema; e avvicinarsi al problema significa, prima o poi, capire la verità.

D'altronde io sono convinto che lo studio della cultura massonica sarà un beneficio per tutti.

La maggior parte degli studi che facciamo, siano essi storici, scientifici, economici, o anche solo letterari, sono completamente monchi se privi dei riferimenti massonici.

Studiare la storia senza capire l'influenza della massoneria sui principali eventi degli ultimi secoli significa studiare una sequenza di eventi apparentemente casuali e senza senso. Il libro di Dan Brown, in questo senso, è idoneo a ristabilire un certo equilibrio nella verità dei fatti.

Studiare l'arte senza capire il simbolismo ad essa sotteso, o i poeti del passato, a partire da Dante, senza conoscere la corrente esoterica in cui erano inseriti, equivale infatti a studiare spesso delle cose prive di apparente senso.

Per capire l'architettura è necessario capire il simbolismo massonico ad essa sotteso. Per fare un esempio banale, sono passato per 40 anni, a Viterbo, dalla porta chiamata "Porta Romana", senza sapere (e vedere) che essa è strutturata come l'entrata di un tempio della Golden Dawn, con le due colonne ai lati, e in alto la Rosa e la Croce (abbiamo infatti Santa Rosa che tiene in mano una croce).

Per fare un altro esempio, per capire Dante e le poesie della Vita nova, è necessario sapere chi erano quei "fedeli d'amore" di cui egli parla, altrimenti la maggior parte delle poesie sembrerà un coacervo di idiozie melense e senza senso; solo sapendo che i Fedeli d'Amore erano la setta di origine templare cui egli apparteneva, si può comprendere cosa significa che le sue poesie potranno essere capite solo da chi è "in pari grado fedele d'amore".

Ben vengano quindi i libri come quello di Dan Brown, che - pur con alcune imprecisioni e alcune esagerazioni - faranno appassionare al tema massonico molte persone che ignorano completamente cosa sia questa istituzione.

Un'istituzione la cui scoperta porta ad un curioso paradosso; se da una parte, una volta che si scopre la sua simbologia, non si può più ignorare il bagno di sangue che essa ha compiuto nei secoli e continua a compiere, non solo con le guerre, ma anche con delitti apparentemente banali come Erba, Cogne, ecc., dall'altra non si può ignorare il patrimonio di conoscenze che essa si porta dietro, che è idoneo ad illuminare di una luce nuova, ed affascinante, la storia, l'arte, e la scienza del passato e del presente.

E se il libro di Dan Brown contribuirà a destare curiosità per un fenomeno che, nel bene e nel male, ha fatto la storia di questi ultimi secoli dell'umanità, allora ben vengano libri del genere; un po' come i film de La Piovra che, pur demistificanti e anche falsi nel proporre una certa visione della mafia, contribuiscono però alla conoscenza di un fenomeno importantissimo della società attuale.

Perlomeno costituiscono un primo passo, il che, rispetto all'immobilismo della nostra cultura ufficiale, è comunque sempre una cosa positiva.

Per ristabilire un certo equilibrio, poi, sulla storia della massoneria e sui suoi veri scopi, dovreste leggere senz'altro il recente "Rivelazioni non autorizzate" di Marco Pizzuti, edizioni Punto d'incontro, di cui parlerò in un prossimo post.

45 commenti:

Anonimo ha detto...

sof ha ucciso il blog

Anonimo ha detto...

dan brown e' sicuramente uno di quei famosi "agenti" descritti nei protocolli dei savi di sion! il suo obbiettivo? screditare e distruggere il cristianesimo facendo vacillare la fede nella "divinita'" di cristo, comunque considerato come capostipite dei merovingi in quanto la regalita' del cristo proviene dall'essere discendente di davide.non trovo tutto cio' diabolico in quanto contro la chiesa che in fondo merita di essere colpita(se fosse vero del figlio di maddalena il voto di castita' sarebbe una barzelletta),ma nei confronti di cristo che viene svalutato al semplice ruolo d'uomo parificato al grado massonico di principe del libano del rito scozzese pari al 18,insomma una vera operazione dissolutoria da parte degli illuminati contro i gentili!sapete quanti cattolici hanno messo in discussione la loro fede dopo il codice da vinci? molti miei amici li ho visti cadere nel tranello ma non me la sono sentita di spiegargli che era un gioco massonico piu' che evidente,anche perche mi avrebbero chiesto,che cazzo e' la massoneria?tutt'al piu' arrivano ai moti carbonari!cristo per me non ha mai avuto figli queste cazzate di dan brown servono per fiaccare solo le resistenze ad un tipo di nuova religione new age melassa gnostica qui' in occidente!........drago

Barzo ha detto...

per la precisione, angeli e demoni è stato pubblicato prima del codice da vinci, anche se i film sono usciti in maniera opposta

MinT ' Ossico ha detto...

altra medaglia di legno....

Painburn ha detto...

"Perlomeno costituiscono un primo passo, il che, rispetto all'immobilismo della nostra cultura ufficiale, è comunque sempre una cosa positiva".

Non lo so...magari questo immobilismo delle persone nasce proprio dal fatto che ci sono troppi scrittori fuorvianti.Se Parli di un argomento vero in maniera non verosimile stai sempre dicendo il falso....E la gente questo falso lo assorbe completamente,e si tramuta in odio verso il "diverso",voglia di elezioni e di votare,fiducia solo nei massmedia "ufficiali e conosciuti".Rifiuto totale di teorie alternative a quelle enunciate dalla "massa".D'accordo al 100 per cento sul fatto che se un'artista è diventato famoso non è solo per il suo talento..Spesso gli artisti sono stati il veicolo per cambiare mode e costumi,spesso gli artisti inconsapevolmente hanno dato corpo al pensiero massonico,al suo modo di fare diffondendolo, rendendolo simpatico e a portata di tutti..specialmente a portata dei ragazzi...

giu42su ha detto...

nel tuo elenco di massoni "cattivi" ci sono solo italiani...

Conte Senza Palazzo ha detto...

Certamente Dan Brown deve molto alla massoneria: Ecco spiegata la sviolinata vergognosa verso questa organizzazione. Io ho letto il libro quando era appena uscito in inglese (me l'hanno regalato amici di Londra) e, a mio modesto avviso, non e' affatto avvincente ma incredibilmente noioso. Almeno se non si considerano avvincenti quei papponi hollywoodiani d'azione che ci propinano sia al cinema che alla tv. "Il simbolo perduto" e' scritto con il pappone d'azione in mente. Ma a me i film d'azione americani fanno venire sonno. Anzi, i film americani mi fanno venire sonno.

Anonimo ha detto...

@drago
...le resistenze ad un tipo di nuova religione new age melassa gnostica qui' in occidente!....

forse ti sei espresso troppo velocemente, creando un po' di confusione fra new age, che sta da una parte ed è creata per lo scopo che hai detto, e lo gnosticismo che appartiene a ben altro lignaggio e spessore facente parte della tradizione iniziatica, se poi per melassa gnostica intendi una degenerazione voluta da chi ha creato la new age allora condivido, per il resto sono daccordo con le tue considerazioni.

jj

Anonimo ha detto...

ciao, mi chiamo claudio ma non capisco: dan brown nei suoi libri elogia la massoneria ma i media (presumibilmente controllati o comunque abitati da massoni) secondo te lo denigrano? non vedo il nesso logico.

Anonimo ha detto...

paolo, per favore, smettiamo tutti quanti di scrivere e dire "nel senso che"...basta!!! ben 4 volte in questo articolo!!! :-)

TRIO CARBONE ha detto...

Barzo, ma chi sarebbe il tipo sfregiato nella tuo foto del nik?

Anonimo ha detto...

Quoto Conte senza palazzo. Le americanate mi fanno venire il latte alle ginocchia. Meglio leggere i deliri sui delitti della rosa rossa!
Eppoi la realtà supera sempre la fantasia! :D

DC

Paolo Franceschetti ha detto...

Ho corretto un "nel senso che" ma ne ho trovati solo due in tutto, non quattro.
Mi sa che sei un debunker eh anonimo delle 18.06? :-)

Inenascio Padidio ha detto...

A questo interessante post dell'Amico FB Paolo Franceschetti ho creato un link dal mio "DIARIo in Rete" Eascioblog. Da lì intendo fare un poderoso commento, dopo aver seguito i vari telegiornali e la interessante 2^ puntata su Rai/1: "La città dei matti", che mi ricorda il galantuomo Franco Basaglia, senza il quale non avrei potuto fare tutto quanto ho fatto, a partire dal 25/10/1993. Cordiali saluti

Verticale ha detto...

non ho letto il libro né mai lo leggerò (credo), ma sarei curioso di sapere come viene vissuto dal pubblico il pentacolo della copertina davanti alla casa bianca, di cui fin ora aveva parlato solo Icke, per quel che mi sembra.
Nel libro se ne parla?

...Già che ci siamo un piccolo OT, visto che c'è chi si chiede chi è lo sfregiato nell'immagine di Barzo: quanti di voi hanno notato la statua del dio egiziano con la faccia da rettile con cui s'è conclusa la 5° stagione di Lost, lasciandoci capire che tale statua era stata eretta da conosceva gli antichi segreti che governano l'isola (e l'umanità)?

Anonimo ha detto...

La domanda di claudio delle 17:48 mi è sembrata pertinente:
sig.Franceschetti perchè non ha risposto ?

Anonimo ha detto...

ritengo che il miglior libro di Ban Brown sia proprio 'angeli e demoni'. Fore meno fantastico di quello che sembra.

Anonimo ha detto...

Il libro di Bauval e Hankoch 'talismano' spiega molto bene come sono state costuite le città e probabilmente è anche più attendibile.
Non per nulla il sottotitolo è : le città sacre e la fede segreta.

Serpent of Fire ha detto...

Dan Brown è un grande mistificatore, esattamente come Giacobbo o gente della sua risma.

Il compito di queste persone non è informare, ma VACCINARE.

Come funziona un vaccino? Si prende un virus e lo si smembra. Poi lo si fornisce con opportuni eccipienti al soggetto da vaccinare in modo che sviluppi da solo gli anticorpi.

Ecco, questa gente fa esattamente la stessa cosa. Prende le tesi dei teorici del complotto, le sminuzza e le mischia sapientemente. Con la scusa della narrativa forniscono al pubblico frammenti di verità così depotenziata.

I media fanno poi la magia. Qualsiasi individuo che cerchi di parlare compiutamente di certe verità viene bollatto come visionario, un pazzoide che crede alla fanfalucche di Dan Brown oppure di Giacobbo.

In realtà questi individui sono funzionali all'esistenza del potere, ovvero della preservazione dell'influenza ipnotica in cui molti sono asserviti.

In questo secolo l'INTRATTENIMENTO FARA' RIMA CON INDOTTRINAMENTO.

Media 3D, neuromarketing, ipnocrazia, e psicosette saranno gli strumenti tramite i quali i poteri occulti del nuovo millennio controlleranno sempre più efficientemente ogni centimetro cubo del nostro cervello.

Prima di arrivare a questo livello di realtà mediata, occorrerà rendere poco credibili i possibili oppositori del sistema che hanno avuto la capacità di disconnettersi parzialmente o totalmente dal modo di pensare ipno-coatto.

Il modo più efficiente è la derisione, rendere risibile ogni teoria che possa mettere in luce i paradossi del potere. Non è necessario andare a confutare ogni tesi, è sufficiente creare un simbolo e poi avvicinarlo di volta in volta al personaggio da screditare.

Fino a qualche anno fa nessuno, a parte pochi ricercatori, aveva sentito parlare di Illuminati. Oggi se provi a parlarne ti guardano come un tizio che non distingue realtà dalla fantasia. Quindi chi parla di sette, massoneria, illuminati, simboli, complotti è uno psicotico con personalità paranoide mentre chi non ne parla è una persona mentalmente sana: ovvero come rivoltare la percezione del normale e dell'anormale attraverso i media.

Alla fine sarà lo stesso popolo che difenderà la sua illusione attraverso il meccanismo del DINIEGO, uno dei processi difensivi primitivi ben conosciuti dalla psichiatria moderna.

Tale processo è basato sul semplice concetto:

SE UN FATTO NON LO PERCEPISCO ESSO NON E' MAI AVVENUTO

Quindi la ridicolizzazione prodotta da Dan Brown ed affini serve a bloccare con un muro di ridicolo la percezione del pericolo rappresentato dai poteri occulti.

Anonimo ha detto...

jj, per melassa gnostica intendo l'insieme di conoscenze che il demiurgo massonico offre ai suoi adepti che a loro volta creano movimenti new age attraverso i loro neofiti. facile consumo per massimo profitto, con relative gabbie mentali........drago

Anonimo ha detto...

sof ha ucciso il blog

alessia ha detto...

"Rivelazioni non autorizzate" aspetta di essere letto da due mesi sul comodino, ma dopo che ne hai parlato nel post credo che sarà il prossimo libro che leggerò. Cmq credo che tra i consigli di lettura debbano rientrare assolutamente "l'archivio genchi" (dopo 900 pagine non ci si ricorda molto di quel che si è letto ma si comprendono molto bene le dinamiche del potere in un cosiddetto stato democratico) e "capire il potere" e "la fabbrica del consenso" di chomsky.

Anonimo ha detto...

per me Sof hai centrato nel segno, sono completamente daccordo con te
TD

Paolo Franceschetti ha detto...

Non ho risposto alla domanda perchè non so che rispondere.
Anche Berlusconi è massone, ma viene criticato da altri massoni come Bertinotti e Veltroni.

Anche il programma il grande fratello è stato creato da massoni, ma ciò non toglie che molti massoni lo definiscono demenziale.

Non capisco la domanda insomma.

Anonimo ha detto...

eh si, sono un debunker, io, anonimo delle 18:06! :-)

hai corretto un "nel senso che" ed ora, infatti, ne son rimasti tre. dunque erano quattro! (basta spingere ctrl + f per controllare :-p)

eh eh...noi debunker siamo svegli, fin troppo!


P.S. sto per fondare un partito anti "in che senso? nel senso che...". lo scrivo nel caso in cui non si fosse capito.

Anonimo ha detto...

'Fabbrica del consenso' appunto... milioni di copie, sfornate sotto quello che un tempo era il santo natale, per indulgere in riti con teschi umani, decantare leaders discutibilissimi (Pike) e screditare - ancora una volta - la religione ufficiale gettando nel calderone il mistero della massoneria.

Ho discusso sul forum di david icke questo libro l'estate scorsa e la mia testimonianza è questa: la pubblicità data al Southern Council del rito scozzese in USA è altissima.

Sono aumentate le gitarelle per visitare la sede ufficiale, sita nel centro di un pentacolo costruito ad hoc con le strade di Washington, District of Columbia.

Nota finale: Pike fu tra i fondatori del K.K.K. essendo presente alla prima assemblea di questo rito che altro non è che una rivisitazione moderna dei riti druidici.

oltrelacoltre ha detto...

Salve,sono nuovo sui commenti,ma è da molto che seguo sia il blog di Paolo che quello della Carlizzi,oltre ad altri siti di controinformazione.
Devo dire con franchezza che se si possiede una certa sensibilità,il miglior modo per utilizzare il proprio istinto,che tutti quanti possediamo,ma in molti casi è solo per così dire addormentato,è proprio regalre imput al proprio cervello,imput diversi chiaramente da quelli che ci propinano i media.
Sono d'accordo con serpent of fire,ha detto bene,Dan Brown è proprio un mistificatore,per chi sta al di fuori della massa è piuttosto chiara la cosa,anche perchè la pubblicizzazione dei suoi libri e la diffusione oltre che al cinema,ai videogames e a tutti i mezzi possibili immaginabili di divulgazione esistenti,(tanto che avevo un conato di vomito quando ne sentivo parlare)rende la cosa palese,quasi sputtanata,però,per il classico tipo da grande fratello per esempio è un libro o un film da non perdere;io parlo molto timidamente dei fatti trattati nei sitim di controinformazione,con pochi amici,quelli che hanno una visione del mondo un po' più aperta e disposta a valutare anche altre versioni dei fatti diverse da quelle propinate in tv,ma a volte faccio fatica anche con loro.
Fino a una decina di anni fa,non c'era molto su internet di massoneria,tutto si è divulgato in maniera massiccia quanto confusa,negli ultimi anni,eppure questi personaggi ci sono sempre stati e io stesso ho avuto a che fare con loro senza sapere che lo fossero,addirittura,mi sono trovato in una loggia,per caso,senza sapere che lo fosse,ho capito cos'era solo dieci anni dopo e solo perchè la mia curiosità mi ha spinto a capire il senso degli oggetti e degli arredi che ho trovato in quel posto e che all'inizio mi sembravano oggetti strani sì,ma che fossero appartenuti a dei buontemponi,che si divertivano insieme goliardicamente e solo dopo anni ho trovato una persona con il grado e l'onestà di fare chiarezza alle mie domande.

oltrelacoltre ha detto...

Aggiungo che la stessa persona che mi rivelò quel giorno quelle cose e mi fece chiarezza sugli scopi di queste diciamo"associazioni" oggi non ha più il grado di allora,diciamo che è salito parecchio su nella scala gerarchica della società, per così dire e se gli chiedo qualcosa in merito mi dice tutto il contrario di quello che mi diceva a quei tempi,anche se lascia trapelare un"oggi non posso dirti altro perchè non sono più come allora".Questo mi fa capire che oltre alla diffusione c'è stata anche una notevole espansione di queste realtà nella nostra società,tanto che le ritroviamo praticamente condite con quasi tutte le associazioni esistenti e che strutturano il nostro paese.
Quindi combatterle sarà difficile per persone che vengono derise solo per averle nominate ,ma scansarle e non entrare a farne parte,studiando il fenomeno solo dall'esterno,quello sì è possibilissimo.E come fanno loro che si tramandano conoscenze e verità,così possiamo far noi,affinchè la gente si renda davvero conto del rischio che sta correndo il nostro paese.

alessia ha detto...

@ anonimo delle 15.02
Scrivo quanto segue senza alcuna intenzione polemica.
Se travaglio è un gatekeeper, chomsky idem, vulpio scrive solo quello che gli è consentito, ecc. praticamente tutti i libri che si possono trovare nelle librerie sono scritti da gatekeepers? Ed allora la "verità" dove la si può trovare?
In "Capire il potere" Chomsky dice chiaramente che andare alla ricerca di organizzazioni segrete è sbagliato e lì ho capito anche io che forse voleva allontanare il lettore da questo argomento però sinora solo in quel libro ho letto, ad esempio, che gli USA avevano preparato dei piani per invadere l'Italia nel caso in cui non fossero riusciti a indirizzare le elezioni del dopoguerra nel modo desiderato. Sarà che io sono ancora ad un livello di conoscenza di quanto discusso sul blog elementare però credo che libri come quelli citati servano per comprendere il funzionamento del sistema, partendo nella loro lettura dal presupposto che a "Noi comuni mortali" non sarà mai consentito di sapere le cose come stanno nonostante tutto l'impegno che ci si possa voler mettere per appurarlo.

Maria ha detto...

Ho trovato molto interessanti i post di oltrecoltre.

Recentemente ho scoperto che la parrocchia che frequento da quando ero bimba è un tempio massonico.

Innanzi tutto è a pianta circolare.
E' chiamata chiesa del Santissimo Rosario.
Non appena si entra ci si trova davanti un enorme quadro do San Nicola in cima al quale si trova un triangolo di marmo con al centro un occhio. Alla base de quadro ci sono due teste di serpente.
Sulla destra un quadro di Gesù a braccia aperte e un grosso cuore rosso sul petto. A destra di Gesù Sant'Antonio con i sui gigli.
Sulla sinistra un quadro della Madonna del Rosario con le sue dodici stelle sul capo e con in ginocchio ai piedi della Vergine Santa Rita da Cascia con rose sparse sul pavimento.
C'è un'altra santa rapresentata che non ho idea di chi possa essere,ma nella raffigurazione è presente un tavolinetto tondo e bianco con sopra strani oggetti incrociati come squadra e compasso.

TRIO CARBONE ha detto...

Maria, piu' che chiesa massonica, e' una chiesa...
La simbologia e' la stessa, essendo originariamente una fede panteistica, e il triangolo finale e' un simbolo archetipo religioso!!!
La chiesa e' massoneria...

Anonimo ha detto...

mi sa che della massoneria non hai capito un nulla,se davvero sei dell'avviso che essa abbia recato all'umanità qualcosa di buono...è il fine ultimo del piano massonico che deve essere inteso,per giudicare compiutamente il fenomeno.La vena di positività promanante dalla massoneria è fittizia,poichè volta ad ingannare ed a confondere le poche menti elevate che si avvicinano all'oggeto,visualizzandolo da un osservatorio privilegiato,come la grandissima maggioranza dei medesimi affiliati,ignari essi stessi,sia pure assisi a livelli altissimi,della genuina natura dell'ordine.
Solo le cupole dei supremi maestri(sconosciuti) hanno ben chiaro il disegno...che non è comprensibile in una prospettiva laica,e,specialmente, avulsa dallo spirito del Cristianesimo autentico. Senza passare in rassegna le guerre, le catastrofi epocali,sanguinose rivoluzioni ed epopee storiche(es. bolscevica,francese) fomentate dai detti poteri,ritieni possibile che tutti gli innumerevoli delitti perpetrati,omicidi seriali,assassinii di grandi uomini come Giuseppe Cosco,Rino Gaetano, Pier Paolo Pasolini,Cecilia Gatto Trocchi ecc.,stragi tremende (tanto per parlare solo dell'Italia) siano il portato dell'opera di una corrente deviazionistica,degenerata,capace di sdoganarsi dal controllo capillare e dalle linee guida della organizzazione madre? A quale simbolismo,a quali rituali,a quale patrimonio occulto,è maggioritariamente ispirato il cerimoniale esoterico delle logge? Se ritieni che la massoneria abbia concorso proficuamente alla conquista delle libertà civili,del costituzionalismo e robetta simile,converrai con me che tali istanze,nel mondo,sembrano ormai prossime al crepuscolo.Forse perchè servite all'impulso del primo moto ,finalizzato all'autodeterminazione di qualcuno,che senza la consacrazione degli ideali libertari non avrebbe mai potuto emergere,e plasmare una nuova aristocrazia,occulta,e fondata su altri valori,primo fra tutti il censo.La stessa unione europea,istituzione internazionale profondamente pervasa dal dominio massonico,non è forse essa stessa orientata verso un graduale ed inesorabile,quanto subdolo sgretolamento dei principii democratici,colpiti a morte da un complesso istituzionale,dove primeggiano indisturbati organi connotati da impersonalità,in quanto illegittimati da qualsivoglia elementare mandato democratico rappresentativo.Il trattato di Lisbona(pugnalata inferta surrettiziamente alla sovranità popolare) è la funesta dimostrazione delle mie parole.In queste oscure assemblee,istituzionali e non(es.Bildemberg ) sono i massoni a signoreggiare.I profani non portano nemmeno i cocktails! La democrazia, i diritti civili ed umani,persino i fondamentali principi di civiltà giuridica(es. habeas corpus) vengono ferocemente ignorati,in un modo occidentale e non solo,dove gli ordini occulti di matrice massonica sono onnipresenti . Mi trovo sommariamente d'accordo con anonimo delle 14.11

oltrelacoltre ha detto...

Volevo dire qualcosa in proposito al post di Maria,e ad altri che hanno postato commenti,è possibile che la chiesa che tu frequenti sia un tempio o abbia riferimenti massonici,bisognerebbe vedere a fondo la questione,bisognerebbe conoscere bene il parroco e capire se nella tua zona c'è un'alta concentrazione di queste società,ti posso dire,che ho fatto uno studio approfondito sul mio paese,grazie anche alla complicità di alcuni amici che hanno accesso ad archivi storici a cui io non potrei avere possibilità di accedere,perchè non ne ho nè la qualifica,(ma anche senza archivi si può trovare molto materiale)nè le competenze,chiaramente non ho detto a loro che cercavo quegli indizi,soprattutto perchè non so se hanno connivenze di quel tipo e posso dire,che a volte non ha importanza se la chiesa è moderna o antica,(cioè se è stata costruita recentemente, se viene costruita da un architetto che fa capo a quell'ordine e sia il parroco sia chi commissiona il lavoro ha interessi di quel tipo),ha importanza il contesto e a volte,ci sono parroci conniventi anche senza che nella chiesa siano presenti simboli massonici.
Io ho scoperto da alcuni anni,che qua da me ce n'è una miriade di queste persone e di questi gruppi e li ho trovati cercando indizi in qua e in là su internet,grazie proprio alle notizie riportate su giornali locali e non.
La mia regione è la regione più nota in Italia per la presenza di queste associazioni e ho avuto conferma di queste mie ricerche su riscontri che ho fatto sull'archivio della voce delle voci che metteva pubblicamente su delle liste i nomi dei massoni.
Gente insospettabile,che ho sempre conosciuto e che mai avrei creduto facesse parte di questi gruppi.
Non so se conoscete questo mensile,non si trova in tutte le edicole,ma è molto interessante,perchè vi scrivono molti magistrati,come dire "con le spalle al muro" e riporta notizie vere.
Che la chiesa sia massoneria,beh,non credo si possa dire che la chiesa sia massoneria,diciamo che anche lì ci sono delle connivenze,come nel resto del nostro bel paese,è chiaro che nei secoli scorsi i massoni erano perseguitati dalla chiesa e si sono infiltrati in essa fino al midollo per sfuggire a quelle persecuzioni,il problema è ciò che è successo dopo,anzichè migliorarne il sistema l'hanno resa sterile e incompatibile con le esigenze della gente comune.
Da sempre c'è nel disegno di queste persone l'annientamento dei valori cristiani,che sono ben diversi dall'immagine della chiesa oggi.
I valori morali e civili,che siano di un laico o di un cristiano sono insiti dentro di noi e nonostante oggi mediante lavaggio del cervello che sia medico o virtuale vogliano inculcarci una società sterile sia dal punto di vista fisico che psicologico una persona che abbia un minimo di sensibilità riesce a percepirlo e a rigettare tutto ciò.
Per questo è necessario che le persone siano ben informate anche su questi aspetti,e l'animo delle donne è assai ben più sensibile al nostro,fu a suo tempo mia moglie che mi fece notare alcune cose che io non avevo mai notato,pur senza avere nozioni di nessun tipo.
Senza andare in vetta alla piramide,che ci perderemmo di sicuro,basta guardare in basso nel quotidiano per capire cose che vanno al di là di quello che vediamo.

oltrelacoltre ha detto...

Posso dire altro,nella nostra società bisogna guardare bene,non solo alle associazioni legate alla chiesa,perchè proprio dietro la chiesa ci si nasconde per fare efferratezze e dietro la carità,spesso anche quelle laica.
Con questo non voglio creare allarmismo,dico solo di guardarsi bene attorno,quante volte dietro isituzioni volte al bene delle persone si celano invece associazioni a scopo di lucro che oltre a causare del male alla gente si arricchiscono alle loro spalle?
Credete che dietro a tutte le onlus ci siano persone volenterose?L'erba cattiva cresce insieme a quella buona e spesso è difficile distinguerla,ci sono persone che fanno volontariato inconsapevoli e in buona fede,ma ci sono altrettante associazioni che lucrano e si arricchiscono anche con le offerte di quelle che lavorano con dignità umana.
Sta a noi riconoscerle e soprattutto non contribuire alla loro continuazione.
Si prenderebbe un discorso parecchio ampio,ci sono associazioni mediche che sostentano quel tipo di ordini e non hanno scopi affatto umanitari.Mentre ci sono persone che lottano per un umanità più giusta anche nella vita di tutti i giorni,ma sono quasi invisibili.
Io ne ho trovati alcuni e ho un po' rischiato andandoli a cercare,perchè appunto,non si conosce mai a fondo l'anima di una persona,da potersi confidare completamente.Sta alla vostra sensibilità,capire se queste persone sono di loro o sono persone sincere,di più non posso dire,anche perchè non saprei con quali altri mezzi potrei agire.Questi sono i mezzi che conosco e che ho sviluppato fino ad ora.

Anonimo ha detto...

@paolo:

sono claudio, di nuovo. provo a spiegarti meglio la domanda.
pare strano, in un mondo di media controllati dalla massoneria, che un autore come dan brown, che a quanto dici propone un ritratto idilliaco di tale associazione segreta, venga cazziato, non trovi?


se vuoi, il grande fratello o berlusconi, pur magari creati da certe massonerie, non rendono giustizia all'organizzazione per i valori culturali che propagandano, per cui mi spiego bene perchè vengano ridicolizzati.
come ti spieghi invece il fatto che dan brown, il quale con il suo lavoro prova a sfatare i "miti" della massoneria brutta e cattiva, dando addosso alla Chiesa, sia accolto dai media, massoni, con quei toni che tu descrivi?
non voglio far polemica, ti seguo spesso e il blog è molto interessante.

Anonimo ha detto...

sof ha ucciso il blog

Anonimo ha detto...

Lo dico da autore di fiction, letteratura, fumetto etc etc..
Chi scrive o crea, quasi sempre prende spunto dal mistero in generale. Io lo faccio regolarmente e nessuno mi tira i fili. lo faccio perché mi diverte.
Lo stesso vale per quelli che vedono messaggio "occulti" e subliminari nei disegni, nei cartoon, negli spot. I disegnatori e i creativi vanno matti per gli "inside joke".
Mi preoccupano molto di più i telegiornali, le trasmissioni tv che la fiction.
Credo che Dan Brown abbia scritto questo libro per interessi di più basso livello: forse per ingraziarsi la Massoneria, forse perché parlare male dei massoni, per uno che vende milioni di libri come lui, poteva essere un clamoroso autogoal, e forse per prendere le distanze dal complottismo più ignorante e becero (che, tengo a precisare, non è quello di Paolo che apprezzo e leggo volentieri :)
Un saluto

Paolo Franceschetti ha detto...

Claudio.
La massoneria non è un fronte compatto e granitico, altrimenti saremmo in una situazione addirittura peggiore di una dittatura. Persino mio nonno, che era un gerarca fascista, criticava alacune cose di Mussolini.

E un massone può ben dire che il libro di dan Brown fa schifo. :-)

O al limite può esserci un non massone che scrive per un giornale massonico. Ce ne sono tanti.

Anonimo ha detto...

Il migliore GATEKEEPER sulla piazza:

Mahmoud Ahmadineshad

Cambiò il nome prima di entrare ai più alti livelli del potere in Iran.

Questo Cripto- parla con un candore ineccepibile:

'Berlusconi servo di Israele'

'Obama servo di Israele'

Il Massone è in ultima analisi servo di Zion perché alla base dei principi visionari della massoneria abbiamo il mito del Tempio di Salomone.

Pace ed Amore.

MBarbara ha detto...

MUSEI: A PARIGI RIAPRE MUSEO MASSONERIA (ANSA) - PARIGI, 12 FEB - Il Grande Oriente di Francia ha riaperto a Parigi il museo della Massoneria, ingrandito e rinnovato, dove è esposto il ricco patrimonio culturale dell'ordine poco noto al grande pubblico, la cui curiosità in merito è stata indubbiamente risvegliata dal Codice Da Vinci di Dan Brown. Il museo, spiega Pierre Mollier, direttore del servizio biblioteca-archivio del Grande Oriente di Francia, ha lo scopo di spiegare a chi è attirato più dai misteri della massoneria che dai suoi valori di laicità e umanesimo, che cosa è realmente la massoneria, e spazzar via certi fantasmi. Presenta inoltre il contributo che da tre secoli le logge apportano alla storia della Francia nel campo della filosofia, della politica, ma anche in quello letterario, artistico, religioso. Con un criterio cronologico, sono esposti documenti e oggetti dal XVIIImo secolo ai nostri giorni tra cui una collezione di ceramica con decoro massonico del XVIII secolo, un manoscritto raro, edizione originale delle Costitutions di Anderson, primo testo che stabiliva dal 1723 le regole della Massoneria, gli abiti indossati dai massoni durante le riunioni, come il grembiule di Voltaire e quello di Jerome Bonaparte, la spada da venerabile di Lafayette. Creato nel 1889 con il nome di Museo del Grande Oriente di Francia, vittima di spoliazioni durante l'occupazione, riaperto nel 1973, il museo della Rue Cadet nel nono arrondissement ha progressivamente arricchito le sue collezioni e ha ricevuto l'imprimatur di Museo di Francia dal ministero della cultura. In Francia la massoneria, nata a Londra nel 1717, conta attualmente 140.000 membri e una trentina di obbedienze di cui il Grand Orient de France è la più antica.(ANSA).

Anonimo ha detto...

non so se è già stato segnalato, mi permetto di segnalare un altro film spot promozione della massoneria e dei sui ideali culturali "Il mistero dei Templari" 2004 http://it.wikipedia.org/wiki/Il_mistero_dei_Templari prodotto dalla Disney (!!!). In inglese http://disneydvd.disney.go.com/national-treasure.html

Anonimo ha detto...

sof ha ucciso il blog

Anonimo ha detto...

Il problema dell'ora presente. Antagonismo tra due civiltà

di mons. Enrico Delassus.
(12/4/1836-6/10/1921)

- Il problema dell'ora presente. Antagonismo tra due civiltà (I Parte - Guerra alla civiltà cristiana)
http://utenti.multimania.it/armeria/delass_Index_I.html

- Il problema dell'ora presente. Antagonismo tra due civiltà (II Parte - La rinnovazione e le sue condizioni)
http://utenti.multimania.it/armeria/delass_Index_II.html

M

Anonimo ha detto...

ATTENZIONE PAOLO ore 15.32 : la RR è sotto casa mia, sono quì per mio suocero e mia moglie!

E voi...Passate a ritirali immediatamente dal momento che è materiale avariato!.
M.A.F.

Anonimo ha detto...

Pensate cosa succederebbe se"tutti"comprendessero che"tutti quanti noi(di ogni popolo, etnia e religione)siamo parte integrante di un unico corpo chiamato umanità.Ci rispetteremmo veramente e non potremmo odiarci ne fare guerra!IL CORPO EUCARISTICO DI CRISTO è proprio TUTTA L'UMANITA'?!PENSO DI SI!Perciò penso cheNON POSSA ESSERE"MANGIATO"così come dice il sacerdote durante la messa!Cristo,infatti, NON HA MAI DETTO QUELLE ORRENDE PAROLE....bevete,questo è il mio sangue,etc.E' molto evidente che il messaggio e le parole di CRISTO sono state falsate,manipolate!IL cosidetto"mistero eucaristico" è UN INGANNO infernale,attraverso il quale i malvagi producono odio e guerra fra gli umani....realizzando quanto afferma il sacerdote durante la messa....bevete,mangiate,etc.Con la specifica che"è proprio il nostro sangue"e di tutti gli umani ad essere"sacrificato".Perciò GLI INNOCENTI CONTINUANO A MORIRE DA MILLENNI!? Smentite questa mia"tesi".L'umanità schiava dei malvagi è la prova che la mia tesi è giusta!Magari mi fossi sbagliato!