martedì 23 giugno 2009

La Rosa rossa e il problema delle prove.




1. Premessa ed un parallelo: la mafia. 2. Le prove del sistema massonico. 3. Le prove dell'esistenza della Rosa Rossa. 4. Conclusioni



1. Premessa ed un parallelo. La mafia.
Questo articolo si salda con il precedente “L’omicidio rituale e le difficoltà di accertamento”. Lo scrivo infatti per rispondere una volta per tutte a quelli che mi ripetono, un giorno si e l’altro pure, che non ci sono prove dell’esistenza della Rosa Rossa. E che non ci sono prove del collegamento con tale ordine, nei tanti omicidi che insanguinano l’Italia. In questo modo ogni volta che qualcuno tirerà fuori il problema delle prove rimanderò a questo articolo.

Iniziamo da un parallelo. La mafia.

alcune foto




Bandiera del Nicaragua











Da Repubblica. Titolo: Una rosa rossa per Giovanna Reggiani.






tg1 20:00 • notizia n.3 • 01:54 Una rosa rossa per Giovanna Reggiani


Il marito della donna brutalmente uccisa a Roma da un rumeno, Giovanni Gumiero, ha omaggiato per l'ultima volta la moglie, deponendo sulla sua bara una rosa rossa; Gumiero ha affermato che chiede soltanto giustizia e non vendetta. La Chiesa di Cristo Re oggi era gremita, per un funerale celebrato secondo il rito ecumenico, per rispettare la fede valdese della vittima e quella cattolica del marito. Alle esequie ha partecipato un migliaio di persone, fra le quali esponenti politici e delle forze armate. interventi in voce: Benvenuti Patrizio Maria - Chiesa cattolica Paola Rossam - Soggetti della cronaca





Da Repubblica. Titolo: Una rosa rossa per Meredith


Pagina 13 de "Il giornale", sulla vicenda Tyssen Krupp

Stemma della nazionale di Rugby inglese













lunedì 22 giugno 2009

LA STRANA MORTE DI ATTILIO MANCA







Dal sito: www.19luglio1992.com


Il giornalista del Sole24Ore Roberto Galullo ha dedicato quattro puntate (16-19 giugno 2009) della trasmissione radiofonica "



Un abuso al giorno toglie il codice d´intorno
" al caso della strana morte del giovane urologo Attilio Manca:


Attilio Manca venne trovato morto in circostanze misteriose la mattina del 12 febbraio 2004 nel suo appartamento di Viterbo. La sua morte fu causata dall´assunzione di un cocktail di farmaci, eroina ed alcool.

mercoledì 17 giugno 2009

Il controllo sociale




Di Solange Manfredi



Lo strumento più forte e prezioso che ha il popolo per contrastare l'arroganza del potere è il controllo sociale. Uno strumento straordinario ed efficace che, sin dalla nascita dei primi agglomerati umani, è stato usato per salvaguardare la sopravvivenza del gruppo. Una sorta di autoregolamentazione che nessun altro mezzo può sostituire con così tanta efficacia. Si possono emanare migliaia di leggi, assumere migliaia di poliziotti, ma ciò non potrà mai sostituire questo semplice e straordinario strumento di autoconservazione.

mercoledì 3 giugno 2009

DIRITTO ALLA VERITA' DI PAOLA PITAGORA






Gentile Sig.ra Paola Pitagora,

pubblico nel blog in cui scrivo quanto da Lei pubblicato in data 01 maggio 2009 (http://paolapitagora.blogspot.com/).

Prima però, affinché i lettori possano comprendere, faccio un piccolo riassunto.

E’ il febbraio del 2005 quando a Managua il latitante Manlio Grillo, condannato in via definitiva per il “Rogo Primavalle”, mi chiede di aiutarlo a scrivere un libro.

La strage, ricordata come Rogo Primavalle, ed avvenuta il 16 aprile 1973 fu attuata da alcuni esponenti di Potere Operaio.

Riapre il forum "Poteri occulti"





Riapriamo il forum poteri occulti.




Per salvaguardare il buon andamento del forum questa volta opereremo una censura più rigorosa, cancellando tutti i messaggi inutilmente offensivi.

Il nuovo indirizzo è questo: http://poteriocculti.mastertopforum.biz/

martedì 2 giugno 2009

Serial Killer e sistema in cui viviamo (due mail pervenutemi di recente)




Pubblico due mail pervenutemi di recente. La prima è di un lettore anonimo, ma la mail mi pare molto interessante.

La seconda è una mail di Sigismondo Panvini, in risposta al mio articolo "il sistema in cui viviamo".
Le due mail solo apparentemente trattano argomenti diversi. In realtà, a pensarci bene, l'argomento è lo stesso, ma trattato da due punti di vista diversi.



Lettera aperta a Gabriella (in risposta alla sua)


Cara Gabriella

Ho dovuto riflettere un po’ prima di darti una risposta e anche io, come hai fatto tu, ripercorrerò alcune tappe del nostro rapporto.
Inizialmente avevo pensato di spedirtela senza pubblicarla, ma poi ci ho ripensato affinchè sia chiaro a tutti quelli che leggono e che sono incuriositi dalla nostra disputa, il motivo per cui, dopo che ho dovuto chiudere un forum per colpa tua, e dopo esserci scambiati accuse gravi da ambo le parti, siamo tornati a scrivere insieme.