martedì 2 giugno 2009

Serial Killer e sistema in cui viviamo (due mail pervenutemi di recente)




Pubblico due mail pervenutemi di recente. La prima è di un lettore anonimo, ma la mail mi pare molto interessante.

La seconda è una mail di Sigismondo Panvini, in risposta al mio articolo "il sistema in cui viviamo".
Le due mail solo apparentemente trattano argomenti diversi. In realtà, a pensarci bene, l'argomento è lo stesso, ma trattato da due punti di vista diversi.




Sigismondo Panvini è autore del libro "Geometria del male" che abbiamo recensito su questo blog.
http://paolofranceschetti.blogspot.com/2008/12/geometria-del-male-di-sigismondo.html

Prima mail. La Rosa Rossa e i serial Killer

Franceschetti buongiorno

Lei si è inoltrato su una strada molto pericolosa sa? Ha iniziato a dire che la Rosa Rossa controlla sostanzialmente tutte le istituzioni europee… e ha intravisto dietro a tutti i delitti di rilievo mediatico la mano della Rosa Rossa.
Ma forse non ha ancora capito tutto sa? E le spiego in anticipo cosa potrà capire in futuro, se il destino gliene concederà il tempo.
Non solo tutti i delitti di rilevo mediatico come Cogne, Erba Garlasco, Serena Mollicone, sono della Rosa Rossa. Ma anche molti delitti che non compariranno mai nelle cronache.
Lei ha fatto un’osservazione giusta, ma non l’ha adeguatamente sviluppata. Ha parlato di Michele Profeta e Donato Bilancia, due serial killer italiani, e li ha collegati alla Rosa Rossa. Anche molti altri serial killer erano in mano alla Rosa Rossa. Fantasia? Pensa che sto esagerando?
Controlli le affinità che hanno i delitti del serial Killer Zodiac con altri delitti seriali di altre nazioni.
E faccia una verifica storica. Nelle società in cui la massoneria non esiste, sono completamente assenti, o comunque rarissimi, i cosiddetti “omicidi in famiglia” e i cosiddetti omicidi seriali.

Talvolta sono omicidi "indotti" anche quelli apparentemente casuali, come l'uccisione di Gabriele Sandri. Controlli la data; poi faccia caso al nome dell'uccisore (Spaccarotella. Macabro senso dell'umorismo rosacrociano), guardi le dichiarazioni che ha fatto l'agente dopo lo sparo; faccia caso alla dinamica del delitto, al luogo dove è avvenuto, al tipo di pistola, finanche al nome paese in cui lui operava e ad altri particolari. E vedrà che la Rosa Rossa non colpisce solo nei casi che lei ha individuato. Ma anche in altri ambiti.

Le motivazioni di queste vere e proprie stragi, indotte dalle frange esoteriche della massonerie dominante non sono solo quelle da lei individuate in precedenti articoli. Non sono solo cioè finalità di veicolazione messaggistica, come pare che voglia affermare anche Gabriella Pasquali Carlizzi nei suoi scritti.
Il fine della veicolazione del messaggio c’è. C'è spesso, o quasi sempre.
Ma c’è poi un secondo fine: quello di abbassare le difese energetiche della popolazione e abbassarne la qualità e quantità vibrazionale.
Quando i telegiornali fanno vedere determinate immagini, il livello vibrazionale delle singole persone si abbassa; se poi alla fine del Tg vengono veicolati messaggi superfiali e banali, ne risulta un parziale, piccolo, impercettibile stato di confusione mentale, che si somma a tutti gli altri bombardamenti energetici negativi che riceviamo durante il giorno: cattiva alimentazione, inquinamento atmosferico e acustico, musica assordante in ogni locale, videogiochi, PC (che hanno un effetto allucinogeno), cellulari. Il risultato è una popolazione inerte, inebetita, incapace di riflettere, che si trova a disagio se per avventura rimane qualche giorno nel silenzio, senza TV e senza musica.
Lo sanno bene gli adepti della rosa Rossa, che infatti vengono educati ed istruiti al… silenzio.


Ricorda Pasolini, quello che diceva della televisione? Niente di più feroce della banalissima televisione. E Pasolini, ahimè, era uno che il sistema l’aveva compreso, ma quelli erano tempi in cui chi capiva il sistema era condannato alla pazzia, perché non poteva parlarne con nessuno.
In realtà, non solo i delitti seriali, ma anche le guerre sono necessarie a fini esoterici e energetici.

Sa quale quale è il posto più violento del mondo, quello in cui da anni c’è una guerra continua ed ininterrotta che non si interromperà per molto altro tempo? No? Gerusalemme. Il posto più sacro del pianeta, quello che è la patria di ben tre religioni, è anche al tempo stesso il luogo dove si combatte in modo terribile da un numero di anni troppo elevato per essere un caso.
.
Oggi, noto con piacere, ne potete parlare. C’è il suo blog, il sito della Carlizzi, i siti dedicati ad Icke, Disinformazione, Comedonchisciotte, e tanti altri.
Siamo ad un punto cruciale dell’informazione avvocato Franceschetti. Ai tempi dei delitti di Jack lo squartatore, che lei giustamente (e per primo) ha attribuito alla Rosa Rossa, gli inquirenti si potevano trincerare dietro alla difficoltà delle indagini.
Oggi invece abbiamo mezzo così sofisticati di investigazione e analisi scientifica, che sarà difficile che la verità venga occultata a lungo. Sarà sempre più difficile per gli inquirenti sostenere che non sono riusciti a trovare nessuna prova valida, oggi che qualunque movimento di ogni cittadino è controllabile in tempo reale e che le indagini riescono a raggiungere risultati impensabili fino a qualche decennio fa. Quindi i delitti seriali sono destinati a diminuire perché non sarebbe credibile che gli inquirenti non abbiano modo di individuare un serial Killer in pochi giorni.

In compenso aumenteranno molto i delitti in famiglia, gli assassini tra fidanzati.
E vedrà… fior di psicologi (ove la parola fior non è un caso) interverranno nei dibattiti e attribuiranno le cause di ciò alla società malata, allo stress della vita moderna. Veda bene i nomi di quegli psichiatri e di quegli psicologi, osservi il loro modo di parlare e le cose che diranno, e vedrà che la sua lista personale di aderenti alla Rosa Rossa aumenterà con precisione estrema.
Questa mia lettera potrebbe sembrarle allarmista. La verità che lei sta scoprendo è troppo terribile per essere sopportata da un essere umano medio. E quella che scoprirà in futuro sarà ancora peggio. Ma deve abituarsi a vedere le cose in modo positivo.
Perché vede, se tutto questo male nel mondo fosse stato il frutto del caso, allora il mondo era senza speranza. Ma se invece c’è una regia unica dietro agli eventi peggiori, allora c’è anche la soluzione.
E la Rosa rossa non è certo il livello supremo.
Sopra di Lei c’è dell’altro.
Ma questo, glielo dirò nella mia prossima mail.
Ho seguito il dibattito con la signora Carlizzi, e la controversia che che vi ha diviso. Fa bene a perdonare. Solo l’amore è la soluzione.
.
La mia, come avrà capito, è una mail di speranza, e non è volta a peggirare il già triste quadro che lei ha fatto.

E’ sulla strada giusta. Sia fatta la volontà di Dio.
Marcus

Seconda mail. Da Sigismondo Panvini

Caro Paolo,
ho letto il Suo pezzo pubblicato sul blog il 6 Maggio u.s dal titolo " complottismo e sistema in cui viviamo", e mi trovo in parte d'accordo ed in parte in disaccordo con Lei . Desidero pertanto precisare, (spero che non mi rimproveri) il mio punto di vista (anche se non richiesto).
E' vero che ci troviamo immersi in un sistema nel quale ogni azione umana è avviluppata in una specie di ragnatela che fa sembrare che i processi sociali siano meccanici e non esista una regia generale che guida la costruzione di una architettura umana, ma a mio parere ciò non è vero.
Lei sostiene che "In realtà il sistema massonico in cui viviamo non implica alcun complotto. Non esiste cioè un gruppo di persone che cospira; e queste persone non sono in qualche modo “superiori” nei privilegi che hanno, rispetto a quelle che non complottano. Poi ribadisce che "Esiste invece un “sistema” che ci accompagna dalla culla tomba, e a cui sono tutti assoggettati. Esso non è stato instaurato da poco ma è il risultato di un processo storico che venne avviato secoli fa, progressivamente e lentamente.

Quello che Lei sostiene è indubbiamente vero , tuttavia il sistema per realizzarsi e dispiegare le sue energie ha comportato a mio modesto giudizio l'esistenza "ab initio"di un progetto generale che ha attraversato i tempi .
Tale progetto ha dato avvio al perverso sistema che una volta messo in moto ha continuato a svilupparsi con effetti multipli di rotolamento.
Quello che è accaduto non è stato casuale ma precisamente architettato e voluto da chi era a conoscenza delle reazioni a catena che il processo sociale (distorto dall'origine) avrebbe innescato in tempi assolutamente determinabili in modo matematico, e non importa affatto se esista o meno oggi un gruppo di persone che complottino o continuino a cospirare contro l'umanità (non è questo il punto).
Sono certo che tali soggetti esistono e sono parte di tale nefando progetto che li porta a recitare strani ruoli immedesimandosi nelle parti che sono state loro assegnate che eseguono con scrupolo e diligenza anche se il più delle volte inconsapevoli degli effetti procurati.
Lei giustamente asserisce che "la maggior parte delle persone, anche quelle che fanno parte dell’elite al potere, sono inconsapevoli della reale portata del sistema, e del loro ruolo all’interno di esso. E ne sono schiavi non meno delle persone che ad esso sono sottoposte"

Ciò è vero ma a mio parere Le sfugge il nocciolo della questione.

"Per capire la differenza tra il concetto di complotto e quello di “sistema” è utile un parallelo con le varie mafie".Non esiste un complotto di Cosa Nostra per dominare la Sicilia, come non esiste un complotto della camorra per dominare la Campania. Lei sostiene che "Esiste invece un “sistema” che si è instaurato nei secoli, e in cui ogni persona viene inserita con un suo ruolo ben preciso. Non a caso la camorra, viene chiamata dagli stessi camorristi “il sistema”, distinguendosi il sistema di Secondigliano, il sistema di Casal principe, ecc…

Sono d'accordo con Lei " che questo “sistema” non è affatto occulto. E’ palese, sotto gli occhi di tutti, ma ci siamo abituati fin dalla nascita, e dunque lo sentiamo come normale" e che "Se non lo vediamo è quindi unicamente in virtù di quella regola per cui il modo migliore di nascondere una cosa è metterla davanti agli occhi di tutti", tuttavia devo fermamente dissentire quando ritiene che la "Mafia" non sia parte dell'articolazione del progetto originario che lo ha generato .
I Lo Piccolo,Riina o Provenzano, per non parlare del clan dei Casalesi ed altri non sono la Mafia ,la Camorra e non sono neppure Mafiosi, sono stupidi delinquenti che hanno scelto la violenza e la sopraffazione come metodo di ascesa sociale e di affermazione individuali. Le loro menti sono state plasmate da sottili potenze che penetrando in profondità ne ha orientato i comportamenti e le idee,
Le azioni criminose che sono derivate dai loro atteggiamenti e dal loro ruolo è stato ispirato da modelli comportamentali che sono servite a dirigere la società su binari precostruiti per farla ad un certo punto deragliare
Infine Lei sostiene concludendo ,"allo stesso modo, se è vero che la massoneria è la potenza che ha modellato la storia di questi ultimi secoli in Europa e negli USA, e che pertanto " allora non abbiamo alcun complotto ".

La prego di riflettere molto bene su queste Sue asserzioni. Esiste uno scopo ed un obbiettivo verso cui le azioni degli uomini sono state orientate ed esistono meccanismi di produzione e modificazione delle idee, attraverso eventi, etc che hanno influenza nella sfera sociale degli individui.



Cordialmente
S. Panvini

64 commenti:

Anonimo ha detto...

ho letto adesso adesso l'articolo scritto recentemente, fin troppo recentemente direi, sulla rosa rossa.
mi da proprio l'impressione che sia stato scritto per cercare una riconciliazione....scritto malissimo, con palesi contraddizioni,di fretta,con certe informazioni(vedi nesso golden down) che non erano mai saltate fuori dall'autrice prima che paolo non le citasse sul suo blog.....STRANO STRANO STRANISSIMO

Fabio Piselli ha detto...

Paolo,

interessanti entrambe

come ti ho detto recentemente durante il nostro colloquio telefonico, è sostanzialmente facile trasformare una persona normale in un assassino, è molto più difficile per le personi normali elaborare un assassinio

il controllo delle dinamiche e dei meccanismi psicologici è lo strumento con il quale gestire la veicolazione della verità, storica, giudiziaria e sociale di un evento tragico, come uno o più omicidi

la classificazione delle presunte e reali organizzazioni che hanno fatto di questo lo strumento del proprio potere è per me poco interessante rispetto alla difesa di una scelta opposta e contraria che possiamo compiere

la differenza consiste che mentre "loro" hanno un veicolo comunicativo e di condizionamento enorme, "noi" dobbiamo prima subire la percezione di quanto veicolato, quindi elaborarla, poi sviluppare e difendere una azione opposta e contraria

gli omicidi in famiglia nascono spesso dalla intolleranza alla frustrazione, la quale è rinforzata col renderci intolleranti e deboli tramite l'eterodirezione delle nostre emozioni attraverso modelli televisivi che, oggi più che mai, sono diventati degli agenti educativi delle masse e non più dei mezzi di svago

non so se vi è disegno dietro ogni evento tragico, ma so che vi è una gestione degli eventi tragici,i quali si trasformano in strumenti di mediazione della nostra percezione fra l'evento reale, a cui rispondere con emozioni reali, e l'evento televisivo, dal quale subiamo il condizionamento delle nostre emozioni

come sai lavoro coi giovani, parlo con gli adolescenti, i quali, oggi più che mai, hanno una scarsa percezione del "senso" della violenza rispetto allo strumento della violenza, nascente dalla loro frustrazione, che genere e genererà intolleranza

rendere le masse deboli significa gestirne le emozioni, quindi la libertà, perchè la libertà stessa è una emozione

togliere il senso della emozioni della libertà è ridurre la ricerca della libertà contro ogni forma di regime

negli anni sessanta fu sviluppato un piano di "chaos" attraverso la droga, oggi lo subiamo con la TV e soprattutto con i format in essa immessi dalle poche società di produzione, le stesse presenti in tutto il mondo

non parlerei tanto di controllo della mente tramite la sublimazione, la sofronizzazione, perchè è sufficiente il controllo del livello della percezione delle emozioni per controllare la vita di un uomo....

F

ghost ha detto...

E' possibile saperne di piu' dall'anonimo della prima lettera?Magari invitandolo a discutere di cio' che sa sul blog.

Paolo Franceschetti ha detto...

Anonimo delle 18,03

ti sbagli.

La Carlizzi sul suo libro "gli affari riservati del mostro di firenze" aveva già parlato del nesso tra Rosa rossa e Golden Dawn.
Su questo garantisco io.

Paolo Franceschetti ha detto...

Ghost... vedremo le informazioni che ci darà in futuro l'anonimo. Finora, posso dire che tutti quelli che mi hanno fornito informazioni dopo poco si sono rivelati delle bufale colossali.

Ti ricordi di quel RosaR, sul forum, alias Mario Sammarco che diceva di essere il numero 1 in Italia della Golden Dawn?

Vedremo.

Stefania Nicoletti ha detto...

Anonimo delle 18:03.

Per la verità, Gabriella Carlizzi parlò per la prima volta del nesso tra la Rosa Rossa e la Golden Dawn 7 anni fa, nel 2002, nel suo libro "Gli Affari riservati del Mostro di Firenze".

Stefania Nicoletti ha detto...

Ok, aveva già risposto Paolo :-)

Anonimo ha detto...

sintetizzando le forze POTERE E CONTROLLO contro AMORE E SAGGEZZA mente contro cuore...pur essendo una nobile ed etica battaglia contro il male...ricordiamoci che tutto avviene dentro di noi...fuori c e' solo uno specchio..e' solo integrando con amore la ns ombra che si riflette all esterno o come dice il cristo ama i tuoi nemici,,che interromperemo questa sequenza..e l oceano di cui siamo illusorie increspature, cessera' le sue tempeste.....ricordando di essere UNO e uno soltanto....pensierino della sera di namaste

Anonimo ha detto...

grazie della correzione, senz'altro mi sbaglierò, però quando l'analisi arranca per via di scenari enormi, milioni di dati e domande senza risposta, si ha un unico potentissimo metodo per ricnoscere la verità: quello cardiaco.
tutto questo per dire che come ha VISTO giustamente il Marcus della prima mail di questo post, in Paolo si percepisce chiaramente questo aspetto...in "altre" persone invece??
quando Marcus parlava di perdono.....mi chiedo se abbia compreso il valore, magari grazie al novello apocrifo, di Giuda....

Anonimo ha detto...

l mistero sull'incidente scatena le teorie
Ipotesi in Rete: Ufo, kamikaze
e il Triangolo delle Bermuda

WASHINGTON — Di soli­to, prima di lanciare le teorie alternative o cospirative su Internet si aspetta qualche ora. Più un evento è difficile da decifrare e più crescono le possibilità di offrire spiega­zioni non ufficiali. Ombre che si sono allungate sulla tragedia dell’Airbus con mol­ti dubbi e sospetti. Alcuni le­gittimi, sorretti da valutazio­ni tecniche. Altri partoriti dal­la fantasia e dalla convinzio­ne che vi sia sempre un segre­to inconfessabile.

Al primo partito apparten­gono gli appassionati di aero­nautica che suggeriscono confronti con altri incidenti, citano rapporti, interrogano gli esperti. E ricordano, ad esempio, il volo Egyptair 990 finito nell’Atlantico nel 1999. Disastro provocato — a se­conda dei pareri — dal gesto kamikaze del pilota egiziano o da un’avaria improvvisa. Spostando di molte miglia verso nord est la rotta del jet francese c’è chi pensa al mi­sterioso Triangolo delle Ber­muda, tomba marina per de­cine di navi e aerei. Scenario alternativo: il jet ha avuto un incontro ravvicinato con Ufo e le onde elettromagnetiche potrebbero aver causato il blocco degli apparati.

Qualcu­no rammenta di aver visto un documentario in tv sulla presenza di campi magnetici al largo delle coste brasiliane che avrebbero fatto impazzi­re i sistemi di bordo. Restano alla finestra i frequentatori dei siti qaedisti pronti, in oc­casioni come questa, a mette­re rivendicazioni sul Web o ad alludere a «punizioni divi­ne ». Ma c’è ancora tempo e i commenti che parlano di pos­sibile «esplosione» potrebbe ispirare qualche comunicato. E non manca chi riesce per­sino a scherzare sovrappo­nendo la passione per i pol­pettoni televisivi all’ultima fiammella di speranza: «Quando ho sentito la noti­zia ho subito pensato: ma è come Lost, forse il jet è am­marato e i passeggeri sono un’isola». L’isola che non c’è.

Guido Olimpio
02 giugno 2009

Gabriella Carlizzi ha detto...

PAOLO, STEFANIA... per favore non è il caso di rettificare nulla a chi conosce fin troppo bene la verità, e sarebbe ancor più da ignorare se "sputasse sentenze" sul mio conto senza nemmeno essere informato.
Poco fa ho espresso a Paolo il mio pensiero riguardo il particolare momento che si è creato e anche quali potrebbero essere le strategie di questa organizzazione.
Speriamo che non si torni a qualche attentato...o politico o istituzionale..
Ho poi letto attentamente la prima mail.
La secondo in verità sa di artefatto...
La prima invece esprime un linguaggio assai simile ad alcune minacce che un noto scrittore era solito far pervenire ad avvocati e giornalisti, quando finì nel mirino della giustizia.
Ricordo ancora oggi, che dopo che un giornalista de Il Tempo, Maurizio Antonello, nel corso di una trasmissione condotta da Funari, lo contraddì sbattendogli in faccia i documenti della sua reale storia, documento che gli avevo fornito io, lo scrittore gli inviò una lettera che iniziava così: "Caro Antonello, sa che lei nell'interessarsi alla realtà esoetrica di cui parla Gabriella Pasquali Carlizzi, sta rischiando molto?..." ecc. ecc.
E ad un certo punto della lettera: "Non creda che la "Rosa Rossa" di cui parla la Carlizzi sia il vertice, per arrivare al vertice bisogna salire molto più in alto...".
Insomma, in questa mail mi sembra di aver riconosciuto un certo stile, o diretto o per interposta persona...
Anagraficamente come secondo nome dello scrittore risulta "Marco".

Anonimo ha detto...

Ma come mai il processo di domani si terrà a porte chiuse? forse ci fu un lancio di petardi in qualche processo precedente che ha determinato la squalifica dell'aula?
Un grazie anticipato da
mariolino

Gabriella Carlizzi ha detto...

LA FIRMA DELL'ANONIMO STA IN QUESTE PAROLE:
"Ricorda Pasolini, quello che diceva della televisione? Niente di più feroce della banalissima televisione. E Pasolini, ahimè, era uno che il sistema l’aveva compreso, ma quelli erano tempi in cui chi capiva il sistema era condannato alla pazzia, perché non poteva parlarne con nessuno."
E LUI LO SA BENE CHE FINE FECE FARE A PASOLINI, VERO?...

Gabriella Carlizzi ha detto...

ANONIMO DELLE 20.06...
Perchè date fiato alle trombe?
L'udienza di domani a Perugia, è una Udienza di Rinvio a Giudizio, e come tale il Codice di Procedura Penale, prevede che si celebri a porte chiuse.
Certe uscite del tutto gratuite, dove vogliono arrivare? Speriamo che l'anonimo risponda.

Anonimo ha detto...

Scusate, non è stato detto che fine ha fatto Maurizio Antonello che in realtà non era un giornalista, ma uno psicologo impegnato nella lotta contro le c.d. sette.Oltre ad aver conosciuto e curato una dipendente della c.d. casa degli orrori che era affiliata all'umanità chiesa di fraternità è FINITO GUARDA CASO...SUICIDA...

Galeazzo Gargiulo ha detto...

In effetti, dopo aver letto la prima mail vien una gran sete ...

Gabriella Carlizzi ha detto...

ANONIMO DELLE 20.22...
MAURIZIO ANTONELLO, era sì il "suicidato" di Mestre che finì così dopo aver deposto a Firenze, confermando che la signora Carlizzi aveva centrato il problema esoterico dei delitti, parlando della "Rosa Rossa", costui aveva anche un ononimo, appunto il giornalista de Il Tempo. Anzi ad essere precisi l'intero nome del giornalista è Antonello Pierangelo Maurizio.
Ok? Soddisfatto?...

ghost ha detto...

Si' mi ricordo paolo ,beh staremo a vedere.

Serpent of Fire ha detto...

Leggendo riguardo l'Athanòr (dalla parola ebraica 'a-thannur'), ovvero il fornello degli alchimisti, ho compreso che il vaso alchemico oltre ad essere l'uomo in se stesso è anche l'umanità nella sua interezza. Il fornello doveva essere composto da un vaso rotondo chiuso ermeticamente, diviso verticalmente in tre parti connesso con un tubo alla 'cupola' per apportare il principio igneo e filtrare le scorie. Il tubo è chiaramente il tubo digerente e la cupola la testa. Ma il termine 'cupola' può essere inteso anche come elite o aristocrazia (in linea con il pensiero di Evola). Questo significa che le operazioni alchemiche debbano essere compiute sia in se stessi (microcosmo) che utilizzando il resto dell'umanità (macrocosmo).

In antichità gli allievi venivano posti in un edificio ad un piano inferiore dei maestri e i due piani erano collegati da una cavità tramite la quale fluivano i fumi e le invocazioni teurgiche. Questo schema è ripreso anche nel castello delle SS di Wewelsburg: il nucleo centrale del complesso doveva essere la Obergruppenführersaal, un salone rivestito di pietra nella Torre Nord, al cui centro Himmler aveva fatto installare una tavola rotonda in stile arturiano con 12 posti a sedere che dovevano accogliere i 12 ufficiali maggiori delle SS. Una grande svastica stilizzata, che incorporava una ruota solare e le “rune della vittoria” delle SS dominava il pavimento, mentre le pareti erano adornate con gli stemmi araldici dei più importanti Gruppenführer. Proprio sotto la Obergruppenführersaal vi era la “cripta” o “terra dei morti”, una grande sala circolare con dodici colonne di granito e un soffitto adornato da un’altra grande svastica. Qui, in una struttura a forma di pozzo di pietra, dovevano essere sepolte le ceneri degli ufficiali morti, così da assicurare loro di rimanere nell’”ordine” in eterno. Una fiamma perenne doveva essere posta al centro della sala. Le due sale erano collegate da una grata tramite la quale fluivano i fluidi emessi dalla cripta sottostante.

Tutto questo per dire che l'elite per essere tale e per evolversi ha necessità che altri si sacrifichino per lei nel fuoco sacro, nella dissoluzione del dolore e della morte. Quindi perchè una porzione di umanità si elevi come divinità è necessario che il resto sia sacrificata sull'altare della storia. In questo senso vanno rilette guerre, carestie, pestilenze, uragani e terremoti.

In questo senso cito Alice Bailey fondatrice di Lucis Trust:

"Il nuovo ordine mondiale deve incontrare i bisogni immediati e non un tentativo di soddisfare alcune visioni idealiste e distanti. Il nuovo ordine mondiale deve essere appropriato ad un mondo che ha passato attraverso una crisi distruttiva e ad un’ umanità malamente traumatizzata da questa esperienza. Il nuovo ordine mondiale deve porre le fondamenta per un mondo futuro che sarà possibile solo dopo un tempo di guarigione e di ricostruzione.

Nel periodo preparatorio per il nuovo ordine mondiale ci sarà un regolare e costante disarmo. Non ci saranno scelte. A nessuna nazione sarà permesso di produrre e organizzare alcun equipaggiamento con propositi distruttivi o di minacciare la sicurezza di un' altra nazione.

Il nuovo ordine mondiale dovrà essere appropriato ad un mondo che è passato attraverso una crisi distruttiva.

Il presente ordine mondiale potrà così essere modificato e cambiato affinché un nuovo ordine e una nuova razza di uomini possa gradualmente venire alla luce.

La rinuncia e l’uso del sacrificio saranno le uniche priorità per il periodo intermedio dopo la seconda guerra mondiale, precedente all’inaugurazione della Nuova Era”

Serpent of Fire ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Serpent of Fire ha detto...

In una lettera del 1871, infine, Albert Pike illustrò i veri intenti di coloro che aspirano al Governo Mondiale e quello che sarebbe capitato all'umanità alla fine della Terza Guerra Mondiale:

"Noi scateneremo i nichilisti e gli atei e provocheremo un cataclisma sociale formidabile che mostrerà chiaramente, in tutto il suo orrore, alle nazioni, l'effetto dell'ateismo assoluto, origine della barbarie e della sovversione sanguinaria. Allora, ovunque, i cittadini, obbligati a difendersi contro una minoranza mondiale di rivoluzionari, (...) riceveranno la vera luce attraverso la manifestazione universale della pura dottrina di Lucifero, rivelata finalmente alla vista del pubblico; manifestazione alla quale seguirà la distruzione della Cristianità e dell'ateismo conquistati e schiacciati allo stesso tempo!"

Ed ancora:

"La Prima Guerra Mondiale doveva essere combattuta per consentire agli "illuminati" di abbattere il potere degli Zar in Russia e trasformare questo paese nella fortezza del comunismo ateo. Le divergenze suscitate dagli agenti degli "illuminati", tra Impero britannico e tedesco, furono usate per fomentare questa guerra. Dopo la fine della guerra, si doveva edificare il comunismo e utilizzarlo per distruggere altri Governi e indebolire le religioni. La Seconda Guerra Mondiale doveva essere fomentata approfittando della differenza tra fascisti e sionisti politici. La guerra doveva essere combattuta in modo da distruggere il nazismo e aumentare il potere del sionismo politico per consentire lo stabilimento, in Palestina, dello Stato Sovrano d'Israele. Durante la Seconda Guerra Mondiale, si doveva costituire una Internazionale comunista altrettanto forte dell'intera Cristianità. A questo punto, doveva essere contenuta e tenuta sotto controllo fin quando richiesto per il cataclisma sociale finale. La Terza Guerra Mondiale deve essere fomentata approfittando delle divergenze suscitate dagli agenti degli "Illuminati" tra sionismo politico e dirigenti del mondo islamico. La guerra deve essere orientata in modo che Islam (mondo arabo e quello musulmano) e sionismo politico (incluso lo Stato d'Israele) si distruggano a vicenda, mentre, nello stesso tempo, le nazioni rimanenti, una volta di più divise e contrapposte tra loro, saranno, in tal frangente, forzate a combattersi tra di loro fino al completo esaurimento fisico, mentale, spirituale, economico"

revolunion ha detto...

ovviamente caro sof abbocco all'amo da te teso.

mi permetto di dissentire su quanti dici sulla bailey......attenzione..non sto parlando del lucis trust ma della monumentale opera della bailey!(

l'unico sacrificio di cui parla è quello del bene del singolo per il bene comune. quello che forse stiamo imparando a capire con questa Crisi economica, ecologica e soprattutto animica....

Serpent of Fire ha detto...

Per chi ne vuole sapere di più:

Lucis Trust, Alice Bailey, World Goodwill and the False Light of the WorldAlice Bailey & Master Djwhal Khul: A Satanic Communion>

best ha detto...

Sono alquanto divertito!
La prima mail ha in sé una firma, anche se anonima, a dir poco TRASPARENTE!
Riflettiamo su un paio di cose:
chi oltre Paolo ha una fede incrollabile nella rosa rossa?
La rosa rossa stessa?
Ma è una stranissima rosa rossa, che auspica le riconciliazioni,
ma tra chi dovrebbe combatterla?
Questa è la contraddizione più grande che non può passare inosservata.
Vi si leggono delle minacce?
La cosa si fa molto interessante..

Una serena notte a tutti.
Bestguest

best ha detto...

Sono alquanto divertito!
La prima mail ha in sé una firma, anche se anonima, a dir poco TRASPARENTE!
Riflettiamo su un paio di cose:
chi oltre Paolo ha una fede incrollabile nella rosa rossa?
La rosa rossa stessa?
Ma è una stranissima rosa rossa, che auspica le riconciliazioni,
ma tra chi dovrebbe combatterla?
Questa è la contraddizione più grande che non può passare inosservata.
Vi si leggono delle minacce?
La cosa si fa molto interessante..

Una serena notte a tutti.
Bestguest

revolunion ha detto...

sof, nell'articolo da te linkato, come prevedevo si parla della lucis trust, non del contenuto dei libri che è di altisimo livello...se uno ne ha voglia di sbattersi a leggerlo, certo.

non vorremo mica confondere Roma con Nag Hammadi vero???

per chi si vuole sbattere di più:
http://www.bailey.it/

Anonimo ha detto...

Dalla storia di Otties Toole, il serial killer americano:

"una donna per esempio fu trovata completamente nuda in un campo con 35 coltellate al petto, al collo e alle natiche, le ferite erano estremamente profonde e i capezzoli erano stati tagliati e rimossi. L’odissea criminale di Lucas e Toole divenne ancora più atroce ed incredibile quando un giorno, dopo uno dei loro omicidi, vennero avvicinati da un uomo misterioso che offrì loro una curiosa opportunità: quella di uccidere in nome della loro "setta satanica", ricevendo 10.000$ per ogni esecuzione. Lucas e Toole si dichiararono interessati ad unirsi alla organizzazione satanica, chiamata "Mano della Morte", che offriva loro l'opportunità di continuare ad uccidere per divertimento e al tempo stesso guadagnare dei soldi. Si è fatto un gran parlare, dopo la confessione di Lucas, riguardo alla veridicità o meno di tali affermazioni, mai provate al 100%, ma il fatto che sia Lucas che Toole, separatamente raccontarono la medesima storia con poche differenze sembrerebbe testimoniarne la validità. Secondo quella che fu la confessione di Lucas, alcune settimane dopo quell'incontro, lui e Toole si recarono in Florida per entrare in contatto con i vertici dell'organizzazione. L'incontro con il capo, che chiamò se stesso con il nome di Don Meteric, avvenne in un magazzino abbandonato nel porto di Miami. Meteric conosceva già Toole e, a quanto pare, li aveva entrambi tenuti d'occhio per diverso tempo per valutarne le capacità. La notte stessa, Lucas e Toole furono condotti in un luogo isolato, tra le paludi, e da lì portati successivamente su un'isola dove avrebbero dovuto passare un "addestramento". Meteric disse loro: "Da questo momento farete tutto ciò che vi sarà detto. Quando vi sarà detto di uccidere dovrete ubbidire. Una volta che avrete dimostrato di essere idonei farete parte della nostra organizzazione". Il primo compito arrivò loro poco tempo dopo l'arrivo sull'isola: Meteric ordinò loro di uccidere un determinato uomo sgozzandolo e Lucas, con la collaborazione di Ottis, portò a termine la missione senza troppi problemi. Quando l'uomo, dopo alcuni minuti di agonia morì, i due chiamarono Meteric che venne ad accertarsi personalmente dell'uccisione, complimentandosi con loro per il buon lavoro eseguito. Quella notte, Henry ebbe modo di assistere alla sua prima messa nera, durante la quale l'uomo ucciso venne fatto a pezzi, cucinato e mangiato dagli adepti del culto satanico. Nelle settimane seguenti, continuò l'addestramento e Lucas e Toole vennero istruiti su svariate materie quali: rapimenti, tutti i tipi di omicidio, incendi dolosi, rapimenti di bambini e via dicendo. Inoltre venne insegnato loro come eseguire un sacrificio umano in conformità con le regole del culto della "Mano della Morte". Lucas e Toole parteciparono anche a varie attività che prevedevano svariati atti ripugnanti, quali la necrofilia. Dopo 7 settimane, l'addestramento venne completato e la coppia omicida era pronta per la sua prima missione, che consisteva in un viaggio negli stati del sud degli Usa, per rapire un certo numero di bambini da destinare a cerimonie sacrificali o da trasportare in Messico per essere venduti a famiglie facoltose. Lucas, durante le sue confessioni, narrò di come rimase sorpreso dal vedere quanto era facile rapire un bambino. Il loro primo rapimento avvenne a San Antonio, in Texas. Lucas e Toole erano stati riforniti di droghe, per soggiogare il bambino durante il trasporto, e cominciarono a girovagare attraverso i parcheggi di vari centri commerciali nell'area, alla ricerca di qualche bambino che era stato lasciato a dormire in auto... In altri casi, rapirono bambini e adolescenti che poi vennero utilizzati dal culto per realizzare film pornografici e snuff movies. Secondo quanto riferito da Lucas e Toole, furono numerosi gli omicidi e i rapimenti fatti seguendo gli ordini della misteriosa setta, che a detta dello stesso Lucas godeva di appoggi e complicità di alto livello all'interno della polizia e di alcuni ambienti politici.

Roberto ha detto...

personalmente ho imparato a diffidare da chi firma lettere email o messaggi con alla fine le parole
'' cordialità'' o '' cordialmente''

Anonimo ha detto...

Approfitto di queste "mail" che dovrebbero essere arrivate via email(?), per chiedere al sig. Franceschetti, a quale indirizzo email perchè io ho inviato ripetutamente due email all'inidirizzo indicato nel blog, ma non ho ricevuto neanche la conferma di lettura.
Forse qualche "forza occulta" ha deviato le mie email?
Le devo reinviare all'infinito?
E'meglio scrivere direttamente sui post?
grazie
ANTO A.

MAESTRO DI DIETROLOGIA ha detto...

la religione come origine di ogni barbaria:

le religioni e le ideologie sono I FANATISMI dell' umanita', il relegare a qualcun altro l' organizzazione della realta' e' da schiavi, l' elevazione dell' anima risiede nella capacita' di capirsi e di capire il prossimo, l' accettazione di riti e di regole dall' alto sono la causa della schiavitu' mentale dell' uomo, sono la causa della violenza e dell' odio...
l' unica via e' l' autocoscenza e l' anarchia spirituale, la diffusione dell' amore e della pace...

SBATTEZZIAMOCI TUTTI E LIBERIAMOCI DI TUTTE LE RITUALITA' CHE IL VECCHIO/NUOVO ORDINE MONDIALE CI HA SEMPRE IMPOSTO X CONTROLLARCI...
BASTA RELIGIONI, BASTA CREDENZE, BASTA FANATISMI, BASTA ISMI E IDEOLOGIE VARIE...

LIBERATEVI FRATELLI DAGLI ORPELLI...
ORDINE DAL KAOS...

Megamind ha detto...

Sì ma non generelizziamo, prendiamo gli spunti della lettera, che sia una minaccia o no va bene cmq, xè se lo è vuol dire che gli si sta squagliando la nutella nei mutandoni, siamo più forti!!!

Anonimo ha detto...

Potrebbe pero' essere di nuovo quel burlone di 33.
Ma uno come fa a capire una minaccia vera da una finta?

abbracci da nemesis.

Anonimo ha detto...

Scusate l'off topic...
ho trovato un articolo di Alberto Bevilacqua su Marco Pantani.

http://www.museociclismo.it/content/articoli/articolo.php?type=id&strparam=NjE3MQ==

Paolo Franceschetti ha detto...

Allora...

premesso che a me non pare una minaccia, e comunque mi pare siano importanti i contenuti, indipendentemente da chi l'ha scritta...

Anto... mi apre strano che non riesci a inviare mail

L'indirizzo è drag-star@hotmail.it

Prova a fare copia e incolla da questo.

UN saluto
Paolo

Anonimo ha detto...

riguardo la prima e mail vi leggo una velata minaccia e ironia, e in una cosa concordo perche' sento vera sopra la rosa rossa c e' molto di piu' namaste'...

Anonimo ha detto...

Rileggendo le e-mail, la prima seppure non e' una minaccia io la trovo sinistra e sarebbe bene che il signor Marcus ti riscrivesse per delucidazioni.

Entrambe le mail sembrano confermare la tua teoria e coincidono anche con quello che dicono Sof e in alcune cose con quanto detto da Gabriella e Sentenza.

nemesis

Panoptica ha detto...

scusate OT, ma oggi esce "l'unto del signore" di Pinotti e lo scrittore stesso oggi denuncia il fatto che il suo sito è sotto attacco. So che è un "caso" ma mi sembrava utile segnalarlo.


Panoptica

Anonimo ha detto...

vero esce una scritta questo sito potrebbe danneggiare il tuo pc...comunque sta succedendo a molti altri siti e persone anche mie amici che sono anti berluska....il potere della rr arriva ovunque..che schifo...namaste

MARCUS ha detto...

Ho dimenticato un dato importante. Circa l'ottanta per cento dei casi di omicidi seriali catalogati vengono dagli USA.

In Russia non ebbero serial Killer per secoli. Sotto il regime comunista dicevano che era colpa della decadente società occidentale se in USA c'erano omicidi seriali. E per anni Chikatilo non fu mai preso perchè non erano preparati.
Anrei Romanovich Chikatilo, che uccise 56 persone, in Russia cominciò ad operare nel 1978 e fu preso nel 1990.

Controlli le date per capire in che periodo inziano e poi finiscono gli avvenimenti.
Quali avvenimenti importanti sono di questo periodo?

Anonimo ha detto...

@marcus dico la mia in italia 1978 omicidio MORO 1989 caduta muro di berlino, fine del pericolo comunista in italia??? tanto per citarne 2 ma lascio ad altri piu' informati la risposta namaste

Barzo ha detto...

il nazismo e il susseguente olocauso sono stati l'aberrazione che poi ha portato al sistema attuale.
come dice SOF, è stata l'operazione alchemica che ha trasformato la società.

ora abbiamo una società venuta fuori da quella operazione, governata dal consu-nazismo che come sommo valore ha quello del LAVORO.

ogni azienda è un campo di concentramento, anzi ogni esistenza basata sulla logica Nasco-cresco-studioperlacarriera-lavoroperconsumare-muoiodimalattieincurabili è il LAGER di se stessa.

vedere una persona in ospedale contorcersi dal dolore dopo una esistenza basata su valori gettati via per dover sopravvivere, credere obbedire e combattere per IL LAVORO in se', mi porta a queste conclusioni.

eppure da questa persona sono nato io, che prova a risvegliarsi prendendo a calci in culo il lavoro e tutti quelli che ti considerano un parassita se non fai parte degli ingranaggi.

scusate lo sfogo!

cordialmente (mi firmo sempre così, ma in omaggio a una trasmissione radio di elio :)

ps: qualcuno ha visto la fiction di sky sulle sette sataniche?

Domenico ha detto...

"...stato di confusione mentale, che si somma a tutti gli altri bombardamenti energetici negativi che riceviamo". (Per non parlare della distruzione della musica classica...mi sento di aggiungere)
Mi sembra che ne parli anche Antonella Randazzo, ed anche io nel mio piccolo sono arrivato da tempo alla stessa conclusione.
Per quanto riguarda la Camorra (e la mafia), mi sento di condividere la stessa conclusione di Panvini (e parlo da napoletano)!
Grazie!

Anonimo ha detto...

Ma questo benedetto 2012 non coincidera' forse con un cambiamento energetico/magnetico della terra? Questo potrebbe voler dire che i vari riti della RR potrebbero non essere piu' efficaci? Speriao!

La liberta' io credo si conquisti con la rivoluzione interiore, con il coraggio di non accettare tutti i compromessi ma solo quelli che non ci intaccano nei nostri valori.
Poi che uno lavori e lavori bene, non mi pare cosi' orribile, purche' abbia i suoi spazi per pensare e ricaricarsi.

Scusate, si e' parlato moltissimo di Rosa Rossa, quella dei Tudor...cosa e' successo alla Bianca degli Stuart?

nemesis

Anonimo ha detto...

SOCIETA'
3 giugno 2009
Le farfalline di re Silvio (di stefano olivieri)
Le disegna lui, raccontano che le personalizzi una ad una. Le farfalline sono centinaia, migliaia, chi può dirlo quante ce ne siano già in circolazione, ma ciascuna delle beneficiarie di questo personalissimo e prezioso gadget sa che può mostrarlo in pubblico come un lasciapassare, un passepartout, un salvacondotto dorato che può aprire qualsiasi porta che conti.


E’ di qualche tempo fa, un po’ prima del ciclone Noemi, una illuminante intervista della direttrice dell’Unità Concita de Gregorio ad una giovane procuratrice legale che lavora da precaria in un celebre studio di avvocati di Roma. Nel corso della conversazione la giovane, di una bellezza che non lascia indifferenti, raccontava di aver partecipato più volte alle feste “del presidente” lamentandosi che, con il passar del tempo, avevano perso in qualità dei partecipanti (“le persone che contano”) essendo ormai frequentate quasi esclusivamente da “escort” ( accompagnatrici a pagamento). “Le prime volte - raccontava la giovane procuratrice - c’erano deputate, attrici, manager. Insomma persone con una professione. Adesso sono soprattutto escort e la mosca bianca sei tu che lavori”.


Concita de Gregorio le chiedeva dunque che cosa mai accadesse in queste feste, e la giovane rispondeva : “Un po’ di tutto, le solite cose per divertirsi, le cose che piacciono a lui, spettacolini….. Poi ci ha regalato la solita farfalla, le disegna lui. Eccola è questa qui. Ogni tanto incontro una che non conosco con la farfalla al collo e penso ma guarda, anche lei. Una volta, con una, ce lo siamo anche dette: anche tu?”.


Probabilmente la stessa farfalla era disegnata sull’invito della festa di compleanno di Noemi a Casoria. E la stessa farfallina ( ….ma quanto lavora ‘sto gioielliere di fiducia ? Riesce ogni tanto a fare un giorno di ferie ?..) pare sia il gadget previsto per tutte le fortunatissime che hanno avuto e avranno il privilegio di partecipare a una delle numerose feste in costa smeralda, a villa Certosa.


Ci ho pensato su, perché proprio una farfallina. Il gentlemen’s agreement di Silvio mi suggerirebbe il facile doppio senso che nella nostra lingua si da al leggiadro insetto, quando lo si riferisce ad una ragazza, soprattutto se avvenente. Poi ho riflettuto anche sull’ipotesi evoluzionistica, dal momento che la farfalla prima di diventare tale è un banale bruco molliccio e poi una ancor più repellente e immobile crisalide. Ecco, re Silvio potrebbe forse voler sottintendere questo, che con il suo semplice tocco è in grado di trasformare una banalissima crisalide in una splendida farfallina, pronta a spiccare il volo da un reality all’altro, a saltare di fiore in fiore finchè, se è abbastanza brava, raggiungere addirittura la poltrona di deputato o di ministro.


Tutti ragionamenti validissimi, finchè non mi è capitato sotto gli occhi il logo di playboy, la più famosa e blasonata rivista per soli uomini diretta dal leggendario Hugh Heffner. Quel papillon sotto l’icona della coniglietta mi ha fatto rabbrividire e all’improvviso ho capito. Ho ripensato al vecchio Hugh in accappatoio circondato dalle sue conigliette e alle foto – quelle finora note alla stampa..- di re Silvio a villa Certosa, abbrancicato su una panchina alle sue amichette. Ecco l’approdo. E lì e soltanto lì che Silvio vuole arrivare, altro che larve e bruchi. Che si sbrighi allora, perché se aspetta un altro po’ la sua rivista dovrà chiamarla Plaid boy.

Stefano Olivieri
http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it/


berlusconi villa certosa veline farfalline noemi

Anonimo ha detto...

la farfalla simboleggia Psiche l' anima......meditate gente.....namaste

Anonimo ha detto...

http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/articolo-6611.htm

Anonimo ha detto...

Aereo scomparso: il 27 maggio un allarme bomba

03 Giugno 2009 13:24 ESTERI

BUENOS AIRES - Ad avvalorare la tesi terroristica dietro il disastro aereo che lunedi' e' costato la vita a 228 persone, tra le quali 10 italiani, spunta un dettaglio non trascurabile: il 27 maggio un volo dell'Air France in partenza da Buenos Aires e diretto a Parigi era stato ritardato per un allarme bomba, giunto tramite una telefonata anonima all'aeroporto di Ezeiza. Lo riporta oggi il sito americano "Drudgeport", riprendendo un sito di notizie argentino, Momento24. (Agr)

Anonimo ha detto...

@ NAMASTE

grazie per la disponibilità.. io sono già registrato nel forum Poteri Occulti... se ti registri pure tu, le cose che dovevo chiederti te le scrivo in un messaggio privato.. Lì sul forum appunto.. :)

Grazie ancora...

Frank

Anonimo ha detto...

Paolo il libro pistis sofia che citavi..si puo' trovare online?? grazie namaste

Sentenza ha detto...

Quoto Marcus per quanto riguarda il fatto che oltre la RR c'è qualcos'altro, ricordando che chi è o diventa visibile, di sicuro non è il vertice della piramide. La RR fà il lavoro sporco per conto di?

Nota: ma chi se ne frega? sembriamo attaccati a 1000 a questo materialismo; vogliamo a tutti i costi venire a capo del problema: questo è controproducente perchè, innanzitutto ci distrae dal vero problema, e poi innesca i soliti casini dovuti alla divergenza delle opinioni che abbiamo. Ne vien fuori il caos e, se rileggiamo uno dei mie precedenti commenti in un altro post, il caos fà abbassare la guardia e fà entrare in circolo il nemico. Va bene lavorare per pagare le bollette e riempirsi la pancia, ma non lasciamoci distogliere dall'obiettivo fondamentale: l'aumento della consapevolezza. Che, in ogni caso, porta bene, non male e senza nemmeno troppi sforzi. Il vero sforzo è quello di evolversi, non quello di combattere, soprattutto contro il caos geenrato ad arte.

Occhi aperti.

Sentenza

Anonimo ha detto...

http://www.fuocosacro.com/pagine/gnosticismo/pistissophia.htm

Anonimo ha detto...

http://www.fuocosacro.com/main_frames.htm tantissimi testi esoterismo ed altro on line

Sentenza ha detto...

@ Namaste

On line trovi solo degli estratti del Pistis Sofia. Almeno io non l'ho trovato. L'ho comprato alle ... edizioni Paoline! Se tiri fuori il denaro, il nemico ti vende ciò che vuoi, eretico o no ;)

E' un libro pesante e all'apparenza piena di informazioni.

Sentenza

Anonimo ha detto...

@SENTENZA grazie namaste

Anonimo ha detto...

«L'Airbus è esploso in volo»
Le Monde: specialisti di Air France sostengono che l'aereo è esploso ad alta quota. Ma non sarebbe un attentato

*
NOTIZIE CORRELATE
*
Aereo scomparso: avvistati alcuni resti (2 giugno 2009)

(Afp)
(Afp)
PARIGI - Ora che l'aereo scomparso è stato trovato, non resta che scoprire le cause della sua caduta. E si fa strada un'ipotesi inquietante. La grande dispersione dei rottami scoperti lascia pensare che l'Airbus A330 - in volo lunedì da Rio de Janeiro a Parigi con 228 persone a bordo - sia esploso ad alta quota. È quanto scrive il quotidiano francese «Le Monde», citando "specialisti" della compagnia Air France. Le Monde ricorda che i rottami sarebbero stati localizzati su due zone, distanti 60 chilometri l'una dall'altra, situate ad est del luogo da dove l'Airbus ha trasmesso i suoi ultimi messaggi automatici. Il quotidiano osserva che «tuttavia la pista di un attentato non è al momento presa in considerazione dalle autorità francesi, non c'è stata alcuna rivendicazione e il Brasile non è una destinazione sensibile»

Anonimo ha detto...

«L'Airbus è esploso in volo»
Le Monde: specialisti di Air France sostengono che l'aereo è esploso ad alta quota. Ma non sarebbe un attentato

*
NOTIZIE CORRELATE
*
Aereo scomparso: avvistati alcuni resti (2 giugno 2009)

(Afp)
(Afp)
PARIGI - Ora che l'aereo scomparso è stato trovato, non resta che scoprire le cause della sua caduta. E si fa strada un'ipotesi inquietante. La grande dispersione dei rottami scoperti lascia pensare che l'Airbus A330 - in volo lunedì da Rio de Janeiro a Parigi con 228 persone a bordo - sia esploso ad alta quota. È quanto scrive il quotidiano francese «Le Monde», citando "specialisti" della compagnia Air France. Le Monde ricorda che i rottami sarebbero stati localizzati su due zone, distanti 60 chilometri l'una dall'altra, situate ad est del luogo da dove l'Airbus ha trasmesso i suoi ultimi messaggi automatici. Il quotidiano osserva che «tuttavia la pista di un attentato non è al momento presa in considerazione dalle autorità francesi, non c'è stata alcuna rivendicazione e il Brasile non è una destinazione sensibile»

Anonimo ha detto...

Una segnalazione

8 - 28-mag-2009 11.10.40 CEST
ANSA.it - OPERAI MORTI: ROSE ROSSE ALLA SARAS, SI PIANGONO LE VITTIME
» 2009-05-28 11:10 OPERAI MORTI: ROSE...
di Roberta CelotCAGLIARI - Sei rose...

Marco

Anonimo ha detto...

Guardate qui:
http://firenze.repubblica.it/dettaglio/berlusconi-abbraccia-galli-e-promette-una-legge-per-firenze/1644876
(articolo "Berlusconi abbraccia Galli e promette una legge per Firenze" di Berlusconi abbraccia Galli e promette una legge per Firenze, del 03 giugno 2009)

... In piazza la gente tifa per lui: «Questa storia di Noemi è una vergogna», dice Gabriella Gervasani, che al premier porta una rosa rossa con un biglietto in dialetto milanese. ...

Che adesso sia anche lui in pericolo?

Anonimo ha detto...

magari....he he namaste

@lice ha detto...

Sono @lice!
Rispondo all'anonimo del 3 giugno 2009 14.30:

le farfalle-ciondolo regalate da Berlusconi alle sue accolite sono si un simbolo di morte e rinascita spirituale, come il simbvolo di psyche-anima..ma mi fanno anche pensare al progetto di mind control dell'MKultra chiamato Monarch che trattava della creazione di giovanissime schiave sessuali mentalmente programmate (per non rivelare indiscrezini e soddisfare OGNI perversione) usate da eminenti politici USA ed esteri (e si sa che Papy-Silvio era grande amico non solo di Putin ma anche di Bush Jr..)..
Queste schiave erano spesso belle ragazze molto giovani (addestrate ed usate sin da bambine x film porno e prostituzione di alto bordo) e bionde, come Noemi...

Di loro si parla sia negli "scritti di Svali" (li trovate si http://ilnautilus.blogspot.com ) che nel libro TRANCEformatiion of Amertica di C.Obrien e M.Phillips, che parla della storia della O?brien come schiava sessuale del progetto Monarch di mind control.
Phillips non è da prendere come oro colato al 100% ma la storia della O'Brien è plausibile e molte cose di cui parla nel libro si popssono verificare da foonti esterne (come ad es la suia mutilazione genitale a forma di baphomet visibile in un video Youtube o il fatto che M.Aquinmo sia realmente il capo del Satanico Tempio di Set e ufficiale dell'NSA esperyto in "psicologia avanzata" e tecniche di manipolazione psicologica, estromesso dall'NSA in seguito a uno scandalo su abusi sessuali satanici su bambini..Aquino in un periodo era l'addestratore principale della O'Brien..)...

Io spero di sbagliarmi, spero che in Italia non sia così diffuso x i politici usare schiave sessuali controllate mentalmente tramite "trauma-based mind control" (è un mind control basato soprattutto su ipnosi e tortura unita a sevizie psicologiche fin dalla tenera età)...ma il simbolo della farfalla dato alle sue giovanissime accolite (solitamente le schiave sessuali usate da personaggi importanti vengono eliminate verso i 30 anni) mi fa pensare al peggio..

spero di sbagliarmi e che siano solo "ragazze intraprendenti e disinibite"...

by
@lice (Oltre lo specchio)
___________________________
..segui il ConiglioBianco!
http://aliceoltrelospecchio.blogspot.com

Anonimo ha detto...

Noto con piacere che Papi regala farfalline di latta alle Starlette che partecipano ai festini... Coincidenza volle che la farfalla 'Monarch' dìa il nome al progetto di controllo mentale di donne da indirizzare a vari ruoli, tra cui schiave del sesso. Tutto documentato e disponibile in English - Project MK II and Project Monarch.

Anonimo ha detto...

A capire che alcuni omicidi abbiano un significato esoterico ci arrivo;
ma addirittura dire che molti misfatti in famiglia,tra fidanzati ed amici hanno una valenza massonica....

In che modo un'organizzazione potrebbe addirittura agire dall'esterno,arrivano a gruppi privato come famiglie o coppie?

Che sia vera la laggenda che
gli conferisce poteri paranormali ???

Anonimo ha detto...

una semplice curiosità,non ti sono più arrivate mail da marcus?sarei più che curioso di sapere cosa ha da dirti,mi sembra una persona molto informata sui fatti...free

Anonimo ha detto...

Caro Paolo, in relazione al delitto di Cogne
perché nessuno menziona la tesi di Agnesina Pozzi, Il libro di Maria Grazia Torri, il parere del neurochirurgo Giovanni Migliaccio, perché la perizia Viglino non viene letta da specialisti del settore.