domenica 9 marzo 2008

Lettera di Fabio Piselli.



Sul sito di Fabio Piselli (http://www.fabiopiselli.blogspot.com/) abbiamo trovato questo appello che riteniamo giusto pubblicare e divulgare.

domenica 9 marzo 2008


sono Fabio Piselli, recentemente sopravvissuto ad una aggressione da parte di ignoti, i quali dopo avermi stordito mi hanno lasciato nella mia auto che hanno dato alle fiamme con me dentro.
Questi fatti sono stati ricondotti alle indagini condotte dalla magistratura livornese relative la tragedia del traghetto Moby Prince nella quale persero la vita almeno 140 persone.
Ho per questo assunto sia l'ufficio di testimone, persona informata sui fatti, sia quello di parte offesa, fornendo le notizie in mio possesso alla Procura della Repubblica procedente, svolgendo confronti con operatori delle forze speciali e del Sismi, con operatori della Base americana di Camp Darby e sostanzialmente accettando ogni richiesta da parte degli inquirenti ai quali non ho mai fatto mancare la mia più ampia collaborazione, affrontandone tutti i rischi e cosciente delle responsabilità che mi sono assunto in tal senso e del fatto che quanto da me raccontato necessiti una verifica importante e non facile da condurre, a causa dei numerosi filtri istituzionali che ostacolano le indagini.
Mi riferisco a quei personaggi che fanno del proprio ruolo istituzionale un alibi ed uno strumento per tutelare i propri interessi privati, di grembiule o referenti alla struttura alla quale appartengono, presumibilmente non istituzionale ma sostanzialmente istituzionalizzata atteso la capacità di controllo e di inquinamento delle informazioni e delle indagini giudiziarie.

Nel corso degli anni, dopo aver servito lo Stato come sottufficiale volontario paracadutista dell'Esercito, ho prestato la mia collaborazione a quelle strutture ausiliare per i servizi di Polizia Giudiziaria, chiamato da un ex Generale del Sismi e da altri operatori tutti provenienti dalle FF.AA. dalle FF.PP. e dai servizi d'intelligence che le coordinavano, affiancando la PG nelle indagini elettroniche e nelle attività di penetrazione degli obiettivi d'interesse operativo indicati dalla Procura procedente ove piazzare i sistemi di ascolto e d'intercettazione audio, video, tracciamento. Fra le numerose operazioni ho preso parte a quella relativa alle indagini contro il c.d. mostro di Firenze e contro i responsabili della morte di Francesco Narducci, affiancando i miei colleghi nelle attività svolte presso il GIDES, gruppo investigativo delitti seriale della Polizia di Stato, ex SAM, con sede a Firenze.
Mi sono trovato perciò a vario titolo coinvolto nei casi più inquietanti della storia italiana, la più grande tragedia della marineria e la serie di delitti compiuti da un presunto gruppo di amici di merende su mandato dei c.d. livelli superiori, i quali hanno causato altri delitti, fra questi quello di Francesco Narducci.
In quest'ultimo caso ho potuto assistere ad alcuni eventi che ho giudicato degni della attenzione dei Magistrati, ai quali ho trasmesso il contenuto di alcune intercettazioni che interessavano degli operatori dello Stato, i quali da come si evince dalle intercettazioni stesse non hanno presumibilmente compiuto degli atti fedeli al mandato ricevuto,. al contrario, hanno presumibilmente inquinato.

Mi sono chiesto perchè sono stato chiamato a svolgere un servizio d'intercettazioni per un caso così delicato ed importante come quello del mostro di Firenze, le cui indagini durano ormai da 40 anni. Mi sono chiesto perchè proprio il sottoscritto, atteso che il mio curricula se da un lato mi descrive come un sicuro ed affidabile collaboratore dello Stato, dall'altro è apparentemente carente di alcuni requisiti per partecipare a simili indagini proprio a causa del mio percorso esperenziale e professionale di questi 23 anni.
Questo motivo e l'esperienza acquisita mi hanno spinto a tenere alto il livello di attenzione e come si suol dire "a prendere appunti" il cui contenuto l'ho debitamente trasmesso alla Procura procedente, aggravato dalla presenza costante di soggetti provenienti, o in servizio, presso i servizi segreti militari e civili che hanno gravitato intorno a questa indagine.
Vivo oggi un serio e grave problema nato da quanto posto in essere dai filtri istituzionali ai quali ho sopra accennato e che meglio spiego di seguito, con il fine non solo di riuscire a tutelare la mia famiglia, ma anche con il desiderio che un Suo autorevole intervento possa fornire quello stimolo necessario per superare ed abbattere detti ostacoli, da qualcuno definiti muro di gomma da me considerati solo un muro di sterco con l'alibi delle medaglie ma con un enorme potere d'ingerenza, di controllo, di ricatto e d'inquinamento delle varie indagini condotte dalle Procure procedenti verso la ricerca dei responsabili dei delitti sopra descritti ma anche della storica serie di stragi impunite per le quali i colpevoli sono ancora una immagine sfuocata che il tempo tende a rimuovere anche dalla memoria collettiva.

Cambiano le dinamiche degli eventi giuridici ma i meccanismi di depistaggio e d'inquinamento sono sempre gli stessi, adottati dai rappresentanti di quella zona grigia nella quale gravitano soggetti che operano al di dentro delle Istituzioni ma che riferiscono il proprio operato verso altri interessi che quelli puri delle istituzioni stesse. Meccanismi nei quali soggetti vulnerabili o non schierati restano stritolati.

Il mio nome è rimasto riservato per molto tempo, nel quale sono stato sentito dalle Procure come persona informata sui fatti, poi dopo l'aggressione di Novembre 2007, un poliziotto ha ben pensato di fornire la mia identità ad un suo amico giornalista. Da quel momento il mio nome è stato reso pubblico come quello di un testimone dei fatti del Moby Prince e successivamente anche per i fatti del c.d. mostro di Firenze.

Ho ricevuto nel corso degli anni, prima della mia ribalta alle cronache, numerose forme di intimidazione e di pressione, effettuate tramite gli strumenti istituzionali, dalle false notizie di Polizia alla scomparsa o distruzione di fascicoli e di atti giudiziari, fino alla depersonalizzazione al fine di discredito, tutte tecniche conosciute e sostanzialmente viste in altri e numerosi eventi della nostra storia, fatti che ho subito e pagato a caro prezzo.
Nonostante questo ho sempre e solo reagito con l'arma della Giustizia, rivolgendomi alla competente Autorità Giudiziaria firmando le denunce contro quegli operatori dello Stato che ho saputo identificare, da solo. Uno di questi è stato anche condannato ma poi la prescrizione lo ha graziato, nata non solo dalla lentezza dei tempi di Giustizia ma dall'aiuto offerto dai singolari errori di trascrizione di un indirizzo o di un nome che hanno causato l'annullamento di una notifica, dalla perdita di fonoregistrazioni importanti e da altri singolari episodi simili, fino all' umiliante rinvio di una udienza solo perchè una parte doveva assistere ad una regata velica e non ha saputo trovare un sostituto, giustificando così il rinvio che ha contribuito al raggiungimento della prescrizione.

Quanto sopra solo per farLe un esempio, ma ho 23 anni di storia professionale, militare e militante, dalla quale potrei fornirLe esempi a non finire di qualunquismo, carenza di professionalità, pregiudizio, ignoranza professionale, arroganza dell'ignoranza e soprattutto aderenza a quelle pratiche amicali di favori reciprochi compiuti da degli operatori delle Istituzioni.
Chi Le parla ha la coscienza del significato delle istituzioni, ha il senso dello Stato mai perso neppure quando lo Stato mi ha tradito, proprio perchè sono stati solo quegli uomini che in esso si nascondono ad averlo fatto e non la Nazione, che Lei rappresenta e garantisce con il Suo ruolo, motivo per il quale mi permetto di sottoporLe questa mia.

Dopo che sono uscito vivo dalla mia auto mi sono affidato agli inquirenti, i quali hanno ben saputo usare le notizie che ho fornito, tutte afferenti dei fatti compiuti da degli appartenenti ai corpi dello Stato ed alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, all'intelligence militare e a quelle strutture, falangi e raggruppamento in essa inserita, in chiaro e non. Motivo per cui sono nati i confronti, anche con uno di questi personaggi, che han dato dei frutti, il quale una volta tornato in caserma ha relazionato a livello superiore non solo il mio nome, già noto, ma sostanzialmente il mio grado di conoscenza di fatti riservati attinenti le attività condotte da alcune strutture e dagli operatori delle stesse, ad oggi non chiaro se svolte su un preciso mandato istituzionale e se eterodirette da burratinai la cui natura è solo ipotizzabile.

Vivo l'isolamento, nel quale ho trascinano anche la mia famiglia, sono sottoposto a costanti pressioni, intimidazioni, minacce, forme di discredito feroci, che mi costringono a farmi forza per restare fedele alla scelta di reagire con i soli mezzi di Giustizia rappresentati dalla mera denuncia, la quale trova gli ostacoli sopra accennati, aggravati dal fatto che proprio gli strumenti di lavoro di questi soggetti gli consentono di conoscere in tempo reale le mie decisioni e d'inquinare quanto consegno alla AG, non solo il contenuto di una denuncia ma anche quegli elementi probanti i fatti esposti in querela.
Rinunciando a reagire in modo non ortodosso, certamente definitivo, ma contrario ai miei principi, non è con la violenza che posso risolvere il problema, innescherei solo una serie interminabile di reazioni ottenendo ben poco.

Alcune forme di ritorsioni hanno coinvolto i miei familiari ed oggi mirano a condizionare anche mia moglie, già provata da questi mesi di dura resistenza a tutto questo, dal quale essa è sempre stata estranea e che l'ha colpita in modo grave, atteso vedere il proprio marito in fiamme.

Mi consigliano di suicidarmi, di uccidermi, altrimenti morirà mia moglie.
Mi consigliano di porre fine alla mia vita come altri hanno fatto prima di me , non ultimo Adamo Bove, e prima di lui gli altri che hanno scelto la via del suicidio per salvare i propri cari. Oggi sono io che mi trovo di fronte a questo dilemma.

Mi creda, non è la paura di morire, non è la paura di lasciare la mia famiglia e mia moglie, che mi costringe ancora a restare fisso di fronte al salto. E' il senso di vuoto che anche la mia morte lascerebbe, è lo strappo dagli affetti, dall'Amore per mia moglie, dalla ragione per la quale ho scelto di porre a rischio la mia vita accettando "missioni" in tutto il mondo e nei paesi bellici e post bellici, che è stata per portare il pane a casa onestamente, seppur cosciente di non fare l'educanda, per crescere una famiglia, dei figli, nel ricordo di un figlio già morto tanti anni or sono.
Ma ancora oggi la mia morte appare essere il prezzo per la vita di chi Amo.
Ancora oggi sono rimbalzato in quel muro di sterco di cui sopra, incrementato dalla ignoranza di qualche tutore dell'ordine al quale ho chiesto con le lacrime agli occhi, rinunciando al mio orgoglio, di essere ascoltato e di identificare il soggetto che mi aveva appena ancora una volta consigliato il suicidio, ricevendo le solite ignoranti, classiche, purtroppo frequenti frasi di circostanza di chi non è in grado di capire altro che qualche bestemmia e le mere denunce di smarrimento chiavi, il quale ogni tre parole sapeva solo roboticamente esprimere i termini "segnatamente", "a chi di competenza", "nella fattispecie", "unitamente a", che sembravano essere ostacoli insormontabili alla comprensione della mia implorata richiesta di aiuto.

Mi creda Signor Presidente, non sono una persona psicologicamente fragile, bisognosa di attenzioni o vittima di se stessa, sono capace di pormi in discussione, di accettare le mie responsabilità, di cercare di non proiettare in altri il mio vissuto, ho la formazione e l'esperienza per conoscere le mie dinamiche psicologiche, che ritengo essere ancora oggi stabili ed equilibrate alla corretta struttura di pensiero che ha sempre caratterizzato le mie scelte, anche le più rischiose, per quanto sottoposte a forte stress.

Ma il dilemma che ho di fronte non ha soluzioni psicologiche, non richiede l'elaborazione dei suoi contenuti, non prevede una eventuale mediazione, perchè la minaccia è questo, è una tortura psicologica che ti devasta i pensieri fino a renderti insensibile anche alla morte stessa e saltar giù.
Mi creda, le penso tutte pur di soddisfare le richieste di non continuare a fornire notizie oppure stornare i documenti delle intercettazioni del mostro di Firenze che detengo, ma sembra inutile, perchè un conto è essere minacciati da qualche mafioso, per difendermi dal quale posso rivolgermi allo Stato, altro conto è essere minacciato da chi nello Stato si nasconde, togliendomi tutti i riferimenti e facendomi terra bruciata intorno. a chi mi rivolgo?

Non ho chiesto io di trovarmi ad essere una sorta di testimone storico della tragedia del Moby Prince e dei delitti del mostro di Firenze, ho solo compiuto il mio dovere ed il mio lavoro, esimendomi di fare come tanti altri, di fregarmene e saltare sul carrozzone delle medaglie di cartone, perchè ognuno di noi prende un traghetto e tutti noi abbiamo amoreggiato in una macchina nascosti in un bosco; soprattutto perchè il mio senso dello Stato me lo ha impedito pur non essendo più un uomo dello Stato, ma sono un cittadino che forma lo Stato e non posso per questo solo delegare gli altri per la sua tutela, facendo finta di nulla, quando posso contribuire al rispetto delle regole.

Le chiedo dall'alto del Suo colle di osservare quanto accade intorno a Lei, di rivolgere ogni ascolto ai meno urlanti e soprattutto di porre fine a questo sfacelo di valori istituzionali causati non solo dall'inquinamento delle istituzioni stesse, ma anche dalla assoluta assenza di valori che uno Stato come il nostro merita di vedere rispettati, altrimenti crescerà solo mediocri cittadini singoli che formano solo una massa, e non un insieme di cittadini uniti che formano uno Stato, ove i suoi soldati si suicideranno per onore, perchè il suicidio, anche indotto, è una forma di rispetto fra soldati, non è un metodo subdolo mafioso di uccisione come appare, è un codice.

Coloro che mi consigliano il suicidio, come hanno fatto con altri, sono soldati e non sgherri.
Mi offrono paradossalmente l'onore di quel codice invisibile che abbiamo adottato nel corso del nostro lavoro, altrimenti potrebbero farmi fuori in ogni modo ed io non potrei farci assolutamente nulla nonostante le competenze e l'esperienza che ho in materia di sicurezza.
Questo è il dilemma che vivo. L'onore del suicidio come ultimo riconoscimento di un soldato diventato uomo, che ha donato la propria vita al rispetto di un valore, dello Stato prima e dell'Amore di mia moglie oggi.
Con osservanza Fabio Piselli

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Ho il mal di testa..

Piselli cita Gabriella Carlizzi e scrive
http://www.fabiopiselli.blogspot.com/

Desidero solo evidenziare che non ho operato mai in veste di agente segreto per nessun servizio segreto, italiano o americano, come invece adombrato erroneamante negli articoli di Gabriella Pasquali Carlizzi.

Ma sul sito della Carlizzi invece

http://www.lagiustainformazione2.it/mostro-di-firenze/

Domanda: Da quanto ho capito, in questa operazione sull’indagato eccellente, tu lavoravi su due fronti, quello italiano e quello americano?

Risposta: Hai capito bene, proprio così. D’altra parte non dimenticare che quanto è capitato allo scrittore americano, ha scatenato l’ira dei poteri deviati statunitensi, i quali fin dall’ini-on hanno perso una parola o un incontro o un interrogatorio, intorno a questa vicenda. I mezzi di cui loro si servono, noi nemmeno ce li sogniamo, in termini di tecnologia.

- - -

Nulla è come sembra o come dovrebbe essere o come dovrebbe sembrare che sia...

lestaat ha detto...

E dove sarebbe la contraddizione anonimo?

Anonimo ha detto...

Mi pare evidente.

Se ti riferisci al fatto che nell'intervista anzichè parlare di "agente" si parli di "fronte" mi pare irrilevante.

O no?

Anonimo ha detto...

credo che l'intervista della Carlizzi sia una sua interpretazioni dei colloqui avuto col Piselli. Lo stile delle risposte non mi sembra simile allo stile dle blog di Piselli. Questo era certamente al servizio di più fronti, i privati operano così ed a volte non possono rifiutarsi di farlo. Mi sembra importante il siginificato dell'appello di Piselli al Presidente, lui è solo uno dei tanti operatori, la domanda è quanti ce ne sono che non parlano

Jason Bourne ha detto...

ultimamente sono stati diversi i militari o ex militari che hanno scritto al presidente della repubblica, è una epidemia....

Anonimo ha detto...

http://www.disinformazione.it/moby_prince.htm

toh, c'erano diverse navi americane quella tragica sera...

pierluigi80 ha detto...

Un saluto a tutti.
In particolare alla Dott.sa Manfredi e all'Avv. Franceschetti.
Non voglio annoiarvi con i soliti complimenti: semplicemente mi unisco a quanti mi hanno preceduto.

Da qualche tempo sto seguendo il vostro blog (come anche altri da voi linkati) ed ho incominciato, come tutti voi, la ricerca della Verita' nascosta.

Proprio ieri mi sono imbattuto nel blog di Piselli.
E, incominciando ad essere diffidente nei confronti dell'informazione "tradizionale", lo sto diventando nei confronti di tutti.
Mi spiego.
Visto che Piselli, come afferma in questa lettera ed in altri post del suo blog, ha puntualmente denunciato alle Autorita' Giudiziarie tutti quei personaggi della zona grigia che, direttamente o indirettamente, gli hanno arrecato danni (di qualsivoglia specie), indicando anche i nomi e cognomi (ove gli e' stato possibile), non riesco a capire il motivo per il quale questi stessi nomi non vengono menzionati nel suo blog e nella lettera oggetto del post.
Se e' vero che ha segnalato tali nominativi alle Autorita' Giudiziarie, cade automaticamente il motivo (personalissimo e comprensibilissimo) di sicurezza personale e familiare, in quanto e' evidente come sia questo il (primo) momento di pubblicazione (nel senso di rendere pubblico) dei nomi e quindi, credo, il maggiore ostacolo e pericolo.
Se e' vero, come credo, che la via di un'informazione aperta, libera, completa (come questo ed altri blog realizzano pienamente) sia (purtroppo) la sola via per "difendersi" e per lanciare un messaggio che arrivi anche a persone non corrotte e non comandate da chicchessia, continuo a non capire il motivo di tale omissione.
Sapere i nomi e cognomi (ripeto, superato l'ostacolo personalissimo della prima pubblicazione di tali nomi), potrebbe servire a tutti coloro i quali non sono a conoscenza dell'implicazione degli stessi pur essendo a contatto, per fatti personali o professionali.

Un saluto e un ringraziamento anticipato per la vostra attenzione!

Anonimo ha detto...

per pierluigi 80

se ha fatto i nomi ci sarà una indagine in corso e se li rende pubblici compie un reato oltre che a danneggiare l'indagine

sono convinto che se potesse farlo, visto come scrive, farebbe i manifesti coi nomi di tutta sta gente accussi'....

pierluigi80 ha detto...

Grazie per la risposta, Anonimo.

Avevo preso in considerazione tale eventualita', ma, rileggendo i post di Piselli, egli parla di denunce effettuate molti anni fa.
Pero', e' vero, puo' essere una valida possibilita'.

Magari ho esagerato con l'ottimismo nei confronti della macchina giudiziaria...
E, ripensando ai tanti casi di cui discutiamo, non sembra nemmeno un'ipotesi tanto remota...

Anonimo ha detto...

...tutto è molto triste...
già, mi domando proprio quanti siano quelli come Piselli a non Parlare...chissà se dietro la morte di Pasolini non ci sia stato anche qualche burattinaio..lo stile in definitiva è sempre lo stesso...

saluti

Solange Manfredi ha detto...

ciao Pierluigi80,
ciò che dice Anonimo è corretto, vi possono essere motivi di opportunità per non fare i nomi. Spesso potrebbe essere assolutamente controproducente per la persona offesa (Fabio) ed un regalo insperato agli indagati.

Per Jason
Ultimamente molte persone si sono rivolte ad internet, e quindi all'opinione pubblica, per cercare di far sapere la verità e, in alcuni casi, sperare di salvarsi la vita. Il perchè è sotto gli occhi di tutti, nonchè trattato nei vari articoli, presenti e futuri, di questo blog.
il meccanismo è sempre lo stesso.

Anonimo ha detto...

Grazie a internet che ci permette di conoscere queste storie altrimenti non troverebbero spazio in nessun altra parte

geronimo ha detto...

conosco lo stato d'animo e l'amarezza che traspare nella lettera di Fabio Piselli . Conosco anche chi ha vissuto direttamente analoghe vicende.La soluzione, per altri, è stata scrivere un libro su cui riportare le verità.