domenica 30 dicembre 2007

Chiarezza sulla massoneria

Di Paolo Franceschetti e Solange Manfredi

Molto è stato scritto sulla Massoneria, ma pare continui ad esserci molta confusione sull’argomento. Il perché è semplice: la prima caratteristica dell’Ordine è il segreto, ed è inviolabile. In soldoni, dunque, non la si conosce. La cosa sorprendente è che non la conoscono neanche molti massoni. Mi spiego.



Premessa.

Ufficialmente la massoneria viene presentata come un Ordine Iniziatico a carattere esoterico al quale possono appartenere soltanto uomini liberi e rispettabili che si impegnino a mettere in pratica un ideale di pace, di amore, di fraternità. Un associazione che, tendendo al perfezionamento morale dei Fratelli, si propone di conseguire quello della intera umanità:“La loggia massonica, iniziandovi ai suoi misteri, vi invita a diventare uomini d’elite, saggi o pensatori, educati al di sopra della massa degli esseri che non pensano….l’uomo si distingue dal bruto per le sue facoltà intellettuali. Il pensiero lo fa libero: gli dà il dominio del mondo. Pensare è regnare”[1]

Ammessi alla massoneria sono solo gli uomini dai 21 anni in su. Vi sono comunque organizzazioni disponibili per i parenti degli iniziati. Tra queste:

- l'Ordine della Stella dell'Est per le mogli;
- l'Ordine di De Molay per i figli dai 12 anni;
- l'Ordine delle figlie di Job e dell'Arcobaleno per le figlie dai 12 anni.

La Massoneria è strutturata in modo gerarchico.

Il cammino personale dei fratelli procede per gradi, e ad ogni livello di iniziazione l’adepto riceve l’insegnamento di verità superiori.

Gli adepti privilegiati, o riconosciuti degni, vengono poi iniziati alle dottrine più segrete ed occulte[2].

I progetti e i fini sono quindi comunicati solo al grado in cui ci si trova e, visto che usano il linguaggio dei simboli, sono comprensibili solo a seconda del proprio grado.
Questa struttura comporta una conseguenza immediatamente percepibile: chi aderisce a questa associazione lo fa senza conoscerne praticamente nulla, poiché la verità, o lavoro massonico, che poi è il fine stesso dell’associazione, viene conosciuta solo dagli adepti ai gradi più alti.

Non a caso una delle più grandi autorità massoniche Albert Pike[3] ebbe a dichiarare che tutti i massoni di grado inferiore al 32° vengono intenzionalmente ingannati mediante false interpretazioni.

Tale premessa è importante perché questo articolo parte dal presupposto, fondato, che molte persone che a questa associazione appartengono o si avvicinano, effettivamente non la conoscano completamente.
Facciamo subito un esempio affinché, anche alcuni massoni, possano subito rendersi conto di quanto poco sappiano sulla loro associazione.

Molti massoni sono assolutamente ignari che al di sopra delle Logge, dei Templi, dei Grandi Orienti e dei Riti esista da sempre una Direzione Iniziatica Universale. Cosa sia questa Direzione Iniziatica Universale ce lo spiega il massone Serge Raynaud De La Ferriere: “…una Massoneria ed un Grande Oriente Universale di carattere esoterico, il cui Consiglio Superiore, composto di veri Iniziati, riceve la linea direttiva dai propri Santi Santuari Esoterici, per subito trasmetterla attraverso intermediari, ad organismi sempre più esoterici. Siamo certi che la maggior parte dei Fratelli massoni si stupirà di questo non avendo mai sentito parlare di tale Direzione Superiore…Questa Direzione Mondiale organizza ed istruisce le varie Associazioni Segrete… Il massone “medio” incontrerà alcune difficoltà nel comprendere…I veri Grandi Maestri non sono sempre coloro che appaiono rivestiti di tutta l’autorità; dietro i poteri rappresentativi, dei titoli e delle funzioni ci sono i Patriarchi, i veri Venerabili, le Potenze che dirigono contemporaneamente tutti i riti del mondo, perché sono veramente alla testa della Massoneria Universale[4].
Questo è un piccolo esempio.
La maggior parte dei massoni non sa di questa Direzione Mondiale (non stiamo parlando della Gran Loggia di Inghilterra), né sa dove sia, né dove siano dislocati nel mondo i c.d. “intermediari” (altrimenti non avrebbe destato sorpresa la scoperta di un archivio di Gelli a Montevideo), ecc…
Faccio notare come, proprio nel passo sopra citato, un massone scriva ad altri fratelli definendo la massoneria una “associazione segreta” e non certo riservata!!!
La domanda da porsi ora è: ma quelli che sono ai gradi più alti sono i migliori?
La risposta la lasciamo all’ex Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Giuliano Di Bernardo che ci spiega anche il perché: “I migliori spesso stanno in basso, in un angolo, non vengono mai portati su. Perché sono pericolosi”.
In massoneria vi sono brave persone. Sono uomini che credono fortemente nei principi enunciati dall’associazione, nella crescita personale e sperano in una società migliore.
Proprio questi “fratelli” sono i primi ad essere ingannati, ma ingannati sino ad un certo punto. Ecco il perché.


Giuramento e Leggi.

Per entrare in massoneria si deve prestare un giuramento.

Il giuramento massonico di affiliazione, che deve essere prestato sul Volume della Sacra Legge[5] (V.S.L.), è il seguente: “Liberamente, spontaneamente, con pieno e profondo convincimento dell’animo, con assoluta e irremovibile volontà, alla presenza del Grande Architetto dell’Universo, prometto e giuro di non palesare giammai i segreti della Massoneria, di non far conoscere ad alcuno ciò che mi verrà svelato, sotto pena di aver tagliata la gola, strappato il cuore e la lingua, le viscere lacere, fatto il mio corpo cadavere e in pezzi, indi bruciato e ridotto in polvere, questa sparsa al vento per esecrata memoria di infamia eterna. Prometto e giuro di prestare aiuto e assistenza a tutti i fratelli liberi muratori su tutta la superficie della terra, prometto e giuro di consacrare tutta la mia esistenza al bene e al progresso della mia patria, al bene e al progresso di tutta l’umanità, prometto e giuro di adempiere ed eseguire tutte le leggi, i regolamenti e le disposizioni tutte nell’Ordine e di portare ossequio e obbedienza alla suprema autorità e a tutti quanti sono i miei superiori. Prometto e giuro di conservarmi sempre onesto, solerte e benemerito cittadino ossequiente alle leggi dello stato, amico membro della mia famiglia e massone per abbattere sempre il vizio e propugnare la virtú. Prometto e giuro di non attentare all’onore delle famiglie dei miei fratelli. Finalmente giuro di non appartenere ad alcuna società che sia in opposizione con la libera massoneria, sottoponendomi rispetto alle pene personali piú gravi e terribili”.
Come si può notare dalla lettura del testo si tratta di un giuramento molto forte che, seppur a livello simbolico (ma sappiamo che il simbolo per il massone riveste una importanza fondamentale), è un giuramento di morte con cui si promette:
- di non rivelare giammai quanto ti verrà rivelato;
- di prestare aiuto e assistenza a tutti i fratelli;
- di adempiere ed eseguire tutte le leggi, regolamenti e disposizioni dell’Ordine;
- di non appartenere ad alcuna società che sia in opposizione alla libera muratoria.

Il giuramento presenta implicazioni di non poco conto. Vediamo perché.
Il giuramento (ricordiamo: liberamente, spontaneamente e volontariamente prestato) prevede che il fratello prometta, tra le altre cose, di adempiere ed eseguire tutte le leggi, regolamenti e disposizioni dell’Ordine. Ovviamente la maggior parte di tali leggi, regolamenti ecc…sono segrete per i profani, ma i massoni le conoscono benissimo.

Ad esempio il massone sa benissimo che le Costituzioni dell’Ordine non danno il diritto di espellere i fratelli indegni.

Allora perché risentirsi delle critiche che vengono mosse contro la loro associazione?
Perché affermare che “non si può fare di tutta un’erba un fascio” quando proprio le loro Costituzioni non prevedono l’espulsione dei delinquenti?
Né si può dire che solo negli ultimi anni la massoneria abbia avuto una particolare infiltrazione di uomini senza scrupoli tra le sue “fila”, se già nel 1898 il massone Felice Cavallotti ebbe a dire: “non è vero che tutti i massoni sono delinquenti, ma non ho mai conosciuto un delinquente che non fosse anche massone”.
Ma c’è di più.


Tribunale massonico.




Premettiamo che all’interno della massoneria vi è un Organo giudicante simile all’organo giudiziario dello stato.
Se un massone viola una legge massonica (si macchia di qualche colpa nei confronti di altri fratelli) questo viene denunciato (con tavola d’accusa) al Tribunale massonico.
Vi sono anche qui tre gradi di giudizio (con tanto di previsione delle Sezioni Unite) ed, a livello procedimentale, è simile al processo penale: competenza territoriale, connessione, ecc….
Ovviamente le leggi massoniche sono differenti dalle leggi dello stato, come anche le condanne.
In soldoni se la cantano e se la suonano tra di loro. Bene, nulla di male, vi sono diverse organizzazioni strutturate in modo analogo, si pensi al tribunale sportivo: se commetti un illecito sportivo ti giudicherà il tribunale sportivo.

Ma la domanda è: se un massone commette un reato penalmente rilevante che succede?
La domanda è lecita, la risposta imbarazzante, ma illuminante: nulla!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Prima di spiegare meglio questo punto, però, vi racconto una storia (ma ne potrei raccontare anche tante altre, sempre naturalmente con tanto di documentazione) e poi vi dico cosa ha deciso, con sentenza a Sezioni Unite, il Tribunale massonico.

Un giorno un massone viene a sapere che il Gran Maestro avrebbe chiesto ed ottenuto tangenti su affari “profani” di interesse dei Fratelli. La cosa lo sconvolge e, alla prima riunione, si rivolge al Gran maestro con queste parole: “E perciò Fratello XXX, tieni ben presente, almeno questa sera, che le tue risposte ai quesiti che ti verranno posti dovranno essere assolutamente veritiere, chiare e non equivoche e possibilmente documentate e documentabili in modo incontrovertibile. Perché potrei io stesso un giorno essere chiamato dal giudice Vigna a rendere testimonianza, o prendere io stesso l’iniziativa per essere chiamato da tale giudice a testimoniare; e riferirei dettagliatamente le risposte da te date qui, chiamando, ove occorresse, a testimoniare altri illustri fratelli qui presenti questa sera e pronti a servire, come sempre, la verità e la giustizia”.




Ovvero, come si dovrebbe fare tra uomini liberi, rispettabili ed onesti, venuto a conoscenza di un fatto penalmente rilevante commesso da un fratello, chiede a questi chiarimenti.
Vi domandate cosa è successo?
Ve lo raccontiamo noi.
Il malcapitato che aveva chiesto informazioni è stato denunciato al Tribunale massonico e, dopo tre gradi di giudizio, con sentenza del tribunale del Grande Oriente d’Italia, del 28/X/1978, Corte Centrale a Sezioni Unite, viene espulso dalla massoneria con la seguente motivazione:

di avere, nella riunione del collegio circoscrizionale dei MM. VV. del Lazio, apostrofato con arroganza il Gran Maestro ….., minacciandolo di adire il giudizio profano, violando così anche il principio n. 1 Cap. IV degli Antichi Doveri”.

Ora possiamo, finalmente, capire qualcosa in più.
Le costituzioni dell’Ordine non prevedono che possa essere espulso un delinquente, ma un uomo onesto pronto a dire quello che sa alla magistratura si.
Questo perché chi entra in massoneria giura di non riconoscere legittimità al Tribunale profano (ovvero l’organo giudiziario previsto dalla Costituzione italiana), considerato indegno di giudicare i fratelli, uomini illuminati.
In altri termini: un massone non può neanche minacciare di adire l’Organo Giudiziario previsto dalla nostra Costituzione. E chi viola questo dovere viene punito nella maniera più dura.
Tra noi profani tale comportamento viene definito, nel migliore dei casi, omertoso (L'omertà è l'atteggiamento di ostinato silenzio atto a non denunciare reati più o meno gravi di cui si viene direttamente, o indirettamente a conoscenza), e mal si concilia con persone che pretendono di presentarsi al mondo come persone libere, rispettabili che tendono al perfezionamento morale.
Con tale giuramento come sorprendersi che tanti aspiranti delinquenti vedano come un Eden la vostra associazione e facciano a gara per entrarvi? Sanno infatti che qualsiasi cosa gli altri fratelli vengano a sapere, non possono cacciarli e non possono denunciarli. Un paradiso per chi vuole delinquere.
Ancora una volta riportiamo un esempio importante.

Nel 1992 il procuratore Agostino Cordova apre un’inchiesta sulla massoneria. Gran Maestro in quegli anni è il prof. Giuliano Di Bernardo. Cordova gli chiede di collaborare e Di Bernardo, avendo visto che gli addebiti dell’inchiesta non erano fantasia (connessioni tra mafia, ‘ndrangheta e massoneria) acconsente fornendo al Procuratore gli elenchi degli iscritti. Ha tradito.

Vediamo cosa gli è successo dopo.

Cosa è successo lo dice Di Bernardo. Il 14 aprile 1993 in una riunione dei membri di Giunta del Grande Oriente pronuncia le seguenti parole:
Volevo comunicarvi le mie decisioni. Ho ricevuto minacce gravissime e con me tutta la mia famiglia. Ho visto mia madre piangere per l’inquietudine che avevano suscitato in lei quelle minacce. Ne hanno ricevute mia moglie ed i miei figli. La mia famiglia è spaventata e vive in costante angoscia. Ho quindi deciso di dimettermi”. (v. il libro di Pinotti, Fratelli d’Italia, a pag 63).

Ha collaborato ad una inchiesta giudiziaria che coinvolgeva dei “fratelli” e per costringerlo ad andarsene sono arrivati a minacciare la sua famiglia, figli compresi.
Non c’è da stupirsi.
Come abbiamo visto le leggi della massoneria permettono una protezione che non ha eguali tra le associazioni lecite per i criminali.
Una società può funzionare solo se tutti i cittadini fanno il loro dovere. Non vi può essere polizia, esercito o altro che possa sostituirsi al controllo sociale. E che controllo può esservi se un gruppo di uomini che, purtroppo, spesso si trova ai vertici del potere, è vincolato da un giuramento di omertà?
Ma questo chi entra in massoneria lo sa bene. Anzi, diciamola tutta, molti entrano proprio per questo!

IPOTESI DI REATO.

Ed ora un ultima domanda: tale giuramento, ovvero quello di non riconoscere legittimità all’Organo Giudiziario previsto dalla Costituzione italiana, potrebbe integrare un’ipotesi di reato?
A mio parere si.
Pensiamo ai massoni che svolgono una professione che li obbliga a prestare il giuramento di osservare e rispettare la Costituzione. Questi, a nostro parere, commettono un reato solo prestando il giuramento per l’ingresso in massoneria.
Si pensi a tutti i militari.
Il giuramento militare recita: “Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservare la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina ed onore tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni”.
Nel codice penale vi è l’art. 266. Istigazione di militari a disobbedire alle leggi, che prevede: “Chiunque istiga i militari a disobbedire alle leggi o a violare il giuramento dato o i doveri della disciplina militare o altri doveri inerenti al proprio stato, ovvero fa a militari l'apologia di fatti contrari alle leggi, al giuramento, alla disciplina o ad altri doveri militari, è punito, per ciò solo, se il fatto non costituisce un più grave delitto, con la reclusione da uno a tre anni”.
E tutti quei fratelli che, pubblici ufficiali, hanno l’obbligo, venuti a conoscenza di un reato, di sporgere denuncia?
Il reato poi, permanendo il giuramento e l’affiliazione massonica, è permanente, ovvero non soggetto a prescrizione.
Ma anche i massoni che non svolgono una professione soggetta a giuramento, probabilmente commettono un reato. Esiste infatti nel notro ordinamento la figura del concorso morale nel reato.
Esiste quindi un reato associativo ai sensi dell’articolo 416 del codice penale. Conoscono il fratello, la professione ed il giuramento fatto. Magari lo presentano, partecipano alla sua iniziazione, sanno che giurando commette un reato, e proprio loro, gli altri fratelli, partecipano e gli danno la sicurezza della copertura a tale reato (un massone può decidere di dire che è massone, ma ha giurato di non fare mai il nome di un altro fratello).

Conclusione.
Quanto sino ad ora detto, se poteva essere ignoto ai profani, è perfettamente chiaro e conosciuto ai massoni. Anche quello ai gradi più bassi.
Ripeto. Sono sicura che tanti massoni siano brave persone, ma è anche vero tutti hanno accettato di entrare in una associazione ove sapevano perfettamente che non è possibile né cacciare, né denunciare i delinquenti. In una associazione in cui giurano omertà.
Se veramente i massoni onesti vogliono essere riconosciuti come tali, e vogliono chiudere le loro porte ai delinquenti, si rifiutino di giurare loro appoggio e protezione.
Non ci vuole molto. Basta cambiare una legge. Basta prevedere che il massone, venuto a conoscenza di un reato compiuto da qualsiasi cittadino, massone o no, sia obbligato a denunciarlo alla Procura della Repubblica.
Ora ci rivolgiamo, a voi iscritti in massoneria. Voi tutto questo non lo fate; continuate a mantenere leggi che:
- prevedono l’espulsione del fratello che venuto a conoscenza di un reato chiede spiegazioni e dichiara di essere disponibile a collaborare con la Procura della Repubblica per “servire la verità e la giustizia”;
- non riconoscono un organo previsto dalla costituzione
- non prevedono mezzi per espellere i delinquenti, così che per voi sia accettabile sedere accanto a ladri, truffatori, assassini, magari chiamandoli “venerabile”
Se continuerete a fare tutto questo, allora vi preghiamo vivamente di non indignarvi per le critiche mosse alla vostra associazione e di mantenere, questa volta si, un decoroso silenzio.


[1] Osvald Wirt, La massoneria resa comprensibile ai suoi adepti I l’apprendista, edito da Atanor Roma 1997, pg. 5
[2] Jean Marie Ragon, massoneria occulta ed iniziazione ermetica, edito da atanor 1972, pg. 21
[3] (1809-1901), "Sovrano Gran Comandante del Concilio Supremo del Sud della massoneria Scottish Right" scrisse "Morali e Dogmi dell'Antica e Accettata Scottish Rite della massoneria per il Concilio supremo del 33esimo Grado
[4] Serge Raynaud De La Ferriere, il libro nero della framassoneria, edito da Tarantola editore, Lugano pg. 15
[5] che, quindi, nelle logge cristiane è la Bibbia, nelle logge musulmane il Corano, nelle logge braminiche Vedas, nelle logge ebraiche il Pentateuco ebraico, ecc.

52 commenti:

Anonimo ha detto...

mirko, 19 anni, studio giurisprudenza.
Le lascio un paio di domandine a cui non trovo risposta.
Se forzanuova è anti-massone,ciò m porta a pensare che anche Hitler e Mussolini lo fossero.
Ciò che li ha distrutti, quindi, è la massoneria.
Possiamo considerarli quindi dei pionieri della battaglia anti-massone che tanti "visionari" e "complottisti" stanno cercando di iniziare?
Che legame c'è fra gli ebrei e la massoneria?
La bandiera dello stato d'israele è una bandiera massone, o no?
Beppe Grillo è un massone solo da quando la casaleggio associati si "occupa" di lui o lo era già?
Se la massoneria esiste e comanda,e lo fa in maniera segreta,a quale scopo ci lascia tracce ovunque?Monumenti, simboli di multinazionali, film, quadri e chi più ne ha più ne metta, sono pieni zeppi in tanti casi di simboli riconducibili alla massoneria...perchè?Sono fanatici, vogliono restare in segreto ma allo stesso tempo ricordarci che esistono o cosa?
E perchè dar modo a libri stravenduti e film campioni di incassi di darci tanti indizi per iniziare la "ricerca della verità"?
ne avrei un altro migliaio, per il semplice fatto che a 19 anni, non ho ancora deciso a chi e cosa credere e penso che non ci riuscirò mai.Mi piacerebbe tanto poterle parlare...auguri per il 2008!

Paolo Franceschetti ha detto...

Mamma mia...

e mano male che erano un paio di domandine.
Manca la domanda "qual è il senso della vita" e poi ci sono tutte.

In attesa di aspettare la risposta di Solange, che venendo da padre massone del 51 grado ne sa molto più di me, ti giro la mia risposta sulle domande più semplici.

Beppe Grillo credo sia massone da poco. E' la mia sensazione, ma è una sensazione soggettiva e come tale può essere sbagliata è che non si sia reso conto del gioco in cui è entrato.

Le tue domande sono molto intelligenti e dimostri di essere più maturo dei tuoi 19 anni.
Quindi, in attesa della risposte più dettagliate di Solange, ti dico questo.

Prima di tutto puoi venire a parlarmi quando vuoi. A gennaio, incidenti permettendo, sono abbastanza libero. Abito a Viterbo e il mio studio è li. I miei numeri sono sull'elenco e il cellulare è 3332888977.

Tieni presente però che non devi scegliere a chi e a cosa credere. Ciascuno porta un pezzo di verità.
E tu devi farti un'idea da solo, su ogni cosa.

Come dico nel mio pezzo sull'Harley Davidson, e ne sono convinto, anche Riina dice cose giuste. Anche Gelli. Ma nessuno ha mai detto solo cose giuste da poterlo seguire ciecamente.
Tranne forse Budda e Gesù.

Anonimo ha detto...

avvocato sono con lei.
le chiedo di spiegarci un paio di cose. com'è che la costituzione italiana e le leggi , perlomeno quella del codice civile e quella del codice penale originali sembrano essere immuni da contaminazioni massoniche.
altra cosa. in questo ultimo post lei parla della espulsione come della più grave sanzione. avevo capito che si poteva incorrere in qualche punizione più grave preceduta o meno da minacce verdi..
e poi come diceva l'anonimo che mi ha preceduto questa sera, com'è che sia possibile pubblicare saggi sull'argomento presso le case editrici piùimportanti del paese?

neworld ha detto...

salve, è la prima volta che visito il suo sito ma già avevo letto un pò di suoi articoli su disinformazione. ho gia linkato il suo blog nel mio e mi farebbe piacere se contraccambiasse( sempre se le piace)il mio blog è: http://abitofworld.blogspot.com/

inoltre colgo l' occasione per farle una domanda: è possibile sconfiggere questo sistema massonico mondiale o è troppo tardi? servirebbe un vday contro la massoneria?

Anonimo ha detto...

Mo' mamma.....

NON sono massone , ma negli ultimi anni ho letto moltissimo a proposito, sia su libri che su internet, e "credo" di avere capito una cosa fondamentale:

"SE ESISTE EFFETTIVAMENTE UN SEGRETO MASSONICO, COL CAVOLO CHE LO TROVIAMO SCRITTO DA QUALCHE PARTE"

Massoni di 51° grado? Basta girare per internet per vedere cosa sono i RITI...
Quello scozzese TERMINA col 33°...

Sono quindi TUTTE massonerie?

Be' anche la bocciofila del mio paese e' una massoneria, in fondo, se con tale termine si vuole definire ogni associazione di qualunque genere che abbia anche caratteristiche di mutuo soccorso...

MI perdoni, anche io da giovane ho letto molto i fumetti della Marvel (Stan Lee) pero' in quelli Kingpin era un cattivo mafioso, e non faceva comunella con Spiderman...

PEnso anche io che ci siano gruppi di "furbetti del quartierino" che lavorano su scala mondiale, pero' credo che il motivo sia sempre UNO SOLO:
I SOLDONI...

Che poi questi gruppi si alleino o si combattano dipende solo dagli interessi in ogni preciso momento storico...

CI pensi: se veramente la Massoneria comanda il mondo, i Cinesi (e gli Indiani) che ne pensano?

Anonimo ha detto...

mi piacerebbe moltissimo incontrarla a gennaio, spero che gli studi non mi vietino di trovare il tempo per cogliere quest'occasione(ho il mio primo esame,diritto costituzionale,a febbraio e il mio professore è il preside della facoltà di giurisprudenza dell'universisità federico II a napoli.confesso di averne paura!)in ogni caso la ringrazio per i suoi complimenti, è bello parlare di massoneria senza dover essere appellato come paranoico o "fissato".grazie mille.mirko

Anonimo ha detto...

la bocciofila? i furbetti del quartierino interessati 'solo' ai soldoni?
ma che modo di pensare e di giudicare. anche al camorra allora è una bocciofila...ogni tanto ci scappa il morto e qualcuno è taglieggiato si, ma in fondo..anche il compagnetto di classe di mio figlio pretende che gli si paghi un euro al giorno e che sarà mai...
notevole anche la domanda finale, quella che dovrebbe chiudere definitivamente la diascssione. arguta.

Anonimo ha detto...

non sono esperto di diritto, ma da quel poco che conosco mi sono fatto la mia idea

credo che per i massoni la costituzione italiana, come quella di altri paesi, stia al livello primario delle fonti del diritto...cioè derivi dalla loro costituzione...quindi in quanto élite creatrice, la massoneria, si pone tranquillamente al di sopra di esse

è da qualche tempo (pochissimo in realtà) che sto cercando di capire qualcosa sulle società segrete esoteriche...e ad essere sinceri ho più dubbi di prima

le loro manifestazioni a mio avviso sono atte a confondere e a mistificare...scoprire la verità potrebbe essere impossibile...arrivare in cima impensabile

ma riuscire ad arrivare al perchè, credo sia possibile ed importante e potrebbe portarci molto lontano...io nella mia vita o sempre ragionato in modo logico e per compartimenti stagni, e questa realtà mi sfugge davvero

l'etichetta di visionario paranoico mi viene attaccata spesso e da tutti...anche da chi mi conosce e apprezza per quello che sono

alcune parole del post sull'harley si avvicinavano parecchio a quella che è la mia esperienza...non so se credere o meno in te, ma come hai ben detto ognuno è portatore di un pezzetto di verità...mi piacerebbe molto comprendere la tua.

fedita ha detto...

la sparo li... hitler e mussolini erano massoni pure loro (prima che venissero scaricati, come tutti i dittatori attuali) facevano affari con gli angloamericani

per quanto riguarda beppe grillo... massoni si nasce o si diventa? secondo me si nasce (non ho dubbi sull'importanza della discendenza) ma si diventa (chi dimostra di avere delle doti che possano essere funzionali alla causa massonica) come beppe grillo. detto questo non credo che beppe grillo sia giustificabile lasciando aperta l'ipotesi che non si renda conto-si rende conto, figuriamoci (idem per santoro, travaglio e scommetto luttazzi...)

infine un ultima impressione: credo che la massoneria sia uno degli strumenti per l'esercizio del potere ma non l'unico. Sezionare il problema con tecnica riduzionista non aiuta a capire le dinamiche spesso non riducibile a catene di causa/effetto (e se anche ci fossero sarebbero così lunghe che ricostruirle sarebbe impossibile)

fa ha detto...

non che l'argomento non si presti, anzi. se si parla di massoneria, si parla di templari di gnosticismo esoterismo e si va a finire con gli ufo etc. ma così credo si faccia il gioco di chi accusa l'avvocato di avere le allucinazioni e ci si distanzia dagli argomenti che i primi articoli sul tema pubblicati su altalex avevano tanto bene precisato. si annacqua tutto. e a dire il vero la zappa sui piedi se la da lei stesso, avvocato, con link al suo blog che trattano di tanti argomenti più o meno circostanti e piuttosto fantasiosi. perchè non circoscrive di nuovo tutto alle cose serie che le competono, come i discorsi su bce, massoneria nostrana, inchieste forleo e demagistris et similia? mi sembrerebbe cosa più degna di attenzione e più pericolosa per chi viene da lei citato. umilmente, un suo lettore

Solange Manfredi ha detto...

La massoneria è un fenomeno complesso e poco conosciuto, come abbiamo cercato di spiegare nell'articolo.
La confusione è tanta e... spesso volutamente creata.
I meccanismi con cui opera sono però sempre gli stessi. Sono sempre gli stessi perché non sono ancora stati riconosciuti. E si sa...ciò che funziona non si cambia.
Ciò che cerchiamo di fare con questo blog è proprio questo: mettere in evidenza questi meccanismi.
Un articolo deve stimolare la curiosità, collegare fatti "apparentemente" distanti, aprire la strada a nuovi modi di vedere le cose.
Inoltre ciò che ci preme è cercare di capire, con voi, cosa succede oggi, non 100 anni fa. Altrimenti si rischia di partire sempre da ciò che è stato senza mai arrivare a capire ciò che è adesso. E sarebbe un errore.
Altro errore poi sarebbe non collegare fatti apparentemente distanti. Fissarsi sul particolare non permette di capire il generale.
Rispondere alle vostre domande in poche righe non è possibile e, temo, aumenterebbe la vostra confusione. Inoltre il problema oggi non è sapere se i gradi finiscono al 33° (ci sono molti riti con diversi numeri di gradi), se Hitler e Mussolini erano massoni, o altro. Il problema è cercare di capire in che modo operano oggi. E questo stiamo cercando di fare insieme a voi.
Buon anno.

Paolo Franceschetti ha detto...

Salve ragazzi. Le domande sono tante.

Cominciamo da anonimo di 19 anni. Puoi venire a gennaio, febbraio, o quando vuoi. Non preoccuparti. Il tempo lo abbiamo.

Agli altri... Hitler mussolini, gli ebrei... vi devo dire che ho letto alcune cose ma quando le leggo non me le ricordo e mi annoiano anche.
Come ha detto Solange, io cerco di capire cosa è la massoneria oggi. Cosa era un tempo, francamente, mi interessa poco.
Anche perchè essendo una società segreta, in realtà il poco che viene alla luce spesso può essere falso.

Ad esempio la Rosa Rossa è senz'altro un associazione massonica potentissima e segreta. Ma non sarà l'unica ce ne saranno altre di cui magari il nome neanche si sospetta.

Pensate che quando ho fatto l'articolo sul mostro di Firenze ho accennato alla Rosa Rossa, ma non immaginavo che avrei scatenato un putiferio perchè era tutto vero. Pur sapendo che il padre di Solange apparteneva a questa associazione, tuttavia pensavo di scrivere una cosa abbastanza innocua.
Neanche immaginavo di aver ricevuto invece lettere di condanna da questa associazione.

Ad esempio analizzando la lettera, si scoprono diversi messaggi in codice.
Alcune persone si sono offerte di decriptarla insieme a me, ma non mi interessa.
Il fatto di aver ricevuto la condanna, e di essere scampato all'esecuzione (presumibilmente il giorno in cui a me partì lo sterzo della mia moto, e a Solange, nello stesso momento, la ruota della sua) mi è sufficiente.

Per fa... i link che ho citato nel mio blogo possono apparire fantasiosi.
Ma scartare una realtà e bollarla di fantasia senza approfondirla è un errore grave, perchè talvolta la realtà supera questa fantasia.

Scusate se torno sul fatto del giudice e di questa benedetta condanna ma voglio usarlo ancora come esempio... è la cosa che mi ha sconvolto di più in tutta questa storia, perchè si trattava di un giudice che mi ispirava una fiducia infinita.
E qui la realtà supera di gran lunga la fantasia...

E la supera così tanto che arrivo a dire a me stesso che mi piacerebbe scoprire di essere visionario, si...
Della Rosa Rossa ne avevo sentito parlare me pensavo fosse un po' una fantasia...
Mi dicevano che parlava per simboli, che i suoi appartenenti scrivono libri per comunicare tra loro. Avevo sentito parlare di libri come il nome della Rosa, o lettera alla madre sulla felicità di Bevilacqua, o altri ancora, che contenevano messaggi. Non pensavo fosse tutto finto, ma ho sottovalutato la cosa.
Quando mi arrivò quella lettera del giudice di cui parlo nel mio pezzo, non notai le stranezze che conteneva e se era per me la avrei pure buttata.
Non notai che conteneva segni e simboli identici a quelli di altre lettere che Solange riceveva in passato da altri personaggi.
Altrimenti forse mi sarei accorto.

Ora, ignorare qualcosa è pericoloso. La massoneria parla per simboli ed è molto esoterica, e ignorare queste due realtà significa non poterla combattere.

Capisco che alcune cose possnao sembrare fantascientifiche. Capisco che l'esoterismo può annoiare, come annoia me.
Purtroppo però per capire queste società segrete bisogna imparare a leggere ciò che è nascosto, ossia occulto..

In caso contrario è come combattere la mafia senza conoscerne il linguaggio e l'organizzazione.

E se scende un ufo nel giardino, e vostro figlio viene a dirvi "papà c'è un ufo in giardino che ti vuole uccidere" non dite subito che è una sciocchezza.

Perchè se l'UFo poi non c'è tanto meglio. Ma se c'è morite senza neanche accorgervene.
E la storia della lettera di condanna, è nient'aòtro che la storia di un ufo. L'ho ricevuta e stavo per buttarla, e ho ignorato ciò che mi avevano detto perchè mi pareva fantasioso. E questo stava per farmi fare una brutta fine.
E se fossi morto non avrei neanche avuto la soddisfazione che si sapesse la verità perchè sarebbe sembrato un banale incidente.

Caro anonimo, purtroppo anche io ho ragionato spesso in modo razionale e per compartimenti stagno. Ma devo imparare a non farlo più.

Buon anno a tutti.

ilcaietanopiluso@virgilio.it ha detto...

Carissimo Paolo pagina molto interessante, ma che contiene alcune imprecisioni.
Per prima cosa il Massone prende un solenne impegno, e non un giuramento ( già da parecchi anni peraltro ), e tra l'altro deve impegnarsi a non commettere
o favorire atti o comportamenti contro la legge del paese che ti ospita.
Altra imprecisione è relativa alla non espulsione o sospensione, nel Grande Oriente d'Italia basta avere un avviso di garanzia e la sospensione è automatica.
Riguardo i gradi superiori come il Rito Scozzese, posso tranquillamente affermare che è una nave che stà andando in secca, non offre quasi nulla per la
crescita personale è ricettacolo di scarso pensiero ed ancora piu' scarsa filosofia, e l'apparato simbolico è per lo piu' sconosciuto ai propri membri.
Chi vuole il Vero Perfezionamento e la Vera Strada ha i tre gradi delle così dette Logge blu ( apprendista, compagno e maestro ) e il volume della Legge Sacra ( Bibbia e Nuovo Testamento ).

Sono svariati lustri che sto' in Loggia e vedendone i personaggi, nessuno mi ispira l'idea di mega complotti universali, piuttosto molteplici personaggi ( magari massoni o ex massoni ), hanno preso ispirazione dalla Massoneria per fare cose che con la Massoneria non hanno nulla a che vedere. Certo chi vive al di fuori dell'ambiente è portato a credere altrimenti.
Molti Gran Maestri, poi mirano all'appannaggio mensile che grosso modo è da dirigente di grande industria, perdonami ma conoscendo personalmente i vari personaggi mi viene un po' da ridere ( perchè al massimo mi ricordano il mago Donascimineto ), effettivamente il livello base non è invece composto da cialtroni, ma da gente in massima parte attirata da un percorso di arricchimento spirituale purtroppo precluso dalle vie piu' comuni; un aliquota di furbetti del quartierino è comunque e purtroppo sempre presente.
Purtroppo nel mondo pseudo massonico e Massonico tanti, e forse troppi, sono i gradassi ed i turlupinatori, che ne sparano a piu' non posso, quelli che sono i veri Maestri difficilmente parlano in pubblico e meno che mai con i giornalisti, chi vuole intendere intenda.

Un caro saluto con sincera stima
ilcaietanopiluso maestro venerabile

p.s.
Hitler probabilmente faceva parte di una catena controiniziatica della così detta società di Thule ( simboli diabolici ecc. vedi la svastica contraria alla savastica ), Mussolini provò ad entrare ma venne giustamente considerato non adatto, e buona parte delle Massonerie sudamericane sono considerate irregolari. A proposito la storiella del segreto Massonico e della sua impenetrabilità è simile a quello di voler spiegare a parole, o con un ponderoso saggio, il sapore di un piatto di spaghetti alla amatriciana a chi non ha mai magiato nè spaghetti nè l'amatriciana.
Sono a vostra disposizione per qualsiasi domanda.


BUON 2008 !!!

Solange Manfredi ha detto...

Caro Maestro Venerabile, in Italia siamo abituati, purtroppo, a veder cambiare le parole senza che ne sia modificata la sostanza. Qualche anno fa, dopo l’attenzione giustificata della stampa e della magistratura nei confronti della massoneria, l’associazione ha tentato l’escamotage di cambiare il termine: da giuramento a “promessa solenne”. Non cambia niente, come non cambia chiamare un cieco non vedente o uno spazzino operatore ecologico.
Da quanto scrivi immagino tu appartenga ai “molti” che credono nei principi enunciati dalla Massoneria e fa “veramente” i lavori di Loggia. Purtroppo siete proprio voi i primi ad essere utilizzati in modo strumentale dai “molteplici personaggi” che vengono iniziati all’orecchio, “esentati” dai riti e non si vedono nelle logge. Questo comporta anche che, la sospensione di cui tu parli (io ho centinaia di pagine di sentenze massoniche ove tra i giudici compaiono persone che hanno ricevuto ben più di un avviso di garanzia) non crei a costoro alcun problema

Inoltre sai perfettamente che, anche qualora il massone venga sospeso, espulso o entri in sonno (altro frequente escamotage) questo non viene liberato dagli obblighi e privilegi principali citati nell’articolo, con le inevitabili conseguenze. Alcune di queste conseguenze le vedremo nei prossimi articoli ove tratteremo alcuni dei più gravi fatti, di sangue e non, accaduti nel nostro paese e proveremo a leggerli con i dati in nostro possesso.

Credo tu possa concordare con me che i livelli più bassi della massoneria, composti da persone per bene, sono purtroppo la copertura migliore per i delinquenti, sempre pronti a nascondersi vigliaccamente dietro le spalle dei primi protetti dal giuramento di aiuto e omertà. Ed è questo il problema.

Un’ultima annotazione. Tu affermi: "Certo chi vive al di fuori dell'ambiente è portato a credere altrimenti". Ma non è forse vero che, spesso, proprio chi vive dentro una realtà è l’ultima persona a rendersi conto, effettivamente, di come stanno le cose? Forse, il miglior punto di osservazione, può averlo chi è vissuto accanto a questa realtà.

ilcaietanopiluso@virgilio.it ha detto...

Carissima Solange, l’iniziativa di trasformare il giuramento in impegno solenne, venne presa in Inghilterra circa una ventina di anni fa, in quanto poteva dar luogo ( come vedi l’idea era giusta ) a interpretazioni non corrette, o comunque non nel reale spirito di quanto ci si appresta a fare. Ti cito anche come Ritualmente si dica “Posso assicurarvi che in tale impegno non vi è nulla di incompatibile con i vostri doveri civili, morali o religiosi “, e tale è la sostanza dell’impegno a seguire.
Non vedo poi come possiamo essere manipolati a nostra insaputa, visto che la Loggia è sovrana ed ancora di più, siamo italiani ! ( poco ordine ed ancor meno disciplina ), oltre al fatto tutt’altro che secondario che si devono osservare i dettati dei dignitari di Loggia, ma solo all’interno delle tornate di Lavoro ( le riunioni nei nostri Templi ). Ribadisco che utilizzarci è per queste caratteristiche praticamente impossibile, salvo gabellare la monoliticità della Massoneria ( per inciso quella italiana ne vede 2 regolari e circa 30 irregolari, e senza parlare delle psudo massonerie che saranno almeno 30 ). La sospensione o l’espulsione, od ancora il sonno, sono provvedimenti che riguardano solamente lo stato di “iniziato” e non certo del libero comportamento del singolo, che ribadisco, resta comunque libero.
Credimi Solange, ma questo è un mio personale pensiero, ormai la collusione fra Massoneria e poteri forti, è fortunatamente tramontata da tempi della famigerata P2, altri sono i centri di potere, che tra l’altro sono ben dissimulati; che vi possano essere appartenenti a Logge Massoniche, non me la sento di negarlo in anticipo, ma stiamo attenti a concentrare l’attenzione su obbiettivi sbagliati. In guerra il primo compito è di ingannare il nemico, perché in una situazione così grave dovrebbe esserci differenza ?; è meglio perseguire un entità che è a tutti conosciuta ( siamo facilmente rintracciabili ), io personalmente mi preoccupo di chi si dissimula di chi minimizza di chi fa finta di nulla, di chi non è mai citato dai giornali.
Concordo con te Solange, nella difficoltà di osservare un fenomeno dall’interno, ma uno dei nostri compiti è proprio di valutare il proprio se’, il compito certo non è facile, si dice infatti che un solo vero massone in Loggia sia già una fortuna per gli altri fratelli; e d’altronde chi è l’osservatore veramente neutrale in grado di giudicare ? Non faccio questo pensiero per spirito di polemica, ma osservando con attenzione quella che è la normale prassi di controllo di processo.
Ai miei fratelli in Loggia rammento sempre che nella lotta fra Bene e Male, uno dei tanti inferni che troviamo descritti nella Bibbia, c’è il choshekh, l’oscurità, ovvero la confusione del cuore e non della mente; ed in questo momento di sovvertimento satanico, fondamentale è vedere, e riconoscere. Non chiedo di credere passivamente a quello che dico, ma solamente di vedere, considerare e riflettere.
Con affetto e sempre a disposizione ICP Maestro Venerabile

Paolo Franceschetti ha detto...

caro ilcaietanopiluso (ma un nick più semplice no eh??? ma da dove viene un nick così strambo?)

Rifletto su ciò che dici.
Io credo che tu e Martina Rua sia in buona fede e spero vivamente che abbiate ragione.

Ma il problema della massoneria è che non è conosciuta non solo dai profani, ma neanche da voi stessi. Voi sapete quali segreti vengono rivelati al 51 grado? No. Non lo so io e neanche voi perchè ciascun fratello può sapere solo i segreti degli appartanenti al grado proprio.
E un 51 grado non credo parlerebbe mai in un forum come questo.

Faccio un parallelo con la Chiesa. Per gli anni dell'adolescenza sono stato nell'azione cattolica, con tanto di tessera. Credevo nella Chiesa e pensavo di conoscerla.
In realtà avevo conosciuto la parte migliore della Chiesa, quella dei preti che lavorano per il prossimo, dei militanti che cercando di aiutare gli altri, ecc...
Mi mancava di conoscere Marcinkus, l'Opus dei, i preti pedofili, Paolo VI che toglie la scomunica ai massoni, gli appoggi dati dalla Chiesa alle peggiori dittature, il tentativo continuo di coprire nuove scoperte come i manoscritti del mar morto, ecc...

Quando ho capito meglio il funzionamento globale della Chiesa non significa che l'ho condannata nel suo complesso.

Stesso discorso per la massoneria.
Premessi i suoi eccezionali meriti storici (se non era per la massoneria adesso ancora avevamo le monarchie) credo che tuttora
la massoneria sia piena di persone per bene e logge che lavorano per il miglioramento dell'uomo.

Io ho tanti amici e tante conoscenze. Ebbene, ti posso assicurare che le due persone più interessanti con cui ho parlato in questi ultimi anni sono due massoni. Uno è un maestro di una loggia di Perugia, Claudio, che saluto se mi legge.
E un altro è un mio amico di Viterbo molto profondo.
Entrambi quando parlano possono incantarti e puoi rimanere ore ad ascoltarli.
E ti fanno venire la voglia di iscriverti in massoneria.
Indubbiamente loro perseguono il perfezionamento della conoscenza, e seguono il cammino ufficiale della massoneria. Non mi stupirei di trovare, nella loro loggia, tutte belle persone.

Però anche loro non credo conoscano tutto il funzionamento della massoneria nel suo complesso.
Ovverosia quel meccanismo che porta poi, a determinati gradi, a chiamare alcuni fratelli ai cosiddetti "compiti superiori". Come la P2 un tempo. O come la Rosa Rossa oggi, un' associazione super segreta che annovera le pesonalità più potenti d'Italia e che copre come una piovra tutta l'Italia.

La P2 non era conosciuta anche da molti massoni, all'epoca. E chissà quante cose voi ancora non conoscete.

In poche parole... molti mali della nostra italia derivano dalla massoneria deviata.

In questo possiamo fare (e forse lo stiamo già facendol, in fondo) un percorso comune di conoscenza e approfondimento.
Perchè credo che le istanze di rinnovamento della società, un giorno, debbano partire da tutti, massoni e non, cattolici e non, eliminando le parti sporche della società, a qualunque associazione appartengano.

Paradossalmente, le istanze di pulizia migliori, forse un giorno potrebbero venire proprio dall'interno della massoneria, come le istanze di pulizia della Chiesa verranno forse un giorno dalla parte migliore dei cattolici.

E il parallelo tra Chiesa e massoneria non è mio, ma di Di Bernardo, che nel libro di Pinotti, dice (non a caso... nessun massone dice nulla a caso): Oggi ci sono due chiese nel mondo: la Chiesa di Dio e quella massonica.

Forse il rinnovamento della società verrà da entrambe le parti, non dalla lotta tra massoneria e chiesa, tra antimassoni e massoni.

Forse.

Mi piace crederci. Come mi paice pensare che io e Martin Rua, e io e te, caietanopiluso,crediamo nelle stesse cose e possiamo trovare un punto di convergenza.

ilcaietanopiluso@virgilio.it ha detto...

Carissimo Paolo, il nick viene da un iniziando che al mare incontrò me ed un altro Fratello, particolarmente villoso e di nome Gaetano da allora appellato Ilcaietanopiluso. Ora essendo lo stesso alter ego della mia coscienza, esattamente come te sempre critico ed attento al fenomeno massoneria, ed essendo anche persona di spirito, ho deciso di assumerne le apparenze internettiane !!
A parte questa scherzosa spiegazione, concordo con te che delle organizzazioni non tutto si conosca, per ritornare alla P2, il fenomeno era così ampio alla fine che dire di non sapere era cosa poco onorevole. In pochi sanno però di Fratelli cacciati per aver denunciato in Gran Loggia le attività della P2; c’è comunque da ricordare che è regola antimassonica la permanenza di un venerabile oltre i tre anni, cosa invece regolarmente approvata dall’allora Gran Maestro. Come sempre le regole o si rispettano o siamo oltre la Massoneria, da questo non si scappa.
Effettivamente la P2 come sopra ho detto era conosciuta, e molti ne entrarono a far parte senza saperne in sostanza nulla delle vere finalità, ma attualmente una situazione simile mi sembra molto difficile da potersi ripetere.
Quando parli di 51 grado, probabilmente ti riferisci a Riti di cui personalmente ignoro l’esistenza, che il Rito scozzese arriva al 33°; ed appunto parliamo veramente di Massoneri o di pseudo massoneria ?
Citi infatti delle organizzazioni segrete che giustamente poi chiami massonerie deviate, e qui ti introduco una considerazione che viene fortemente criticata anche nel mio ambiente, la Massoneria ha un fine di promozione personale ed esoterica, tutto ciò che fuoriesce da questo alveo è anti iniziatico o peggio contro iniziatico. Il perseguire finalità politiche al difuori degli ambiti partitici o assembleari pubblici, e se fatto sotto la nostra copertura e/o patrocinio è appunto un comportamento francamente anti iniziatico. Nell’epoca di sovversione satanica in cui viviamo frequenti sono i “ giochi delle tre carte”, concordo pienamente con te di una auspicabile pulizia da cialtroni ed opportunisti dalle nostre file, e ricordo come esistano anche Massoni senza grembiule, ma onesti e desiderosi di migliorare se stessi e quindi INDIRETTAMENTE la società.
Hai ragione poi nel dire che certi che amano definirsi massoni, fanno paralleli, ma come sempre bisogna guardare la persona che emette tali sentenze, Di Bernardo, oltre ad aver rinnegato la Massoneria guarda caso molti anni fa parlava di un Grande Architetto dell’ Universo, come “principio creatore”, espressione non certo consona ad un credente ed ad un Massone, ma si sa che gli affari sono affari ….
Penso anche io Paolo di credere nelle stesse tue cose, e quindi la convergenza diventa ovvia.
Con affetto ICP

Anonimo ha detto...

Salve. Ho letto con sofferenza e partecipazione quanto scrive l'avvocato Franceschetti, perché anch'io, nel mio piccolo, mi sono trovato a lottare da solo, e per ora ho perso, contro poteri scorretti e sorretti. Apprezzo molto il suo impegno e il suo coraggio, ma mi chiedo se non sopravvaluti troppo il potere della massoneria.
Poiché il potere è una cosa piuttosto labile, che dipende dagli altri che ce lo danno e non da noi, non vorrei che poi, alla fine, si faccia il gioco proprio di quel potere.
Inoltre, se si contribuisce a diffondere l'idea che la massoneria dia gloria, potere e ricchezza, saranno sempre di più i delinquenti (che non vedono altro che questo trinomio) che vi si vorranno iscrivere.
Per quello che ho capito io, la massoneria vera è sostanzialmente l'Illuminismo o, meglio, il suo braccio armato; quello che ha contribuito in modo determinante alla rivoluzione francese e al cambiamento in senso liberale e capitalistico della società. Se c'è oggi un potere forte dietro alle scelte fondamentali del mondo, questo potere è quello del sistema liberal-capitalistico. La massoneria di oggi che conta è questo, ma il suo ruolo storico è in esaurimento.
Le varie massonerie, quelle delle logge, obbediscono a questo potere, quando a lui serve. Tutto il resto, di cui l'avvocato Franceschetti si preoccupa, è comune delinquenza, giochi di bottega che non giovano alla stessa massoneria storica.
A meno che il nostro sistema politico ed economico non sia esso stesso, per sua natura, delinquenziale, non ha senso attaccare la massoneria in quanto tale. Ha senso invece smuovere la sensibilità dei massoni onesti perché isolino e caccino i delinquenti, cioè coloro che si avvalgono delle amicizie di loggia per i propri tornaconto (e tra questi c'è anche quello di far credere di avere potere).
Che poi i massoni onesti siano quelli che credono nei riti, nei misteri e nei segreti, e che per questo siano anche i più ingenui, è un'altra faccenda.
Ciò detto, mi domando: l’avvocato Franceschetti è consapevole che attaccare la massoneria significa anche attaccare il sistema liberal-capitalistico? Le sue sono preoccupazioni di tipo giuridico, come sembra indicare la dedica del blog ai giuristi, o sono anche di tipo politico?
Schepsi

Anonimo ha detto...

Sarà un caso..

Rogo Thyssen, capo vigili del fuoco
muore prima di incontrare i giudici

Giorgio Mazzini colto da malore al Palazzo di Giustizia di Torino. Doveva vedere i magistrati che si occupano del tragico incendio dell'acciaieria. Aveva 67 anni

Abate Vella ha detto...

Condivido con Schepsi l'analisi del sistema liberale quale forza primaria.
Non vedo la massoneria in sè come un'organizzazione mondiale che controlli tutto.
Solo che quello massone è un sistema che permette facilmente il coagularsi di "grumi" di potere che poi tendono a "delinquere". E questo accade in generale nel sistema libarale e democratico.
La diffrenza all'interno della massoneria la fa il giuramento.
Il giuramento rende i legami massonici più forti dei legami sociali: il cittadino infatti non giura fedeltà allo stato, e le forme di giuramento sociale un tempo diffuse (vedi ad esempio il matrimonio religioso) oggi non hanno più efficacia.
La società è in balia di questi grumi di potere, che non sono tutti massonici, ma che nella massoneria si formano più facilmente.
Proprio l'esempio dei tribunali sportivi mi sembra il più adatto: nel mondo sportivo si crede più nella federazione che nello stato e non si hanno remore a coprire le malefatte degli altri (tutti gli interrogati negano puntualmente tutto, l'unico che abbia mai parlato è stato Zeman).
Quello della federcalcio è un grumo di potere che si è formato all'interno del sistema liberale per la debolezza dello stato, e non è un grumo massonico (anche se sicuramente molti massoni ne fanno parte)

Solange Manfredi ha detto...

concordo con te caro Abate, infatti il problema è quel giuramento di omertà ed aiuto. Vi è poi un'altra cosa da non sottovalutare ma che, anzi, completa il quadro: se non violi il giuramento massonico (ovvero non parli, non denunci, ecc..) sei sicuro che verrai aiutato da tutti i fratelli. Nella sostanza questo significa che: se hai problemi finanziari verrai aiutato, i tuoi famigliari verranno seguiti ed agevolati e, dovessi perdere il lavoro, ti verrà offerto immediatamente altro impiego con congruo compenso.
Vantaggi infiniti. Ecco perchè tante persone che, coinvolte in scandali finanziari od altro, pur perdendo tutto, pur non mostrando particolari capacità, cadono sempre in piedi. Non hanno tradito. Non hanno parlato, non hanno coinvolto altri. Sanno che verranno aiutati ed aiutati alla grande. Non si stupiscano quindi i poveri profani quando vedono persone pluripregiudicate ballare allegramente in Sardegna sotto una pioggia di champagne.

Paolo Franceschetti ha detto...

Rispondo ad Anonimo che mi ha scritto:
"Ciò detto, mi domando: l’avvocato Franceschetti è consapevole che attaccare la massoneria significa anche attaccare il sistema liberal-capitalistico? Le sue sono preoccupazioni di tipo giuridico, come sembra indicare la dedica del blog ai giuristi, o sono anche di tipo politico

Che attaccare la massoneria equivalga ad attaccare anche in larga parte il sistema capitalistico lo so, perlomeno il capitalismo che fa capo alle grandi banche e alle multinazionali.

Quanto alle mie preoccupazioni, non sono di tipo politico. Politicamente la massoneria sta sia a destra che a sinistra.

Quello che mi ha stupito, nell'entrare in questo assurdo mondo dei poteri occulti, è che la maggioranza dei giuristi ignora completamente tutte le problematiche che vi ruotano attorno.

Infine, anonimo, vorrei dirti questo. Scrivi che ti sei scontrato con i poteri occulti e hai perso.
In realtà i poteri occulti non si combattono. Perchè sono talmente poteti che in una guerra vincerebbero comunque sempre loro.
Sarebbe come voler combattere la povertà, o la violenza.
Al massimo uno può decidere, nella vita, di comportarsi in modo corretto e non farsi piegare da questi poteri accettandone le conseguenze.
Aprendo questo blog, scrivendo di poteri occulti, non combatto nessuno. Metto a disposizione le mie conoscenze, condividendole con altri, consapevole che loro sono comunque più forti.
E il giorno che mi arresteranno con una scusa qualsiasi, come mi hanno preventivato, oppure mi faranno di peggio, non avrò perso.
Avrò semplicemente fatto ciò che sentivo giusto, pagandone le conseguenze.
Come forse sarà successo a te.

Allora consentimi di dire che forse non hai perso.
Se ti va, racconta pure la tua storia.
Ciao

sos ha detto...

molto interessanti i vostri post ma anche i vari commenti.
al dottor franceschetti, che so essere amante di fumetti il "from hell" di alan moore e campbel anche se probabilmente il consiglio è superfluo

Anonimo ha detto...

Le società "segrete" sono sempre esistite e sempre esisteranno, in ogni parte del mondo.

Diventeranno di volta in volta chiese, mafie, partiti e chi piu' ne ha piu' ne metta.

Chiaro che in queste cose o sei dentro o sei fuori, e se ne sei fuori non ne saprai MAI quanto chi ne e' dentro.

Ergo, tutte quelle che fate sono illazioni...

PS: pare (vox internet populi) inoltre che oggi se vuoi fama e denaro convenga di piu' l'opus dei che la massoneria, come la mettiamo con le vostre teorie complottiste?

Anonimo ha detto...

Sono Schepsi – Rispondo a Paolo Franceschetti.
La Destra e la Sinistra cui si riferisce non sono oggi quelle del sistema liberal-capitalistico, in cui opera la massoneria? Se è così, non c’è quindi da meravigliarsi se la troviamo in entrambe.
Prendendo spunto però dall’anonimo che precede questo mio scritto e che esordisce dicendo che le società "segrete" sono sempre esistite e sempre esisteranno, in ogni parte del mondo, vorrei far notare che ciò non è sufficiente per fare di esse delle forze reali. Anzi, associazioni come la massoneria si spiegano proprio con la debolezza degli uomini che ne fanno parte. Sono deboli perché si raggruppano, ma soprattutto perché perseguono beni futili, quali il potere, la ricchezza e la gloria, e sono deboli anche perché per raggiungere i loro scopi non si fanno scrupolo di rinunciare alla loro libertà e dignità.
Noi esseri umani liberi abbiamo a disposizione uno strumento che è ancora più potente delle sette segrete, delle religioni e dei partiti politici. Mi riferisco alla ragione, che per sua natura è universale e visibile, quindi opposta ai segreti, ai riti e alle altre sciocchezze di cui hanno bisogno gli esseri deboli e votati all’obbedienza. I giudizi della ragione sono necessari e universali, si riconoscono come tali ed è naturale seguirli. I segreti delle sette, invece, sono particolari e contingenti: potrebbero essere diversi da quello che sono, e per seguirli bisogna avere fede e obbedire, quindi mettersi in uno stato innaturale di sottomissione. Per questo motivo, pur non negandone l’esistenza, non credo all’efficacia dei complotti. Però, se continuiamo a dire che la massoneria è potente e, peggio ancora, se ci crediamo veramente, va a finire che il potere glielo diamo davvero.
Mi fermo qui, ma su questo punto posso dire molto di più.
Come avrà capito, io non sono massone, né appartengo ad alcuna setta o religione. Appartengo solo all’essenza dell’umanità, e per questo motivo non mi sento solo, sono anzi in buona compagnia. Per il momento non mi va di parlare delle mie vicissitudini, perché non sono importanti. Grazie, comunque, per l'invito a farlo.

Anonimo ha detto...

Gent.mo Sig. Franceschetti,
non so seo Lei sia o meno giornalista, ma io lo sono.
Senza nessuna retorica o presunzione mi sento di dirle sinceramente che Lei si dovrebbe VERGOGNARE di scrivere certe cose come coloro che Le consentono di pubblicarle.
La disinformazione e la superficialità con cui vengono trattati questi argomenti sono davvero una piaga comunicativa,
un'erbaccia che tutti noi professionisti speriamo venga estirpata quanto prima.
La libertà di espressione prima di tutto, ma prima ancora LE COMPETENZE!
Rinnivo il mio invito a vergognarsi.
Cordialmente.
Dott. A.V.

Anonimo ha detto...

Il messaggio del Dott. A.V. è chiaro: chi non è asservito al potere deve tacere e deve essere anche estirpato come un'erbaccia.
Noto che qualcuno sta perdendo la calma e anche la ragione, ma forse questa non l'ha mai avuta.
Vada avanti Avv. Franceschetti, non è lei che dovrebbe vergognarsi.
Schepsi.

Anonimo ha detto...

Ho avuto modo di leggere un articolo dell'avvocato Franceschetti riportato su come don chisciotte,e mi era sembrato condivisibile. Ora ho dei dubbi, mi sembra che si attribuiscano alla Massoneria poteri e misfatti che esulano da quel che , nel mio piccolissimo so.

Certo che se, poniamo, io volessi fare affari, profittando della rete di conoscenze che l'appartenenza ad una loggia mi procura, e se fossi scaltra e navigata, credete, potrei abbindolare molte persone, così come può avvenire in un qualsiasi circolo culturale, enucleare dai componenti un bel gruppo "utile" agli affari, chiedere di creare una "loggia figlia"( non so il termine esatto), e poichè siamo in tempi particolari di stravolgimento delle regole, niente di più facile che , anche se non previsto, mi venga concesso... ed ecco una comoda loggia dove fare il mio comodo al riparo di una loggia massonica regolare composta di ottime ed oneste persone, ignare. Proprio come può accadere in un qualsiasi circolo culturale.

Poi , quando scoppia lo scandalo, si parla di segreti massonici.. temo siano bubbole che nascono dal fatto che il vincolo della segretezza, accende le fantasie .. e i furbi.
Questa almeno, è una mia forte convinzione
M. Urru

Raffaele Simonetti ha detto...

Segnalo ad Andrea Chessa - titolare del blog "CAMERATESCA-MENTE" - che nel citato libro "FRATELLI D'ITALIA" Ferruccio Pinotti a pag. 326, parlando di Massoneria, fascismo, finanza ,
dice che: "I quattro quinti del Gran Consiglio che dichiarò fuori legge la massoneria erano formati da massoni ..." e prosegue per una mezza dozzina di pagine citando esponenti del fascismo massoni: Ambrogio Binda (medico personale di Mussolini), i "quadrumviri" Italo Balbo, Emilio De Bono, Michele Bianchi, Cesare De Vecchi, Roberto Farinacci, etc.
E aggiungo un'altra citazione su un altro, analogo mito del fascismo, la lotta al mafia condotta dal prefetto Mori alla fine degli anni '20 (che non andò oltre un certo livello), tratta dalla Storia della mafia di Salvatore Lupo:
"Gli imprenditori per eccellenza sono i gabellotti parassiti, mentre i produttori, ovvero i proprietari, vengono da Mori assolti in quanto vittime di uno stato di necessità - Mori, 'Con la mafia ai ferri corti' pagg. 88-89".

fanfara59 ha detto...

Gent.mo Avv. Franceschetti,

ribadendoLe tutta la mia stima, Le sarei però grato se mi spiegasse come mai ha cancellato il mio post sull' articolo "Harley Davidson...". Ci sono rimasto malissimo.

Grazie.


ps: Commenti come quelli del giornalista Dr. A.V. mi fanno sempre più preoccupare del livello della libera informazione......

Paolo Franceschetti ha detto...

Ciao fanfara59.

Non ho cancellato il tuo post. Un tuo post è inserito nella "presentazione" e forse non lo hai più trovato. Ma come avrei potuto cancellarlo, se sei un motociclista anche tu? :-)


Quanto all'anonimo che dice di vergognarmi, dott. A.V.
Lei dice "la libertà di espressione prima di tutto". E poi dice "ma prima di tutte le competenze".
Non è mia intenzione fare una gara di competenze, quindi su questo punto sorvolo.
Però si decida... o la libertà viene prima di tutto, o viene prima la competenza.
Ma se lei mette al primo posto la competenza, come mi sembra, allora poi non può dire che c'è libertà di espressione. La libertà di espressione vera significa che chiunque possa parlare e dire la sua senza essere censurato, indipendentemente dal suo credo o dalla sua professione o dalla sua cultura. Siccome per me la trasparenza e l'informazione vengono prima di tutto, allora anche lei con i suoi insulti ha diritto di parola, nonostante non abbia apportato alcun contributo particolarmente significativo alla discussione.

Anonimo ha detto...

Egr. "Dott. A.V.", che proprio un giornalista (italiota) venga a parlare di competenze, proprio mentre nei giornali e telegiornali fioccano un sacco di esempi di ignoranza e grettezza, oltre che di servilismo...Complimenti!
K.

Anonimo ha detto...

Mi hanno colpito quelle tre parole che quasi sfuggono nel giuramento massonico, "...alla presenza del Grande Architetto dell’Universo, prometto e giuro...". Sono sicuro che non si riferiscono all'arch. di Matrix :-), ed ho un brutto sospetto su chi possa(no) essere.
Alla fine, anche i capi dei capi hanno un capo.
K.

Anonimo ha detto...

Una curiosità "marginale".

Leggo che un massone

"tra l'altro deve impegnarsi a non commettere o favorire atti o comportamenti contro la legge del paese che (lo) ospita"

e leggo anche che

"Molti Gran Maestri, poi mirano all'appannaggio mensile che grosso modo è da dirigente di grande industria"

Bene...

ma ci pagheran le imposte?
oppure la massoneria è esente?
oppure evadono, si sa nell'edilizia il sommerso è diffuso...

Chiedo scusa per l'ironia, sono consapevole della serietà e drammaticità dell'argomento.

Paolo Franceschetti ha detto...

Caro anonimo

la tua è una curiosità marginale ma è una domanda legittima.
Anche io mi pongo domande marginali, anche se un po' ironiche. Ad esempio: gli incidenti di moto che ho avuto, chi me li ha procurati? Quanto è pagato? E vuoi vedere che è pagato con soldi miei, delle mie tasse?
E il magistrato che mi ha inviato quella lettera di condanna di cui ho accennato nel post sull'Harley davidson, l'avrà redatta nelle ore di ufficio (pagata con i soldi della mie tasse) o negli straordinari?
Considerato che non sono l'unico in Italia in questa situazione, ma ci sono decine di persone, testimoni di processi importanti, magistrati che lavorano seriamente, parenti di vittime della mafia o del terrorisimo, ecc... mi sono fatto un conto approssimativo di quante centinaia di persone - strapagate con soldi dello stato - lavorano per affossare, depistare, uccidere, ecc...
Se tutti quei soldi, quel tempo, e quelle compentenze, fossero impiegate per ragioni veramente utili alla società, a mio parere l'Italia potrebbe diventare efficiente e risolvere il problema della povertà e della delinquenza in sei mesi. Vivremmo in un eden....

Anonimo ha detto...

Mi dispiace contraddirla, ma le assicuro che nel giuramento dei massoni c'è anche quella del rispetto delle leggi dello stato in cui si trova quell'obbedienza. In Italia non esiste solo un'obbedienza come lei sa, ma oltre al GOI ed alla GLDI esistono anche altre logge e nel rispetto delle leggi dello stato. Ciò vuol dire non segrete. Purtroppo esistono anche loggie segrete come la P2 che infanga la dignità delle altre. Tempo fa ci fu l'Unita di Firenze che pupplicò i nomi degli iscritti alla massoneria in quell città. Nessun indagato o condannato, e per quanto riguarda la nostra obbedienza, le assicuro che qualcuno è stato espulso per molto meno. Non so ai livelli alti cosa succede, ma si vuol parlare dei nostri politici, del nuovo ordinamento mondiale? Brutte cose da qualsiasi parte provengano, ma non dimentichiamoci che la Rivoluzione Francese e l'Unità d'Italia si deve grazie alla Massoneria e Garibaldi stesso è stato Gran Maestro: Totò, Carducci e tanti altri........se lo sono stati loro, perchè non esserlo noi persone comuni che non valiamo la trentesima parte del loro impegno umanitario?

BeppeXY ha detto...

Purtroppo non credo che i veri potenti si sottopongano anche solo per finta alle regole ed ai riti di un ordine iniziatico. Non ne hanno bisogno. Esistono modalità di incontro ad altissimi livelli che ai vari "Orienti" gli fanno un baffo, si pensi ai famosi "Bildeberg" o alla "Trilaterale". Un altro esempio meno noto è Aspen insitute, che dietro alla rispettabile facciata sembra nascondere attività di relazione fra potenti non trasparenti.
Sito ufficiale: leggere l'elenco dei membri al vertice della piramide:
http://www.aspeninstitute.it/AspenWeb/AspenWeb.nsf/esecutivo?OpenForm&Lingua=I&Area=10000
Uno dei tanti articoli che tentano un analisi NON ufficiale:
http://www.pressante.com/content/view/187/32/

Solange Manfredi ha detto...

Caro Beppe,
hai ragione quando affermi che alcune persone non passano neanche per la loggia (con tutti gli annessi e connessi). E' stato più volte testimoniato ed accertato nei vari procedimenti giudiziari e in Commissione di inchiesta. La cosa importante, ieri come oggi, è che siano vincolati dal giuramento.

BeppeXY ha detto...

Cara Solange
Chi entra in massoneria cercando vantaggi materiali se ne infischia dei rituali, del giuramento ecc. farà solo ciò che gli conviene limitatamente alla libertà che gli viene lasciata da altri come lui e ai favori che dovrà restituire. Esattamente come chi appartiene ad altre associacioni elitarie.
Chi invece si sente realmente vincolato dal giuramento si suppone sia dotato di un minimo di senso etico che dovrebbe farlo esitare dall'usare il potere solo per proprio od altrui tornaconto.
In altre parole l'argomento del giuramento per distinguere la massoneria da altre associazioni non mi convince più di tanto. Fra i "cattivi" gli unici vincoli sono determinati dai rapporti di forza e dalla rete di favori reciproci.

Solange Manfredi ha detto...

Caro Beppe,
non sottovalutare l'importanza del giuramento. Concordo con te che i rapporti poi siano di forza, di ricatto, ecc..., ma l'avvicinarmi ad una persona che so come me vincolata a certe "regole" rappresenta una garanzia cui l'uomo non rinuncia. E' così per i giuramenti leciti (es. militari, magistrati, ecc..) come quelli tra criminali (mafia, 'ndrangheta, ecc..).
Un saluto.

Anonimo ha detto...

Paolo 40, impiegato.
Ma quando le persone si avvicinano alla Massoneria, specificatamente cosa vanno a fare di nuovo rispetto a come hanno vissuto fino a quel momento?
Mi spiego, io gioco a tennis 2/3 volte a settimana, frequento un determinato circolo sportivo, leggo determinati libri, compro Tuttosport e frequento i miei amici... ecc... che cosa succede, cambio tutte le mie abitudini, devo in un certo senso andare a scuola di pensiero?
...quindi ho la possibillità di rendermi conto che qualcosa forse non va...
Scusa se sono stato lungo, ti aspetto... grazie

Paolo Franceschetti ha detto...

Cosa vanno a fare di nuovo dici...

Vengono - ai gradi più alti - a conoscenza di segreti che alla maggioranza sono sconosciuti.
Vengono aiutati se hanno delle difficoltà.
E aiutano i fratelli in difficoltà.
Per il resto rimane tutto come prima.

Ufficialmente poi dovrebbero progredire nella conoscenza del mondo e di se stessi.
E quei pochi che lo fanno veramente, in effetti, sono spesso molto saggi e profondi. Alcune delle persone più profonde che di recente ho frequentato sono proprio massoni.

ALFREDO CINQUEGRANA ha detto...

credevo sinceramente che persone di cultura andassero oltre "pinotti" e " Di bernardo" o il Grande Oriente D'italia ma vedo, e mi rattrista, che l'informazione non prescinde mai dal pregiudizio per cio' che non si comprende a fondo, ma vi è di piu'...eppure di libri anche buoni sulla massoneria ne sono stati scritti. In tutti i casi postare un commento sul blog non è la mia massima aspirazione. a titolo di cronaca 1) NELLA MIA OBBEDIENZA UN MASSONE CHE SUBISCE UNA CONDANNA PENALE VIENE ALLONTANATO DALLA LOGGIA DI APPARTENENZA 2) SE UN MASSONE E' SOTTOPOSTO AD INDAGINI PER REATI CHE NE MINANO L'INTEGRITA' MORALE E' INVITATO AD ASSONNARSI FINO A SENTENZA DEFINITIVA E QUESTO PER L'INTEGRITA' DELL'INTERA OBBEDIENZA 2) IL GRANDE ORIENTE D'ITALIA NON E' " LA MASSONERIA ITALIANA " COSI' COME NON LO E' LA GRAN LOGGIA REGOLARE D'ITALIA POICHE' I "SUDDITI" DELLA GRAN LOGGIA UNITA D'INGHILTERRA NON POSSONO CONSIDERARSI UOMINI LIBERI E LA MASSONERIA E' FORMATA DA UOMINI LIBERI. ESITONO MASSONI CHE SACRIFICANO TEMPO E DANARO SENZA NULLA RICEVERE IN CAMBIO SE NON ONERI ULTERIORI MA LO SCOPO E' NOBILE ED ANDIAMO AVANTI. LA VERA MASSONERIA NON NASCE DI LANDMARKS DI ANDERSON E PURTROPPO SE NON SI CONOSCONO LE PROPRIE RADICI NON SI POTRA' MAI COSTRUIRE UN FUTURO MIGLIORE . LE GRANDI COSPIRAZIONI ESITONO E COINVOLGONO, PERCHè NO, ANCHE LA MASSONERIA... PER CARITA'..MA NON GENERALIZZATE TROPPO PERCHE' DAL GRANDE ORIENTE D'ITALIA CI FU UNA FUGA DI FRATELLI E POI ANCORA ED ANCORA FINO AD OGGI...E CREDETEMI DA QUELLE DIVISONI INTERNE E' NATA UN'OBBEDIENZA CHE SEPPUR PICCOLA NUMERICAMENTE PUO' PERMETTERSI DI RIFIUTARE L'INGRESSO DEGLI ESULI DEL GRANDE ORIENTE D'ITALIA ED IN CAMPO INTERNAZIONALE HA VOCE IN CAPITOLO MA VOI NON LO SAPETE E NON PERCHE' E' UN SEGRETO MA SOLO PERCHE' NON CI TROVATE SUI QUOTIDIANI. CARO DOTT. FRANCESCHETTI... LA VERA MASSONERIA NON E' QUELLA CHE LEI CITA NEL SUO SCRITTO. MI PIACEREBBE RIABILITARE ALMENO I VERI FRATELLI ... MI CREDA, LA MASSONERIA MI HA STRAVOLTO LA VITA...CONOSCI TE STESSO, MI DISSERO , ALL'INIZIO NON CAPIVO...POI HO CAPITO ED HO CAPITO ANCHE GESU'. SALUTI
ALFREDO CINQUEGRANA 3°
Massone di Rito scozzese antico ed accettato
acnet@fastwebnet.it

Anonimo ha detto...

Paolo 40 anni, impiegato...

Grazie per la risposta ma se potessi completarla con qualche esempio riuscirei sicuramente a capire meglio...

specificatamente in che modo si fa il percorso...
-la sera ci si riunisce dall3 20.00 alle 21.00 e si fa lezione?
-per 3 mesi e poi esame finale?

come... in che modo si deve mettere a disposizione del tempo... insomma se è un percorso si ha la possibilità di rendersi conto di dove si sta andando?
Grazie attendo tue illuminazioni

Anonimo ha detto...

vedo che qualcuno ha perso l'aplomb, il 16 gennaio...forse la gravitá non tirava a -9.8175 m.s^-2 come dovuto alle sei di sera?
chi ha orecchie per intendere...

Anonimo ha detto...

Salve a tutti , come fratello vi auguro di essere in pace con voi stessi e di vivere in armonia rispettando prima di tutto voi medesimi e poi il resto degli uomini che vi circondano.
A oggi credo che la massoneria sia l'unica scuola che insegni ad avere rigore e coscienza di se nel rispetto delle leggi del nostro stato, una scuola dove non esistono sotterfugi perche' la persona e' maesta a se stessa.
Siate piu' umili e non cercate le streghe come ha fatto la chiesa , ad oggi sappiamo quante atrocita' sono state commesse in nome e per conto dell'ignoranza.
Ogni organizzazione puo' per una svista accogliere chi non ha intenti benevoli corretti e moralmente elevati, ma posso garantirvi che chi entra in massoneria per motivi materiali e miseri, viene isolato e poi allontanato nonche' la sua permanenza va in contrasto con una armonia di studio e amore che unisce tutti i fratelli.
Non proseguo perche' credo che per tutti coloro che sono distanti da questo mondo sia difficile comprendere che esiste qualcosa di puro.
Questa societa' basata sul potere della materia non puo' credere piu' all'amore fraterno e alla ricerca di una verita' attraverso l'umilta' e lo sgrossamento dei tutti i nostri pregiudizzi.
Augurando a tutti di potervi migliorare ascoltando il vostro cuore vi saluto.
Paolo

Anonimo ha detto...

Essendo io Massone le confesso che dopo aver letto alcune righe del suo intervento ho tralasciato il resto intenzionalmente, trovando troppe stupidaggini (mi passi il termine) all'interno del testo per poterlo commentare nella sua interezza. L'idea che la Massoneria possa essere un ente deputato al controllo del mondo è risibile: il fatto che molti Fratelli ricoprano incarichi di potere o di responsabilità non è certo dato dalla loro appartenenza all'Ordine iniziatico, nè tantomeno essa ne ha influenzato l'ingresso quando erano semplici profani bussanti.
Si straparla di gradi, senza ad esempio specificare la differenza dei riti: se quello Scozzese si ferma al 33, benchè sia il più diffuso, ve ne sono altri (Memphis e Misrahim) che oltrepassano ciò, così come invece l'Emulation, utilizzato in Italia soprattutto dalla Gran Loggia Regolare, si sofferma sul perfezionamento dei soli 3 gradi iniziatici.
Restando in ambito Scozzese, non si fa distinzione tra i diversi aspetti del rituale e soprattutto sul carattere specificamente amministrativo del 31°, 32° e 33°, tacendo oltretutto i passaggi che portano un 4° grado direttamente al 9°, ecc...
In ogni caso, frequentando attivamente la Loggia cui sono iscritto nel Grande Oriente d'Italia e visitandone altre sia nel mio stesso Oriente che in altri, posso smentire il complottismo che circonda la Massoneria con le sue teorie balzane: nelle Tornate non si parla nemmeno dell'attualità politica, pena la censura, figuriamoci d'altro!
Quanto alla preoccupazione di molti lettori che si domandano i motivi della presenza di simbologie massoniche o presunte tali nella vita profana quotidiana, sarebbe d'aiuto cominciare il discorso discernendo tra esoterismo ed exoterismo. Il discorso tuttavia sarebbe interminabile.
Il Grande Oriente d'Italia ha avviato da anni un'operazione di trasparenza: ferma restando la segretezza dei riti, è possibile conoscere moltissimo riguardo alla più grande ed antica Comunione massonica italiana visitando il suo sito ufficiale www.grandeoriente.it (ove è possibile consultare anche le pubblicazioni riservate ai Liberi Muratori, "Erasmo" ed "Hiram", disponibili in formato PDF) o presentando domanda di poter assistere come ospiti alle manifestazioni di contorno alla Gran Loggia che annualmente si tiene ai primi di aprile al PalaFiera di Rimini.
Spesso i cosiddetti "misteri" sono creati da chi cerca il sensazionalismo, ma di strano, preoccupante o peggio la Massoneria non ha davvero nulla.

Anonimo ha detto...

Gentile Franceschetti, mi permetta due precisazioni, ulteriori rispetto a quelle - corrette, già fatte dal altri - :
a)Le deduzioni tratte dalla traduzione - errata - degli scritti di la Ferriere sono, ad essere gentili, sbagliate;
b) Felice Cavallotti era una specie di Sgarbi, quanto a incontinenza verbale - come noto - solo con più coraggio, tant'è vero che morì in duello;
c)circa l'assenza di un obbligo di espulsione dalla massoneria, per i condannati - al di là della sua evidente erroneità (sulla qual cosa glissa...), frutto di ignoranza - sarebbe utile porre una domanda: quante associazioni private lo prevedono?
Da ultimo una domanda - senza particolare volontà polemica - Lei studia amministrativo e scopre in 2 minuti la realtà dell'interesse legittimo, dopo che centinaia di studiosi, me compreso, lo analizzano... da 100 anni... e poi ci fa sopra un manuale che tale essenza rivela. Sbertuccia un importante e capace docente della suddetta materia che, purtroppo non è giunto ai suoi livelli di illuminazione (vd prefazione alla prima edizione del suddetto manuale. Studia la causa del contratto e ne capisce l'essenza...e ci fa un manuale che tale essenza rivela, studia il diritto penale..e ci fa un manuale... (superando il pur ottimo Caringella quanto a materie trattabili). Studia la massoneria...e ne spiega l'essenza ai massoni stessi! (che essendo dentro..non vedono...un pò come spiegare ad un chirurgo come operare..cosa che lui non può capire dall'interno del mondo medico)...studia la storia del mondo...e ne spiega l'essenza...
Forse dovrebbe entrare in massoneria e capire l'esistenza dei limiti alla presunzione...(che tale rimane, pur se argomentata)
PS: a quando un manuale che confuti la teoria della relatività?

fedorah ha detto...

buuonasera, vedo che i post più recenti sono datati... chissàse qui c'è ancora qualcuno in ascolto... pongo una domanda inutile augurandomi che qualcuno arrivi con una risposta: perchè esistono ancora massoni che appartengono a logge che escludono le donne per "costituzione" ? la "libera" massoneria non è quella che non fa differenza fra religione, status sociale, razza...e sesso ? la massoneria non è votata alla crescita dell'"individuo" ?eallora per "individuo" dobbiamo intendere solo individuo maschio ? come possono le obbedienze miste consentire alle altre (maschili ed anacronistiche) di continuare ad esistere riconoscendole ? grazie, a chiunque legga e/o risponda. fedorah

Anonimo ha detto...

Torno dopo molto tempo in un vecchio articolo di questo blog e trovo l'interessante domanda di fedorah, cui intendo rispondere.

Carissima, esistono differenze Ritualistiche tra Uomo e Donna. Sono l'uno la polarità opposta dell'altra e viceversa, con una ricerca costante dell'unione armonica. Ma sarebbe una grossa forzatura per non dire una autentica violenza iniziare ai misteri massonici una donna utilizzando il rituale solare (maschile): la Spada Fiammeggiante, simbolo fallico per eccellenza, se imposta su una femmina non è una trasmissione bensì una sorta di stupro morale. Così come appare grottesco affidare ad un uomo una coppa che simboleggia il ventre materno, la polarità lunare, il grandissimo potere femminile. E' compito ben arduo far coesistere un doppio rituale, non solo di iniziazione, quindi la maggior parte delle Obbedienze preferisce tenere separate le polarità. Questo non significa negare alle nostre Sorelle la possibilità di crescere. Esiste l'Ordine delle Stelle d'Oriente. Oppure le Istituzioni esclusivamente femminili. L'importante è preservare le caratteristiche di base. Non per sessismo o altro. Per rispetto a quelle differenze, tra uomo e donna, che ci rendono appunto tali e complementari.

Anonimo ha detto...

@ Anonimo:
Carissimo Fr:. Solo oggi mi sono imbattuto in questo post e, anche se oramai stradatato, non me la sento di non replicare a quanto da Te risposto alla profondissima questio di Fedorah.
Che dire della Tua osservazione sul simbolismo della spada, sia essa fiammeggiante od a doppia lama? Mi sovviene la splendida incisione del Durer che rappresenta la visione di San Giovanni: in essa v'e' rappresentato " il Primo e l' Ultimo e il Vivente" con una spada che gli esce dalla bocca; secondo Te " l' Ineffabile" e' lanciato in una fellatio oppure la spada, come per il rituale di iniziazione massonica, rappresenta ben altro?
Non ho poi ben capito ilTuo discorso sulla coppa, ricordo che durante il Rito di Iniziazione viene richiesta all' Iniziando "la promessa sulla coppa delle libagioni"; secondo la Tua interpretazione simbolica il profano si lancia in un cunnilinguo? Buon Dio, a leggere quanto scrivi si direbbe avesse ragione Leo Taxil a descrivere la "turpe setta dei liberi muratori" come luogo di orge sfrenate..... ma vivaddio cosi' non e'.
Occorre maggior onesta' intellettuale, a mio avviso, se vogliamo diventare credibili agli occhi del Mondo Profano; occorre spiegare all' acutissima Fedorah che la cosidetta "Iniziazione Solare" nulla ha a che fare con i sesso dell' Iniziando ( come ebbe a dire il grande Vittorio Vanni ( GOI) ad un convegno organizzato dalla Gran Loggia Femminile Massonica :" Non può esistere una iniziazione solare o lunare perché entrambe rientrano nel percorso esoterico integrandosi e completandolo. La strada dell’iniziazione porta a varcare la soglia del “tutt’altro da me” per integrarlo e a riconoscersi nella nostra polarità complementare. )
e' che questo escamotage e' servito al Reverendo protestante Anderson (colui che ha redatto i Landmarks massonici nel 1723) a coronare il sogno misogeno che da sempre ha caratterizzato il popolo inglese (in barba alla svariate regine regnate e regnanti).
Per concludere, anche se ci vorrebbero pagine per inquadrare il bell' interrogativo di Fedorah, l' assenza dai Templi Massonici delle donne, non e' giustificabile da nessunissima ragione esoterica ma, a mio avviso, da piu' turpi debolezze umane e chi scrive appartiene al Grande Oriente d' Italia, Obbedienza Massonica maschile.

P.S. Cara Fedorah, purtroppo la Gran Loggia Unita d' Inghilterra (misogina) s'e' arrogata, fin dalle origini,, il diritto di proclamare legittime o illegittime, attraverso il Riconoscimento Massonico, le Obbedienze mondiali; molte Obbedienze (a mio avviso giustamente considerati i loschi natali protestanti, anglicani e orangisti della GLUI) se ne fregano, altre invece no.

KoJin ha detto...

Caro Franceschetti, è facile prendersela con i Massoni... perchè non se la prende direttamente con un capomafia?, secondo i suoi parametri sicuramente meno pericoloso di un Massone/rettiliano/Mago nero e pure razzista ^_^ vada a sputare le sue affermazioni in faccia ad un alto prelato o un appartenente dell'Opus Dei... in vita mia non ho mai letto tanta disinformazione gratuita e saccente. Comunque non tema, nessuno dei Fratelli non ha mai sentito parlare di lei e sono convinto che se conoscessero i suoi scritti si limiterebbero ad un sorriso bonario.